La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E SISTEMISTICA INTRODUZIONE AI D C S ALESSANDRO DE CARLI ANNO ACCADEMICO 2006-2007.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E SISTEMISTICA INTRODUZIONE AI D C S ALESSANDRO DE CARLI ANNO ACCADEMICO 2006-2007."— Transcript della presentazione:

1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E SISTEMISTICA INTRODUZIONE AI D C S ALESSANDRO DE CARLI ANNO ACCADEMICO

2 DEFINIZIONE DI UN PLC 2 INTRODUZIONE AI D C S PLC (CONTROLLORI A LOGICA PROGRAMMABILE) Definizione: SISTEMA ELETTRONICO A FUNZIONAMENTO DIGITALE, DE- STINATO ALLUSO IN AMBITO INDUSTRIALE, CHE UTILIZZA UNA MEMORIA PROGRAMMABILE PER LARCHIVIAZIONE INTERNA DI ISTRUZIONI ORIENTATE ALLUTILIZZATORE PER LIMPLEMENTAZIONE DI FUNZIONI SPECIFICHE, COME QUEL- LE LOGICHE, DI SEQUENZIAMENTO, DI TEMPORIZZAZIONE, DI CONTEGGIO E CALCOLO ARITMETICO, E PER CONTROL- LARE, MEDIANTE INGRESSI ED USCITE SIA DIGITALI CHE ANALOGICHE, VARI TIPI DI MACCHINE E PROCESSI.

3 FINALITÀ E PROBLEMATICHE 3 INTRODUZIONE AI D C S D C S (SISTEMI A CONTROLLO DISTRIBUITO) I SISTEMI A CONTROLLO DISTRIBUITI (DISTIBUITED CONTROL SYSTEM, DCS), SONO SISTEMI UTILIZZATI QUANDO IL SISTEMA DA CONTROLLORE È DI MEDIE-GRANDI DIMENSIONI GLI ELEMENTI CHE CARATTERIZZANO UN DCS SONO: I MODULI PER L'ACQUISIZIONE DATI, L'ELABORAZIONE E IL CONTROLLO SONO DISTRIBUITI IN DIVERSI PUNTI DEL SI- STEMA DA CONTROLLARE LA TOPOLOGIA DELLA RETE PUÒ ESSERE MODIFICATA, AG- GIUNGENDO O TOGLIENDO MODULI, ANCHE QUANDO IL SI- STEMA DA CONTROLLARE È IN FUNZIONE HANNO LA CARATTERISTICA DI ESSERE DISTRIBUITI GEOGRA- FICAMENTE (AD ESEMPIO: UN IMPIANTO DI RAFFINAZIONE DEL GREGGIO) UNA EFFICIENTE RETE DI COMUNICAZIONE CHE COLLEGA FRA DI LORO I VARI SOTTOSISTEMI

4 FINE LEZIONE 7 17 MAGGIO2007

5 FINALITÀ E PROBLEMATICHE 5 INTRODUZIONE AI D C S STRUTTURA I MODULI CHE REALIZZANO UN DCS SONO UNA SCHEDA CON MICROPROCESSORE E MEMORIA PIÙ DISPOSITIVI DEDICATI ALLA FUNZIONE CHE SONO DESTINATI A SVOLGERE LA STRUTTURA HARDWARE E SOFTWARE DI BASE DI UN D C S È STUDIATA IN MODO DA POTER REALIZZARE UN SISTEMA DI CONTROLLO CON CARATTERISTICHE DISTRIBUITE IN PARTICOLARE I MODULI SONO POSIZIONATI NEL SISTEMA DA CONTROLLARE IN CORRISPONDENZA DEI PUNTI IN CUI LA LORO AZIONE È NECESSARIA PER RENDERE OPERATIVA LAZIONE DI CONTROLLO UNA SCHEDA DI INTERFACCIA CON LA RETE

