La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Corso di sistemi informativi Stima dei costi IT Alessandro Alessandroni maggio 2000.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Corso di sistemi informativi Stima dei costi IT Alessandro Alessandroni maggio 2000."— Transcript della presentazione:

1 Corso di sistemi informativi Stima dei costi IT Alessandro Alessandroni maggio 2000

2 Obiettivi delle lezioni sui costi Classificazione dei costi Definizione di metodi, criteri e tecniche per la stima Riferimenti di mercato

3 Parte 1 - Concetti generali

4 quando e perchè stimare i costi Per valutare i costi annuali dellinformatica nella predisposizione di budget e piani relativi allIT di una organizzazione per valutare i costi delle soluzioni alternative di un progetto IT da confrontare con i benefici nella stesura di uno studio di fattibilità per la valutazione economica di forniture di prodotti e servizi informatici nella fase di acquisizione (gara o trattativa privata)

5 quali costi Costi del sistema IT: valore delle risorse spese od impegnate per levoluzione e lesercizio del sistema informatico costi di un progetto IT:valore delle risorse spese od impegnate per la costruzione di un nuovo sistema, lavviamento e lesercizio costi di beni e servizi IT oggetto di fornitura: valore dei beni e servizi informatici da acquisire sul mercato

6 costi per risorsa costi delle tecnolgie (hw e sw):i costi hardware riguardano le stazioni di lavoro, gli elaboratori perferici, gli elaboratori centrali, le periferiche e gli apparati di telecomuincazione; i costi del software riguardano sia i costi del software di base, del middleware e dei pacchetti applicativi costi del personale: consistono nei costi del personale informatico dedicato ad attività di gestione operativa, di sviluppo e manutenzione delle applicazioni, di assistenza utenti amministrazione, di supporto costi dei servizi esterni per manutenzione hw, sw e delle reti, sviluppo e manutenzione sw applicativo, consulenze applicative e sistenistiche, servizi di elaborazione dati, data entry, gestione CED, help desk e assistenza utenti, altri costi: costi per immobili, materiali di consumo, telefoni e altre strumentazioni

7 costi per missione

8 costi per missione (segue) Per attività di sviluppo si intendono le attività relative a progetti che vanno ad ampliare e rinnovare il portafoglio applicativo della amministrazione o ne modifichino in modo significativo alcune parti –Il costo di costruzione rappresenta il costo necessario per ottenere un sistema da avviare. –I costi di avviamento rappresentano il valore delle attività e delle risorse necessarie per mettere in esercizio i sistemi, i costi per passare da un certo modo di operare ad uno nuovo. –I costi di sviluppo comprendono anche costi per lacquisizione di apparecchiature hw e prodptti sw aggiuntivi acquisiti per installare e/o mettere in sercizio i nuovi sistemi o per far fronte alle cresciute esigenze dei sistemi in esercizio. I costi di esercizio comprendono tutti i costi necessari per il corretto funzionamento dei sistemi e lutilizzo delle applicazioni da parte degli utenti

9 costi interni ed esterni costi interni diretti: sono i costi del personale informatico della amministrazione impegnato nelle attività di sviluppo e di esercizio del sistema. costi interni indiretti o indotti: legati alle attività svolte dagli utenti finali per attività connesse alla costruzione, avviamento e utilizzo del sistema (ad es.: il valore del tempo speso dagli utenti per partecipare allanalisi dei requisiti, caricare i dati negli archivi o istruirsi alluso dei nuovi sistemi). costi esterni: sono i costi relativi alla acquisizione di beni e servizi sul mercato

10 costi interni e costi esterni

11 costi dal punto di vista contabile Aziende industriali ed enti economici: –costi esterni: »Acquisti di beni non ammortizzabili e di servizi »ammortamenti tecnici (hw, pacchetti sw) –costi interni diretti »costi del personale (retribuzioni, contributi sociali, accantonamenti al TFR, ecc.) Pubblica amministrazione: –costi esterni: »spesa per acquisti –costi interni: »costi del personale

12 fasi della stima dei costi la stima dei costi avviene attraverso due fasi distinte: quantificazione delle risorse necessarie valorizzazione delle risorse individuate I procedimenti di stima variano a seconda del tipo di costo come è esemplificato nella tabella seguente Nota: in queso ambito non verranno trattati i criteri di dimensionamento dei sistemi

13

14 stima dei costi e piano IT Piano dei progetti Piano delle attività di esercizio Piano delle risorse (personale, infrastrutture tecnologiche, altre) Piano della spesa Costi per risorsa, per missione, ecc. Il processo di pianificazione comprende una fase di dimensionamneto delle risorse e della spesa che dimensiona le risorse della funzione sistemi (addetti, tecnologie, infrastrutture) e ne quantifica i costi a partire da un piano consolidato dei progetti in portafoglio e delle attività di esercizio (gestione e manutenzione) valorizzazione quantifica- zione

15 piano triennale AIPA costi di realizzazione prestazioni professionali studio fattibilità prestazioni professionali analisi e progettazione prestazioni professionali realizzazione sw hw –mainframe –dipartimentali –pc/ws –altre apparecchiature –altro hw sw –di base e dambiente –pacchetti applicativi –prestazioni professionali realizzazione sw –altro sw

16 piano triennale AIPA costi di realizzazione rete –apparechiature rete e cablaggio –sw rete –prestazioni professionali per rete –altro rete formazione utenti prestazioni collaudo messa in produzione –acquisto locali –acquisto impianti tecnologici –prestazioni messa in produzione –altro produzione prestazioni monitoraggio altri costi

17 piano triennale AIPA costi di gestione hw –locazione/leasing mainframe, dipartrimentali, PC/WS –locazione/leasing altre apparecchiature –manutenzione mainframe –manutenzione dipartimentali –manutenzione pc/ws –manutenzione altre apparecchiature –manutenzione altro hw sw –locazione/leasing sw base e ambiente –locazione/leasing pacchetti applicativi –manutenzione sw base e ambiente –manutenzione pacchetti applicativi –prestazioni professionali manutenzione sw

18 piano triennale AIPA costi di gestione rete –locazione/leasing apparecchiature rete –locazione/leasing sw rete –manutenzione apparecchiature rete –manutenzione sw rete –canoni linee –traffico –altro rete prestazioni esercizio sistemi –prestazioni gestione sistemi –prestazioni assistenza sistemistica –prestazioni elaborazione dati –prestazioni data entry altri costi

