La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Anno Accademico 2007-2008 Docente: Prof. Roberto Leone BREVE STORIA DELLA FARMACOLOGIA E DEL DOPING FACOLTA DI SCIENZE MOTORIE.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Anno Accademico 2007-2008 Docente: Prof. Roberto Leone BREVE STORIA DELLA FARMACOLOGIA E DEL DOPING FACOLTA DI SCIENZE MOTORIE."— Transcript della presentazione:

1

2 Anno Accademico Docente: Prof. Roberto Leone BREVE STORIA DELLA FARMACOLOGIA E DEL DOPING FACOLTA DI SCIENZE MOTORIE

3 a.C. Primi utensili in pietra a.C. Utilizzo del fuoco a.C. Invenzione della lancia a.C. Invenzione dellarco e della lucerna ad olio a.C. In Mesopotamia inizia lagricoltura a.C. Primi tessuti in Turchia a.C. Allevamenti di bestiame in Turchia a.C. Invenzione del bronzo (fusione di rame e stagno) Cronologia della Scienza Homo habilisHomo erectus Homo sapiens

4

5 Larte di servirsi dei medicamenti per guarire le malattie è antica quanto lumanità. Ippocrate nel De Veterum medicina scrive che:ipsa necessitas coegit medicinam inquirere ac invenire. In alcuni insediamenti preistorici, Parma, Varese, Moosseedorf, si sono rinvenuti i semi di Sambucus nigra e di Sambucus ebulus, che forse venivano utilizzati dalluomo primitivo come medicamenti. Così come sono stati rinvenuti semi del Papaver somniferum. Nelle palafitte di Casale, in quelle di Bourget, che risalgono allepoca del bronzo, si sono trovati i semi delle prugnole (Prunus spinosa) con i quali molto probabilmente venivano preparate quelle stesse pozioni e tisane medicamentose che nel medioevo Santa Ildegarda ricorda nel suo ricettario. Nelle palafitte di Lagozza ed in quelle di Robenhausen si sono rinvenuti i semi del Chenopodium, noto come purgante.

6 Cronologia della Scienza a.C. I Sumeri inventano la scrittura a.C. La ruota in Mesopotamia a.C. La meridiana in Egitto 500 a.C. Labaco in Egitto 530 a.C. Teorema di Pitagora Euclide: Gli elementi di geometria 470 a.C. Il greco Alcmeone seziona un cadavere 387 a.C. Platone fonda la sua Scuola 335 a.C. Aristotele fonda il Liceo 300 a.C. Biblioteca di Alessandria 298 a.C. Erofilo studia lAnatomia 280 a.C. Nasce a Siracusa Archimede 250 a.C. La Scuola medica di Alessandria 150 a.C. Ipparco calcola la distanza tra la terra e la luna 240 a.C. Eratostene calcola la circonferenza terrestre

7 India: tempi indù sul fiume a Jumna (acquarello del 1795)

8 Secondo Alberico Benedicenti (Malati, Medici e Farmacisti. Hoepli 1925, pag. 44) la Farmacologia nacque in India, nelle rigogliose foreste delle rive del Gange, come parte integrante della medicina AYURVEDICA. Nellantico testo vedico Sushruta samita la salute viene definita come quella condizione nella quale i principi fisiologici del corpo sono in equilibrio, la digestione è efficiente, i tessuti sono in condizione normale le funzioni escretorie sono regolari e mente, sensi e spirito sono pienamente appagati. I tre principi metabolici (Dosha) che governano lorganismo umano sono: Vata (principio del movimento e dellattivazione), Pitta (trasformazione e termogenesi) e Kapha (coesione e struttura) Oltre alle tecniche di purificazione, meditazione, yoga, terapie nutrizionali e comportamentali la medicina ayurvedica si avvale attualmente delluso di circa 9000 piante, utilizzate secondo il principio degli opposti

9 Negli antichi testi indiani (dincerta datazione) sono elencate centinaia di piante per uso medico. Tra queste ricordiamo: LAurum (Arçôghma) il nemico delle emorroidi; La Celtis orientalis (Xajânacim) il rimedio della tisi ; Il ricino che scaccia i venti dellintestino (Vâtâri) e guarisce la colica (Çûlaçaku), come purganti erano anche utilizzati il crotontiglio (Rèckala), la cassia, il turpeto e il tamarindo; Per indurre il vomito si usavano infusioni di Melia indica (Tchhardana) o di Calotropis gigantea (Vantidâ); Come inebrianti e narcotici si utilizzavano loppio, la datura, la noce vomica, laconito, ecc.; Per la gotta la Poa cynosure (Kuça).

