La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

ARCES -Advanced Research Centre on Electronic Systems University of Bologna - Italy Tuesday, 2 nd March 2004 Design, Fabrication and Characterisation of.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "ARCES -Advanced Research Centre on Electronic Systems University of Bologna - Italy Tuesday, 2 nd March 2004 Design, Fabrication and Characterisation of."— Transcript della presentazione:

1 ARCES -Advanced Research Centre on Electronic Systems University of Bologna - Italy Tuesday, 2 nd March 2004 Design, Fabrication and Characterisation of RF-MEMS Roberto Gaddi

2 ARCES - University of Bologna Summary Introduzione alle strutture MEMS Tecniche di fabbricazione Packaging issues Integrazione MEMS-CMOS Caratterizzazione micromeccanica Applicazioni MEMS per sistemi wireless Esempi di componenti in tecnologia MEMS Impatto a livello architetturale Simulazione circuitale comportamentale di MEMS Design a domini misti

3 ARCES - University of Bologna Definizione di MEMS o MST MST = MicroSystems Technology (acronimo Europeo) MEMS = MicroElectroMechanical System (USA) Un MicroSystem è definibile come sistema miniaturizzato comprendente più di una tra le funzioni di sensore, elaborazione e attuazione. Tipicamente comprendono il dominio fisico meccanico unito a uno o più tra i seguenti : elettrico, ottico, chimico, biologico, magnetico, … Approccio di integrazione su singolo chip o su ibridi multichip, secondo la compatibilità tecnologica materiali cristallini Utilizzo di materiali cristallini (Silicio, quarzo, vetro, semiconduttori composti quali GaAs, SiC, …), tecnologie a film sottili e litografia sub-micrometrica.

4 ARCES - University of Bologna Stato attuale Primi esempi risalgono agli anni 60, propriamente argomento di ricerca dai primi 80 (MIT, Stanford, Berkeley): disciplina giovane Grandi aziende hanno di recente introdotto i primi prodotti (Analog Devices, Agilent, Motorola, Texas Instruments, ST Microelectronics) Technology drivers: ink jet printer heads, magnetic R-W heads, automotive technology, biotechnology and biomedical, wireless and optical telecommunications (RFMEMS, MOEMS) Example apps: pressure sensors, car airbags accelerometer, stabilisers for cars and cameras, filters, switches, micromirrors for projectors and displays, ink and fuel injection, disk drivers, microfluidics, lab-on-chip…

5 ARCES - University of Bologna Metodi attuali di fabbricazione Diversi approcci alla fabbricazione di MEMS, basati sulla applicazione di processi di fabbricazione per la microelettronica alla creazione di elementi meccanici Tre metodologie principali: 1. Bulk micromachining: rimozione di parti del substrato semiconduttore per la creazione di strutture a più gradi di libertà meccanici 2. Surface micromachining: strati di materiale superficiale vengono depositati, definiti tramite litografia e rimossi senza intaccare il materiale di substrato 3. LIGA: processo ideato ad-hoc per la creazione di strutture MEMS ad alto fattore di forma

6 ARCES - University of Bologna Bulk micromachining Piani cristallini direzionano lattacco chimico Possibili strutture: travi (cantilever), membrane, masse sospese (seismic masses), cavità, trincee, ugelli… Tipicamente si utilizza un attacco chimico umido con alta selettività rispetto al materiale della microstruttura

7 ARCES - University of Bologna Alternative di bulk micromachining Attacco dalla superficie frontale (frontside): Litografia con allineamento su singola faccia Non possibili fori passanti o membrane estese Attacco dal retro del chip (backside): Litografia con allineamento su doppia faccia Possibili membrane

8 ARCES - University of Bologna Surface micromachining Il materiale strutturale viene depositato sulla superficie del substrato e processato con passi di litografia e di attacco selettivo Non viene intaccato il materiale di substrato (bulk) Il rilascio della struttura (ottenimento di gradi di libertà meccanici) avviene tramite attacco chimico selettivo di uno o più strati di materiale detti sacrificali Attacchi utilizzati possono essere sia chimico umido, per strati sottili, scarsa direzionalità e buona selettività (etching sacrificale), sia anisotropi al plasma o tipo Reactive Ion Etching (RIE) per pareti verticali ed alti fattori di forma delle cavità

9 ARCES - University of Bologna Surface micromachining Esempio di successione di passi di fabbricazione: doppio strato conduttivo di substrato e singolo strato sospeso 1. Substrato in Silicio con ossido di campo superficiale 2. Layer conduttivo in Poly-Silicio + litografia 3. Dielettrico con definizione vias di contatto 4. Metal (TiN-Al) + litografia 5. Dielettrico a bassa temperatura con definizione di vias 6. Strato sacrificale (resist) + evap. Oro + litografia 7. Attacco selettivo sacrificale e rilascio struttura