19 stima dei costi e studio di fattibilità Costi del progetto Costi per risorsa, per missione, ecc. Contenuti del progetto di massima: specifiche applicative specifiche tecnologiche avvio del nuovo sistema formazione e assistenza utenti impegni di esercizio e manutenzione make or buy (piano acqusizioni) La studio di fattibilità fornisce tutti gli elementi dimensionali, quantitativi e qualitativi, relativi alle risorse necessarie sia per la realizzazione del progetto che per lavviamento e lesercizio. Fornisce inoltre indicazioni sulla attività che conviene affidare allesterno. Per la stima dei costi occorre individuare le principali voci di costo (analoghe al piano) ed esplicitare le modalità di stima utilizzate per ciascuna voce. quantifica- zione valorizzazione

20 stima dei costi esterni e acquisizioni Capitolati tecnici: quantità da acquisire requisiti funzionali e prestazionali livelli di servizio Prezzi delle singole componenti e importo della fornitura valorizzazione quantificazione risorse

21 conoscenza del sistema e accuratezza della stima Piano budget studio fattib. acquisizione

22 il TCO La metodologia del total cost of ownership è stata sviluppata principalmente per confrontare e valutare tecnologie e architetture alternative prendendo in considerazione tutti i costi connessi con lacquisizione, gestione e manutenzione di un sistema o sottosistema informatico durante la sua vita utile (3-5 anni) Sono disponibili in letteratura analisi del TCO relativi sia a interi sistemi informatici che a singole componenti quali pc, LAN, sottosistemi a disco, mainframe, server Unix o NT, ecc.

23

24 TCO per PC/LAN Componenti di costocosto annuo $% –hw e sw del desktop –supporto tecnico desktop –amministrazionedesktop 954 –operazioni utente finale totale dektop7.589 –hw e sw LAN 585 –supporto tecnico LAN 671 –amminisatrzione LAN 315 –utente finale LAN 708 costi totali LAN2.279 costi totali9.868

25 sviluppi della metodologia del TCO White paper on Gartner Groups Next Generation Total Cost of Ownership Methodology aggiunta della complessità dellambiente e dei livelli di servizio (allaumentare della complessità aumenta il TCO) aggiunta della tipologia di utenti (con utilizzo di una parte di client diversi dal pc per utenti con minori esigenze in termini di funzionalità) aggiunta delle best practices (adottando best practices e opportune tecnologie è possibile ridurre il TCO fino al 30% con aumneto utilizzo delle funzionalità e della soddisfazione degli utenti) aggiunta del rischio (la riduzione del rischio può comportare un aumento del TCO)

26

27 riduzioni del TCO variando il mix di client

28

29 Parte 2 - Stima delle diverse componenti di costo

30 2.1 Hardware

31 due classi di hardware Prodotti per i quali esiste un ASP (AVERAGE SELLING PRICE) per unità prestazionale –MAINFRAME (prezzo per MIPS) –SOTTOSISTEMI A DISCO (prezzo per GB) –MEMORIA CENTRALE (prezzo per MB) Prodotti per i quali la valutazione viene fatta sulla base del prezzo di listino per fascia prestazionale o per la specifica configurazione (base + componenti) + sconto volume –PERSONAL COMPUTER (DESKTOP E PORTATILI) –WORKSTATION –SERVER –STAMPANTI –ALTRO HW

32 Hardware – Mainframe

33 Il mercato dei mainframe: i fornitori fornitori di sistemi IBM e compatibili: –IBM –PCM (Hitachi e Amdahl) fornitori di altri sistemi –Unisys –Bull (GCOS 8) –Siemens (BS2000)

34 prezzo per MIPS Prezzi: dal 1993 la IBM non pubblica più prezzi di listino vengono pubblicati prezzi medi di vendita (asp) per MIPS rilevati dagli information provider (Gartner Group, Metagroup, Sievers Consulting, ec.) per configurazioni medie: –10-15 Mb di memoria centrale per MIPS e 0,5-0,75 canali per MIPS (Gartner Group) –10 Mb di memoria centrale e 0,2 canali per MIPS (Sievers Consulting) MIPS: vengono stimati dagli information provider per ciascun modello distinzione per tecnologia (ECL, CMOS, ACE)

35 prezzi medi di vendita in Europa (fonte: Sievers Consulting)

36 costo totale mainframe (escluso personale)

37 Mid-Market Values of IBM's Large Systems

38 Cost Per Configured OS/390 MIPS

39 Hardware – Sistemi intermedi

40 Il mercato dei sistemi midrange (dipartimentali e server) Sistemi proprietari (OS/400 e VMS) fino a tpm con costo minimo per tpm di 128$ sistemi UNIX - RISC fino a tpm con costo minimo per tpm di 50$ sistemi Windows NT- Intel al massimo tpm TPC con 4 Pentium e costo per tpm di 18$

41 Server Revenue by OS UNIX WINDOWS ALTRI

42 Indici di prestazione dei sistemi midrange Non può essere utilizzato come indice di prestazione il MIPS che è un valido indice di confronto allinterno di una stessa architettura (mainframe) ma che può portare a grossi errori se utilizzato per confronti tra architetture diverse quali i sistemi midrange le prestazioni di un sistema multiuser e multitasking sono determinate oltre che dalla potenza del processore anche dalle caratteristiche architetturali (velocità del bus, caching, sottosistema I/O, ecc.); in una configurazione bilanciata di mainframe (1-1,5 canali per MIPS) circa il 25% del prezzo della unità centrale è dovuta al sottosistema di I/O lindice prestazionale più utilizzato per sistemi UNIX e NT è il numero di transazioni al minuto tpm-TPC-C

43 benchmark TPC-C è un benchmark nato per testare le caratteristiche dei sistemi in ambiente OLTP (on line transaction processing) dove è richiesto un rapido accesso in lettura e scrittura ai database che contengono le informazioni aziendali di riferimento anche se tali indice è influenzato dal tipo di DBMS utilizzato nei test e dalla configurazione adottata (tipo host o client-server) è al momento il più utilizzato nei risultati dei benchmark pubblicati dal TPC vengono indicati per ciascun sistema: configurazione, tpm, e prezzo in $ per tpm calcolato sulla base dei prezzi dellhw, del sw e della manutenzione per 5 anni