6 FINALITÀ E PROBLEMATICHE 6 INTRODUZIONE AI D C S IN DEFINITIVA UN D C S RISOLVE I PROBLEMI DI COORDINAMENTO E DI CONDUZIONE DEI SISTEMI DA CONTROLLARE, ATTRAVERSO VARI STRUMENTI HARDWARE E SOFTWARE INTERCONNESSI TRA LORO IL SYMPHONY CONTROL SYSTEM È UN SOFTWARE DI TIPO PRO- PRIETARIO SVILUPPATO DALLA ABB PER IMPLEMENTARE NUME- ROSE APPLICAZIONI SOFTWARE ED HARDWARE FINALIZZATE ALLA REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA CONTROLLATO ATTRA- VERSO L'UTILIZZAZIONE DI UN DISTRIBUTED CONTROL SYSTEM IL SISTEMA DA CONTROLLARE SU CUI PUÒ AGIRE IN D C S È UNA PARTE DI UN IMPIANTO O DI UN SISTEMA DI PRODUZIONE PER REALIZZARE IL CONTROLLO MEDIANTE UN D C S È NECESSARIO DISPORRE OLTRE CHE DEI MODULI HARDWARE ANCHE DEI MODULI SOFTWARE DI CONFIGURAZIONE

7 FINALITÀ E PROBLEMATICHE 7 INTRODUZIONE AI D C S SOFTWARE COMPOSER CONDUCTOR MAESTRO NT STRUTTURA DEL SYMPHONY HARDWARE HARMONY PERFORMER

8 FINALITÀ E PROBLEMATICHE 8 INTRODUZIONE AI D C S COMPOSER SYSTEM: I TOOLS DI SVILUPPO DELLE STRATEGIE DI CONTROLLO COMPOSER OFFRE UN SET COMPLETO DI TOOLS PER LA CREA- ZIONE E IL MANTENIMENTO DEL SISTEMA DI CONTROLLO SYMPHONY TALE SOFTWARE, ATTRAVERSO UN'INTERFACCIA GRAFICA, PERMETTE LO SVILUPPO DELLE AZIONI DI CONTROLLO NON- CHÈ DEI RELATIVI DATABASE E LIBRERIE SOFTWARE COMPOSER SI FONDA SU DUE APPLICAZIONI PRINCIPALI: 1 - EXPLORER 2 - AUTOMATION ARCHITECT INOLTRE SUPPORTA NUMEROSE APPLICAZIONI AGGIUNTIVE PER GLI UTILIZZATORI

9 FINALITÀ E PROBLEMATICHE 9 INTRODUZIONE AI D C S 1 EXPLORER L'APPLICAZIONE FONDAMENTALE DI COMPOSER È EXPLORER FORNISCE MEZZI INTUITIVI PER ORGANIZZARE E LOCALIZZARE LE INFORMAZIONI DI CONFIGURAZIONE DI UN SISTEMA NELL'ORGANIZZAZIONE DEL SISTEMA, LA FINESTRA DI SI- STEMA PERMETTE DI ASSOCIARE OGNI DOCUMENTO CON LE SUE FUNZIONI LA LIBRERIA DI OGGETTI PRESENTA TUTTI I COMPONENTI CHE L'UTENTE PUÒ RIUTILIZZARE PER CREARE E MODIFICARE LA CONFIGURAZIONI DEL SISTEMA E PER CONDIVIDERLE CON ALTRI UTENTI

10 FINALITÀ E PROBLEMATICHE 10 INTRODUZIONE AI D C S 2 AUTOMATION ARCHITECT È UN'APPLICAZIONE GRAFICA UTILE A CREARE, MONITORARE E SINTETIZZARE LA LOGICA DI CONTROLLO LE STRATEGIE DI CONTROLLO SONO SCHEMATIZZATE ATTRA- VERSO BLOCCHI FUNZIONALI CHE, CONNESSI TRA LORO, PER- METTONO DI DEFINIRE GRAFICAMENTE IL SISTEMA DI CON- TROLLO L'AUTOMATION ARCHITECT È INOLTRE IN GRADO DI MONITO- RARE IL SISTEMA PER OTTENERE LANDAMENTO DELLE VARIABILI DI INTERESSE DAL SISTEMA DA CONTROLLARE

