La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

C APITOLO XXX CRESCITA DELLA MONETA ED INFLAZIONE.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "C APITOLO XXX CRESCITA DELLA MONETA ED INFLAZIONE."— Transcript della presentazione:

1 C APITOLO XXX CRESCITA DELLA MONETA ED INFLAZIONE

2 I NFLAZIONE È la crescita continua e generalizzata dei prezzi (variazione % PIL o deflattore del PIL) Negli ultimi 70 anni i prezzi sono aumentati del 4% annuo. Oggi sono 16 volte superiori a quelli di 70 anni fa. Il contrario e la DEFLAZIONE. In USA nel 1896 i prezzi erano il 23% più bassi del 1880.

3 VARI TIPI DI INFLAZIONE Negli anni 90 i prezzi sono aumentati del 2% annuo (bassa); negli anni 70 del 7 % annuo. in Germania, tra il 1921 ed 1923 il p di un giornale è aumentato da 0,3 DM a 70 mil di DM (iperinflazione)

4 Linflazione si spiega con la teoria quantitativa della moneta (David Hume, Fisher, Friedman, ecc.) Alcuni lo considerano un grave problema

5 Se si incrementano i prezzi, significa che la moneta perde valore, perché? IL LIVELLO DEI PREZZI ED IL VALORE DELLA MONETA sempre il valore di un bene (in questo caso la moneta) dipende dalla domanda e dallofferta TEORIA CLASSICA DELL INFLAZIONE ( TEORIA QUANTITATIVA )

6 Lofferta dipende dalla banca centrale. La domanda dipende da: 1.da quanta moneta gli individui vogliono detenere come liquidità (transazioni) (e quindi anche dalle carte di credito, bancomat, ecc.). questa D dipende dai prezzi; più alto è il livello, più liquidità serve per acquistare beni) 2.dipende da i che posso ottenere utilizzando la moneta per acquistare titoli (speculazione) 3.precauzione OFFERTA, DOMANDA DI MONETA E D EQUILIBRIO MONETARIO

7 Come si uguaglia la D allO di moneta? Dipende dal tempo. Nel breve i gioca un ruolo determinante; nel lungo il livello dei prezzi si aggiusta finché D = O Se P è maggiore allequilibrio, lincremento di D di moneta è maggiore dellofferta della banca. Se diminuisce P si va verso lequilibrio

8 GLI EFFETTI DI UNA INIEZIONE DI LIQUIDITÀ Se la banca centrale ha più moneta, la curva di offerta si sposta a ds, il nuovo equilibrio presenta un incremento di prezzo; quindi, diminuisce il valore della moneta. Questa è la spiegazione classica (inflazione): P dipende dalla quantità di moneta

9 PROCESSO DI AGGIUSTAMENTO Ci sono tre soluzioni: 1.acquistare più beni 2.comprare titoli 3.aumentare i depositi in c/c. in tutti tre i casi incrementa la D di beni (direttamente o indirettamente); quindi, incrementa P perché i beni nel breve sono costanti.

10 DICOTOMIA CLASSICA E NEUTRALITÀ DELLA MONETA lincremento di offerta di moneta può influenzare le variabili reali (produzione, w reali, i reali) Le variabili economiche possono essere: a)nominali (cioè misurate in quantità monetarie) come il PIL nominale, il singolo p nominale, P ecc. b)reali (cioè misurate in quantità fisiche) come il PIL reale

11 I prezzi sono variabili nominali. I prezzi relativi sono variabili reali. Le variazioni di O di moneta influenzano le variabili nominali. quindi se P raddoppia, aumenta w nominale, ma le variabili reali non variano per cui si parla di neutralità della moneta.

12 Quanto detto ha valore nel lungo periodo, per i classici anche nel breve. I moderni dicono che nel breve (1- 2 anni) non cè neutralità PY = MV da cui V = PY/M. V = costante perché si stampa troppa moneta? perché non si può aumentare la tassazione (tassa sul possesso della moneta)? (Es: I e II guerra mondiale) Linflazione si placa quando aumenta la T o diminuisce G

13 EFFETTO FISHER linflazione non influenza le variabili reali i puo essere reale e nominale i reale (es. 4%) = i nominale (7%) – tasso di inflazione (3 %). quando ce inflazione varia P (incrementa) ed i nominale (incrementa). questo e leffetto Fisher che vale nel lungo periodo e non nel breve. I COSTI DELLINFLAZIONE linflazione fa diminuire il potere dacquisto ed il tenore di vita IL COSTO DELLE SUOLE quando ce inflazione si detiene meno moneta (si va più spesso in banca, si cerca di I con maggior redditività,si cambia con moneta estera più sicura) I COSTI DEL MENÙ sono i costi per laggiornamento dei listini. con liperinflazione i p cambiano piu volte al giorno

14 LA VARIABILITÀ DEI PREZZI RELATIVI E LA CATTIVA ALLOCAZIONE DELLE RISORSE se linflazione fosse del 12 %, il ristoratore dovrebbe variare il menù dell1% al mese, ma non tutti i prezzi variano ugualmente. enecessario un continuo esame dei p/p che variano e lallocazione delle risorse. NON È EFFICIENTE IL DRENAGGIO FISCALE le tasse provocano distorsioni nellallocazione ed aggravano lonere fiscale sui redditi generati dal S(si scoraggia) stessa cosa per i redditi da I


Scaricare ppt "C APITOLO XXX CRESCITA DELLA MONETA ED INFLAZIONE."

Presentazioni simili


Annunci Google