10 Dal Regno minerale si ricavavano lantimonio, lo zinco, il ferro, lo zolfo e loro (considerato farmaco potentissimo). Ma anche i sali di potassa, il salnitro, il rame, larsenico ed il mercurio. Dal Regno animale lorina, lo sterco di vacca, gli escrementi di rinoceronte, il latte di donna ed il sangue (consigliato come ricostituente). Ma ben note erano anche le proprietà tossiche di molte erbe: Laverroa, specie di Oxalis (Rudjakana) lerba che fa ammalare; La Bambusia arundinacea (Mritjuvidija) il seme della morte; Landropogon (Mrinala) la droga mortale; Loleandro (Kayamâraka) lerba che fa morire il cavallo. Daltra parte anche Omero (~ 700 a.C.) ci ricorda sia lorigine dei farmaci che la loro pericolosità:....la terra datrice di biade produce moltissimi farmachi, molti buoni, e misti coi quali molti mortali.... (Odissea, trad. R. Calzecchi Onesti, Einaudi, Torino 1972, libro IV, vv ).

11

12 Un altro paese con antiche tradizioni farmacologiche è la Cina. Secondo la tradizione la farmacologia cinese discende da Shen Nung (~ 2000 a.C.), limperatore che indagò, provandole su se stesso, il valore terapeutico di alcune centinaia di erbe. Si ritiene che abbia scritto il primo erbario cinese, Pen T-Sao, elencando 365 farmaci. Shen Nung esaminò molte erbe, cortecce e radici, ricavate da campi, paludi e boschi, che ancora oggi fanno parte della medicina tradizionale cinese. Nel quadro, ai piedi di Shen Nung, sono raffigurate diverse piante medicinali: il podofillo, il rabarbaro (Da Hung), il ginseng, lo stramonio, la corteccia di cinnamomo (cannella cinese) e, tra le mani del ragazzo, lEphedra (Ma Huang).

13

14 Anche gli antichi egizi conoscevano le virtù dei medicamenti e larte di somministrarli. Daltra parte si ritiene che la medicina egiziana, esercitata dai sacerdoti, si sviluppi a partire dal a. C. Il più importante documento che attesta la conoscenza dei medicamenti da parte degli Egizi è il famoso Papiro di Ebers, scoperto nel 1873 dallegittologo Georg Moritz Ebers, risalente al 1500 a.C. ma riferito a tempi anteriori di almeno un millennio. La prima pagina del papiro di Ebers inizia con le seguenti parole: Qui incomincia il libro delle preparazioni dei medicamenti, adatti a tutte le parti del corpo dun ammalato. In effetti contiene un lungo elenco di rimedi (circa 800) per le malattie dellintestino, del fegato, dello stomaco, della vescica, per le cefalee, per la nausea, per le ulcere, per le affezioni oculari, ecc. Tra le sostanze elencate ricordiamo lolio di ricino, la senna, il melograno, il tannino, loppio, laloe, la menta, il ginepro, il cumino e il finocchio. Ma di molti rimedi si ignora il contenuto.

15 Reperti archeologici e pitture murarie nelle tombe egizie documentano, inoltre, luso della scilla, della camomilla, del rosmarino e del cedro come antidoto per veleni. Naturalmente oltre alle piante medicinali si trovano menzionati anche rimedi di origine minerale (ferro, argento, oro, allume, ecc.) o animale (miele, latte, escrementi di varia origine, grasso di martora, ecc.). Secondo lo Tschirch (Handbuck der Pharmakognos. Tauchnitz, Lips, 1910) gli antichi egiziani avrebbero posseduto una vera e propria Farmacopea ufficiale, opera di Imhotep, cancelliere del re Doset. La tecnica farmaceutica nellantico Egitto era comunque molto sviluppata. Si facevano miscugli di varie droghe, si preparavano decotti a diverse temperature, si filtravano le pozioni, si preparavano colliri, pillole e polveri. Alcuni geroglifici testimoniano di queste attività dellantica farmacia egiziana.

