La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

SILSIS UNIVERSITA di PAVIA LABORATORIO DIDATTICO DELLE SCIENZE SPERIMENTALI A0 60 I anno I semestre Docente A. Colli Materiale di lavoro ad uso interno.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "SILSIS UNIVERSITA di PAVIA LABORATORIO DIDATTICO DELLE SCIENZE SPERIMENTALI A0 60 I anno I semestre Docente A. Colli Materiale di lavoro ad uso interno."— Transcript della presentazione:

1 SILSIS UNIVERSITA di PAVIA LABORATORIO DIDATTICO DELLE SCIENZE SPERIMENTALI A0 60 I anno I semestre Docente A. Colli Materiale di lavoro ad uso interno dei tirocinanti SILSIS Alcune parti potrebbero provenire da fonti non citate Mi scuso per eventuali errori ortografico o di sintassi

2 QUARTO INCONTRO 15 febbraio Esposizione da parte di corsisti della loro Analisi di un progetto. ALTRE STRATEGIE per un apprendimento significativo: DIDATTICHE COLLABORATIVE Luscita didattica ed il laboratorio una strategia peculiare delle discipline scientifiche Le intelligenze multiple Come fare a rendersi conto se lalunno ha imparato? Questionari, discussioni, verifiche formative e sommative

3 ECOLOGIA IL FIUME UN ESEMPIO DI PERCORSO 1 ora: questionario iniziale con domande aperte 2 ore: discussione con gli alunni delle risposte date loro al questionario iniziale 3 ore: lezioni teoriche 1 ora: lezione dialogata usando diapositive in PowerPoint, 1 ora: lezione con laiuto di un esperto sullimportanza di un corso dacqua e lo studio della sua funzionalità L3 ore aboratorio attivo presso il fiume Vernavola (PV) con la collaborazione del prof. Sconfietti e costruzione dellIFF grazie ad una scheda compilata dagli alunni. 1 ora: verifica finale con domande chiuse e aperte 1 ora: discussione in classe delle risposte alla verifica

4 CONCETTI Lecosistema e la sua complessità popolazione comunità nicchia ecologica habitat biodiversità produttori, consumatori e decompositori la rete alimentare successioni primarie e secondarie il ciclo del carbonio

5 1.Come si nutrono le piante? 2.Alcune piante riescono a vivere nel deserto dove può non piovere per molti anni. Come te lo spieghi? 3.In un prato ideale ci sono: vegetazione che copre il terreno, muffe, batteri e animaletti detritivori che decompongono i resti di animali e piante, lepri che mangiano lerba, volpi che mangiano le lepri etc. Cosa succederebbe se lerba del prato seccasse? e se non ci fossero più volpi o lepri? Cosa succederebbe se mancassero gli organismi detritivori? 4.In un bosco naturale si spezza un ramo e cade in terra. Cosa trovi dopo: un anno, 10, 100? Motiva la risposta. 5.Alcune piante che condividono lo stesso ambiente con molte altre producono delle sostanze chimiche che limitano la crescita delle piante vicine. Come te lo spieghi? 6.Se si taglia un bosco e si lascia il luogo incustodito cosa ti aspetti che ci sia dopo: un anno, 10, 100? 7.Secondo te le risaie pavesi sono sempre esistite? motiva la risposta. 8.Secondo te come si fa dallEuropa a capire che la foresta amazzonica (che si trova in Sud America) si sta riducendo? 9. Nel deserto del Sahara sono stati ritrovati disegni preistorici che ritraggono uomini che cacciano nella savana. Come te lo spieghi?

6 POSSIBILI OSTACOLI QUALI STRATEGIE?

7 POSSIBILITAPOSSIBILITA PROGETTI… PROGETTI ANCHE IN LINGUE STRANIERE CLIL

8 Apprendimento cooperativo Studio di casi /cases/case.html 150essay.shl Problem solving Didattica laboratoriale e narrativa Dalla rete nsione/Ascensione%20commento.htm ex.htm

9 COOPERATIVE LEARNING APPRENDERE AD INSEGNARE IN MODO COOPERATIVO

10

11 I GRUPPI COOPERATIVI SI CARATTERIZZANO PER ESSERE

12 IL DOCENTE: DEFINISCE I CONCETTI STRUTTURANTI VERIFICA COSA SANNO GLI ALUNNI ORGANIZZA I GRUPPI STRUTTURA LE FASI DIDATTICHE STABILISCE I CRITERI DI VERIFICA ORGANIZZA TEMPI E SPAZI