44 risultati benchmark TPC-C (ordinati per tpm e per $/tpm)

45

46 stima dei prezzi di sistemi midrange stima di massima –prezzo per utente o per fascia di utenti (funzione del tipo di impiego del server) –prezzo per unità prestazionale (ad esempio tpm TPC-C) stima dettaglio –prezzo di listino della specifica configurazione + sconti volume

47 prestazioni massime dei sistemi server per un Single SMP-Style RDBMS Server (fonte: Gartner Group che suggerisce un numero di utenti inferiore del 50% ai valori massimi indicati)

48 prezzi medi di sistemi midrange per fascia di utenti (configurazioni per applicazioni OLTP)

49 server: prezzo per utente (OLTP)

50 prezzi di listino dei sistemi intermedi per diverse configurazioni

51 sconti per dipartimentali e server % % %

52 Hardware Personal computer

53 i pc: fasce entry-level: per normali applicazioni di automazione di ufficio (videoscrittura, piccoli fogli elettronici, non frequenti accessi a database, emulazione di terminale) media: per utenti evoluti che utilizzano frequentemente fogli elettronici e database, preparano presentazioni grafiche alta: utilizzazioni speciali per attività di editoria elettronica, sviluppo applicazioni, gestione grandi database o grandi modelli su foglio elettronico, grafica ad alta risoluzione, produzione di applicazioni multimediali, ecc.

54 Configurazione consigliate pc desktop (Gartner Group) ott

55 configurazioni consigliate pc desktop gen 1999 (Gartner Group)

56 fasce di pc (INTEL) Q299Q398Q498 Q199 Pentium II processor 333 MHz Celeron processor 66MHz FSB 300A MHz Celeron processor 66MHz FSB 366/333 MHz Celeron processor 66MHz FSB 300 MHz Celeron processor 66MHz FSB 333/300A MHz Celeron processor 66MHz FSB 333 MHz Celeron processor 66MHz FSB 333 MHz Pentium® II processor 100MHz FSB 450 MHz Pentium II processor 100MHz FSB 400 MHz Pentium II processor 100MHz FSB 450/400 MHz Pentium II processor 100MHz FSB 450/400 MHz Pentium II processor 100MHz FSB 350 MHz Pentium II processor 100MHz FSB 400/350 MHz Katmai 100MHz FSB 450 MHz Katmai 100MHz FSB 500 MHz Celeron processor 66MHz FSB 366 MHz Pentium II processor 100MHz FSB 400 MHz Katmai 450 MHz Pentium II proc. 450 MHz Pentium II processor 100MHz FSB 400 MHz Pentium II processor 100MHz FSB 450 MHz Pentium II processor 100MHz FSB 450 MHz Katmai 100MHz FSB 500 MHz Katmai 100MHz FSB 500 MHz Sys Price (w/o monitor) Professional >$2.5K Mainstream Performance 3 $ K Mainstream Performance 2 $ K Mainstream Performance 1 $ K Basic Business PC 2 $900-1,200 Basic Business PC 1 <$900

57 Sconti volume pc

58 fasce e prezzi notebook (ott.1997)

59 Hardware altre componenti

60 dischi RAID per mainframe Prezzo per Gb che varia in funzione: del numero di Gb acquistati della modalità di scelta del contraente (gara o trattativa privata) del tipo di protezione (RAID1 più costoso ma più performante del RAID5) della configurazione, orientata alla capacità o alle prestazioni (dipende dalla quantità di memoria cache per Gb, capacità dei singoli dischi, numero di controller, ecc.)

61 prezzi dei dischi (Source: GartnerGroup)

62 Average Price per Effective Mbyte

63 Dischi SCSI per server NT e UNIX La fascia più bassa di prezzo è costituita da dischi non protetti. Aggiungendo protezione, disponibilità e prestazioni il prezzo può aumentare di due o più volte. La fascia media di prezzo comprende attualmente prodotti quali Amdahl LVS, CLARION 3000, HP Model 12H, MTI 3200 and Sun A3000. La fascia alta di prezzo è caratterizzata da sottosistemi con funzionalità avanzate del controller e grandi capacità di cache; comprende ad oggi i sistemi EMC Symmetrix, HDS 7700E, Sun A7000 e IBM VSS. Alcuni di questi sottosistemi possono essere connessi a mainframe S/390. I sottosistemi per server hanno in genere capacità inferiore a quella di sottosistemi per mainframe e pertanto lincidenza del controller sul prezzo unitario per Gb è maggiore. A fine 1998 il prezzo per Gbyte fisico varia da 350 a 700 DM, i prezzi per Gbyte utile variano da 800 DM per grandi sottosistemi a DM per piccole configurazioni. Inserire 29 ottobre 1998 Gartner Group

64

65 dischi ottici da 12 Sono stati considerati i sistemi di registrazione e lettura di dischi Worm da 12 e da I dischi ottici da 12 hanno la capacità di memorizzazione in linea di cui necessitano i grandi sistemi di archiviazione di immagini di documenti e altri dati. La maggior parte dei sistemi da 12 contengono da 2.18 GB a 5,6 GB in un volume in linea pari a circa pagine compresse. Un sistema juke-box da 100 dischi può contenere fino a 12 milioni di pagine. Un sistema da 12 costa solo 0,06$ per megabyte di disco più 5.79$ per megabyte di capacità in linea.

66 dischi ottici da 5.25 I dischi ottici da 5.25 forniscono un mezzo di memorizzazione più versatile, perchè possono essere sia worm che riscrivibili, ma con minore capacità e un maggiore costo per bit rispetto ai 12. Il tempo di accesso è minore di quello dei dischi ottici da 12 avvicinandosi, in alcuni casi, alla velocità dei dischi fissi magnetici. La capacità in linea dei dischi da 5.25, e di conseguenza dei juke- box sono da un quarto a un ottavo inferiori alla capacità di sistemi a 12 con costi molte volte maggiori. Un disco da 5.25, considerando entrambi i lati del disco costa $0,37 per megabyte più 9,17$ per megabyte di capacità in linea. I più recenti dischi ottici da 5.25, non ancora disponibili, contengono oltre 1GB.