10 ARCES - University of Bologna Process inspection (at ITC-irst labs) Released devices show no major fabrication issues, e.g. stress gradient deformations or partial releases

11 ARCES - University of Bologna Series ohmic switch, interdigitated On an unusable device the plate was removed to observe underlying pads Coventor simulations of pullin give coherent results assuming the spacer flows between fingers, reducing effective electrodes-bridge distance

12 ARCES - University of Bologna Optical profilometer measurements The gold membrane profile can be monitored The removal of the bridge shows the electrodes topology

13 ARCES - University of Bologna Materiali e processi: da IC a MEMS Sia i materiali che i processi presentano una estensione rispetto a quanto proveniente dalla microelettronica standard, motivata dallo sviluppo di MEMS Materiali: 1) dalla microelettronica: Silicon, SiO 2, Si 3 N 4, SiC, diamond, metals, alloys … 2) sviluppati per MEMS: plastics, glass, ceramics, shape-memory alloys, magnetic materials, piezoelectric materials (ZnO, Lead Zirconium Titanate PZT), … Processi: 1) per IC: lithography, deposition (CVD, LPCVD), evaporation, ion implantation, wet (HF) and dry (plasma) etching … 2) sviluppati per MEMS: Deep Reactive Ion Etching (DRIE), Laser induced deposition/etching, electro-plating/etching, ultrasonic milling, electric discharge milling, molding, embossing…

14 ARCES - University of Bologna Processi di fabbricazione: LIGA LIGA: RoentgenLIthography Galvanic Abformung Tecnica avanzata ideata ad hoc per strutture ad alto fattore di forma Si crea uno stampo in materiale resist (plexiglass) sul quale si deposita il materiale strutturale Dopo la rimozione del resist resta la struttura sospesa Il fattore di forma non dipende da processi di attacco al materiale strutturale La definizione del resist è ottenuta tramite esposizione a raggi X ad alta energia Necessita di un investimento considerevole non essendo un processo microelettronico standard

15 ARCES - University of Bologna Processo di fabbricazione LIGA

16 ARCES - University of Bologna Esempio di struttura LIGA Ottenimento di alti fattori di forma e pareti ripide

17 ARCES - University of Bologna Il problema del packaging Strutture MEMS pongono tipicamente problemi di packaging differenti dagli standard microelettronici: protezione di parti meccaniche in movimento, sostanze chimiche, atmosfera controllata come umidità e pressione (risonatori, switch, …), interfaccia con lesterno (sensori di pressione, fluidica, BioMEMS, …) Lintegrazione tra MEMS ed elettronica pone inoltre vincoli di miniaturizzazione e condizionamento del segnale NOTA: dal 30% al 95% del costo totale di fabbricazione! Hermetic sealing: prevenire in modo definitivo lingresso di umidità ed altri contaminanti allinterno della cavità; in pratica non esiste, molecole di gas entrano per diffusione.. Vacuum sealing spesso richiesto

18 ARCES - University of Bologna Materiali per incapsulamento ermetico Materiali di package: 1) microelettronica a basso costo utilizza materie plastiche; 2) vetro, ceramica e metalli hanno permeabilità allumidità inferiore di ordini di grandezza rispetto alle materie plastiche Materiali per saldatura: Vetrosi: vetro-metallo oppure vetro-ceramica; chimicamente inerte, non ossidabile, isolante elettricamente, buone proprietà termiche; scarsa robustezza meccanica e alle fratture; soft-bonding utilizza vetri al piombo-zinco-borato (<420°C) Leghe metalliche: piombo-stagno con aggiunte di indio e argento per migliorare resistenza meccanica

19 ARCES - University of Bologna MEMS post-packaging Sealing ottenuto direttamente sul wafer, prima del dicing: minimizzare i rischi di contaminazione ed inclusione di corpi estranei in cavità Integrated MEMS encapsulation: processo superficiale per creare una capsula su ciascuna microstruttura sul wafer

20 ARCES - University of Bologna MEMS post-packaging by global heating PSG (phosphorous-doped glass) depositato (thick and thin) e definito tramite wet etching (buffered HF); low stress silicon nitride microshell, con plasma etched holes; concentrated HF etching of PSG; CO 2 drying; LPCVD low stress nitride deposition for sealing

21 ARCES - University of Bologna MEMS post-packaging by localized heating Avoid heating of the whole wafer by means of integrated microheaters

