La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI. 2 IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI – IAS 38 Caratteristiche delle attività immateriali: una risorsa controllata dallentità

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI. 2 IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI – IAS 38 Caratteristiche delle attività immateriali: una risorsa controllata dallentità"— Transcript della presentazione:

1 1 LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI

2 2 IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI – IAS 38 Caratteristiche delle attività immateriali: una risorsa controllata dallentità in conseguenza di eventi passati e dalla quale sono attesi benefici economici futuri …unattività non monetaria identificabile priva di consistenza fisica Caratteristiche delle attività immateriali: una risorsa controllata dallentità in conseguenza di eventi passati e dalla quale sono attesi benefici economici futuri …unattività non monetaria identificabile priva di consistenza fisica Requisiti per liscrizione in bilancio: Identificabilità Controllo Possibilità di generare benefici economici futuri

3 3 I REQUISITI Requisiti per liscrizione in bilancio: Identificabilità lattività immateriale può essere separata dallazienda oppure se essa consegue da diritti contrattuali o da altri diritti legali, a prescindere dalla loro possibilità di essere separati; no lavviamento, definito dallIFRS 3 un pagamento effettuato dallacquirente in previsione di benefici economici futuri derivanti da attività che non possono essere identificate individualmente e rilevate separatamente inoltre lIFRS 3 specifica che le attività immateriali acquisite nel caso di operazioni straordinarie che rispettano i requisiti ex IAS 38 sono iscrivibili separatamente in bilancio

4 4 I REQUISITI Requisiti per liscrizione in bilancio: Controllo lazienda riesce a conseguire i benefici economici futuri generati dalla risorsa immateriale ed al contempo essa ne tenga la proprietà in virtù di norme e leggi specifiche che proibiscono a terzi la possibilità di usufruire dei benefici anzidetti non sono contabilizzati il portafoglio clienti, le relazioni commerciali e la quota di mercato Benefici economici futuri proventi originati dalla vendita di prodotti o servizi, i risparmi di costo od altri benefici derivanti dallutilizzo dellattività da parte dellentità

5 5 IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI – IAS 38 IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI ONERI PLURIENNALI BENI IMMATERIALI AVVIAMENTO Non possono essere capitalizzate: i costi di impianto e di ampliamento le spese di ricerca, i costi di formazione del personale i costi di pubblicità lavviamento autogenerato i marchi autoprodotti le altre risorse invisibili (portafoglio clienti, fiducia ecc.) Non possono essere capitalizzate: i costi di impianto e di ampliamento le spese di ricerca, i costi di formazione del personale i costi di pubblicità lavviamento autogenerato i marchi autoprodotti le altre risorse invisibili (portafoglio clienti, fiducia ecc.) A VITA DEFINITA A VITA INDEFINITA

6 6 IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI – IAS 38 Rilevazione contabile iniziale, in funzione delle modalità di acquisizione: COSTO Acquisizione separata Acquisizione da aggregazioni aziendali Permuta di attività Attività immateriali generate internamente Acquisizione tramite contributi pubblici

7 7 IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI – IAS 38 ACQUISIZIONE SEPARATA COSTO DI ACQUISTO Prezzo di acquisto imposte indetraibili i costi direttamente attribuibili alla predisposizione dellattività allutilizzo previsto oneri finanziari (IAS 23) IN CASO DI ACQUISTO CON DILAZIONE: Il costo dellattività immateriale acquisita deve essere pari al prezzo equivalente per contanti

8 8 IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI – IAS 38 ACQUISIZIONE DA AGGREGAZIONE AZIENDALE PURCHASE METHOD: -Identificazione del soggetto acquirente -Determinazione del prezzo pagato -Allocazione del prezzo pagato sulle attività e passività acquisite FAIR VALUE Potranno essere iscritte solamente quelle attività immateriali che soddisfano le condizioni di iscrivibilità delle stesse e per le quali sia possibile determinare il fair value in maniera affidabile: - Presenza di mercato attivo: prezzo di offerta - Assenza di mercato attivo e non esclusività del bene: fair value di beni similari - Assenza di mercato attivo e esclusività del bene: adozione di multipli o attualizzazione dei flussi finanziari netti stimati (prevalenza dei beni immateriali: testate giornalistiche, marchi di fabbrica…) FAIR VALUE Potranno essere iscritte solamente quelle attività immateriali che soddisfano le condizioni di iscrivibilità delle stesse e per le quali sia possibile determinare il fair value in maniera affidabile: - Presenza di mercato attivo: prezzo di offerta - Assenza di mercato attivo e non esclusività del bene: fair value di beni similari - Assenza di mercato attivo e esclusività del bene: adozione di multipli o attualizzazione dei flussi finanziari netti stimati (prevalenza dei beni immateriali: testate giornalistiche, marchi di fabbrica…)

