La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Siena, 18 gennaio 20111 La mente tra filosofia e scienze cognitive Sandro Nannini Università di Siena Dipartimento di Filosofia e Scienze Sociali.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Siena, 18 gennaio 20111 La mente tra filosofia e scienze cognitive Sandro Nannini Università di Siena Dipartimento di Filosofia e Scienze Sociali."— Transcript della presentazione:

1 Siena, 18 gennaio La mente tra filosofia e scienze cognitive Sandro Nannini Università di Siena Dipartimento di Filosofia e Scienze Sociali

2 Siena, 18 gennaio Fisica ingenua e fisica teorica Una delle seguenti affermazioni è vera: Ogni respiro che voi fate contiene un atomo che è stato espirato da Marylin Monroe. Ogni respiro che voi fate contiene un atomo che è stato espirato da Marylin Monroe. Ci sono dei liquidi che fluiscono allinsù. Ci sono dei liquidi che fluiscono allinsù. Allultimo piano di un edificio si invecchia più rapidamente che al pianterreno. Allultimo piano di un edificio si invecchia più rapidamente che al pianterreno. Un atomo può trovarsi simultaneamente in più luoghi […]. Un atomo può trovarsi simultaneamente in più luoghi […]. Non cè nessuna legge di natura che parli contro la possibilità dei viaggi nel tempo […]. Non cè nessuna legge di natura che parli contro la possibilità dei viaggi nel tempo […]. Una tazza di caffè pesa di più, se il suo contenuto è caldo, rispetto a quando è freddo […]. Una tazza di caffè pesa di più, se il suo contenuto è caldo, rispetto a quando è freddo […]. (M. Chown, Warum Gott doch würfelt, München, Deutsch. Verl. 2005, p. 7, trad. it. mia.).

3 Siena, 18 gennaio Folk psychology e scienze cognitive Una delle seguenti affermazioni è vera: Chi guida nella nebbia ha limpressione di andare più piano rispetto a quando si trova in condizioni di perfetta visibilità. Chi guida nella nebbia ha limpressione di andare più piano rispetto a quando si trova in condizioni di perfetta visibilità. In certi casi puoi scambiare una mano di gomma che si trova davanti a te per una mano tua. In certi casi puoi scambiare una mano di gomma che si trova davanti a te per una mano tua. Alcuni malati di mente pensano di essere morti. Alcuni malati di mente pensano di essere morti. Alcune persone, dopo un incidente, pensano che la moglie sia in realtà un sosia, un impostore. Alcune persone, dopo un incidente, pensano che la moglie sia in realtà un sosia, un impostore. Diveniamo consapevoli di ciò che accade intorno a noi con un ritardo di ca. 500 ms. Diveniamo consapevoli di ciò che accade intorno a noi con un ritardo di ca. 500 ms. Il nostro cervello prepara un qualsiasi movimento volontario con ca. 300 ms. di anticipo rispetto al momento in cui crediamo di aver deciso di compierlo. Il nostro cervello prepara un qualsiasi movimento volontario con ca. 300 ms. di anticipo rispetto al momento in cui crediamo di aver deciso di compierlo.

4 Siena, 18 gennaio Fisica ingenua e fisica teorica (2) […] Ma no, mi sono permesso uno scherzo: queste affermazioni sono tutte vere (Chown, cit. ibidem) Ogni respiro che voi fate contiene un atomo che è stato espirato da Marylin Monroe [numero degli atomi]. Ogni respiro che voi fate contiene un atomo che è stato espirato da Marylin Monroe [numero degli atomi]. Ci sono dei liquidi che fluiscono allinsù. [il sifone] Ci sono dei liquidi che fluiscono allinsù. [il sifone] Allultimo piano di un edificio si invecchia più rapidamente che al pianterreno [teoria generale della relatività]. Allultimo piano di un edificio si invecchia più rapidamente che al pianterreno [teoria generale della relatività]. Un atomo può trovarsi simultaneamente in più luoghi [meccanica quantistica]. Un atomo può trovarsi simultaneamente in più luoghi [meccanica quantistica]. Non cè nessuna legge di natura che parli contro la possibilità dei viaggi nel tempo […]. [mecc. Quant. Teoria relat. Meccan. Class.] Non cè nessuna legge di natura che parli contro la possibilità dei viaggi nel tempo […]. [mecc. Quant. Teoria relat. Meccan. Class.] Una tazza di caffè pesa di più, se il suo contenuto è caldo, rispetto a quando è freddo […]. [teoria relat.] Una tazza di caffè pesa di più, se il suo contenuto è caldo, rispetto a quando è freddo […]. [teoria relat.] (M. Chown, Warum Gott doch würfelt, München, Deutsch. Verl. 2005, trad. it. mia.).

