La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Istituzioni di Filosofia (III) LErmeneutica Filosofica Giacomo Romano a. a. 2006/2007: 3° Quarto, Modulo II Introduzione alla Filosofia Teoretica.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Istituzioni di Filosofia (III) LErmeneutica Filosofica Giacomo Romano a. a. 2006/2007: 3° Quarto, Modulo II Introduzione alla Filosofia Teoretica."— Transcript della presentazione:

1 Istituzioni di Filosofia (III) LErmeneutica Filosofica Giacomo Romano a. a. 2006/2007: 3° Quarto, Modulo II Introduzione alla Filosofia Teoretica

2 2 Ermeneutica Filosofica έρμηνεύειν (hermeneuin) = interpretatio interpretazione: risalire da un segno al suo significato Accezioni diverse di interpretazione in Platone (Repubblica, Teeteto, Ione)* e Aristotele**; Tommaso con interpretatio si riferisce alla elucidazione dei significati oscuri di un testo

3 3 Linterpretazione delle Sacre Scritture Nella cultura cristiana medievale la pratica di elaborazione dei significati (allegorici, metaforici, simbolici ecc.) delle Sacre Scritture è applicata ad ogni manifestazione culturale Lopera di interpretazione si confonde facilmente con labuso di una lettura di significati riposti nei testi, che spesso ne complica la comprensione

4 4 I limiti dellinterpretazione La Riforma Protestante (1517) nel suo messaggio di rinnovamento denuncia gli eccessi e larbitrarietà delle interpretazioni dei testi sacri E promosso un nuovo atteggiamento per la lettura della Scrittura (sola scriptura), che deve aderire allo spirito originario diffuso dai Testi con maggiore attenzione filologica e storica Una dottrina dellinterpretazione meno esoterica si presta ad una applicazione anche a contesti diversi rispetto ai testi biblici

5 5 Linterpretazione di Schleiermacher Per Schleiermacher ( ) linterpretazione non è solamente dei Testi Sacri, ma di ogni testo il cui significato non sia perspicuo Il senso celato di un testo è tale per ragioni linguistiche, storiche e culturali, non per ragioni divine! Ma qual è il lavoro dellinterprete? Ricostruire il senso che lautore voleva dare alla sua opera oppure è lecito anche conferirle altri sensi alla luce della riflessione sulla distanza che da essa ci separa? Linterpretazione dunque diventa esegesi fondata su un sapere storico-culturale

6 6 Dilthey e lo Storicismo (Tedesco) Wilhelm Dilthey ( ), filosofo e storico tedesco, si impegna in un programma di fondazione del sapere storico (1883) Perché il sapere storico è così importante per Dilthey e lo Storicismo Tedesco? Lo Storicismo Tedesco si sviluppa come una delle reazioni al Positivismo del XIX secolo, che aveva messo in crisi lautonomia del pensiero filosofico tradizionale

7 7 Il Positivismo Auguste Comte ( ) fonda una nuova concezione della filosofia ( ), che deve rivolgersi allunica vera fonte della conoscenza La filosofia dunque perde la sua autonomia e si deve fare promotrice dellunico sapere effettivamente valido, quello scientifico Anche la dimensione umana deve essere studiata con i medesimi criteri scientifici (Sociologia)

8 8 Lo Storicismo (Tedesco) Il realismo storiografico (anti-romantico) Tedesco della seconda metà dell 800 mostra che anche gli studi storici sono rigorosi MA la ricerca storica non può essere svolta con la medesima metodologia delle scienze Cè infatti una differenza fondamentale, qualitativa oltre che quantitativa, tra scienze umane (storiche) e scienze naturali

9 9 Lo Storicismo di Dilthey Dilthey accentua la distinzione tra Naturwissenschaften e Geisteswissenschaften Riconosce una differenza ontologica tra loggetto delle Scienze della Natura e le Scienze dello Spirito: le Scienze dello Spirito studiano lesperienza umana concreta nella storia Le Scienze della Natura spiegano (causalmente), le Scienze dello Spirito comprendono

10 10 Spiegazione e Comprensione La spiegazione scientifica si avvale di generalizzazioni universali (scienze nomotetiche) La comprensione si fonda sulla capacità di rivivere le esperienze (Erlebnisse) degli uomini Lo studioso delle scienze umane applica una forma di conoscenza differente rispetto a quella scientifica, perché egli appartiene al medesimo genere del suo oggetto di studio, un soggetto attivo, non inerme

11 11 Dilthey, padre dellErmeneutica Linsistenza sulla affinità tra soggetto e oggetto implica che nel momento in cui il primo è rivolto al secondo partecipa della sua esperienza Cè interpretazione ogni qualvolta in cui si studia un ambito in cui è coinvolta lattività umana I fatti degli uomini si conoscono mediante un processo empatico a priori La comprensione è relativa (coscienza storica)

12 12 Heidegger e la svolta esistenziale M. Heidegger ( ) coglie nellinterpretazione il significato ontologico, oltre che metodologico, della condizione umana: siamo in quanto comprendiamo, e la nostra comprensione determina il nostro essere La comprensione è a fondamento di ogni attività umana (anche della scienza)

13 13 Heidegger e il primato della comprensione La possibilità di comprendere un fenomeno si fonda solamente sulla pre-comprensione che ne abbiamo (Ermeneutischer Zirkel) Il sapere scientifico non gode di questa peculiarità, non si fonda su sé stesso, ma su un altro sapere La pre-comprensione è la condizione per la consapevolezza del nostro esser-ci, ma noi ci troviamo gettati in questa dimensione già data Il veicolo della pre-comprensione è il LINGUAGGIO: lessere è linguaggio e il linguaggio plasma lessere

14 14 Linguaggio e interpretazione Nellattenzione al linguaggio lErmeneutica Filosofica (non biblica, giuridica, ecc.), in quanto teoria generale dellinterpretazione, preserva lo spirito delle origini In un certo senso tutto è linguaggio per lErmeneutica, e come tale deve essere interpretato (cfr. il biblico In principio era il Verbo). Ogni elemento della nostra ontologia è interpretabile come un testo scritto.