11 FINALITÀ E PROBLEMATICHE 11 INTRODUZIONE AI D C S OBIETTIVI DEL COMPOSER I PRINCIPALI OBIETTIVI DEL COMPOSER SONO: QUESTI OBIETTIVI SONO PERSEGUITI UTILIZZANDO UN NUOVO TIPO DI FILE CHIAMATO CONTROL LOGIC TEMPLATES. MINIMIZZAZIONE DEI COSTI DI IMPLEMENTAZIONE DELE MODALITÀ DI CONTROLLO MASSIMIZZAZIONE DELLA QUALITÀ E DELLA EFFICIENZA DELLE AZIONI DI CONTROLLO

12 FINALITÀ E PROBLEMATICHE 12 INTRODUZIONE AI D C S COMPOSER

13 FINALITÀ E PROBLEMATICHE 13 INTRODUZIONE AI D C S DATASHEET (1)

14 FINALITÀ E PROBLEMATICHE 14 INTRODUZIONE AI D C S DATASHEET (2)

15 FINALITÀ E PROBLEMATICHE 15 INTRODUZIONE AI D C S CONDUCTOR: HUMAN SYSTEM INTERFACE IL CONDUCTOR È IL SOFTWARE CHE OFFRE ALL'OPERATORE L'INTER- FACCIA CON IL SISTEMA DI CON- TROLLO È PROGETTATO PER FACILITARE IL MONITORAGGIO, IL CONTROLLO, LA RIDUZIONE DI EFFETTI INDESIDERA- TI E L'OTTIMIZZAZIONE DEI PROCES- SI IN TEMPO REALE È DOTATO INOLTRE DI UN EFFI- CIENTE SISTEMA DI ALLERTA IN CASO DI SITUAZIONI ANORMALI NEL TRANSITORIO (AD ESEMPIO OVERLOADING).

16 FINALITÀ E PROBLEMATICHE 16 INTRODUZIONE AI D C S AREA CONTROLLER È UN NODO DI CONTROLLO PER IL SYMPHONY CONTROL SYSTEM IL CONTROLLORE PUÒ COMUNICARE CON I VARI NODI ATTRAVERSO LA RETE DI CONTROLLO (C-NET) IN QUESTO MODO ESSO È IN GRADO DI COMPUTARE ALGORITMI E GESTI- RE SEGNALI DI CONTROLLO IN INGRESSO E IN USCITA

17 FINALITÀ E PROBLEMATICHE 17 INTRODUZIONE AI D C S MAESTRO NT: INTRODUZIONE MAESTRO NT È IL SOFTWARE PRINCIPALE DI INTERFACCIA CHE IL SYMPHONY CONTROL SYSTEM METTE A DISPOSIZIONE DEGLI UTENTI

18 FINALITÀ E PROBLEMATICHE 18 INTRODUZIONE AI D C S MAESTRO NT: INTRODUZIONE MAESTRO NT COMPLETA E GESTISCE TUTTE LE FUNZIONALITÀ DEL SYMPHONY TRAMITE UN SISTEMA DI CONTROLLO A FINESTRA SINGOLA PROGETTATO PER FACILITARE IL CONTROLLO, LA GESTIONE, LA RISOLUZIONE DI PROBLEMI E L'OTTIMIZZAZIONE DI UN QUALSIASI SISTEMA DA CONTROLLARE GRAZIE AL GRUPPO DELLE SUE FUNZIONI TOTALMENTE IMPLEMENTATE SU BASE WINDOWS NT ED USANDO LA TECNOLOGIA WEB-BROWSER DEGLI APPLET JAVA ED ACTIVEX

19 FINALITÀ E PROBLEMATICHE 19 INTRODUZIONE AI D C S MAESTRO NT: INTRODUZIONE MAESTRO NT SUPPORTA QUINDI I VARI ASPETTI DEL SISTEMA DI GESTIONE AZIENDALE: CONTROLLI E DISPLAY GRAFICI ORIENTATI AD OGGETTI; IMMAGAZINAMENTO, ANALISI, TRENDING E NOTIFICAZIONE DATI; GESTIONE AVANZATA DI ALLARMI ED EVENTI; OTTIMIZZAZIONE PROCESSO; INTEGRAZIONE ALLA GESTIONE DI MANUTENZIONE; INTEGRAZIONE AL SISTEMA DI ELABORAZIONE INFORMAZIONI; INTEGRAZIONE ALL'ACCESSO ED INTERSCAMBIO DI INFOR- MAZIONI REMOTE; INTEGRAZIONE ALL'ACCESSO DELLA DOCUMENTAZIONE

