La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Cosè lartrosi Un gruppo di patologie differenti e talvolta indistinte, con etiologie diverse ma con esiti biologici morfologici e clinici comuni Colpiscono.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Cosè lartrosi Un gruppo di patologie differenti e talvolta indistinte, con etiologie diverse ma con esiti biologici morfologici e clinici comuni Colpiscono."— Transcript della presentazione:

1 Cosè lartrosi Un gruppo di patologie differenti e talvolta indistinte, con etiologie diverse ma con esiti biologici morfologici e clinici comuni Colpiscono non solo la cartilagine articolare ma lintera articolazione (osso subcondrale, membrana sinoviale, muscoli, tendini, legamenti) La degenerazione cartilaginea dà la misura del grado (edema, fissurazione, fibrillazione, ulcerazione, scomparsa)

2

3

4 ARTROSI IDIOPATICA LOCALIZZATA: –Mani: –noduli di Herbeden e Bouchard –Interfalangea erosiva (Crain) rizoartrosi del I° raggio –Piedi: –Alluce (valgo, rigido) –Dita a martello –Talo-navicolare –Anca: (eccentrica, concentrica, diffusa) –Spina: apofisaria, intervertebrale, DISH ecc. –Varie: gleno-omerale; acromion-claveare; sacro-iliaca; tibio- talare; t.mandibolare GENERALIZZATA: tre o più sedi precedentemente interessate

5 ARTROSI SECONDARIA Post-traumatica: da trauma cartilagineo acuto o cronico Congenita/evolutiva: Calvè-Legg-Perthes, lussazione congenita, epifisiolisi, ipermobilità, asimmetrie Metabolica: Ocronosi; Emocromatosi, Wilson Gaucher Endocrina: acromegalia; iperparatiroidismo; diabete, obesità; ipotiroidismo Neuropatica: piede di Charcot Da malattia OA: –localizzate (fratture; necrosi asett.; sepsi) –Generalizzate (post-artrite; Paget; cristalli osteocondrite, osteopetrosi) Varie: Emoglobinopatie, congelamento, malattia di cassoni

6 IL GINOCCHIO: approccio ai problemi Globale o localizzato? DOLORELIMITAZIONE FUNZIONALE BLOCCO SALTUARIO TUMEFAZIONE

7 CLASSIFICAZIONE DEL DOLORE MECCANICO COMPARE CON IL CARICO SCOMPARE CON IL RIPOSO FLOGISTICO CONTINUO, NON SCOMPARE CON IL RIPOSO, SI ACCENTUA LA NOTTE RIFERITO ARTICOLAZIONE INDENNE ANCHE ALLE MANOVRE ANCA O RACHIDE

8 SEMEIOTICA ARTICOLARE OSSERVAZIONE PALPAZIONE MOBILIZZAZIONE ATTIVA E PASSIVA DEI CAPI OSSEI MANOVRE (per legamenti, menischi e tendini)

9 DIAGNOSTICA PER IMMAGINI DEL GINOCCHIO Ecografia anteriore, posteriore, delle borse Radiologia tradizionale –In appoggio monopodalico e in flessione a 30°, 60°, 90° TC –Per studio dei capi ossei e menischi RM –Per studio cartilagine, legamenti, borse, osso come struttura, membrana sinoviale

10 LESIONI CARTILAGINEE OSTEOCONDRITE POST-TRAUMATICA DEGENERATIVA

11 CLINICA DOLORE VERSAMENTO ARTICOLARE SCROSCI ARTICOLARI BLOCCHI ARTICOLARI

12 TRATTAMENTO DELLE LESIONI CARTILAGINEE Fans Condroprotettori Terapie fisiche Artroscopia

13 SHAVING ARTROSCOPICO Asportazione di frammenti cartilaginei mobili Pulizia del focolaio Perforazioni: per favorire maggior apporto sanguigno con formazione di tessuto cicatriziale pseudo-cartilagineo Scarico per tre settimane RISULTATO?????????

14 INNESTI CARTILAGINEI 1° STEP: Artroscopia – bilancio lesionale- cruentazione del focolaio condrale- prelievo di frammenti cartilaginei 2° STEP : Coltura cellulare presso la ditta 3° STEP: Intervento chirurgico a cielo aperto per innestare la nuova coltura cellulare INDICAZIONI: Lesione circoscritta pazienti con età inf. 40 anni Scarico per due mesi

15 GONARTROSI quadro anatomo-patologico ALTERAZIONI CARTILAGINEE OSTEOFITI MARGINALI CAVITA PSEUDOCISTICHE O GEODI ALTERAZIONI DELLA SINOVIA ALTERAZIONI DELLA CAPSULA

16 GONARTROSI quadro radiografico RESTRINGIMENTO DELLA RIMA ARTICOLARE OSTEOFITOSI PSEUDOCISTI CAVITA GEODICHE ALTERAZIONI DELLA STRUTTURA OSSEA SUBCONDRALE