9 9 IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI – IAS 38 ACQUISIZIONE DA AGGREGAZIONE AZIENDALE AVVIAMENTO Pagamento effettuato dallacquirente in previsione di benefici economici futuri derivanti da attività che non possono essere identificate individualmente e rilevate separatamente OICOIC IASBIASB AMMORTAMENTOAMMORTAMENTO IMPAIRMENTTESTIMPAIRMENTTEST

10 10 IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI – IAS 38 ACQUISIZIONE TRAMITE PERMUTA FAIR VALUE: - rilevazione in bilancio al fair value dellattività immateriale acquisita - storno del valore dellattività ceduta in permuta - rilevazione della differenza (minus/plusvalenza) Non sostanza commerciale Non sostanza commerciale Sostanza commerciale Sostanza commerciale Valore contabile dellattività ceduta Valore contabile dellattività ceduta Fair value dellattività acquisita, Tranne eccezioni Fair value dellattività acquisita, Tranne eccezioni

11 11 IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI – IAS 38 ACQUISIZIONE TRAMITE PERMUTA ES. Limpresa A del settore chimico possiede un brevetto per la produzione di un fertilizzante, il cui valore contabile è pari a 200 e ha una vita residua pari a 5 anni. Nellambito di una rivisitazione della propria gamma di prodotti, scambia il proprio brevetto con un brevetto relativo a un potente insetticida, che ha una durata di 10 anni. Il valore corrente del brevetto ceduto è pari a 300, quello ottenuto pari a 320. Il valore corrente del brevetto ceduto è pari a 300, quello ottenuto pari a 320. Brevetti300 Brevetti200 Plusvalenze100 CASO 1 – Sono determinabili entrambe i fair value

12 12 IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI – IAS 38 ACQUISIZIONE TRAMITE PERMUTA CASO 2 – Il fair value del bene acquisito è molto più attendibile Brevetti320 Brevetti200 Plusvalenze120 CASO 3 – Nessuno dei fair value è ragionevolmente determinabile Brevetti200 Brevetti200

13 13 IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI – IAS 38 ATTIVITA IMMATERIALI GENERATE INTERNAMENTE AVVIAMENTO ALTREIMMOBILIZZAZIONI NON CAPITALIZZABILE: -Non facilmente identificabile -Non separabile dallazienda -Non controllabile -Non quantificabile con attendibilità SI DISTINGUONO DUE FASI PER LA LORO REALIZZAZIONE: -Fase di RICERCA -Fase di SVILUPPO

14 14 IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI – IAS 38 ATTIVITA IMMATERIALI GENERATE INTERNAMENTE FASE DI RICERCA FASE DI SVILUPPO DIVIETO DI CAPITALIZZAZIONE Distinguibile dalla fase di ricerca Distinguibile dalla fase di ricerca DIVIETO DI CAPITALIZZAZIONE Sono rispettate le condizioni previste dallo IAS 38 Sono rispettate le condizioni previste dallo IAS 38 OBBLIGO DI CAPITALIZZAZIONE SI SI NO NO

15 15 IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI – IAS 38 il costo per lacquisizione dei materiali utilizzati e dei servizi; i costi del personale; le altre spese di diretta imputazione; i costi indiretti necessari ragionevolmente allocabili; gli oneri finanziari direttamente imputabili (IAS23) I COSTI DELLE IMMOBILIZZAZIONI PRODOTTE INTERNAMENTE: Le spese sostenute per un elemento immateriale rilevate come costi di periodo non devono essere ad una data successiva rilevate come costo di unattività immateriale. Le spese sostenute per un elemento immateriale rilevate come costi di periodo non devono essere ad una data successiva rilevate come costo di unattività immateriale.

16 16 IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI – IAS 38 VALUTAZIONE SUCCESSIVA ALLA RILEVAZIONE INIZIALE COSTMODELREVALUATIONMODEL Due presupposti: Revisione PERIODICA del valore equo Presenza di un MERCATO ATTIVO di riferimento

17 17 IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI – IAS 38 Trattamento delle DIFFERENZE, in caso di valutazione al FAIR VALUE: IPOTESI 1 FAIR VALUE > VALORE NETTO CONTABILE INIZIALE a riserva del patrimonio netto a conto economico, se segue una perdita di valore (sino al limite di questa) IPOTESI 2 FAIR VALUE < VALORE NETTO CONTABILE INIZIALE a conto economico a riduzione della riserva eccedenze di rivalutazione, se presente e sino a che essa è capiente

18 18 IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI – IAS 38 ATTIVITA IMMATERIALI A VITA DEFINITAA VITA INDEFINITA AMMORTAMENTO SISTEMATICO IMPAIRMENT TEST