67 Dischi ottici

68 librerie robotizzate E difficile definire una misura comune per misurare il rapporto prezzo/prestazione del mercato dei sottosistemi a nastro. Ci sono tre possibili criteri: prezzo per unità di trasporto (unità di lettura/scrittura) prezzo per cartuccia prezzo per capacità lorda

69

70 fasce di stampanti laser

71 Stampanti laser Le stampanti laser sono i principali strumenti per la produzione di stampe da parte degli utenti finali. Sono state individuate due fasce di stampanti per uso individuale e due per quelle di workgroup. Per ciascuna fascia è stato indicato il prezzo medio di listino a settembre 1998 relativo a stampanti in bianco e nero, formato A4, risoluzione 600x600 (fonte Sirmi): fascia bassa con velocità di circa 8 pagine al minuto (prezzo medio di listino lire) fascia alta: stampanti da 12/16 pagine al minuto (prezzo medio di listino: lire) fascia bassa: stampanti per produrre documenti consistenti da 24 pagine al minuto ( A4/A3 e f/r). fascia medi/alta: stampanti da 40 ppm, 32 Mb RAM, A4/A3 e F/R (prezzo lire)

72

73 Stampanti ink-jet e ad aghi Ink-jet 80 colonnr-colori ( lire) ink-jet 132 colonne ( lire) 24 aghi colonne cps ( lire) 24 aghi colonne cps ( lire) 24 aghi colonne - > 600 cps ( lire)

74

75 stampanti di linea 400 ppm9,5 ML di lire 800 ppm15,5 ML di lire 1200 ppm22,4 ML di lire

76 stampanti: sconti medi unitàsconto medio % % % > %

77 Cablaggi

78 cablaggio LAN: componenti passivi comprende i materiali e la installazione delle LAN per una piccola e semplice installazione con L5 doppino o UTP il costo è di $ per pdl in molte installazioni i costi variano da 200 a 300 $ per posto di lavoro e possono arrivare fino a 1000$ in casi complessi con uso di fibra ottica.

79 LAN: componenti attivi Fonte: Sievers Consulting

80 Caso di studio sistema con 100 utenti Server OLTP Server di rete Ret e 80% medio livello 20% elab. complesse

81 Caso di studio server Numero di utenti Server applicativo Server di rete Totale server Sconto 15%

82 Caso di studio postazioni utente 80 PC mainstream 1500 E x 80 = E 20 PC power user 2250 E x 20 = E 100 stampanti laser (individuali) 500 E x 100 = Totale postazione utente Sconto 25%

83 Caso di studio cablaggio 250 punti rete 100 x 250 = porte Switched Fast Ethernet 145 x 120 = x 120 = Totale cablaggio 42000

84 Caso di studio sistema con 100 utenti Sintesi dei costi hardware Server Personal computer e stampanti Cablaggio Totale hardware (544 Milioni di Lire)

85 2.2 prodotti sw

86 Stima dei costi dei prodotti software La stima dei costi dei prodotti software si presenta complessa: per la elevata modularità con la quale vengono offerti i prodotti, difficoltà di valutare le carattestiche funzionali e prestazionali di prodotti concorrenti, le differenti formule di pricing legate al tipo e potenza della piattaforma hardware, al numero di utenti nominali o concorrenti, ecc.

87 Stima dei costi dei prodotti software Le stime di massima possono essere effettuate secondo due criteri principali : mettendo in rapporto il prezzo delle licenze software al prezzo della piattaforma hardware alla quale sono destinate: questo criterio di stimare il costo del software come percentuale del costo dellhardware è adeguato soprattutto per il software di base e dambiente; sulla base di un prezzo unitario per utente: tale criterio è il più adeguato per il software applicativo e per alcuni prodotti middleware. Una stima di dettaglio non può che fare riferimento ai prezzi di listino degli specifici moduli da acquisire e agli sconti praticati sul mercato.

88 sw di base e dambiente: mainframe il sw comprende sistema operativo, DBMS, TP monitor, strumenti di sviluppo, supporto alle reti geografiche, ecc. viene fornito in locazione con canoni mensili (MLC: monthly licence charge) stima di massima: –costo annuo per MIPS (funzione decrescente della capacità) basato su rilevazioni o su listini prezzi –% del valore dellhw stima di dettaglio: –canoni mensili del listino del fornitore per i singoli prodotti con riferimento al gruppo sw e al tipo di licenza

89 Software di base e dambiente per Mainframe F Costo per MIPS F Percentuale del valore dellhardware

90 canone annuale per sw di base e dambiente (licenze IBM e manutenzione ISV) Fonte: elaborazioni su dati Gartner Group

91 landamento del prezzo normalizzato (1= 60 MIPS) di una tipica suite software per MVS in funzione della potenza installata

92 rapporto del costo del software, riferito ad una suite tipo di prodotti, rispetto al costo dellhardware in funzione della potenza di elaborazione del sistema (fonte Metagroup)

93 F Percentuale del valore dellhardware F 15% - 25% F Altri software, valutazione separata F DBMS F Ambienti di sviluppo F Altro Software di base e dambiente per Sistemi intermedi

94 sw di base e dambiente per open systems Server Unix un set standard di sw comprende: –sistema operativo Unix –compilatore C –file systems –sw di gestione del sistema stima di massima del costo:dal 15 al 25% della spesa hw (fonte IDC 1995) altri prodotti sw: DBMS, strumenti di sviluppo sw

95 dbms in passato due fasce: –alta: enterprise –bassa: workgroup tendenza è verso un unico prodotto per UNIX e NT: –prezzo di listino della licenza lire per utente concorrente con sconti fino al 70-80% (oltre 1000 copie) –manutenzione: il costo varia a seconda del livello di servizio: »8 ore x 5 giorni: 18-20% del prezzo di listino »24 ore per 7 giorni: 23-25% del prezzo di listino

96 prodotti di network e system management in ambienti distribuiti prezzo del sw scontato: –per 1500 utenti: 1050$ per utente –per utenti: 460$ per utente –per utenti: 330$ per utente implementazione e personalizzazione: dal 20 al 120% del costo del sw hw: dal 10 al 200% il costo di manutenzione annuo: 18% del prezzo di listino Fonte: Metagroup

97 costi di soluzioni di network e system management

98 strumenti di sviluppo applicativo Possono variare da un semplice linguaggio 4GL a uno strumento CASE e di test a una sistema integrato di strumenti CASE con generatori di codice che coprono lintero ciclo di vita di una applicazione –primo caso: 300$ a sviluppatore concorrente –secondo caso: $ a sviluppatore concorrente –terzo caso: $ a sviluppatore concorrente