16

17 Altra antichissima e grande civiltà, anche in campo medico, fu quella babilonese. Tra il Tigri e lEufrate, nella Mesopotamia culla della civiltà, esercitavano larte medica tra i Sumeri (primo popolo storico ad abitare quellarea) gli asu (con le tre funzioni di sacerdote, medico e farmacista). Il primo asu a noi noto è un certo Lulu, vissuto nella Ur dei Caldei nel 2700 a.C., e il primo formulario terapeutico conosciuto nella storia (~ 2000 a.C.) risale ai Sumeri. I documenti che attestano luso dei farmaci, dalla Babilonia di Hammurabi ( a.C.) alla Ninive di Assurbanipal (Sardanapalo, a.C.), sono le tavolette dargilla, di cm seccate al sole o cotte al forno e coperte di caratteri cuneiformi, scoperte a migliaia dagli archeologi. Sappiamo, così, che si utilizzavano centinaia, se non migliaia, di piante, erbe e medicamenti diversi a scopo terapeutico. Interessante notare che molte tavolette riuniscono in modo sistematico e separato i rimedi per la tosse, quelli per il mal di denti, contro il morso degli animali velenosi, e via dicendo. Tra i diversi rimedi del tempo un posto rilevante era occupato dalla Mandragora, pianta solanacea ricca di alcaloidi atropino-simili.

18 Raffigurazione della mandragora in un erbario del XV secolo (Pavia, Biblioteca Universitaria). La radice si faceva strappare da un cane poiché si credeva che lanciasse un grido mortale. Il padrone se ne stava al sicuro, lontano e con le orecchie ben tappate. Morto il cane la mandragora proteggeva luomo contro tutti i malefici.

19 Specie Mandragora autumnalis Bertol. Famiglia Solanacee La mandragora contiene, soprattutto nella radice fibrosa,un gruppo di alcaloidi la cui azione è simile a quella dell'atropina che si estrae dalla belladonna. Dall'azione di questi alcaloidi sono nate tutte le leggende che hanno tanto sollecitato la fantasia popolare sulle sue proprietà afrodisiache e magiche. Pianta perenne, erbacea, Distribuita nella regione mediterranea Meridionale.

20 Ippocrate ( a.C.), nato nellisola di Cos, è noto come il padre della medicina. Il suo ruolo nella farmacologia non risiede sui rimedi che ha proposto, di fatto già in uso in epoche precedenti, ma sul clima decisamente nuovo che ha creato nel campo delle terapie. Negli scritti del Corpus hippocraticum (non tutti attribuibili direttamente a Ippocrate) per la prima volta sono esposte in modo sistematico le regole per raccogliere i rimedi vegetali (belladonna, oppio, menta, ecc.), le norme per preparare i medicamenti, la loro classificazione in base alleffetto (purganti, emetici, diuretici, ecc.) e le modalità del loro utilizzo.

21 Alcune frasi tratte dai libri ippocratici possono rendere lidea del nuovo clima: Ogni guarigione ha la sua causa, sapere opportunamente usare i rimedi non è cosa da tutti (De arte). Quando il medico entra dallammalato deve già conoscere i singoli effetti dei medicamenti in base alle sue osservazioni e alle sue esperienze (De decenti ornatu) Lo stesso medicamento dovrebbe avere sempre la stessa azione, ma così non è poiché essa varia molto nei vari casi. I farmaci evacuanti ora purgano molto, ora poco, ora giovano, ora nuocciono, secondo i vari individui in cui sono adoperati (De locis in homine)

22 Talvolta è buona prassi astenersi da qualsiasi trattamento La diminuzione della temperatura per opera dei farmaci è conseguenza di molte azioni. Taluni abbassano la temperatura in modo diretto, come si raffredda un vaso caldo se vi si aggiunge dellacqua fredda, altri indirettamente, come si raffredderebbe lo stesso vaso dacqua calda se fosse esposto al vento. (De morbis). La mandragora che ad alte dosi produce linsonnia data a piccole dosi agli ansiosi, ai tristi, a coloro che soffrono di mania suicida, può guarire (De locis in homine)

23 LA TERRA SIGILLATA: la prima specialità medicinale (circa 500 a.C.). A base di argilla un marchio ne attestava la provenienza dallisola di Lemno

24 Teofrasto, il padre della botanica, illustra ad un gruppo di studenti le proprietà della belladonna, alle sue spalle fiori di melograno, senna e rotoli di pergamena.