13 FASE 1 (10 minuti) PRESENTAZIONE DEL LAVORO ALLA CLASSE CONSEGNA DEI COMPITI INDIVIDUALI DEFINIZIONI DEI COMPORTAMENTI

14 FASE 2 (5 minuti) LAVORO INDIVIDUALE ELABORAZIONE DI UNA IDEA ELABORAZIONE DI UNA PROPOSTA

15 FASE 3 (5/10 minuti) LAVORO IN COPPIA CORREZIONE VICENDEVOLE DEFINIZIONE DEI PROBLEMI ELABORAZIONE DI UNA SOLUZIONE SODDISFACENTE

16 FASE 4 (30 minuti) LAVORO IN GRUPPO definizione dei ruoli discussione sulle soluzioni trovate nella fase precedente elaborazione della soluzione in gruppo

17 FASE 5 (10/15 minuti) PRESENTAZIONE Preparazione della presentazione in ogni gruppo Esposizione dei lavori

18 FASE 6 (10 minuti) Riflessione di gruppo sul lavoro svolto Feed-back sul percorso compiuto Rinforzo positivo sui comportamenti efficaci osservati Proposta di un compito relativo al problema risolto

19 FASE 7 (20 minuti) LAVORO DI GRUPPO Discussione comune sul problema posto Elaborazione di una soluzione accettata da tutti Verifica che tutti abbiano compreso le motivazioni della soluzione

20 FASE 8 (20 minuti) REPORTING Presentazione dei lavori Linsegnante raccoglie le varie soluzioni Fornisce il feed- back a quanto svolto

21 FASE 9 (ad libitum) VALUTAZIONE Verifica individuale attraverso schede di lavoro simili a quelle utilizzate nellattività di gruppo Valutazione del lavoro di gruppo assegnando punteggi

22 PROCONTRO Molti significativi apprendimenti e comprensioni profonde derivano da conversazioni, dibattiti. Il tradizionale contesto educativo istituzionale rende difficile creare validi gruppi di collaborazione. Può aiutare a sviluppare abilità di problem solving, perché permette di interiorizzare i processi cognitivi impliciti nell'interazione e nella comunicazione. Può essere difficile costringere e mantenere valide discussioni di gruppo costruttive. Permette di condividere prospettive diverse, obbliga a esplicitare e comunicare le proprie conoscenze e idee agli altri, oralmente o per iscritto. Anche in situazioni in cui il team work e la collaborazione sono accettati, l'esperienza di lavorare e di apprendere in gruppo può essere vista come dispendiosa, frustrante in termini di tempo e conflittuale. Il fatto di sentirsi parte di un gruppo può avere un alto valore motivante In molte attività si richiede di lavorare in gruppo ed il successo dell'attività dipende soprattutto dalla collaborazione con i colleghi. Fuori delle agenzie educative molti apprendimenti sono il frutto di informali interazioni di gruppo e del supporto offerto dai pari e dai colleghi.

23 BUONE PRATICHE _esperienza=BDP-GOLD E71 La generazione spontanea della vita: educazione alle scienze e approccio sperimentale P. MARTINETTI Liceo scientifico VIA MONTELLO, N.29 Comune: CALUSO prof. Maria Grazia Gillone La generazione spontanea della vita" è l'argomento utilizzato per proporre attività di insegnamento che aiutino gli allievi a comprendere come lavorano gli scienziati, lavoro che è caratterizzato da un "approccio scientifico", che consiste nell'interrogare la natura organizzando sperimentazioni nel corso delle quali essi intervengono su fenomeni o processi per saggiare l'accettabilità delle proprie congetture interpretative. I problemi che gli studiosi si posero nel corso dei secoli possono essere utilizzati come "situazioni problematiche" da proporre agli allievi, in modo che questi possano diventare "attori" del processo di apprendimento. DOCUMENTO 1 DOCUMENTO 1 (da scaricare) DOCUMENTO 2DOCUMENTO 2 (da scaricare)