5 Siena, 18 gennaio Folk psychology e scienze cognitive (2) Anche in questo caso tutte le affermazioni precedenti sono vere! Chi guida nella nebbia ha limpressione di andare più piano rispetto a quando si trova in condizioni di perfetta visibilità [Gehirn und Geist, 1, 2009, p 28. sgg.]. In certi casi puoi scambiare una mano di gomma che si trova davanti a te per una mano tua (cfr. Ad es. Metzinger 2009). Alcuni malati di mente pensano di essere morti [Sindrome di Cotard, G.u.G., cit., p. 14] Alcune persone, dopo un incidente, pensano che la moglie sia in realtà un sosia, un impostore [Sindrome di Capgras, ivi p. 13 – Lopposto è la Sindrome di Fregoli, p. 14] Diveniamo consapevoli di ciò che accade intorno a noi con un ritardo di ca. 500 ms. (Libet, Mind Time 2004) Il nostro cervello prepara un qualsiasi movimento volontario con ca. 300 ms. di anticipo rispetto al momento in cui crediamo di aver deciso di compierlo (Libet, cit.).

6 Siena, 18 gennaio Mondo fenomenico e cervello Il mondo fenomenico nel quale siamo immersi è una costruzione del nostro cervello. Le illusioni ottiche:

7 Siena, 18 gennaio 20117

8 8

9 9 La costruzione delle percezioni

10 Siena, 18 gennaio La costruzione delle percezioni

11 Siena, 18 gennaio La costruzione delle percezioni

12 Siena, 18 gennaio Un esempio matematico

13 Siena, 18 gennaio Le percezioni sono costruzioni del cervello Il cervello umano costruisce unimmagine dellambiente circostante funzionale ai movimenti che gli esseri umani abitualmente compiono nellambiente nel quale si trovano.Il cervello umano costruisce unimmagine dellambiente circostante funzionale ai movimenti che gli esseri umani abitualmente compiono nellambiente nel quale si trovano.

14 Siena, 18 gennaio The 1-eaters and the 2-eaters ?????????? ?????????? ?????????? ?????????????????????????????? ????? ??????????????? ?????????? Which is the right representation? It depends on what you eat!

15 Siena, 18 gennaio Percezioni e azioni A frog recognizes flies as food only if they are moving.A frog recognizes flies as food only if they are moving. We human beings instead recognize flies as flies independently of their movements.We human beings instead recognize flies as flies independently of their movements. Therefore, the representation that an animal has of its environment is functional to the actions that it is able to execute in that environment. Therefore, the representation that an animal has of its environment is functional to the actions that it is able to execute in that environment.

16 Siena, 18 gennaio A reply to (3c): frogs and flies It is not the case that we human beings see flies as they are, frogs instead see them as they appear to them.It is not the case that we human beings see flies as they are, frogs instead see them as they appear to them.

17 Siena, 18 gennaio Real world / phenomenal world Mental representations are constructions of the mind (=brain), not the copies of real objects.Mental representations are constructions of the mind (=brain), not the copies of real objects. There is similarity between the activity patterns of hidden units in an artificial neural network and mental representations: they are a representation (= a state space partition) of the input apt to get the desired output.There is similarity between the activity patterns of hidden units in an artificial neural network and mental representations: they are a representation (= a state space partition) of the input apt to get the desired output. Every species lives in its own phenomenal world adapted to a certain kind of interaction with the real physical world.Every species lives in its own phenomenal world adapted to a certain kind of interaction with the real physical world.

18 Siena, 18 gennaio Conclusione provvisoria Perceptions can be naturalised only if the common sense concept of perception is radically changed: perceptions are not copies of real objects passively received from the external world but formats given to sensory inputs in order to construct a stable and multi- purpose model of reality that is able to control the very flexible behaviour of human beings.Perceptions can be naturalised only if the common sense concept of perception is radically changed: perceptions are not copies of real objects passively received from the external world but formats given to sensory inputs in order to construct a stable and multi- purpose model of reality that is able to control the very flexible behaviour of human beings. These perceptions can be functionally reduced and therefore can be implemented by brain processes.These perceptions can be functionally reduced and therefore can be implemented by brain processes.