25 Nato a Ereso, nellisola di Lesbo, Teofrasto ( a.C.) si trasferì ad Atene dove fu allievo di Aristotele. Rinomato per la sua eloquenza sembra che oltre duemila allievi abbiano seguito le sue lezioni. La sua Historia plantarum non è solo un analitico ed ordinato tentativo tassonomico, ma anche un vero trattato di fitoterapia (G. Cosmacini, V.A. Sironi, Cenni di storia della Farmacologia. In: Farmacologia generale e molecolare. UTET, 1996 ). In essa sono descritti con estrema precisione gli effetti del papavero, della cicuta, della mandragora, dellemetico elleboro. Vengono illustrati i metodi per ricavare lattici, resine e balsami dalle piante. Così come i metodi di conservazione dei medicamenti. Più o meno nello stesso periodo di Teofrasto si collocano i farmacologi della Scuola Alessandrina: Erasistrato, Mantia Erofileo, Demetrio dApamea, Cleofanto, Aspasia, Icesio, Eraclide di Taranto, Zenone di Laodicea, solo per citarne alcuni.

26 Mitridate VI, re del Ponto (circa 100 a.C.), fu uno dei primi tossicologi sistematici della storia. Utilizzo sé stesso ma più frequentemente i suoi prigionieri come cavie per saggiare veleni ed antidoti. Un suo preparato, il Mitridatium, composto da 54 ingredienti rimase famoso per più di 1000 anni come antidoto universale. Altro importante tossicologo del tempo fu Nicandro di Colofonte (ca. 135 a.C.) a cui si devono i libri Theriaca e Alexipharmaca. MITRIDATE VI: un re tossicologo

27 Sperimentare su sé stessi Una storia emblematica: il carbone attivo Nel 1813 il chimico francese Bertrand, per dimostrare lutilità del carbone attivo nel ridurre lassorbimento di sostanze tossiche, ingerì in pubblico 5 grammi di triossido darsenico misto a carbone attivo. Lesperimento riuscì perfettamente e Bertrand non manifestò sintomi di tossicità. Nel 1831 il farmacista francese Touery effettuò un esperimento simile di fronte ai membri dellAccademia di Medicina di Francia. Egli ingerì stricnina, pari a 10 volte la dose letale, mista a carbone attivo. Per diverse ore, in un atmosfera di drammatica apprensione, si attesero gli effetti del veleno. Per fortuna di Touery le sue aspettative sul carbone attivo erano esatte ed uscì indenne dallesperimento.

28 Cronologia della Scienza Persia: il mulino a vento 163 Calcolo del pi greco da parte dei cinesi 180 Scritti di alchimia in Egitto 270 Cina: la polvere da sparo Sistema numerico indiano 800 Primo libro a stampa in Cina 868 Persia: esame di stato per i medici 880 Alchimisti arabi ottengono dal vino lalcool puro 1148 Introduzione in Europa dello zucchero 1000 I cinesi perfezionano la bussola 46 a.C. Cesare introduce il calendario giuliano 23 Strabone scrive il libro Geografia Tolomeo scrive la sintassi matematica 105 Cina: invenzione della carta I cinesi scoprono che i crisantemi essiccati uccidono gli insetti

29 GALENO: esperto in tecnica farmaceutica

30 Galeno ( d.C.) è considerato, dopo Ippocrate, il più grande medico dellantichità. Frequentatore della scuola di Alessandria fondò a Roma una rinomata scuola di medicina, ove promosse linsegnamento della dissezione, dellanatomia e della fisiologia. Tra i suoi libri ricordiamo il De simplicium medicamentis et facultatibus, in cui sono elencati 473 medicamenti di origine vegetale che resteranno per un millennio e mezzo larmamentario terapeutico in Europa, e il Megatechne, dove si afferma che la terapia deve derivare dalla conoscenza della malattia e delle su cause e in cui i farmaci sono ordinati in base alle loro proprietà e intensità dazione. Il principio di base della farmacoterapia di Galeno è rappresentato dalla famosa massimaContraria contrariis curantur. Il metodo è che chi prescrive medicamenti li prepari egli stesso. Ancora oggi con il suo nome vengono chiamati i farmaci preparati in farmacia (galenici).