99 pacchetti applicativi (ERP) e servizi di implementazione Costo delle licenze dei pacchetti: –I prezzi delle licenze dipendono dai moduli acquisiti e dal numero di utenti che li utilizzano. Per contratti con almeno 500 utenti i prezzi per utente variano da – lire. –Gli sconti rispetto ai listini variano dal 15 al 50%, ma per i contratti superiori a miliardi di lire si raggiungono sconti superiori scendendo al di sotto di lire per utente (per tutte le categorie) costo dei servizi di implementazione: –i servizi comprendono: parametrizzazione e personalizzazione del pacchetto, integrazione con il sistema informativo, messa a punto e avviamento del sistema, formazione dei tecnici e degli utenti –il costo di implementazione varia da 2 a 4 volte il costo delle licenze –le tariffe delle figure professionali coinvolte variano da lire/gg a lire/gg mautenzione licenze –pari al 15% del valore delle licenze

100 software per client Il sistema operativo è compreso nel prezzo di acquisto pacchetto di office automation (word processing, foglio elettronico, programma di presentazione): –prezzo di listino lire con sconti del 50% per oltre 1000 licenze pacchetto di groupware –prezzo analogo al pacchetto di office software per comunicazione con host –prezzo di 100$ per client

101 2.3 prestazioni professionali e servizi

102 erogazione di un servizio risorse umane Tecnologie (hw, sw) complessità dell'ambiente livelli di servizio Volume (fattore dimensionale) servizio (organizzazione e processi)

103 stima dei costi dei servizi SERVIZI VALUTABILI A PERCENTUALE –monitoraggio (% dell' importo del contratto) –manutenzione hw (% del valore dell'hw) –manutenzione sw (% del valore del sw) SERVIZI VALUTABILI in base allOUPUT (output e prezzo) oppure (output, produttività e tariffe) –sviluppo e manutenzione sw (costo per fp o loc sviluppato o mantenuto) –data entry (costo per carattere registrato) –help desk (costo per chiamata) –formazione (costo per giorno/aula o per giorno/partecipante) –outsourcing del CED (costo per MIPS) ALTRI SERVIZI (dimensionamento risorse e tariffe) –gestione pc/LAN, ced, rete geografica –outsourcing della rete, desktop, ecc. –assistenza allavviamento

104 tecniche per la stima dei costi Le principali tecniche utilizzate per la stima dei costi sono: lesperienza personale di uno o più esperti la stima per analogia la stima per mezzo di procedure ingegneristiche (standard) la stima con tecniche statistiche

105 Servizi informatici Quali servizi Di applicazione software Di prodotti software Di prodotti hardware Manutenzione

106 canoni di manutenzione hw: % del valore di acquisto mainframe: –I canoni sono diminuiti nel tempo e per i modelli più recenti (CMOS) sono intorno a 35$ per MIPS per mese pari a una incidenza percentuale sul prezzo di acquisto del 5-6% allanno. sistemi midrange –mediamente 6% (con variazione dal 7% al 5% passando dalla fascia bassa a quella alta) personal computer –mediamente 6% (anche in questo caso maggiore su modello entry level e inferiore su fascia alta) stampanti: dal 12 al 14% Nota: per pc e stampanti in grandi volumi (>2000 pezzi) i canoni annui variano da lire fino a minimo lire a pezzo)

107 canoni di manutenzione hw Sottosistemi a disco: –il canone mensile di listino è pari a 8$ per Gb pari a circa lire per Gb allanno apparecchiature di rete: router –manutenzione dellhw: 12% del prezzo di listiino può essere ridotto del 2-4% sulla base del volume –manutenzione sw: 5% del prezzo di listino dellapparecchiatura.

108 costo manutenzione mainframe e dischi

109 manutenzione pacchetti sw (canoni annui in % del prezzo di acquisto) livello base(aggiornamenti e correzioni di errori) 12% con servizio telefonico di supporto (5gg/set, 8 h/gg) 14-15% con supporto telefonico (24 h/gg per 7gg /set) e accesso a documenti su problemi e soluzioni, formazione e addestramento:17-18% come il precedente + rapporti personalizzati, gruppo di supporto a richiesta: 21%

110 Realizzazione di studi di fattibilità Sviluppo software Formazione e addestramento Collaudo e messa in produzione Monitoraggio Servizi informatici Quali servizi Progettazione e sviluppo

111 studio di fattibilità Lesperienza porta ad indicare un periodo variabile da uno a quattro mesi per la durata delle attività relative ad uno studio, periodo che ovviamente varia in relazione alla complessità e alle dimensioni del progetto da analizzare. Questa durata è da intendersi come durata netta, ossia non comprensiva di eventuali fasi iniziali di conferimento dellincarico e di avvio dei lavori e di eventuali fasi finali di esame, valutazione e accettazione del lavoro da parte del committente. Limpegno complessivo necessario alla produzione dello studio di fattibilità può variare dal doppio a quattro volte la durata temporale dello stesso. Questo significa che è da prevedersi limpegno medio per lintera durata del lavoro di due-quattro persone.

112 sviluppo sw applicativo La costruzione del software si articola in diverse fasi. Nel modello di costi del piano esposto in precedenza i costi di sviluppo sono articolati in quattro voci corrispondenti a quattro fasi del ciclo di vita del software, avviate dopo lo studio di fattibilità, mediante le quali si arriva fino al rilascio in esercizio delle applicazioni. Le voci di costo sono nellordine: costi di analisi e progettazione costi di realizzazione costi di collaudo costi di messa in produzione

113 sviluppo sw applicativo Esistono vari metodi di stima dei costi di sviluppo del software. Le principali tecniche utilizzate per la stima dei costi sono: lesperienza personale di uno o più esperti; la stima per analogia; la stima per mezzo di parametri standard di produttività; la stima con tecniche statistiche (ad es. modello COCOMO) Negli ultimi due casi occorre preventivamente disporre di stime delle dimensioni dei programmi, valutate secondo opportune metriche, e quindi si possono applicare solo dopo che il nuovo sistema è stato definito nelle sue componenti. In fase di pianificazione, per i progetti per i quali non sono stati effettuati gli studi di fattibilità, si può ricorrere soltanto ai primi due metodi.

