La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Più lavoratori o più ore di lavoro?. Il problema Fino ad ora abbiamo considerato il problema di unimpresa che sceglie quanti lavoratori assumere. Nella.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Più lavoratori o più ore di lavoro?. Il problema Fino ad ora abbiamo considerato il problema di unimpresa che sceglie quanti lavoratori assumere. Nella."— Transcript della presentazione:

1 Più lavoratori o più ore di lavoro?

2 Il problema Fino ad ora abbiamo considerato il problema di unimpresa che sceglie quanti lavoratori assumere. Nella realtà devo scegliere anche quante ore farli lavorare È un problema importante perchè alcuni costi sono variabili (pagati per ora lavorata) altri sono fissi (pagati per lavoratore) o quasi fissi (non direttamente collegati al numero di ore lavorate)

3 Costi fissi e costi variabili

4 La scelta ottimale di lavoratori e ore lavorate

5 Ricalchiamo il procedimento che ormai conosciamo Limpresa deve produrre Y e vuole farlo al costo minore Semplifichiamo: Usa un solo tipo di lavoratori mercati del lavoro perfettamente competitivi unora di lavoro costa w Assumere un lavoratore comporta un costo fisso F

6 Isocosto Come è fatto lISOCOSTO? Costi fissi = EF Costi variabili = Ewh Costo totale: C=EF + Ewh oppure: Proprietà degli isocosti: 1.Inclinati negativamente 2.Il costo totale aumenta allontanandosi dallorigine 3.Non sono rette! Sono convessi!

7 Isocosti

8 Perchè gli isocosti sono convessi? Supponiamo di partire da A 0, assumere E A lavoratori che lavorano h A ore ci costa 100 Se riduciamo la forza lavoro di un certo numero di lavoratori ΔE A, i costi totali diminuiscono di ΔC A = ΔE A x(wh A +F) Poichè h A è grande, questa riduzione è grande Per tornare a spendere C=100, posso aumentare le ore lavorate di molto Se riducessi loccupaizone della stessa quantità ma partendo da B 0 (ΔE A =ΔE B ) otterrei una riduzione dei costi totali minore: ΔC B = ΔE B x(wh B +F) h B

9 Perchè gli isocosti sono convessi

10 Isoquanti Gli isoquanti hanno la stessa forma di sempre 1.Inclinati negativamente 2.Associati a output maggiori allontanandosi dallorigine 3.Convessi 4....più convessi degli isocosti (non lo dimostriamo...)

11 Scelta ottimale di E e h Quale è la combinazione di E e h che consente di produrre Y * al costo minore? È il punto sullisoquanto di Y * che si trova sullisocosto più basso, più vicino allorigine La scelta ottimale di E e h corrisponde al punto di tangenza tra lisoquanto di Y * e la mappa degli isocosti

12 Scelta ottimale di E e h

13 Esempio (1): Funzione di produzione Cobb-Douglas: Produttività marginali: Inclinazione degli isoquanti:

14 Esempio (2): Isocosto: Costi marginali: Inclinazione degli isocosti:

15 Esempio (3): Condizione di ottimalità: Dividiamo per E entrambi i lati: il numero ottimale di ore di lavoro non dipende dalla scala di produzione (Y * ) !!

16 Esempio (4)

17 Statica comparata

18 Effetto di un aumento del salario Come cambia lisocosto? Isocosto inclinazione Linclinazione dellisocosto aumenta (ma non lintercetta, c/F ) Diminuiscono le ore lavorate (anche i lavoratori?)

19 Effetto di un aumento del salario

20 Effetto di un aumento dei costi fissi Come cambia lisocosto? Isocosto inclinazione Linclinazione dellisocosto diminuisce (e anche lintercetta, c/F ) Aumentano le ore lavorate e diminuiscono i lavoratori

21 Effetto di un aumento dei costi fissi

22 Gli straordinari

23 Normalmente esiste un orario di lavoro regolare di h 0 ore (di solito 40) Fino a h 0 ore di lavoro il salario orario è w Lavoratore e datore di lavoro possono decidere di estendere lorario oltre h 0 Per le ore di lavoro oltre h 0 però il salario orario è maggiore w > w Come sono fatti gli isocosti in questa situazione?

24 Gli isocosti con straordinari Supponiamo che h sia lorario di lavoro effettivamente attuato: Se h h 0 allora lisocosto è identico a quello visto fino ad ora: C=EF + Ewh Se h >h 0 allora lisocosto ha due parti: Graficamente è una curva spezzata...

25 Gli isocosti con straordinari

26 Scelta ottimale con straordinari A seconda della tecnologia produttiva (descritta dagli isoquanti) unimpresa potrà decidere di usare gli straordinari oppure no È molto probabile che diverse imprese scelgano un orario di lavoro esattamente uguale a h 0

27 Scelta ottimale con straordinari Nessuno straordinario: h< h 0

28 Scelta ottimale con straordinari Orari straordinari: h> h 0

29 Scelta ottimale con straordinari Orario pieno: h= h 0

30 La riduzione della settimana lavorativa

31

32 Le 35 ore allitaliana… Sito della CGIL-Lombardia sulle 35 ore: Due questioni: 1.La riduzione dellorario di lavoro a parità di salario 2.Laumento delloccupazione derivante dalla riduzione dellorario di lavoro

33 Riduzione della settimana lavorativa Cosa succede se si riduce la settimana lavorativa ( h 0 )? Cambia la forma degli isocosti...

34 Riduzione della settimana lavorativa

35 Come cambia la scelta ottimale di h e E (a parità di output prodotto)? Non cambia nulla nelle imprese che non usavano straordinari (h < h 0 ) Loccupazione (E e anche h) si riduce nelle imprese che non facevano orari straordinari ma erano alla soglia h 0 Loccupazione (E e anche h) aumenta nelle imprese che facevano orari straordinari (è semplicemente uguale alleffetto di un aumento di salario)

36 Riduzione della settimana lavorativa


Scaricare ppt "Più lavoratori o più ore di lavoro?. Il problema Fino ad ora abbiamo considerato il problema di unimpresa che sceglie quanti lavoratori assumere. Nella."

Presentazioni simili


Annunci Google