31 Frontespizio di un ricettario galenico del 1516, opera di Georgio de Rusconi. Tra le preparazioni farmaceutiche del mondo romano vanno ricordati: Catapozi (pillole semplici) Cerotti Linimenti Trocisci (polveri con aceto e vino) Balanos (supposte) Terra sigillata Infusi Decotti Triaca o teriaca composta da ben 500 sostanze (molto costosa e riservata a pochi ricchi)

32 Di origine antichissima la teriaca (dal greco thériakè, cioè antidoto, oppure secondo alcuni dal sanscrito táraca) è stata utilizzata per secoli, addirittura fino allinizio del I romani la riprendono probabilmente partendo dallantidoto universale di Mitridate. La sua composizione ha avuto delle variazioni nel tempo, trasformandosi da rimedio contro i veleni a rimedio per combattere numerose malattie. Le teriache del XVI, XVII e XVIII secolo erano fondamentalmente composte da: carne di vipera, angelica, centaura minore, genziana, mirra, incenso, timo, tarassaco, oppio, matricaria, succo dacacia, potentilla, miele attico, liquirizia, finocchio, anice, cardamono, cannella, radice di valeriana e di aristolochia, opoponax, scilla, agarico bianco, vino di Spagna.

33 DAMIANO e COSMA: i Santi Patroni della Farmacia

34 I fratelli gemelli Cosma e Damiano, di origine araba, completati i loro studi a Pergamo esercitarono, nel III secolo d.C., la medicina gratuitamente in Asia Minore. Martirizzati sotto Diocleziano, in quanto cristiani, la loro tomba, nella città siriana di Ciro, fu per secoli meta di pellegrinaggio. Chiese in loro onore furono costruite a Roma (dove furono portate le loro reliquie nel VI secolo, e in altre città. La diffusione del cristianesimo ebbe due effetti contrastanti sulla farmacoterapia, da un lato provocò un ritorno al misticismo (per lungo tempo i santi saranno considerati la migliore protezione contro epidemie e malattie), dallaltro preservò, dopo la caduta dellImpero Romano dOccidente (476 d.C.) che segnò linizio del Medio Evo, le conoscenze fino allora acquisite. Da questo punto di vista notevole importanza ebbero, dal VI fino al XII secolo, i monasteri, alcuni dotati di ospedali. I monaci curavano i malati utilizzando piante ed erbe, ma riponevano le loro speranze di cura essenzialmente nel potere di Dio. Il ruolo più rilevante dei monasteri, comunque, fu quello di conservare e tramandare il sapere medico. Nelle biblioteche conventuali (scriptoria) si ricopiano i manoscritti medici, si trovano le collezioni di ricette (antidotaria), i trattati di botanica (herbularius) e i cataloghi delle piante medicinali (hortuli).

35 Il monaco preposto alla farmacia ha la responsabilità dei giardini delle piante medicinali. Nellorto botanico alcune aiuole sono riservate al giglio, alla rosa, al fieno greco, al rosmarino, alla ruta, ecc. I monaci farmacisti coltivano le piante e confezionano i vari medicamenti. Tra quelli che hanno avuto la maggiore longevità ci sono i liquori, come la Grande Chartreuse e la Benedectine, consigliati per i disturbi del tubo digerente e le affezioni delle vie respiaratorie. Al fianco dei dignitari del monastero che prescrivono i farmaci vi sono gli incaricati del deposito-laboratorio. Questi religiosi, che hanno la funzione di magazzinieri- farmacisti, vengono chiamati speziali.