114 sviluppo sw applicativo il costo complessivo è dato da: dimensione della applicazione(in PF o LOC)/produttività x tariffa media o costo standard del lavoro dimensione: –per poter stimare la dimensione in modo ragionevole occorre avere una descrizione sufficientemente dettagliata delle caratteristiche del sistema da realizzare –nelle fasi alte del ciclo di vita (piano) è difficile che si disponga di informazioni dettagliate che permettano lapplicazione di tecniche per la stima dellimpegno di sviluppo basate sui punti funzione o sulla determinazione delle linee di codice da sviluppare; la valutazione dei costi si basa in questo caso sullanalogia con precedenti realizzazioni –nello studio di fattibilità si dovrebbe arrivare a stimare la dimensione della applicazione da realizzare preferibilmente secondo la tecnica dei punti funzione

115 (segue) sviluppo sw applicativo –La tecnica dei punti funzione, introdotta da Allan J. Albrecht nel 1979 presenta il vantaggio di essere indipendente dalla piattaforma, dal linguaggio e dallambiente –Questa metrica si applica una volta che è stata elaborata lanalisi funzionale del sistema e quindi gli elementi fondamentali che ne costituiscono la visione esterna (pannelli, tabulati, archivi) sono noti. –E basata su tabelle che assegnano un peso a ciascuno dei cinque elementi fondamentali costituenti il sistema: internal logical file (ILF) external interface file (EIF) external input (EI) external output (EO) external inquiry (EQ) –Ciascun elemento viene pesato in modo diverso a seconda che sia valutato semplice, medio o complesso (sulla base di apposite tabelle). Nella tabella seguente è riportato lo schema di calcolo degli UFP.

116 Calcolo degli UFP (Unadjusted Function Points) TipoBassa MediaAltaTotale EI EO EQ ILF EIF … x 3 … x 4 … x 3 … x 7 … x 5 … x … x 5 … x 4 … x 10 … x … x 6 … x 7 … x 6 … x 15 … x 10 = = = = = Totale UFP.…..…..…..…..…..….

117 Corrispondenza tra FP e linee di codice Linguaggioistruzioni per FP livello 1 generazione generazione generazione generazione generazione 570 Assembler3201 C1282,5 Cobol II1073 C visual basic sql 1325

118 il modello di valutazione dello sviluppo applicativo FP x prezzo per FP (lire/FP) UFP x VAF unadjusted function points value adjustment factor (variabile da 0,65 a 1,35) basato su14 General system characteristics 1/produttività (FP/MU) x tariffa media (lire/MU) + altre risorse

119 il fattore di aggiustamento Si calcolano quindi gli Adjusted Function Points (FP) del sistema moltiplicando gli UFP per il fattore di aggiustamento, compreso tra 0,65 e 1,35. Il fattore di aggiustamento viene calcolato sulla base di 14 caratteristiche generali del sistema alle quali viene assegnato un punteggio su una scala da 0 a 5 a seconda della influenza del fattore sulla complessità del sistema (0 = nessuna influenza e 5 = elevata influenza): aggiornamento interattivo complessità elaborativa riusabilità facilità di installazione facilità di gestione operativa molteplicità di siti facilità di modifica comunicazione dati distribuzione della elaborazione prestazioni utilizzo intensivo della configurazione frequenza delle transazioni inserimento dati interattivo efficienza per lutente finale

120 produttività –i principali fattori che influenzano la produttività sono: linguaggio di programmazione piattaforma tecnologica classe di rischio dellapplicazione qualità attesa complessità e innovazione del problema da risolvere dimensione delle applicazioni esperienza del team di sviluppo metodologia di lavoro utilizzo di strumenti CASE grado di riuso di funzionalità già esistenti. –occorre basarsi su risultati di attività di benchmarking (ad es. ISBSG)

121 benchmark ISBSG

122

123 Caso di studio Calcolo dei FP per una piccola applicazione (EIF = 2) (EI = 10) (EO = 15) (ILF = 5) (EQ = 20) Complessità bassamediaaltaElementoNumero 131ILF5 011ELF2 442EI10 663EO EQ20

124 Caso di studio Calcolo dei FP per una piccola applicazione BassaMediaAltaElemento 131ILF 011ELF 442EI 663EO 1442EQ P P P N Unadjusted FP Calcolo degli UFP

125 Caso di studio Calcolo dei Function Point comunicazione dati distrib. elaborazione prestazioni utilizzo intensivo frequenza transazioni ins. dati interattivo efficienza Complessità elaborativa aggiornamento interattivo riusabilità facilità di installazione facilità gest. operativa molteplicità di siti facilità di modifica FP = 254 * (65+44)/100 = 254 * 1,09 = ~ 277

126 Caso di studio Determinazione dei costi FP = 277 Piattaforma midrange - calcolo impegno e costi Impegno = 277 * 5,5 h/p =~ 1520 h/p = 190 g/p Costo = 190 * 300 = Piattaforma midrange - calcolo diretto dei costi Costo = 277 * 250 =~

127 formazione e addestramento riguarda sia gli utenti finali che il personale informatico è legata allavvio di nuovi progetti (per gli utenti finali e personale IS) o allaggiornamento professionale (per il personale IS) i corsi possono essere corsi a calendario (per addestramento su prodotti sw e formazione su tematiche generali) o corsi su commessa

128 quantificazione fabbisogni formativi e stima di massima dei costi utenti finali (da 0 a 12 gg/anno: media 5 gg/anno) costo medio 150$ giorno allievo personale di sviluppo supporto e gestione (ottimale gg/anno: media 6 gg) costo medio 320$ per giorno allievo; il training del personale IS per nuovi ambienti può comportare anche 30 gg per senior 1° anno, per altri, in media 20 gg

129 modalità di stima dei costi costo annuo di formazione per persona (2-3 milioni di lire per utente finale) giorni di formazione annui previsti x costo per giorno allievo sulla base di un piano di formazione stima del costo dei corsi a calendario e dei costi di progettazione e di erogazione dei corsi a commessa

130 corsi su commessa i corsi su commessa sono dedicati a personale di una specifica società o ente sono i tipici corsi relativi allutilizzo di applicazioni sviluppate su commessa sono economicamente e didatticamente preferibili ogni qualvolta il corso interessa un numero elevato di utenti che possono partecipare contemporaneamente possono riguardare corsi a calendario o corsi che per la loro specifictà non possono essere mesi a calendario possono essere svolti presso la sede del cliente o presso la sede della società di formazione possono essere personalizzati in termini di contenuti e di durata in funzione delleesigenze dellutente indici per stima di massima: costo per giorno/aula e costo per giorno/ allievo

