La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 La razionalizzazione dei flussi finanziari infragruppo: Netting e Cash Pooling Prof. Andrea Nobili Principi di Finanza aziendale internazionale.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 La razionalizzazione dei flussi finanziari infragruppo: Netting e Cash Pooling Prof. Andrea Nobili Principi di Finanza aziendale internazionale."— Transcript della presentazione:

1 1 La razionalizzazione dei flussi finanziari infragruppo: Netting e Cash Pooling Prof. Andrea Nobili Principi di Finanza aziendale internazionale

2 2 Agenda The Management of Multinational Cash Balances Bilateral e Multilateral Netting of Internal Net Cash Flows Multilateral Netting of Internal and external Net Cash Flows (Matching) Reduction in Precautionary Cash Flows Netting e Cash Pooling: analisi costi benefici

3 3 Alcune domande preliminari: La valuta in cui detenere la liquidità Lammontare della liquidità ottima Dove detenere la liquidità The Management of International Cash Balances

4 4 La quantità ottimale delle riserve di liquidità dipende da: The cost of keeping too much cash on hand. i.e. the opportunity costs of holding cash The cost of not keeping enough cash on hand. i.e. the trading costs associated with having too little cash The variability of cash flows. The Size of Cash Balances

5 5 Opportunity Costs Trading costs Total cost of holding cash C*C* Costs in dollars of holding cash Size of cash balance The investment income foregone when holding cash. Trading costs increase when the firm must sell securities to meet cash needs. The Size of Cash Balances

6 6 La valuta utilizzata per detenere le riserve di liquidità è abitualmente quella funzionale ma può variare per ragioni di hedging o speculative. ******** La valuta delle riserve e la modalità di detenzione (decentrata o accentrata) Esiste un deposito centralizzato (Pooler) Se esiste un deposito centralizzato (Pooler) dove è più opportuno localizzarlo? Se non esiste come gestire le diverse riserve di liquidità? Si stanno utilizzando al meglio le opportunità di funding e di investimento del surplus di cassa?

7 7 Netting: Definizione e funzionamento La gestione della tesoreria plurivalutaria: Il Netting Il netting è un sistema di semplificazione e razionalizzazione dei flussi infragruppo consistente nella presentazione dei saldi debitori e creditori ad una stanza di compensazione cui partecipano le consociate. Ciascuna di esse sarà interessata da un unico flusso finanziario in entrata o uscita pari alla somma algebrica dei saldi presentati. Finanza aziendale internazionale

8 8 Situazione iniziale Flussi intragruppo e con soggetti esterni La gestione della tesoreria plurivalutaria: Il Netting Flussi intragruppo a Differenza tra totale crediti e debiti N.B. Tutti i flussi sono già stati espressi nella moneta di riferimento del gruppo (functional currency)

9 9 Finanza aziendale internazionale La gestione della tesoreria plurivalutaria: Il Netting Flussi intragruppo Regolamento partite semplice Flussi intragruppo Netting bilaterale

10 10 Finanza aziendale internazionale La gestione della tesoreria plurivalutaria: Il Netting Flussi intragruppo Netting multilaterale Flussi intragruppo Regolamento partite semplice Netting center

11 11 Finanza aziendale internazionale La gestione della tesoreria plurivalutaria: Il Netting Flussi intragruppo Netting multilaterale con cash pooling Lammontare dei flussi che devono essere regolati a livello internazionale sono aumentati (110k in luogo di 55k). E opportuno inserire un central depository (pooler)? Memo il Pooler riceve flussi per 55 e ne rimette altrettanti (Infragruppo Somma algebrica dei flussi =0) per un totale di 110k

12 12 Finanza aziendale internazionale La gestione della tesoreria plurivalutaria: Il Netting Flussi esterni al gruppo Netting delle posizione esterne al gruppo con cash pooling La centralizzazione della liquidità evita che allinterno del gruppo si creino contemporaneamente posizioni i surplus e posizioni in deficit (Memo: tasso investimento < tasso finanziamento) Le subsidiaries Canadese e UK sono finanziate dalla liquidità interna al gruppo e non devono ricorrere al mercato Memo il Pooler riceve flussi per 95k e ne rimette per 55k altrettanti per un totale di 150k

13 13 Finanza aziendale internazionale La gestione della tesoreria plurivalutaria: Il Matching Flussi intragruppo e extragruppo Matching multilaterale (netting infra ed extra gruppo) con cash pooling Le subsidiaries Canadese e UK sono finanziate dalla liquidità interna al gruppo e non devono ricorrere al mercato

14 14 Finanza aziendale internazionale La gestione della tesoreria plurivalutaria: Il beneficio del pooler Flussi intragruppo e extragruppo Matching multilaterale (netting infra ed extra gruppo) con cash pooling Grazie alla creazione di un centro pooler lammontare complessivo dei flussi è inferiore! Netting center 55k150k 140k