36 Se il Medio Evo rappresenta per lEuropa la cosiddetta dark Age per il mondo arabo è lepoca del massimo splendore. La civiltà araba detiene così, in quel tempo, anche il primato della conoscenza in ambito farmacologico. Le opere antiche e bizantine vengono tradotte in arabo ma al contempo la terapia si arricchisce di apporti specifici.

37 Tra i testi medici bizantini ricordiamo il De arte medicinae di Alessandro di Tralle (VI secolo). Che introduce in terapia le pillole di Cinoglossa per combattere la tosse e i dolori respiratori, dei denti, delle orecchie e della vescica. Far seccare questa scorza al sole, unirla al resto, far macerare loppio nellacqua e formare delle pastiglie che saranno somministrate a seconda delle forze del malato 4 dracme e ½ 2 dracme 4 dracme 6 dracme Scorza di Cinoglosso Oppio Giusquiamo Mirra* *La mirra proviene da un alberello dEtiopia e di Somalia, la Commiphora Abyssinica, dal quale si estrae per incisione un succo giallo che si trasforma in gocce rossastre dal sapore amaro (in arabo: mourr = amaro)

38 Se il Medio Evo rappresenta per lEuropa la cosiddetta dark Age per il mondo arabo è lepoca del massimo splendore. La civiltà araba detiene così, in quel tempo, anche il primato della conoscenza in ambito farmacologico. Le opere antiche e bizantine vengono tradotte in arabo ma al contempo la terapia si arricchisce di apporti specifici. Nascono tre grandi scuole mediche: la Scuola Iraniana-Mesopotamica (Rhazes, Avicenna); la Scuola di Andalusia (Abulcasis); la Scuola del Cairo (Ibn El-Baitar, Ibn An-Nafis). Lo stesso Maometto, appartenente alla tribù dei Koraichites, venditori di droghe e profumi, si interessò di terapia scrivendo un opera dal titolo La Medicina del Profeta.

39 Gli arabi raccolgono leredita farmaceutica greca e latina, ma anche indiana, assira ed ebrea. Vengono introdotte nuove sostanze vegetali: lanice, la noce vomica, la canfora, la cassia, lo zafferano, ecc. Ma soprattutto sostanze chimiche: lalcool, il sublimato, la potassa, i sali doro, ecc. E dalla cultura araba che nasce lalchimia che viene poi diffusa in Occidente. Lalchimia è una pratica empirica di duplice valenza: da una parte permette di sviluppare le conoscenze su alcune procedure di tipo chimico (distillazione, riscaldamento a bagnomaria, filtrazione), dallaltra spinge verso realizzazioni utopistiche (lelisir di lunga vita, la pietra filosofale) Padre dellalchimia viene considerato Geber (Giabir ibn Hayyan, VIII secolo).

40 Il padre della medicina araba, Abu Bakr Mohammed ibn Zakariya al Rhazi ( ) noto come Rhazes, introduce in terapia molti composti chimici (ad es. lantimonio). Rhazes è anche noto per essere stato il primo a differenziare il morbillo dal vaiolo. Lo stesso fa Avicenna ( ) con il borato, lallume e il solfato di ferro. Il Canone della Medicina, che comprende anche una raccolta di medicamenti (semplici) e preparati farmaceutici (composti), è il più famoso degli oltre 200 libri di Avicenna. Tradotto in latino venne ampiamente letto in Europa e tra il 1500 e il 1674 ci furono oltre 60 edizioni del libro. Utilizzato come testo universitario, era ancora in uso nel 1650 allUniversità di Montpellier. I termini alambicco, alcool e sciroppo sono di origine araba, e la tecnica farmaceutica riceve un formidabile impulso dagli arabi.

41 Gli arabi separarono le due professioni del farmacista e del medico. A Bagdad nacque alla fine del VIII secolo la prima farmacia privata.