17

18 GONARTROSI Clinica DOLORE IDRARTO RECIDIVANTE LIMITAZIONE FUNZIONALE

19 CONDIZIONI PREDISPONENTI VIZI ASSIALIVIZI ASSIALI VIZI TORSIONALIVIZI TORSIONALI

20 GINOCCHIO VARO DEFORMITA IN CUI LANGOLO TRA LASSE FEMORALE E LASSE TIBIALE FORMANO UNA CONVESSITA ESTERNA SUL PIANO FRONTALE

21 GINOCCHIO VALGO DEFORMITA IN CUI LANGOLO TRA LASSE FEMORALE E LASSE TIBIALE E MINORE DI 173° SUL PIANO FRONTALE

22

23 VALGO FISIOLOGICO 7°

24 GINOCCHIO VARO CONGENITO APLASIA IPOPLASIA CONDILO FEMORALE MEDIALE APLASIA IPOPLASIA EMIPIATTO TIBIALE MEDIALE

25 GINOCCHIO VARO SECONDARIO PATOLOGIA INFIAMMATORIA PATOLOGIA TRAUMATICA RACHITISMO

26 SINTOMATOLOGIA IN FASE INIZIALE IPOTONOTROFIA MUSCOLARE RETRAZIONE MEDIALE LASSITA LATERALE DIMINUZIONE ARTICOLARITA (SPECIE LESTENSIONE)

27 SINTOMATOLOGIA IN FASE AVANZATA SCROSCI ARTICOLARI VERSAMENTI RECIDIVANTI DOLORE IN EMIRIMA MEDIALE ZOPPIA

28 GINOCCHIO VALGO CONGENITO COME IL VARO MA: Ipo aplasia condilo e/o emipiatto esterni ASSOCIATO SPESSO A PIEDE O A MANO TORTA O L.C.A

29 GINOCCHIO VALGO DELLADOLESCENZA ANNI IPOTONIA MUSCOLO-LIGAMENTOSA SINDROME ADRENOGENITALE ASSOCIATO SPESSO A SCOLIOSI, PIEDE PIATTO, DORSO CURVO

30 ETIOPATOGENESI LASSITA CAPSULO LIGAMENTOSA MEDIALE CON SOVRACCARICO COMPARTIMENTO ESTERNO IPERATTIVITA CARTILAGINE DI CONIUGAZIONE FEMORALE MEDIALE IPOATTIVITA DI QUELLA LATERALE

31 GINOCCHIO VALGO SECONDARIO PATOLOGIA INFIAMMATORIA E TRAUMATICA DISPLASICO COMPENSATORIO PARALITICO POST-MENISCECTOMIA RACHITISMO PAGET

32 QUADRO CLINICO SOVRAPPONIBILE A QUELLO DEL GINOCCHIO VARO, MA: SINTOMATOLOGIA SUL VERSANTE ESTERNO LASSITA MEDIALE RETRAZIONE LATERALE

33 QUADRO CLINICO FACILE STANCABILITA SENSO DI PESO AL GINOCCHIO GONALGIA AUMENTO DISTANZA INTERMALLEOLARE LA DEFORMITA SCOMPARE IN FLESSIONE

34 QUADRO RADIOGRAFICO RIDUZIONE EMIRIMA LATERALE SCLEROSI SUBCONDRALE EVENTUALI GEODI OSTEOFITOSI MARGINALE

35 TRATTAMENTO CORREZIONE CHIRURGICA DELLA DEFORMITA MEDIANTE OSTEOTOMIA

36 OSTEOTOMIA CON PLACCA Esposizione ampia Danno tissutale Correzione precisa ? Eventuale rimozione Uso della scopia ?

37

38 EMICALLOTASI Intervento mininvasivo Rispetto biologico Correzione precisa Unico intervento Uso della scopia Cura delle viti Compliance del paziente

39

40

41

42

43 TRATTAMENTO GONARTROSI FISICO RIABILITATIVO FANS PULIZIA ARTROSCOPICA SOSTITUZIONE PROTESICA

44 FISICO RIABILITATIVO IONOFORESI ULTRASUONI CORRENTI ANTALGICHE RADAR TERAPIA CHINESI

45 FANS

46 PULIZIA ARTROSCOPICA

47 SOSTITUZIONE PROTESICA ALTERNATIVA PROTESI MONO BI- TRI COMPARTIMENTALE

48 PROTESI MONOCOMPARTIMENTALE INDICAZIONI –ETA –PESO CORPOREO –LEGAMENTO CROCIATO ANTERIORE INDENNE –ARTICOLAZIONE FEMORO-ROTULEA INDENNE

49

50 PROTESI BICOMPARTIMENTALE INDICAZIONI –ETA –ARTROSI DIFFUSA –FALLIMENTO TRATTAMENTO CONSERVATIVO

51

52

53 PROTESI ROTULEA ?

54 GRAZIE


Scaricare ppt "Cosè lartrosi Un gruppo di patologie differenti e talvolta indistinte, con etiologie diverse ma con esiti biologici morfologici e clinici comuni Colpiscono."

Presentazioni simili


Annunci Google