La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Linguaggio e Comunicazione3. Il riconoscimento di parole zParola : considerata come unità fondamentale del sistema linguistico zMolti studi, si sono concentrati,

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Linguaggio e Comunicazione3. Il riconoscimento di parole zParola : considerata come unità fondamentale del sistema linguistico zMolti studi, si sono concentrati,"— Transcript della presentazione:

1 Linguaggio e Comunicazione3

2 Il riconoscimento di parole zParola : considerata come unità fondamentale del sistema linguistico zMolti studi, si sono concentrati, sulla rilevazione dei processi che portano al riconoscimento e alla produzione delle parole nella comprensione e nella produzione del linguaggio. zLe questioni maggiormente studiate riguardano: zLa struttura e lorganizzazione delle parole z I processi attraverso i quali si arriva a identificare una parola e si immagazzinano e ricercano in memoria tutte le informazioni relative alla parola stessa. z

3 zLessico mentale: magazzino contenente delle rappresentazioni mentali corrispondenti alle parole di un linguaggio. zPuò essere cioè definito come linsieme delle parole che una persona conosce unitamente alle conoscenze su quelle parole stesse. zOgni parlante di un linguaggio conosce una serie di parole e possiede una serie di informazioni relative ad ogni parola: come si pronuncia, a che classe grammaticale appartiene, che cosa significa e persino in che contesto sociale la parola può essere opportunamente usata oppure no. zLa ricerca si è molto occupata di capire come tutte queste informazioni siano organizzate.

4 Metodologia della ricerca nel riconoscimento di parole zVi sono poche capacità nelle quali il sistema percettivo delluomo funziona in modo così rapido e accurato ed automatico come quella che sta alla base del riconoscimento di parole scritte nelladulto alfabettizzato. zDeterminazione della soglia di riconoscimento: determinazione della soglia minima della presentazione necessaria per lidentificazione corretta della parola. Varia da parola a parola ed è più bassa per parole più frequenti. zDenominazione: presentazione sullo schermo di una parola, misurazione del tempo di denominazione zDecisione lessicale: il soggetto deve decidere il più rapidamente possibile se una stringa di lettere è una parola del linguaggio oppure no. Es: sedia bedia bsdia

5 zMonitoraggio di una lettera o di un fonema: es: sedia tavolo /S/ zDecisione semantica: detenzione di rime, es: Pane e Cane o appartenenza della parola ad una certa categoria lessicale- semantica. zPriming: valutazione dellinfluenza del contesto nel riconoscimento di parole.

6 Caratteristiche del riconoscimento di parole zFenomeni che caratterizzano il riconoscimento di parole in isolamento o inserite in un contesto. Sedia Madia. zEffetto frequenza: parole più frequenti sono riconosciute più rapidamente e accuratamente di parole meno frequenti. Es:Sedia Madia. : una parola inserita in un appropriato contesto è più facilmente riconosciuta. zEffetto contesto: una parola inserita in un appropriato contesto è più facilmente riconosciuta. zSuperiorità della parola: zEffetto Stroop zSedia zVerde zPorta

7 La nozione di attivazione e le reti semantiche. (Collins e Loftus 1975) zAttivazione: in unaccezione metaforica indica che una certa quantità di energia, viene messa in azione e resa disponibile zQuando una parola viene presentata in condizioni di sufficiente informazione sensoriale, una parte del lessico mentale vie e attivato e la parola può venire letta e compresa. zDiffusione dellattivazione: memoria semantica, come costituita da unità lessicali e unità semantiche. Ciascuna delle unità costituisce un nodo e i diversi nodi sono collegati tra loro a formare una rete. zRete di unità lessicali: rete di lemmi (informazioni relative alla sua fonologia ortografia ecc. zRete di unità concettuali: cane, animale, lupo, gatto sono tutti nodi concettuali fra loro collegati.