42 La Scuola Medica Salernitana nasce sotto linflusso sia della medicina monastica sia della tradizione medica araba. Fondata nel IX secolo è il primo centro di medicina laica in Europa. La leggenda vuole che alla sua fondazione abbiano contribuito 4 medici: larabo Adela, il greco Pontus, il latino Salernus e lebreo Helenus. I personaggi della leggenda esprimono simbolicamente i filoni principali che dettero origine alla Scuola. La Scuola Salernitana è importante più che per linnovazione per la conservazione e il mantenimento del sapere farmacologico. La tecnica farmaceutica fu comunque arricchita dalla Scuola salernitana. I procedi- menti di lavorazione di origine araba, ad es. la distillazione, vennero perfezionati e aprirono la strada alle ricerche dei secoli successivi sullestrazione di principi attivi dalle piante. Vanno anche ricordate alcune formulazioni farmaceutiche come gli sparadrappi e i cerotti per lassorbimento cutaneo dei farmaci.

43 La Scuola diventerà famosa soprattutto per la pubblicazione, nel 1066, del Regimen Sanitatis Salernitanum, raccolta di norme igieniche e alimentari. Va comunque ricordato anche lAntidotarium di Nicolao Preposito, direttore della Scuola negli anni intorno al 1150, dove sono elencati i metodi di preparazione dei medicamenti e codificati i criteri del loro utilizzo. Sullesempio arabo la distinzione tra medici e farmacisti viene riaffermata. Nel 1240 Federico II emana le Ordinationes dove medicina e farmaceu- tica vengono codificate. Un numero limitato di droghieri e farmacisti prestano il giuramento di preparare i medicinali secondo norme prestabilite e di venderli a prezzi fissi. I medici incaricati della sorveglianza non possono tenere bottega, né avere interessi in quelle dei farmacisti. ( J.C. Dousset. Storia dei medicamenti e dei farmaci. ECIG, 1989 ). Nascono così anche nel campo dei farmaci le prime corporazioni come quelle dei Confectionarii, preparatori di medicinali, e degli Stationarii, rivenditori degli stessi.

44 Cronologia della Scienza Copernico: De revolutionibus orbium caelestium 1543 Leonardo inventa la ruota idraulica 1543 Vesalio: De humani corporis fabrica 1582 Calendario gregoriano 1546 Bauer e i fossili 1202 Fibonacci afferma la superiorità del sistema numerico indiano 1249 Ruggero Bacone e gli occhiali Il Milione di Marco Polo 1291 Venezia; il vetro trasparente Il medico al-Qurashi descrive come il sangue passi ai polmoni Leonardo seziona corpi umani 1320 Introduzione della carta in Europa 1440 Niccolò Cusano: lo spazio infinito La scoperta dellAmerica Gutenberg stampa del primo libro

45 Con la nascita della stampa in Europa (XV sec.) compaiono numerose opere di terapia e si facilita la diffusione della cultura medica e farmaceutica. Nel 1498 viene stampata a Firenze, in lingua italiana, la prima Farmacopea Ufficiale: il Nuovo Receptario. Frutto della collaborazione tra la Gilda dei Farmacisti e la Società Medica, è uno dei primi esempi di lavoro interprofessionale nella storia.

46 Thephrastus Bombastus von Hohenheim Svizzera Salisburgo 1541 Meglio noto con il nome di PARACELSO. Medico, filosofo naturale, alchimista fu uomo medievale e rinascimentale ad un tempo. Dalla personale esperienza con i malati trae laforisma anti-galenico (nel 1527 brucia pubblicamente i libri di Galeno) similia similibus curantur inteso in senso antropologico più che farmacologico: Linfermo si cura con linfermiere Il povero con il medico dei poveri Luomo dei campi con il medico di campagna Il buon medico è la prima medicina Si delinea sullo sfondo il concetto di placebo.

47 A Paracelso la farmacologia deve un rinnovato progresso metodologico: la necessità della sintesi tra riflessione teorica ed esperienza. Applica alchimia e astrologia allarte medica e costruisce un impianto teorico fondato sullintuizione delle corrispondenze tra uomo e astri, i cui ingredienti fondamentali sono: Zolfo, Sale, Mercurio (tria prima). La malattia è causata dallo squilibrio di questi tre elementi. Contrario alla fitoterapia, è il precursore della iatro-chimica, la chimica medica basata sulla distillazione e lanalisi dei minerali, progenitrice della chimica. Ha reintrodotto in terapia loppio, ha individuato lo zinco, il nitrato dargento, il sublimato corrosivo e i sali di antimonio come precursori di farmaci.