15 15 Finanza aziendale internazionale La gestione della tesoreria plurivalutaria: liquidità precauzionale Teoria del portafoglio e gestione della liquidità

16 16 Finanza aziendale internazionale Il vantaggio del sistema di Netting 1) Abbattimento degli oneri bancari costituiti da: - commissioni bancarie - giorni valuta - spreads denaro / lettera nella negoziazione delle divise 2) Drastica riduzione del lavoro amministrativo - un flusso per società in luogo di n - riconciliazione automatica delle operazioni 3) Riduzione delle contestazioni infragruppo 4) Rispetto delle condizioni di pagamento infragruppo 5) Rispetto delle scadenze di pagamento 6) Rispetto delle divise di fatturazione 7) Miglioramento della definizione della posizione in cambi 8) Miglioramento della gestione della liquidità infragruppo La gestione della tesoreria plurivalutaria: Il Netting

17 17 La definizione delle caratteristiche del sistema di Netting Finanza aziendale internazionale Nellimpostazione del sistema occorre essenzialmente decidere tra: 1) un sistema payable o receivable driven 2) multibanca o monobanca 3) sistema informativo interno o sistema informativo bancario 4) monovaluta o plurivaluta altri elementi caratterizzanti: 5) tipologia delle transazioni ammesse: fatture per merci, fatture per servizi, royalties, dividendi, interessi, finanziamenti, ecc. 6) utilizzo di subnetting center qualora sia utile impostare un pre-netting, a causa della molteplicità di aziende coinvolte nel sistema di netting 7) periodicità dei cicli di pagamento, quindicinali o mensili 8) ubicazione del netting center La gestione della tesoreria plurivalutaria: Il Netting

18 18 La definizione delle caratteristiche del sistema di Netting Finanza aziendale internazionale ……quindi il sistema di Netting: si differenzia dal matching, tale sistema trova il suo ambito di applicazione non solo con riferimento ai crediti ed i debiti infragruppo, ma anche, in merito ai flussi finanziari originati dai regolamenti nelle transazioni poste in essere con clienti/fornitori esterni 4 non è un cash pooling, ossia un sistema di accentramento dei saldi di c/c su un conto master con compensazione di interessi ed applicazione di condizioni omogenee e migliori 4 non è un reinvoicing center, ossia un sistema di rifatturazione in cui unentità terza subentra nei rapporti di credito / debito preesistenti assumendosi il rischio di cambio e la gestione del credito 4 non è un factoring center, ossia un sistema mediante il quale avviene la cessione di crediti / debiti pro-soluto o pro-solvendo La gestione della tesoreria plurivalutaria: Il Netting

19 19 Limplementazione del sistema di Netting: lanalisi costi/benefici Finanza aziendale internazionale La decisione di implementare un sistema di Netting deve razionalmente derivare da un accurata analisi costi / benefici. Tra i costi vanno considerati: a) costi di start-up (costo del software applicativo, installazione nelle filiali… ) b) costi di gestione ordinaria (personale ed attrezzature, spese amministrative direttamente imputabili al netting center) Tra i benefici (da intendersi come minori costi) vanno considerati: a) riduzione delle commissioni bancarie b) risparmio sugli spreads denaro / lettera sui cambi c) rispetto della valuta compensata d) riduzione del carico legato alle disposizioni bancarie e) riduzione costi amministrativi dovuti al trattamento o riconciliazione saldi f) riduzione delle dispute infragruppo La gestione della tesoreria plurivalutaria: Il Netting

20 20 Finanza aziendale internazionale 1.Società partecipanti: 10 2.Valore annuo dei flussi infragruppo: 5.000 mln di 3.Flussi netti post Netting: 2.000 mln di 4.In assenza di Netting ogni consociata effettua fino a n-1 trasferimenti di fondi mensile: (10 x 9) * 12= 1.080 operazioni annue con il Netting ogni consociata fa solo 9 operazioni mensili per un totale di 108 op. annue 1.080-108=972 minori operazioni 5.Caratteristiche del sistema - receivable driven - mono banca - sistema interno - monovaluta Dati di base La gestione della tesoreria plurivalutaria: Il Netting

21 21 Finanza aziendale internazionale Il calcolo dei benefici La gestione della tesoreria plurivalutaria: Il Netting

22 22 Costi di start up costo del software applicativo + installazione delle filiali + costo interfacce con contabilità clienti e fornitori + costo stimabile complessivo di gruppo 580 mila Costi di gestione ordinaria costo del personale + costo attrezzature + spese amministrative + costi stimabili in 200 mila Finanza aziendale internazionale Costi La gestione della tesoreria plurivalutaria: Il Netting

