La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Università degli studi di Padova Facoltà di ingegneria Corso di laurea in Ingegneria informatica, v.o. Tecniche di controllo centralizzate e distribuite.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Università degli studi di Padova Facoltà di ingegneria Corso di laurea in Ingegneria informatica, v.o. Tecniche di controllo centralizzate e distribuite."— Transcript della presentazione:

1 Università degli studi di Padova Facoltà di ingegneria Corso di laurea in Ingegneria informatica, v.o. Tecniche di controllo centralizzate e distribuite Per il comfort ambientale di Edifici civili laureando: Tosin Nora relatore: prof. LucaSchenato

2 Motivazioni ed Applicazioni onerosità crescente approvigionamenti energetici necessità riduzione consumi 40% spreco energetico dal settore delledilizia civile tendenze attuali: contenimento dei disperdimenti termici ottimizzazione delle risorse 2

3 Sistemi adottati negli edifici civili di piccole dimensioni: Sistema di termostatizzazione semplice: controllo di tipo bang-bang; cronotermostato per la programmazione oraria; comparatore ad isteresi per il segnale di retroazione. Stato dellarte in letteratura tecniche di linearizzazione via feedback con controllo: di tipo predittivo; di tipo P.I.D. Contributo del lavoro modellizazione delledificio e delle dispersioni termiche; applicazione di tre tipi controllo centralizzato locale regionale 3

4 Modello delledificio Ipotesi regime stazionario: tempearura interna costante (ambiente termostatizzato), ma condizioni esterne variabili. Temperatura: equazione differenziale del primo ordine non lineare bilancio energetico variazione dellenergia termica differenziata nel tempo come sommatoria degli scambi energetici Umidità : equazione differenziale del primo ordine non lineare basata sullequilibrio di massa. Flusso termico attraverso involucro edilizio, (murature ed infissi): U= trasmittanza termica h= coefficienti liminari per convezione k= conduttività termica 4

5 Temperatura Aria-sole: temperatura fittizia per tener conto della radiazione solare α assorbanza, I intensità radiazione solare Effetto serra: radiazione entrante tra 0.2 e 0.55μm, radiazione da oggetti e pareti interni lunghezza donda di massima emissione cira 10μm (legge di Wien) 5

6 Produzione media di vapore acqueo g/h Persone attività leggera30-60 Bagno doccia2600 Bagno vasca da bagno700 Cucina fiori5-10 Pianta da vaso7-15 apparecchio elettricocarico [Watt] televisore300 frigorifero320 congelatore540 lavapiatti50 lavatrice50 computerda 90 a 530 singola persona64 luce artificiale50 Tasso di ricambio daria differenza di pressione: vento differenza di temperatura dove: R s costante dei gas ideali per laria in J/(kgK) p m pressione media atmosferica 100 kPa Fonti interne: 6

7 Transitorio termico Le equazioni precedenti sono valide in regime stazionario. Prima approssimazione del transitorio termico: h= cofficiente diconvezione; ρ = densità c = calore specifico 7

8 Disturbi: v 1 intensità radiazione solare [W]; Ingressi: u 1 riscaldamento [W] v 2 temperatura esterna [K]; u 2 deumidificazione [gr/min] v 3 umidità esterna percentuale [grH 2 O/gr aria]; v 4 velocità del vento in [m/min]; t terreno temperatura suolo [K]. Equazioni di stato: temperatura bilancio energetico Termini non lineari 8

9 Equazioni di stato: umidità equilibrio della massa Uscite: temperatura e umidità di ogni stanza, con ritardo di misura Termini non lineari 9

10 Il controllo ottimo LQ La teoria del controllo ottimo con indice di costo quadratico permette di risolvere in modo efficiente il problema di sintesi del regolatore in sistemi multivariabili lineari, ma esso si presta anche al progetto di un sistema di retroazione per sistemi non lineari, come in questo caso, attorno ad un punto di equilibrio con lo scopo di garantire che le deviazioni da tale punto ideale restino piccole. Dato il sistema non lineare Calcolo del punto di equilibrio: Linearizzazione attorno al punto di equilibrio: con Minimizzare lindice di costo: 10

11 Date R e Q il controllo ottimo si ottiene tramite la soluzione della equazione di Riccati ad orrizzzonte infinito: Scelta di Q ed R: α i, β i coefficienti di importanza relativa x i max. u i max campi di variabilità (ammissibili o prevedibili) Correzione feed-forward: misurati disturbi esterni di umidità e temperatura usato per compensare gli effetti dei disturbi a catena aperta: 11

12 Controllo centralizzatoDeve essere disponibile intero modello, elevate dimensioni del modello; Sono disponibili tutte le misure; Controllori di dimensioni elevate; Difficile e costoso portare tutte le misure dei sensori in un unico punto di elaborazione; Problemi di affidabilità; Controllo decentralizzato Modello ridotto, più semplice; Controllori di struttura semplificata; Controllori indipendenti, meno sensibile ai guasti; Tipi di controllo applicati: ipotesi attuatore e sensore per ogni ambiente centralizzato controllore unico, riceve misure di tutti i sensori e calcola gli ingressi per gli attuatori; decentralizzato un controllore per ogni ambiente, temperatura e umidità delle stanze adiacenti non note; regionale edificio diviso in zone a cui si applica un controllore. 12

13 min Controllo centralizzatoControllo decentralizzatoControllo regionale C° min W W W Gr H2O Gr/min 13

14 Conclusioni Difficoltà nel trovare adeguati R e Q per il controllo regionale e decentralizzato; Maggiore sensibilità ai disturbi per i controlli regionale e decentralizzato, a causa del modello semplificato; Sviluppi futuri: applicazione di tecniche di controllo più avanzate, ad esempio controllo predittivo; simulazione su edifici di più grandi dimensioni. 14


Scaricare ppt "Università degli studi di Padova Facoltà di ingegneria Corso di laurea in Ingegneria informatica, v.o. Tecniche di controllo centralizzate e distribuite."

Presentazioni simili


Annunci Google