131 costi dei corsi su commessa sono funzione della natura del corso (complessità e specificità), durata del corso e numero di edizioni, la sede (presso il fornitore o presso il cliente), il numero e caratteristiche dei kit didattici da distribuire, eventuale esigenza di trasferte dei docenti costo di progettazione –1/produttività progettazione x giorni di corso x tariffa media dove produttività progettazione = giorni di progettazione /giorni di corso(=0 per addestramento su prodotti standard o formaizone su temi generali 1-5 nel caso di addestramento su applicazione custom o formazione tematica su temi specifici del cliente) costo di erogazione –costo comprende: docenti, materiale didattico, aula, trasferta –giorni aula x tariffa docente lire/GU (da a per formazione su prodotti da per formazione tematica + giorni aula x costo aula (da lire/gg a lire/gg) + materiale didattico x n. partecipanti

132 il prezzo dei corsi a calendario presso un fornitore per utenti finali corsi introduttivi generali e addestramento su prodotti office: lire al giorno per informatici su prodotti e/o su tematiche informatiche: lire al giorno a seconda della diffusione e complessità del prodotto/ambiente e della complessità tematica

133 nuove modalità di formazione computer based training (CBT) –CBT offerti sul mercato: i prezzi variano da per i CBT relativi allutilizzo di prodotti di produttività individuale a circa di lire per CBT relativi ad ambienti di sviluppo o problematiche complesse. Questi prodotti sono soggetti a sconti volume –CBT realizzati su commessa: il costo per la realizzazione è valutato in media pari a 30 gg/persona per ogni ora di fruizione del corso multimediale con tariffa giornaliera di di lire; sulla produttività media indicata incidono le caratteristiche dellapplicazione quali numero di colori,% di grafica, risoluzione, suono, tipo di percorso didattico, interattività, test, simulazione, animazione formazione a distanza

134 costi del monitoraggio La incidenza del servizio di monitoraggio decresce allaumentare del valore e della durata del contratto monitorato, mostrando un comportamento asintotico: infatti, la complessità e lonerosità dello svolgimento delle attività di monitoraggio decresce, in parte, con la pratica, una volta messa in piedi la struttura di verifica, La incidenza del servizio di monitoraggio cresce invece allaumentare della complessità dei servizi monitorati, che influenzano la difficoltà delle relative attività di verifica e la complessità e frequenza delle verifiche ispettive da svolgere. Per una stima di massima si può assumere che lintervallo dellincidenza, nel caso di monitoraggio di complessità media, sia compreso tra circa lo 0.7 e il 5% del valore del contratto da monitorare. Il valore massimo corrisponde a importi contrattuali di alcuni miliardi di lire ed il valore minimo si può considerare come il valore dellasintoto per importi superiori a 500 miliardi di lire. Il rapporto tra costo del monitoraggio nel caso di complessità massima e costo nel caso di complessità minima, a parità di importo e durata contrattuale, si può assumere pari a 2.

135 manutenzione sw applicativo principali categorie: –correttiva: risoluzione di problemi –migliorativa: miglioramento delel prestazioni e dellusabilità –adeguativa: adegaumento allevoluzione dellambinete tecnologico –evolutiva: per adattare la procedura alle nuove esigenze degli utenti e a cambiamenti id normativa; comporta laggiunta, il cambiamento ed eventualmente la rimozione di funzionalità consideriamo le prime tre categorie (manutenzione MAC); la manutenzione evolutiva può essere valutata in modo analogo allo sviluppo indice di massima per la MAC: impegno da 1/7 a 1/10 dellimpegno in sviluppo applicativo

136 (segue) manutenzione sw applicativo Secondo Boehm (1981) limpegno in manutenzione è proporzionale sia alla dimensione del progetto che alla entità dei cambiamenti apportati ai programmi. La formula proposta, che rientra nel modello di stima COCOMO, è la seguente: PMM = ACT x PM dove PMM è il numero di persone/mese dedicate alla manutenzione nel corso di un anno; ACT rappresenta il cosiddetto Annual change traffic, ovvero una misura dellentità delle modifiche, determinata come rapporto tra istruzioni nuove o riscritte rispetto al numero totale di istruzioni; infine PM rappresenta limpegno (espresso in termini di persone/mese) necessario per sviluppare il progetto. Lo stesso autore suggerisce una serie di fattori correttivi che hanno lo scopo di adattare la formula alle caratteristiche dellambiente di riferimento quali: tipo e dimensione del progetto, livello di esperienza degli addetti, strumenti tecnici impiegati ecc.

137 (segue) manutenzione sw applicativo Il costo della manutenzione MAC può essere valutata sulla base della dimensione del parco applicativo da mantenere e del costo del personale o delle tariffe professionali nel caso di servizi esterni la dimensione può essere valutata in linee di codice o in punti funzione la produttività della manutenzione MAC dipende principalmente da: –manutenibilità delle applicazioni –livelli di servizio richiesti –conoscenza delle applicazioni e dellambiente da parte del personale incaricato della manutenzione

138 (segue) manutenzione sw applicativo Per applicazioni legacy scritte in COBOL i valori della produttività relativi alla manutenzione MAC si attestano intorno alle LOC mantenute per anno uomo. Un altro fattore di aleatorietà che rende difficile la stima dei costi di manutenzione si riferisce alla distribuzione degli impegni lungo lintera vita del prodotto software. Il valore di produttività indicato in precedenza riguarda linsieme degli interventi di manutenzione MAC e deve essere considerato come un valore medio lungo larco di vita di una applicazione.