19 19 IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI – IAS 38 in relazione alla vita utile nessun limite alla distribuzione degli utili nessun riferimento al consenso di organi di controllo presunzione di durata massima di 20 anni tale limite può essere superato in casi eccezionali ma: processo annuale di controllo dellimpairment informazioni negli allegati ammortamento e differenze con i principi contabili nazionali

20 Casi e applicazioni

21 21 IMPAIRMENT TEST IAS 36

22 22 IMPAIRMENT TEST – IAS 36 VALORE ISCRIZIONE Valore contabile = Costo storico – Fondo ammortamento – Fondi svalutazioni Valore recuperabile Dalluso o dalla dismissione MINORE TRA Valore duso Fair value al netto costi di vendita Fair value al netto costi di vendita

23 23 IMPAIRMENT TEST – IAS 36 Avviamento (IFRS 3) Attività immateriali –Con vita utile indefinite (IAS 38) –Non pronte per lutilizzo (IAS 38) Altre attività materiali e immateriali –Quando vi è indicazione di perdita di valore (IAS 16, IAS 38) APPLICAZIONE DELLIMPAIRMENT TEST Annualmente Non ammortizzabili Annualmente

24 24 IMPAIRMENT TEST – IAS 36 Declino nei valori di mercato Cambiamenti nella tecnologia, nel mercato, nellla legislazione, nellambiente economico Incremento nei tassi di interesse Il valore contabile delle attività è superiore alle quotazioni di borsa Obsolescenza Attività è danneggiata Ristrutturazione Risultati contabili peggiori rispetto alle aspettative INDICATORI DI IMPAIRMENT ESTERNIINTERNI

25 25 IMPAIRMENT TEST – IAS 36 FAIR VALUE AL NETTO DEI COSTI DI VENDITA Valore di realizzo diretto E limporto ottenibile dalla vendita dellattività in unoperazione tra controparti consapevoli e disponibili, al netto dei costi attribuibili direttamente alla dismissione. VALORE DUSO Valore di realizzo indiretto E il valore attuale dei flussi di cassa attesi nel futuro derivanti dallutilizzo continuo del bene e dalla vendita finale al termine della sua vita utile

26 26 IMPAIRMENT TEST – IAS 36 Stima dei flussi finanziari in entrata e in uscita derivanti dalluso del bene e dalla vendita finale Sono flussi operativi, una preziosa fonte sono i budget interni Applicazione del tasso di attualizzazione, che tenga conto sia del valore del denaro sia dei rischi specifici VALORE DUSO: DETERMINAZIONE Costo medio del capitale dellazienda stessa Tasso marginale applicato sui finanziamenti ricevuti Altri tassi di mercato aggiustati per considerare lo specifico rischio gravante sui flussi di cassa attesi dallutilizzo del cespite

27 27 IMPAIRMENT TEST – IAS 36 ESEMPIO 1 Costo1.000 Fondo ammortamento 400 Valore netto contabile 600 Valore realizzabile dallalienazione 700 Value in uso 900 Valore recuperabile 900 NESSUNA SVALUTAZIONE !!!

28 28 IMPAIRMENT TEST – IAS 36 ESEMPIO 2 Costo1.000 Fondo ammortamento 400 Valore netto contabile 600 Valore realizzabile dallalienazione 200 Value in uso 500 Valore recuperabile 500 SVALUTAZIONE DI 100!!!

29 29 IMPAIRMENT TEST – IAS 36 FREQUENZA DELLIMPAIRMENT TEST Lattività è a vita utile indefinita E stato effettuato lI.T. da meno di un anno? E NECESSARIO EFFETTUARE LI.T. E NECESSARIO EFFETTUARE LI.T. Lattività è disponibile per luso Sono presenti indicatori esterni e interni per di impairment NON E NECESSARIO EFFETTUARE LI.T. SI SI SI SI NO NO NO

30 30 IMPAIRMENT TEST – IAS 36 TRATTAMENTO DELLA PERDITA DI VALORE COSTO DI ESERCIZIO GLI AMMORTAMENTI SARANNO CALCOLATI SUL MINOR VALORE COSTO DI ESERCIZIO GLI AMMORTAMENTI SARANNO CALCOLATI SUL MINOR VALORE Se il bene è stato valutato con il revaluation model: La svalutazione è da imputare alla riserva di rivalutazione, Per la parte di svalutazione eccedente la riserva si dovrà fare un imputazione a conto economico Se il bene è stato valutato con il revaluation model: La svalutazione è da imputare alla riserva di rivalutazione, Per la parte di svalutazione eccedente la riserva si dovrà fare un imputazione a conto economico

31 31 IMPAIRMENT TEST – IAS 36 Il più piccolo insieme di attività identificabile in unimpresa in grado di generare flussi di cassa che siano largamente indipendenti da quelli di altre attività. Qualora un bene non produca flussi indipendenti, bisogna ricorrere ad un artifizio Qualora un bene non produca flussi indipendenti, bisogna ricorrere ad un artifizio CGU – Cash Generating Unit

