La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA Dipartimento di Prevenzione Strategie per la modifica terapeutica degli stili di vita.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "AZIENDA ULSS 20 DI VERONA Dipartimento di Prevenzione Strategie per la modifica terapeutica degli stili di vita."— Transcript della presentazione:

1 AZIENDA ULSS 20 DI VERONA Dipartimento di Prevenzione Strategie per la modifica terapeutica degli stili di vita

2 2 Glossario della promozione della salute OMS (1998) Advocacy: insieme di azioni volte ad ottenere impegno politico, leggi e politiche di sostegno, consenso sociale e strutture di supporto a favore di specifici obiettivi o di interventi per la salute Evidence based: progettare interventi che tengano conto delle prove di efficacia e degli esempi di buona pratica disponibili. Intersectorial collaboration: Relazione strutturata per unazione comune su un problema specifico di differenti settori di società Health Policy: dichiarazione formale adottata dalle istituzioni e che definisce le priorità ed i parametri da raggiungere.

3 3 Mortalità totale per gruppi di cause ULSS Tasso grezzo / abitanti

4

5 5 Ricerca sullAF negli anziani della provincia di Verona prof. Dario Olivieri - Università di Verona, GSK Solo 1/6 pratica livelli sufficienti di AF; 30% si dichiara completamente sedentario Attività più frequenti: cammino, lavori domestici Correlazione positiva fra stato sociale, livello culturale e AF 17% afferma di non praticare AF per motivi di salute (problemi osteo-articolari, cardio-vascolari) Potenziale risparmio: 10 contatti/anno con MMG per i sedentari vs 7 per chi pratica livelli sufficienti di AF - si può stimare una potenziale riduzione di consulti/anno (14%) e del 20% delle visite specialistiche se si generalizzasse la pratica dellAF

6 6 Cosa possono fare i Comuni per promuovere lattività fisica Attivare una struttura mista permanente di promozione dellattività motoria e identificare almeno una unità con funzioni di riferimento ed organizzazione locale Organizzare attività, mirate soprattutto agli utenti deboli (gruppi di cammino, Pedibus, attività in palestra per anziani, attività sportive per i giovani ecc.) Provvedere alla copertura dei costi, completa o co- partecipata, riguardo a: palestre, piscine o altro; retribuzione insegnanti; aggiornamento operatori Coinvolgere gli uffici tecnici sugli aspetti relativi alla progettazione urbanistica (aree verdi, zone pedonali, piste ciclabili, strutture sportive ecc.)

7 7 The importance of the social environment for physically active lifestyle T.Stahl et alii, Social Science and medecine (52 (2001) 1-10 Il singolo elemento predittivo più importante per uno stile di vita attivo è lambiente sociale. I soggetti che avvertono un basso supporto sociale da parte del loro ambiente (famiglia, amici, scuola e posto di lavoro) si sono dimostrati sedentari in misura pari a più del doppio rispetto ai soggetti inseriti in un ambiente ad alto supporto sociale.

8 8 Capitale sociale Il capitale sociale è creato dalle interazioni quotidiane fra le persone e sviluppato in strutture quali i gruppi civici e religiosi, le reti informali della comunità e dal volontariato. Più queste reti sono consolidate e più alta è la probabilità che si instaurino modalità di collaborazione reciprocamente vantaggiose. In questo modo il capitale sociale crea salute e può valorizzare i benefici degli investimenti in salute.

9 9 The challenges of evaluating environmental interventions to increase population levels of physical activity: the case of the UK National Cycle Network D A Lawlor et alii, J Epidemiol Community Health 2003; 57: Activities that can become part of every day lifesuch as walking or cycling to work or school, are more likely to be sustained that activities that require attendance at specific venues.

10 10 I target di intervento nelle iniziative di promozione dellattività fisica con stima della numerosità degli stessi

11 11 Il problema dei numeri anziani da far muovere nella sola ASL di Verona spettatori in Arena

12

13 13 Independent Inquiry into Inequalities in Health report Chairman: Sir Donald Acheson 1998

14 14 Sebbene la mortalità generale si sia ridotta fortemente negli ultimi 50 anni persistono inaccettabili disuguaglianza nel campo della salute. Per diversi parametri sanitari, nelle ultime decadi, le disuguaglianze sono rimaste invariate o si sono dilatate. Queste disuguaglianze colpiscono lintera società e possono essere identificate ad ogni stadio della vita dalla gravidanza alla vecchiaia. Abbiamo utilizzato, in linea con il peso dellevidenza scientifica, un modello di analisi socioeconomico su salute e disuguaglianze. Un supporto reciproco in una comunità può sostenere lo stato di salute dei suoi membri anche in condizioni non favorevoli. Le disuguaglianze socioeconomiche nella salute riflettono unesposizione differenziata-da prima della nascita e per tutta la durata della vita-ai rischi associati alla posizione socioeconomica.

15 15 Suddivisione delle classi sociali in Inghilterra I professionisti Commercialisti, ingegneri, medici II prof. tecniche e manageriali Responsabili marketing e vendite, insegnanti, giornalisti, infermieri III n professionali non manuali impiegati, commessi, cassieri III m Manodopera specializzata Carpentieri, padroncini, falegnami, cuochi IV Manodopera parzialmente specializzata Guardie giurate, gruisti/carrellisti, operai agricoli V Manodopera non specializzata manovali, altri lavori, operatori delle pulizie.

16 16 TASSI DI MORTALITA CARDICA: CONFRONTO FRA LA PRIMA ED ULTIMA CLASSE SOCIALE IN INGHILTERRA

17 17 Urban residential environment and senior citizens longevity in megacity areas: the importance of walkable green spaces Takano, K et al Journal of Epidemiology and Community Health, Dec Uno studio di coorte durato quattro anni, su soggetti, a Tokio, ha dimostrato che la longevità degli anziani è positivamente correlata alla disponibilità di spazi verdi (parchi e strade alberate) predisposti per il cammino prossimi alla loro abitazione. Lassociazione è risultata indipendente dalletà, sesso, stato matrimoniale, condizione fisica di base e stato socioeconomico.

18 18 Piano per la salute del Comune di Verona - attività Piano di azione qualità dellaria Protocollo disagio abitativo Protocollo Banca dati Agenda 21 Protocollo prevenzione incidenti stradali Progetto La salute nel movimento, percorsi benessere, Pedibus, Vado a scuola da solo Progetto Verona aziende sicure Campagna informativa sullalimentazione Last minute market


Scaricare ppt "AZIENDA ULSS 20 DI VERONA Dipartimento di Prevenzione Strategie per la modifica terapeutica degli stili di vita."

Presentazioni simili


Annunci Google