20 MAESTRO NT: ARCHITETTURA SOFTWARE 20 INTRODUZIONE AI D C S MAESTRO NT: ARCHITETTURA SOFTWARE MAESTRO NT È MOLTO PIÙ DI UN SEMPLICE SOFTWARE DI INTERFACCIA......È LA SINERGIA DI PIÙ PROGRAMMI PER CREARE UN AMBIENTE DI LAVORO CHE VA BEN OLTRE AI LIMITI DI UN TRADIZIONALE HSI

21 MAESTRO NT: ARCHITETTURA SOFTWARE 21 INTRODUZIONE AI D C S HSI CONFIGURATION SERVER LUOGO PRINCIPALE D'IMMAGAZINAMENTO DEI DATI DI CONFIGURAZIONE, SIA PER I DATI CHE PER GLI OGGETTI; MODIFICHE DELLA CONFIGURAZIONE DI PROCESSO; INVIO DI DATI DI CONFIGURAZIONE AI SISTEMI RUN-TIME; TRACCIAMENTO E MANTENIMENTO DELLE REGOLE D'AFFARI PER LA GESTIONE E CAMBIO VALIDAZIONI DEI CICLI-VITA; INTERFACCIA L'ORIGINE PER L'IMPORTAZIONE DEI DATI DI CONFIGURAZIONE. MAESTRO NT: ARCHITETTURA SOFTWARE HSI FUNCTION BLOCK SERVER FORNISCE I BLOCCHI FUNZIONI CORRELATI ALLA CAPACITÀ DELLA CONSOLE HSI ATTIVA NEL CONTESTO DI UN NODO DI MAESTRO NT; FORNISCE I BLOCCHI FUNZIONE PER IL SUPPORTO DI GENERAZIONE RAPPORTI; FORNISCE BLOCCHI FUNZIONI PER LA GESTIONE DI EVENTI ED ALLARMI; FORNISCE L'ACCESSO AGLI EVENTI E I DATI CORRENTI, USANDO INTERFACCE STANDARD DCOM PER LE TAGS DEL CONTROL SYSTEM.

22 MAESTRO NT: ARCHITETTURA SOFTWARE 22 INTRODUZIONE AI D C S REAL TIME DATA SERVER PER HARMONY E MELODY FORNISCE A MAESTRO NT LA CONNESSIONE AL CONTROL SYSTEM; RIPORTA LE TAGS ED I BLOCCHI FUNZIONI DEL CONTROL SYSTEM, E LI RENDE ACCESSIBILI TRAMITE UNA INTERFACCIA DCOM STANDARD; MOSTRA I VALORI CORRENTI DELLE VARIABILI DI PROCESSO ALL'INTERNO DEL CONTROL SYSTEM, E LE RENDE ACCESSIBILI ALLE ALTRE APPLICAZIONI SOFTWARE DI SISTEMA; MANTIENE GLI STATI DI ALLARME E DI EVENTI PER I TAGS CONFIGURATI; NASCONDE LE SPECIFICHE DELCONTROL SYSTEM ALLE APPLICAZIONI CLIENT, MAPPANDO FORMATI SPECIFICI E STRUTTURE AGLI OGGETTI- MODELLO SU MAESTRO NT. HISTORIAL SERVER COLLEZIONA I DATI TREND; COLLEZIONA GLI EVENTI; COLLEZIONA I FILE; IMMAGAZINA E COLLEZIONA I DATI ONLINE; ARCHIVIA I DATI COLLEZIONATI; FORNISCE UNA INTERFACCIA PER RICHIEDRE DATI COLLEZIONATI; FUNZIONI MANUALI DI ARCHIVIAZIONE.


Scaricare ppt "UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E SISTEMISTICA INTRODUZIONE AI D C S ALESSANDRO DE CARLI ANNO ACCADEMICO 2006-2007."

Presentazioni simili


Annunci Google