22 ARCES - University of Bologna Wafer-bonding Incapsulamento ottenuto tramite adesione di due wafer interi tramite preparazione opportuna delle superfici Tecniche possibili: Anodic bonding Direct bonding Fusion bonding Bulk glassThin films Plasma UHV-bond covalent Hydrophilic H-bonds Hydrophobic VdW-bonds Thermal Ar beam Chemicals Plasma UV ozone Chemicals Plasma

23 ARCES - University of Bologna Wafer-bonding Incapsulamento ottenuto tramite adesione di due wafer interi tramite preparazione opportuna delle superfici Elemento necessario polishing superficiale Anodic bonding : temperature medie (<450°C), altamente sensibile alla rugosità superficiale, ermetico, altissimi campi elettrici (proteggere circuiteria CMOS) glass silicon Campo elettrico spinge ioni ossigeno alla superficie di interfaccia, dove ossidano il Silicio incollando i due materiali

24 ARCES - University of Bologna Integrazione MEMS-CMOS 1. System-on-package: diversi substrati per microsistemi ed elettronica, combinati in fase di assemblaggio tramite chip-bonding o flip-chip 2. System-on-chip: stesso substrato per elettronica e MEMS, con problemi di compatibilità di processi Pre-CMOS: fabbricazione MEMS precede la microelettronica (problemi di contaminazioni?) Post-CMOS: MEMS tramite post-processing del wafer CMOS compiuto (compatibilità termica metallizzazioni?) Processo unificato: sviluppo di un processo ad-hoc comprendente sia microelettronica che MEMS (application specific, poco conveniente…)

25 ARCES - University of Bologna Esempio di processo Post-CMOS maskless

26 ARCES - University of Bologna Esempio di pre-CMOS fabrication

27 ARCES - University of Bologna Esempio di system on chip Oscillatore integrato basato su risonatore MEMS

28 ARCES - University of Bologna Esempio di system-on-package Soluzione necessaria dove i processi microelettronico e MEMS non sono compatibili Flip-chip sostituisce il bonding per migliorare miniaturizzazione, ridurre parassiti (applicazioni RF)

29 ARCES - University of Bologna Caratterizzazione meccanica dei materiali I processi di microelettronica tipicamente non si preoccupano della caratterizzazione meccanica macroscopica dei materiali utilizzati, bensì solo di quella microscopica (conformazione cristrallina, presenza di fratture o difetti, …) Occorre affinare processi di caratterizzazione di grandezze meccaniche quali modulo di Young (E, elasticità), coefficiente di Poisson ( ), stress residui interni (tensionale o compressivo?), densità, fratture… Inoltre la dipendenza di questi parametri va studiata rispetto umidità, temperatura, invecchiamento, … AFFIDABILITA…

30 ARCES - University of Bologna Strutture di caratterizzazione Caratterizzazione preliminare: la tecnologia viene studiata preventivamente per ottenere i valori di parametri necessari per il progetto Monitoraggio del processo: si inseriscono allinterno del layout di design strutture opportunamente studiate per verificare alcune delle quantità specifiche dei film sottili (stress residui, spessori, deviazioni litografiche…) Beam stubs Parametric Monitors: strutture progettate esclusivamente a scopo di test e non parte di una funzione pre-esistente di sistema

31 ARCES - University of Bologna Caratteristiche di elasticità (E + ) Strutture elementari tipo cantilever o film sottili, di cui si studiano le deformazioni o le frequenze naturali di vibrazione

32 ARCES - University of Bologna Stress residui interni al materiale ( ) Fondamentali per la predizione del comportamento elastico statico e dinamico di strutture a più gradi di libertà; sono compressivi o tensili Derivano dai processi di deposizione dei film sottili di materiale, comparendo spesso con gradienti verticali Stress compressivi sono tipicamente inaccettabili a causa di deformazioni di strutture a due o più vincoli Waferbow: piegamento del wafer (poco accurato)

33 ARCES - University of Bologna Stress residui interni al materiale ( ) Piegamento di ponticelli ancorati (stress compressivo) Strutture ad-hoc di caratterizzazione (Guckel-rings, gauges) per stress sia compressivo che tensionale

34 ARCES - University of Bologna Stress residui interni al materiale ( ) Strutture ad ago con effetto leva per amplificare la deformazione No stressStress TensileStress Compressivo


Scaricare ppt "ARCES -Advanced Research Centre on Electronic Systems University of Bologna - Italy Tuesday, 2 nd March 2004 Design, Fabrication and Characterisation of."

Presentazioni simili


Annunci Google