32 32 IMPAIRMENT TEST – IAS 36 Individuazione della cash generating unit Per una CGU è necessario che esista un mercato attivo in cui sono scambiati i beni che questa produce. Una CGU può corrispondere a: negozio, stabilimento, attività in un paese. Per lindividuazione è utile basarsi sul reporting interno ma una CGU non potrà mai essere più grande dei segmenti individuati in base allo IAS 14 Molte società nella pratica hanno fatto coincidere le CGU con i segmenti al fine di semplificare il procedimento

33 33 IMPAIRMENT TEST – IAS 36 Individuazione della cash generating unit Gli asset attribuibili alle CGU, con il loro valore contabile, possono essere: 1)Quelli propri della CGU 2)Una quota degli asset comuni attribuibile ragionevolmente Se un asset comune o lavviamento non è ripartibile su base razionale sulle due CGU, si deve creare una CGU di secondo livello

34 34 IMPAIRMENT TEST – IAS 36 Imputazione svalutazione nelle Cash Generating Units Avviamento (qualora il valore contabile della CGU sia comprensivo di avviamento) Il residuo è attribuito alle altre attività della CGU proporzionalmente ai loro valori contabili

35 35 Lunità generatrice di flussi finanziari A risulta composta dalle seguenti attività: avviamento 200; brevetti 1000; attrezzature 500. Eventi e circostanze fanno ritenere che il brevetto alfa, appartenente a tale unità, possa aver subito una riduzione di valore, ma non è stimabile un flusso finanziario autonomo. Si procede alla stima del valore contabile e recuperabile dellunità A. IMPAIRMENT TEST – IAS 36 Individuazione della cash generating unit ESEMPIO 1

36 36 Soluzione VC di A= =1700 VR di A=1400 (per hp) Svalutazione ad avviamento (500/1500)X ad attrezzature (1000/1500)X ai brevetti IMPAIRMENT TEST – IAS 36

37 37 IMPAIRMENT TEST – IAS 36 Unazienda individua tre CGU. Alla fine dellesercizio 200x hanno rispettivamente i seguenti valori contabili: 600, 700, Lattività strategica dellazienda è coordinata dalla sede centrale: il costo dei marchi della sede è pari a 500 Individuazione della cash generating unit ESEMPIO 2 PROBLEMA DEGLI ASSET COMUNI

38 38 IMPAIRMENT TEST – IAS 36 Individuazione della cash generating unit ANNO 200XABCTotale Valore contabile Ripartizione proporzionale 23% 600/ % 700/ % 1.300/2.600 Ripartizione del valore contabile del marchio Valore contabile della CGU dopo ripartizione

39 39 IMPAIRMENT TEST – IAS 36 Calcolo perdite di valore delle CGU …..dopo aver calcolato il valore recuperabile delle CGU ABC Valore contabile715,00835,001550,00* Valore recuperabile 730,73768,551342,21 Perdita di valore066,45207,79 * Il valore contabile include 100 di avviamento

40 40 IMPAIRMENT TEST – IAS 36 Ripartizione perdite di valore nelle CGU 107,7966,45274,24 BCTotale Avviamento100,00 Al marchio10,7466,45x(135/835)18,58107,79x (250/1.450) 29,32 Allunità generatrice di flussi finanziari 55,7166,45x(700/835)89,21107,79x (1200/1.450) 144,92

41 41 IMPAIRMENT TEST – IAS 36 Implicazioni contabili SVALUTAZIONI Invio a conto economico Riduzione del valore del cespite con relativa modifica della base di ammortamento Se invece il cespite era stato valutato con il revaluation model La svalutazione colpisce prioritariamente la riserva creata in precedenza e leccedenza, per la parte non coperta, confluisce a conto economico Lesecuzione dellimpairment test può essere motivo di rideterminazione della vita utile e delle aliquote di ammortamento

42 42 Ripristino di valore Verifica annuale della persistenza delle situazioni di impairment (indicatori esterni e interni) Rettifica della perdita se V.R. > V.C. in seguito al cambiamento dei criteri di stima e di valutazione del V.R. IMPAIRMENT TEST – IAS 36

43 43 Ripristino di valore La rettifica non può eccedere il valore contabile originario Mai per lavviamento IMPAIRMENT TEST – IAS 36

44 44 Riflessioni su IAS 36 Valore determinato da andamenti futuri Tecnica attualizzazione finanziaria Soggettività determinazioni Prescinde da destinazione effettiva del bene Necessità di contabilità direzionale IMPAIRMENT TEST – IAS 36


Scaricare ppt "1 LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI. 2 IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI – IAS 38 Caratteristiche delle attività immateriali: una risorsa controllata dallentità"

Presentazioni simili


Annunci Google