48 Cronologia della Scienza R. Hooke e la cellula 1665 Huygens costruisce il primo orologio di precisione 1667 La prima trasfusione di sangue 1687 Newton: Principi matematici della filosofia naturale 1677 A. van Leeuwenhoek scopre gli spermatozoi 1590 Janssen inventa il microscopio 1592 Galilei inventa il termometro Woodall e lo scorbuto 1605 Bacone e il metodo scientifico Galilei scopre laccelerazione Pascal inventa la prima calcolatrice 1616 Harvey e la circola- zione sanguigna 1628 Macchina a vapore di Somerset Cartesio: Discorso sul Metodo Galilei: Dialogo sopra i due massimi sistemi del mondo

49 Nel XVII secolo, pur tra contrasti, si diffonde lutilizzo di sostanze chimiche come rimedi terapeutici. In particolare lantimonio, contenuto nel vino emetico e nelle pillole perpetue, viene molto apprezzato alla corte di Francia soprattutto da Madame de Sévigné. Si intensificano anche nuove scoperte di chimica. Nel 1616 Wieker isola, dallacqua di Epsom, il solfato di magnesio. Nel 1625 Glauber indica per la prima volta come si prepara lacido cloridrico con il sale e il vetriolo. Il solfato di sodio formato durante lesperimento viene ancora chiamato sale di Glauber. Altro lassativo scoperto in quel secolo è il tartrato doppio di sodio e potassio, il sale di Seignette dal nome del suo scopritore

50 Cronologia della Scienza C. Linneo e la sistematica delle piante 1742 La scala Celsius della temperatura Cavendish scopre lidrogeno 1752 B. Franklin e il parafulmine Prima enciclopedia moderna in Francia Cavendish scopre la composizione dellacqua 1772 Lavoiser dimostra che i diamanti sono fatti di carbonio 1780 Macchina a vapore di Watt La MongolfieraGli esperimenti di Galvani con le rane 1790 Volta inventa la pila 1800 Viene introdotto in Francia il sistema metrico decimale 1803 Dalton e gli atomi La notazione chimica di Berzelius Il treno a vapore di Trevithick

51 SCHEELE - GREATEST OF THE PHARMACISTS-CHEMISTS

52 Carl Wilhelm Scheele nacque a Stralsund in Pomerania nel La sua vita si svolse in Svezia, dopo un apprendistato di 8 anni in una farmacia di Göteborg divenne farmacista a Malmö e Stockholm. Infine dopo alcuni anni ad Uppsala comprò una farmacia a Köping, dove morì nel Nel 1772 o 73 Scheele produsse per primo lossigeno. Tuttavia per lungo tempo, a causa di un ritardo nella pubblicazione dei risultati, il merito di questa scoperta venne attribuita a Joseph Prestley che aveva raggiunto indipendentemente lo stesso risultato nel 1774.

53 Frontespizio della seconda edizione del libro di Scheele, la prima fu pubblicata in Svezia nel 1777.

54 Scheele non ha eguali nella storia per il numero di sostanze chimiche scoperte, nonostante la scarsità di mezzi e linadeguatezza del suo laboratorio. La prima sostanza che isolò fu lacido tartarico, seguirono lacido arsenico, il molibdeno, lacido lattico, il tungsteno e lacido prussico. Isolò e investigò anche gli acidi citrico, mallico, ossalico e gallico. La sua analisi del diossido di manganese lo portò alla scoperta del cloro e dellossido di bario. Ulteriori scoperte di Scheele furono la glicerina, il solfuro didrogeno, il cianuro didrogeno e il fluoruro didrogeno. Nel febbraio 1775, Carl Scheele fu eletto membro della Royal Academy of Sciences svedese, onore mai attribuito ad un farmacista. Lesposizione a tante sostanze tossiche minò la sua salute e Carl Scheele morì a 43 anni il 26 maggio 1786.


Scaricare ppt "Anno Accademico 2007-2008 Docente: Prof. Roberto Leone BREVE STORIA DELLA FARMACOLOGIA E DEL DOPING FACOLTA DI SCIENZE MOTORIE."

Presentazioni simili


Annunci Google