24 … l'insegnamento della scienza non è più l'esposizione di un unico punto di vista, quello degli scienziati odierni, ma diventa un confronto tra parecchi punti di vista, compresi quelli degli allievi; in altre parole, le idee degli scienziati del passato e quelle degli allievi attuali sono messe sullo stesso piano. Tale passaggio ad una pluralità di spiegazioni possibili dei fenomeni studiati presenta un innegabile vantaggio a livello educativo. Infatti, questa strategia didattica è focalizzata non tanto sulla «trasmissione», da parte degli insegnanti, dei «prodotti» della scienza, quanto piuttosto sulla comprensione della «spiegazione concettuale» e sulla sua giustificazione. Detto in altri termini, nell'approccio costruttivista e cognitivista all'apprendimento/insegnamento delle scienze, lo scopo non è tanto trasmettere agli allievi concetti e modelli mediante definizioni, quanto piuttosto fare in modo che siano consapevoli dei problemi che hanno portato gli scienziati a proporre concetti e modelli e dei modi di ragionare con i quali hanno giustificato queste loro proposte. In questo modo si favorisce non soltanto l'apprendimento della scienza, ma anche l'apprendimento a proposito della scienza, in quanto gli allievi devono affrontare interrogativi sul «come si forma il sapere scientifico» e sul «come scegliere tra punti di vista diversi». DESCRIZIONE DELLESPERIENZA DESCRIZIONE DELLESPERIENZA (da scaricare)

25 DOMANDE, DOMANDEDOMANDE LA SCIENZA E ANCHE NARRAZIONE? RACCONTI TEATRO

26 E PER SAPERE SE IL TUTTO HA AVUTO SUCCESSO VERIFICHE VALUTAZIONE INDAGINE PISA df

27 . la valutazione La valutazione, finalizzata all'analisi della qualità, dell'adeguatezza e dell'efficacia di un processo formativo. Operazioni della valutazione possono essere l'accertamento, la verifica, il monitoraggio La valutazione può essere: - formativa, con funzioni di tipo diagnostico, orientativo e di correzione; si effettua durante l'apprendimento e ha lo scopo, da una parte, di definire il punto di partenza (diagnosi dei requisiti) per la programmazione didattica, dall'altra, di conoscere e far capire allo studente la sua situazione - sommativa, per accertare la situazione finale; inevitabilmente tende ad assumere una funzione "fiscale" e si conclude con la formulazione di un voto o di un giudizio. In alcuni modelli può accertare la padronanza (Mastery Learning). Quella quantitativa tende ad effettuare una misura "oggettiva" mediante valutazioni docimologiche rigorose Quella qualitativa usa invece un approccio olistico e induttivo: tiene perciò più conto dell'individuo rispetto a quella quantitativa.

28 La verifica dell'apprendimento è, contemporaneamente, anche verifica dell'insegnamento ed è più efficace ed utile se è di tipo formativo, poiché permette un progressivo e continuo affinamento della didattica. La verifica si può effettuare mediante relazioni sugli esperimenti, prove oggettive e strutturate, saggi pratici e, soprattutto, attraverso il colloquio continuo fra docente e studenti. In particolare si possono proporre relazioni scritte (rapporti), domande aperte, domande strutturate e problemi, ma anche test a scelta multipla, vero/falso, a completamento, a correlazione, ecc. I test, dal punto di vista della valutazione, hanno caratteristiche di oggettività decisamente superiori e possono essere gestiti anche da un computer; tuttavia essi hanno il difetto di non considerare l'individuo e le sue competenze che non siano quelle esaminate direttamente E ANCORA…. RIPROPORRE IL QUESTIONARIO INIZIALE REALIZZARE MAPPE ALL INIZIO, IN ITINERE; ALLA FINE DI UN PERCORSO E CONFRONTARLE

29 PER ESAME scegliere un tema individuare i concetti indispensabili preparare una mappa esperta preparare un miniquestionario o predisporre una strategia per analizzare cosa sanno già gli alunni e quali eventuali misconoscenze hanno ipotizzare alcuni possibili ostacoli scegliere strategie opportune per superarli (almeno tre) sviluppare almeno un laboratorio con scheda per linsegnante, scheda per lalunno, condizioni di fattibilità, metodo di verifica preparare una possibile verifica formativa e una sommativi Esaminare criticamente un progetto relativo allinsegnamento delle scienze. (per lorale) CONSEGNA ITINERARIO DIDATTICO il Durante lesame orale sarà discusso lITINERARIO DIDATTICO (il perché della scelta, tipo di scuola, esportabilità, condizioni di fattibilità, eventuali vincoli, innovazione ) ed illustrato il progetto


Scaricare ppt "SILSIS UNIVERSITA di PAVIA LABORATORIO DIDATTICO DELLE SCIENZE SPERIMENTALI A0 60 I anno I semestre Docente A. Colli Materiale di lavoro ad uso interno."

Presentazioni simili


Annunci Google