19 Siena, 18 gennaio Esseri umani ed animali Animals acquired the ability to perceive some features of the external world and of their own body in order to execute movements apt to increase the probability to survive (e.g. by catching preys or avoiding plunderers).Animals acquired the ability to perceive some features of the external world and of their own body in order to execute movements apt to increase the probability to survive (e.g. by catching preys or avoiding plunderers).

20 Siena, 18 gennaio Perception and sensory-motor coordination Human senses and human sensori-motor coordination are the result of biological evolution.Human senses and human sensori-motor coordination are the result of biological evolution. Biologicalevolution

21 Siena, 18 gennaio Perception and sensory-motor coordination: Perceptions can be conscious or unconscious: in both cases they are mental representations of the internal and external world.Perceptions can be conscious or unconscious: in both cases they are mental representations of the internal and external world. Human beings construct a representation of the external world in order to move and act in it.Human beings construct a representation of the external world in order to move and act in it.

22 Siena, 18 gennaio The computational brain According to the Representation Action Theory the brain acquires by means of the senses a certain amount of information about some regularities of the external world as regards the distribution of matter and physical events in space and time and changes the format of such information step by step until a pattern of motor neurons activity able to trigger a right motor response is produced.According to the Representation Action Theory the brain acquires by means of the senses a certain amount of information about some regularities of the external world as regards the distribution of matter and physical events in space and time and changes the format of such information step by step until a pattern of motor neurons activity able to trigger a right motor response is produced.

23 Siena, 18 gennaio Styles of brain computation No!!! No representations May be! A Brooks robot Unlikely! Symbolic representations Subsymbolic representations

24 Siena, 18 gennaio Naturalising perceptions Functional reduction A perception is functionally reducible to an intermediate step in the information processing of sensori-motor coordinationA perception is functionally reducible to an intermediate step in the information processing of sensori-motor coordination Therefore it is similar to the activity pattern of hidden units in an artificial neural network and is describable as a vector in a state space.Therefore it is similar to the activity pattern of hidden units in an artificial neural network and is describable as a vector in a state space.

25 Siena, 18 gennaio Naturalising perceptions Neural implementation Perceptions as vectors in a space state are biologically implemented by the dynamics of brain processes.Perceptions as vectors in a space state are biologically implemented by the dynamics of brain processes.

26 Siena, 18 gennaio Esseri umani e macchine D. Dennett – E il cervello è a sua volta unimmensa macchina per molti versi simile al computer […] E. Carli – Crede allora che sarebbe possibile amare una macchina? D. Dennett – Quanto allipotesi di amare una macchina, devo dire che se tale macchina fosse Michelle Pfeiffer non vedo perché non potrei amarla. (Cervelli che parlano, Mondadori, 1997, pp )

27 Siena, 18 gennaio Filosofia e neuroscienze Processi cognitivi senza processi cerebrali? Io ho spesso anche fatto vedere con tutta chiarezza che la mente può agire indipendentemente dal cervello, poiché è certo che esso è affatto inutile, quando si tratta di formare degli atti di pura intellezione, ma serve soltanto quando si tratta di sentire o di immaginare qualche cosa (Cartesio 1641 [Risposte alle quinte obiezioni], trad. it. Laterza p. 345). Io ho spesso anche fatto vedere con tutta chiarezza che la mente può agire indipendentemente dal cervello, poiché è certo che esso è affatto inutile, quando si tratta di formare degli atti di pura intellezione, ma serve soltanto quando si tratta di sentire o di immaginare qualche cosa (Cartesio 1641 [Risposte alle quinte obiezioni], trad. it. Laterza p. 345). Cartesio

28 Siena, 18 gennaio Filosofia e neuroscienze Processi cognitivi senza processi cerebrali? La rilevazione di un errore sintattico è correlata a potenziali di prontezza diversi da quelli correlati alla rilevazione di un errore semantico. N400: errore semantico N400

29 Siena, 18 gennaio Filosofia e neuroscienze Processi cognitivi senza processi cerebrali? La rilevazione di un errore sintattico è correlata a potenziali di prontezza diversi da quelli correlati alla rilevazione di un errore semantico. P600 errore sintattico

30 Siena, 18 gennaio Filosofia e neuroscienze Casi clinici a favore della riduzione Identità tra vedere e saper di vedere? Senso comune: se vedo qualcosa, so di vederlo; e se so di vedere qualcosa, allora lo vedo. Poiché noi percepiamo di vedere e di udire, o con la vista si deve percepire che si vede, o con un altro senso […] se fosse un altro il senso che percepisce la vista, o si andrà allinfinito oppure un dato senso avrà sé per oggetto, e quindi sarà meglio riconoscere tale capacità al primo (Aristotele, De anima, III, 2, 425b 10-20; trad. it. G. Movia).