15 15 Storia e interpretazione Linterpretazione dellEssere, dei fenomeni, del mondo, dipende dalla storia LEssere infatti è sempre storicamente determinato, relativo a contingenze storiche LEssere è sempre storicamente compreso, relativo ad interpretazioni storicamente relative LEssere dunque dipende dalla storia sia per la sua relatività temporale che epistemologica

16 16 La pre-comprensione Tutto ci è comprensibile perché tutto ci è in qualche modo reso comprensibile dal linguaggio che permea la nostra facoltà di comprensione Il linguaggio è costituito e costituisce la nostra storia, la cultura di cui facciamo parte, determina anche le nostre capacità critiche Nel momento in cui ci accingiamo ad affrontare un determinato problema ne abbiamo già una forma di comprensione (cfr. Sein und Zeit, incipit)

17 17 Il Circolo Ermeneutico La pre-comprensione si auto-fonda su una circolarità naturale dellinterpretazione Il fatto di sapere (riconoscere) implicitamente quello di cui si sta parlando è una forza del linguaggio e dellinterpretazione E una forma di conoscenza per analogia e identificazione (cfr. Empedocle: Il simile conosce il simile)

18 18 Caratteristiche della comprensione Proprio in quanto la comprensione è fondata sulla circolarità consente di cogliere lessere nella sua limitatezza storica Il linguaggio dà sempre dellEssere unimmagine incompiuta; e lindagine ermeneutica non è mai compiuta, ma è sempre in divenire, come del resto lEssere stesso, che non è ipostatizzabile Bisogna ricordare che linterpretazione è funzionale alla comprensione delle differenze, che sono rese accessibili grazie alla partecipazione ad un sostrato comune

19 19 Gadamer e la comprensione come pratica Come procede la comprensione ermeneutica? Soprattutto con H. G. Gadamer ( ) lermeneutica assume i connotati di una interpretazione linguistica e culturale pratica: si tratta di una interazione linguistica e culturale che sviluppa una fusione degli orizzonti culturali Non cè però una specifica metodologica ermeneutica, non cè una tecnica

20 20 Phrónēsis e Ermeneutica La comprensione è una capacità tacita, non articolabile proposizionalmente e non deducibile teoricamente; la si acquisisce con la Coscienza Storica e una assimilazione dei gesti degli altri Come tale la comprensione è una conoscenza affine alla phrónēsis aristotelica, una saggezza insieme teoretica e pratica che consente di intrattenere con laltro una relazione dialettica

21 21 Ermeneutica e relativismo Lermeneutica, soprattutto nella versione proposta da Gadamer, è una pratica aperta dellinterpretazione generale Ma non cè un invito al relativismo? Quali sono i criteri per giudicare se uninterpretazione è migliore, uguale o peggiore rispetto ad unaltra? Il dibattito sul relativismo dellErmeneutica (E. Betti, E. Hirsch, J. Habermas, O. Apel) non è ancora concluso

22 22 Gli sviluppi dellErmeneutica Parallelamente a Gadamer (e confrontandosi con lui) altri autori sviluppano lidea di una teoria dellinterpretazione su vari fronti: a) quello di L. Pareyson (di orientamento esistenziale) e P. Ricoeur (che dialoga con fecondità con le scienza); b) quello nietscheano di J. Derrida e G. Vattimo; c) quello di K. O. Apel e J. Habermas che associa allErmeneutica la riflessione della Teoria Critica (Marxista)

23 23 Linguaggio, Ermeneutica e Analisi Il linguaggio rappresenta un tema centrale sia per la Filosofia Analitica che per lErmeneutica Sia per lAnalisi Filosofica che per LErmeneutica il linguaggio è lo strumento e il filtro per le questioni metafisiche che sono oggetto della ricerca filosofica tradizionale Le due tradizioni filosofiche affrontano le questioni sul linguaggio da prospettive diverse

24 24 La convergenza tra Analisi ed Ermeneutica Alcuni autori hanno sottolineato delle affinità tra la ricerca filosofica analitica e quella ermeneutica La dialettica della comprensione ricorda la Teoria dei Giochi Linguistici di Wittgenstein e la Speech Act Theory dei Comunlinguisti (Ricoeur) Tugendhat, Apel, Gadamer, hanno individuato nel modo di trattare i problemi ontologici nella filosofia analitica una eco di tematiche ermeneutiche

25 25 Il Pragmatismo Ermeneutico Alcuni autori di origine anglofona e con una formazione analitica si sono progressivamente interessati a vere e proprie questioni di Ermeneutica Filosofica: R. Rorty, J. McDowell, R. Brandom Un autore analitico per eccellenza che sembra prestarsi ad una interpretazione ermeneutica è Donald Davidson (menzionato dallo stesso Gadamer)

26 26 Ermeneutica e perplessità Il relativismo, per quanto esorcizzato, sembra rimanere una costante nellErmeneutica LErmeneutica, per quanto ci si sforzi di minimizzare il fatto, non ha un metodo ### Riferimenti Bibliografici DAgostini, F. 1997: Analitici e Continentali. Guida alla filosofia degli ultimi trentanni, Raffaello Cortina (Milano) [II: 2]


Scaricare ppt "Istituzioni di Filosofia (III) LErmeneutica Filosofica Giacomo Romano a. a. 2006/2007: 3° Quarto, Modulo II Introduzione alla Filosofia Teoretica."

Presentazioni simili


Annunci Google