139 (segue) manutenzione sw applicativo

140 Di un CED Dei server centralizzati Dei sistemi distribuiti Delle reti geografiche Servizi informatici Quali servizi Gestione e conduzione

141 personale per gestione CED Indicatore : persone per MIPS con distinzione tra personale operativo e personale tecnico-sistemistico minimo medio massimo –operatori0,060 0,215 0,472 –sistemisti (servizi tecnici)0,240 0,100 0,216 –totale0,098 0,315 0,630 il numero di operatori per MIPS decresce al crescere della dimensione del CED (vedi grafico successivo) relazione tra personale sistemistico e complessità del sw di base e dambiente (misurata dai canoni sw) altri fattori che influenzano il dimensionamento: –livelli di servizio e qualità dei processi –numero di sottosistemi supportati –utilizzo della capacità produttiva –tipologia del carico di lavoro (batch, interattivo, online) –volumi di stampe, montaggio nastri, ecc. –grado di automazione

142

143 personale operativo medio per MIPS Fonte: Gartner Group e Metagroup

144 costo dei servizi tecnici per MIPS in relazione al costo del SW Fonte: Gartner Group

145 Personale per gestione server (AS/400, Unix, NT, ecc.) Indicatore: persone per server intervallo: 0,3-2 (0,6 per complessità media) Fattori di complessità –maturità piattaforma –fascia di prestazioni del server –numero di piattaforme diverse o sistemi operativi –tasso di cambiamento dei server

146 gestione pc/LAN Indicatore : persone di supporto per utente –servizi tecnici –supporto utente/help desk –pianificazione e sviluppo –operazioni –finanza e amministarzione range: (utenti per persone di supporto) il numero del personale di supporto per utente cresce al crescere della complessità del sistema (vedi grafico successivo)

147 informatica distribuita: fattori di complessità Applicazioni –critiche a livello di azienda –critiche a livello dipartimentale –produttività individuale Tecnologie –n. Piattaforme –tasso di rinnovamento –% connessione in LAN –utenti mobili –% di C/S – e groupware Supporto –Dipsersione degli utenti –livelli di servizio (availability, tempi di ripristino, ecc.)

148 Utenti per staff di supporto

149 staff per gestione server NT

150 gestione WAN Personale di staff (direzione e amministrazione, attività operative, help deske change management, pianificazione, supporto sistemistico) per device (terminali, stampanti, server, porte dial-up, ecc.) 1,7 ogni 1000 device con un costo per device di circa (con tariffa annua di $ o 140 milioni di lire) fattori di complessità: –n. Protocolli –numero di siti –ridondanza –SLA (availability, tempi di risposta, MTTR, contingency requirements)

151 tariffe professionali: area sviluppo e manutenzione sw composizione media dello staff per un progetto di medie dimensioni: –capoprogetto: 10% –analista, sistemista: 20% –programmatore: 70% tariffe di mercato: –programmatore: lire/gu –analista lire/gu –capo progetto lire/gu

152 le tariffe variano in funzione di: –esperienza della specificica persona e della qualità della società di appartenenza –particolari conoscenze richieste in relazione allambiente del cliente –area geografica –entità dellimpegno (giorni, mesi o anni uomo) e durata del contratto –acquisizione a gara o a trattativa privata –disponibilità di personale non impegnato –rischio di commessa –interesse strategico per il fornitore

153 tariffe professionali altre aree area assistenza sistemistica –sistemista senior lire/gu –sistemista –sistemista junior area gestione CED –operatore senior –operatore assistenza e formazione –assistente, addetto help-desk –formatore consulenza –consulenza IT

154 Servizi informatici Quali servizi ……………… Data entry Outsourcing del CED Altri

155 outsourcing del CED Full service: al fornitore vengono affidate tutte le attività informatiche dalla messa a disposizione, conduzione e gestione della infrastruttura informatica, alla conduzione funzionale delle applicazioni esistenti e allo sviluppo di nuove applicazioni (prezzo per MIPS: milioni di lire allanno) Facility management: il fornitore mette a disposizione un ambiente elaborativo di potenza predeterminata e del software di base e dambiente necessario allesercizio delle applicazioni che è a cura dellutente (prezzo per MIPS: milioni di lire allanno)

156 Costo medio dei CED

157 CED:Budget prima e dopo loutsourcing

158 data entry i servizi di data entry vengono valutati in lire a caratter registrato e controllato su supporto magnetico valori medi di mercato: –3 lire per carattere nel caso di caratteri alfanumerici –4 lire a carattere nel caso di caratteri numerici nel caso in cui i dati da registrare siano contenuti allinterno di documenti e debbano essere ricercati i costi possono aumentare; per una stima più accuarata occorre fare delle prove per verificare la produttività la acquisizione di documenti tramite scanner varia con la dimensione e le caratteristiche dei documenti e leventuale esigenza di predisporre una scheda di riferimento; si può assumere 200 lire per pagine in formato A4

159 appendice: cenni sul costo dei siti web

160 Classificazione siti web (fonte: Gartner Group)

161 Metriche dei siti web I siti possono essere classificati in base al trasferimento di dati e al volume di dati, usando metriche quali gli hit per giorno e le pagine per sito. Un hit è una richiesta di informazioni dal client al server. Può essere un documento in linguaggio HTML, una immagine grafica o un altro elemento della pagina. Gli elementi variano nel formato, ma nella vasta maggioranza variano da 5 kbyte a 50 kbyte, concentrati intorno 10 kbyte. Nelle analisi del traffico dei siti, gli hit al giorno vengono sostituiti dalle pagina viste e dal numero di visitatori, metriche più importanti per i modelli di business orientati alla pubblicità. Altre metriche orientate alla prestazione sono il throughput (cioè, byte al secondo), gli utenti simultanei e le richieste di protocollo di trasferimento HTTP al secondo.

162 Architettura dei siti web

163 Siti web: alcuni dati

164 World Wide Web/Applications Hosting costi di hosting sono basati su 4 criteri fissi e uno variabile. I criteri fissi sono: The server - whether shared, dedicated or multiple The Internet connection speed The amount of data storage The amount of data retrieved

165 tre fasce di costo These items result in three levels of service and three cost ranges: Passive Web sites on a shared server are $3,600 to $7,200 per year Basic electronic commerce Web sites that allow order taking cost $40,000 to $96,000 per year Transaction-processing Web sites that tie in with back-office databases start at about $200,000 per year

166 costo variabile The variable criteria is the amount of change to the Web site. A set amount of updates is included in the fixed-cost items but, after those levels are reached, a high amount of changes can double costs for passive Web sites and increase them 20 percent to 30 percent for higher-end sites.

167 Il costo di un sito per e-commerce

168 spec - web

169 fine


Scaricare ppt "Corso di sistemi informativi Stima dei costi IT Alessandro Alessandroni maggio 2000."

Presentazioni simili


Annunci Google