31 31 Filosofia e neuroscienze Casi clinici a favore della riduzione Disgiunzione tra percezione e coscienza Si fanno vedere delle barre orizzontali o verticali nellemicampo sinistro ad un paziente che abbia subito una commissurotomia e gli si chiede che cosa ha visto. Il paziente risponde niente, ma se viene costretto a tirare a indovinare, indovina in una percentuale nettamente superiore al caso. Blindsight: percezione senza coscienza

32 32 Il dottore vi domanda che cosa cè sul tavolo davanti a voi: Ma cè un orologio! rispondete, stupiti che il dottore sia tanto stupido da chiedervelo. Lorologio è lì, si vede! Casi clinici a favore della riduzione Disgiunzione tra percezione e coscienza Antons blindness: coscienza senza percezione Ma in effetti sul tavolo cè un computer. Voi siete ciechi e non ve ne accorgete.

33 Siena, 18 gennaio Casi clinici a favore della riduzione Disgiunzione tra percezione e coscienza Antons blindness: coscienza senza percezione Lobo occipitale Anton-Babinski syndrome, more frequently known as Anton's blindness, is a rare symptom of brain damage occurring in the occipital lobe. People who suffer from it are "cortically blind," but affirm, often quite adamantly and in the face of clear evidence of their blindness, that they are capable of seeing. Failure to see is dismissed by the sufferer through confabulation. It is mostly seen following a stroke, but may also be seen after head injury (Wikipedia) brain damageoccipital lobeblindconfabulationstrokehead injurybrain damageoccipital lobeblindconfabulationstrokehead injury

34 Siena, 18 gennaio Filosofia e neuroscienze Casi clinici a favore della riduzione La paziente di Y. Agid La stimolazione elettrica, per errore, di certi punti del tronco enecefalico provocò in una paziente affetta da Parkinson, ma non da una sindrome depressiva, una crisi di pianto seguita da affermazioni sulla propria tristezza e sul proprio desiderio di morire. Diciannove secondi dopo linterruzione della corrente la paziente era di nuovo normale e non sapeva spiegarsi laccaduto (Damasio 2003, p. 67 sgg.).

35 Siena, 18 gennaio Filosofia e neuroscienze Casi clinici a favore della riduzione La paziente di Y. Agid Spiegazione: la corrente aveva raggiunto alcuni nuclei del tronco che comandano delle azioni come piangere o singhiozzare, azioni che a loro volta producono normalmente tristezza, ossia che eccitano alcune parti del sistema limbico. PRIMA CONCLUSIONE: sono le azioni (movimenti del corpo) che producono le emozioni e poi i sentimenti (=emozioni divenute coscienti), non linverso! Non è vero che piango perché sono triste: sono triste perché piango.

36 Siena, 18 gennaio Filosofia e neuroscienze Casi clinici a favore della riduzione La paziente di Y. Agid SECONDA CONCLUSIONE: Dei pensieri tristi rinforzano certo dei sentimenti di tristezza, ma, almeno in questo caso, lordine temporale e causale è inverso: azione emozione (inconscia) sentimento (cosciente) pensieri tristi.

37 Siena, 18 gennaio Filosofia e neuroscienze Un altro esperimento a favore della riduzione B. Libet ed il libero arbitrio I potenziali di prontezza che precedono il movimento del dito precedono anche di circa 300 millisecondi la decisione cosciente di muoverlo.

38 Siena, 18 gennaio

39 Siena, 18 gennaio Thank you for your attention! Thank you for your attention!


Scaricare ppt "Siena, 18 gennaio 20111 La mente tra filosofia e scienze cognitive Sandro Nannini Università di Siena Dipartimento di Filosofia e Scienze Sociali."

Presentazioni simili


Annunci Google