23 23 Finanza aziendale internazionale La gestione della tesoreria plurivalutaria: Il Netting

24 24 Finanza aziendale internazionale Le fasi operative del sistema di Netting: la fase di input Ipotesi: receivable driven netting center Interfaccia con contabilità clienti CREDITORE NETTING CENTER Flussi infragruppo mese M, M+1, …., M+4 Report anomalie nei termini di pagamento Report anomalie nelle divise di fatturazione Fatture attive emesse nel mese La gestione della tesoreria plurivalutaria: Il Netting

25 25 Finanza aziendale internazionale Le fasi operative del sistema di Netting: la fase di settlement NETTING CENTER 5. Migrazione automatica delle fatture in un periodo successivo 6. E-mail al creditore del non pagato 7. Calcolo del netting 8. Istruzioni a banche / filiali 9. Invio file delle fatture saldate Interfaccia DEBITORE 2. Riconciliazione automatica e lista non pagato 3. Fatture con flag > 4. Tutte le altre fatture Interfaccia CREDITORE 10. Saldaconto fatture attive La gestione della tesoreria plurivalutaria: Il Netting

26 Il funzionamento del Cash Pooling System SocietàABC EuroDollariYen Cambi utilizzati11,1 $/130 Y/ Saldo iniziale000 Incassi5.000 3.000 280.000 Pagamenti4.500 5.000 200.000 Sbilancio 500-2.00080.000 Trasferimento valuta domestica-500 2.000- 80.000 Saldo finale000 Trasferimento valuta Euro -5001.818-615 Società Pooled Conto Pooler Euro Saldo iniziale200 Società A500 Società B-1.818 Società C615 Saldo finale-503 Con il cash pooling una società del gruppo gestisce un conto corrente accentrato sul quale pervengono i saldi dei conti correnti di ciascuna consociata. Loperazione è in particolare diretta ad ottimizzare la gestione dei flussi finanziari e a ridurre i costi dellaccesso al credito. Occorre tuttavia considerare le delicate implicazioni contrattuali ed i profili di responsabilità civile e penale attribuibili alla società pooler. Definizione

27 I principali VANTAGGI della gestione accentrata della liquidità Risparmio nei differenziali di tasso e di cambio; Risparmi di spese e commissioni bancarie; Risparmi di gestione amministrativa e finanziaria; Efficientamento del processo di pianificazione fiscale Minor variabilità statistica dei flussi; Maggior forza contrattuale; Condizioni omogenee e facilità di controllo; Accessi a mercati altrimenti inaccessibili (contatto diretto con le sale cambi, securitization, finanziamenti strutturati; Risparmio nei costi per reperire le adeguate professionalità; Facilità nella trasmissione degli obiettivi gestionali;

28 I principali SVANTAGGI della gestione accentrata della liquidità Gestione dei rapporti centro-tesoreria (ruoli,competenze,conoscenza); Rischio della riduzione delle linee di credito per volontà interna di razionalizzazione; per capacità della banca di assicurare credito; Perdita della opportunità di sfruttamento di economie locali; Appesantimento dei flussi informativi e difficoltà comunicazionali; Definizione di un sistema di responsabilizzazione/incentivazione (prezzi infragruppo ==>> trasfer pricing)

29 Le scelte strategiche alla base della definizione del Cash Pooling CPs nozionale o reale Domestico o trasfrontaliero Monovaluta o plurivaluta Variabili altamente sensibili nella predisposizione del CPs: - valutari; - legali; - fiscali

30 Lanalisi costi benefici del Cash Pooling System Lutilità del CPs deve essere determinata sulla base di una analisi costi benefici. La modalità più corretta consiste nellutilizzo della tecnica VAN applicata: - agli oneri evitati (costo per mancato bilanciamento e costo per la mancata ottimizzazione del finanziamento e dellimpiego); - agli investimenti e ai costi di predisposizione della CPs.

31 Lanalisi costi opportunità...: il margine di bilanciamento (Base margine)X(Spread tassi) 365 M B = (50+50+90+100)X(2%) 365 M B = = 15.890 Dati in migliaia di euro

32 Lanalisi costi/opportunità...: i margini da finanziamento e impiego (Saldi netti debitori)X(Spread tassi) 365 M F = (40+30+10)X (1%) 365 = = 2.191 = 1.644 (Saldi netti creditori )X (Spread tassi) 365 M I = (80) X (0,75%) 365 1% 0,75% Dati in migliaia di euro Lapplicazione di metodologie tipiche del Cap. Budgeting stabilirà lopportunità di realizzare la struttura di gestione della liquidità….


Scaricare ppt "1 La razionalizzazione dei flussi finanziari infragruppo: Netting e Cash Pooling Prof. Andrea Nobili Principi di Finanza aziendale internazionale."

Presentazioni simili


Annunci Google