8 Modelli del riconoscimento di parole zModelli di attivazione e modelli di ricerca: modelli di ricerca caratterizzati dalla nozione di un processo di ricerca in un insieme di dati, in modo simile a quello che avviene nella ricerca di una parola sul dizionario. zModello del logogeno. zLogogeno: unità del lessico mentale, cioè una parola. Esso risponde a informazione visiva, uditiva e semantica ed è caratterizzato da una soglia di riconoscimento. Cioè una soglia al di sotto della quale il logogeno non risponde e al di sopra della quale risponde sempre. Il principio che regola il logogeno è lattivazione zSpiegazione dei fenomeni messi in evidenza precedentemente

9 Modello a ricerca attiva di Foster zPrototipo dei modelli a ricerca. zLe diverse parole con la relativa informazione sono immagazzinate in un immenso archivio. Ogni parola ha un suo indirizzo. Tuttavia il sistema ha a sua disposizione una serie di archivi minori. zIl lessico mentale è quindi costituito da un archivio centrale o master file. Laccesso a questo archivio centrale, viene attuato attraverso una serie di archivi di accesso. Gli archivi periferici, sono costituiti da un certo numero di bins, che raggruppano le parole di una certa somiglianza (ed es le parole che iniziano con una certa lettera o suono). Allinterno dei bins le parole sono ordinate in base alla frequenza

10 Riconoscimento di parole nel linguaggio parlato zIl modello più interessante è quello della Coorte di Marslen Wilson 1980 zAlla presentazione di una parola, si attiverebbero tutte le parole che iniziano con lo stesso segmento acustico. I primi 2 o 300 millisecondi di segnale, sono già sufficienti ad attivare tutte le parole che sono comsistenti con il segnale acustico in entrata. zEs : parola presentata CAPITANO ca….cane castoro ect zqueste parole costituiscono una coorte di candidati al riconoscimento. Man mano che nuova informazione viene presentata vengono lasciati cadere i candidati che non corrispondono più con linformazione acustica. Ad un certo punto un unico candidato resta valido

11 Elaborazione sintattica nella comprensione zLa ricerca si è molto concentrata sul modo in cui viene effettuata lanalisi sintattica di un messaggio o di un testo e che ruolo riveste nel processo di comprensione del linguaggio. zMolti studi hanno tentato di ottenere dati sulla realtà psicologica delle regole linguistiche, partendo dallassunto che se tali regole fanno parte della competenza linguistica di un parlante, dovrebbe essere possibile trovare qualche correlato comportamentale delle regole stesse in un compito adeguato zAbbiamo visto sia gli esperimenti di trasposizione percettiva che di complessità derivazionale

12 Fattori semantici e pragmatici nella comprensione del linguaggio zPsicolinguistica degli anni 60, caratterizzata dallassoluta predominanza sulla sintassi. Lanalisi sintattica costituirebbe il momento essenziale di comprensione della frase. zA partire dagli anni 70, diminuisce linteresse dei ricercatori per la lelaborazione sintattica. zSi cominciano ad esaminare gli effetti dellinterazione della componente sintattica con le altre componenti del sistema di comprensione linguistico, in particolare quello semantico e anche quello pragmatico. zConcetto di interazione: come incontro tra oinformazione sensoriale e informazione concettuale. In quale punto -> top down o bottom up?

13 Uno dei modelli zQuello di Marslen -Wilson è uno dei modelli interattivi più espliciti zSecondo Questo modello, lascoltore, cerca di costruire uninterpretazione della frase che sta ascoltando nel modo più rapido possibile, usando ogni sorgente di informazione fonologica, sintattica o semnatica sensoriale o concettuale. Linformazione ad ogni livello guida e influisce sulluso dei dati ad altri livelli di elaborazione. zCompito di SHADOWING :consiste nel ripetere le frasi mano a mano che vengono presentate. Dopo un po di esercizio i soggetti, fino quasi a completare una data parola ancora prima di averla finita di sentire.

14 Un Esempio zI soggetti dovevano inseguire frasi che contenevano una parola critica ai fini dellesperimento. zLe parole critiche potevano essere appropriate al contesto; o semanticamente anomale;oppure sintatticamente e semanticamente appropriate. La parola critica era sempre una parola trissilabica. zPoteva essere presentata normalmente o contenere una violazione che consisteva nel cambiare la prima la seconda o la terza sillaba ottenendo così una non-parola. zPer es. company diventava comsyni zi soggetti che ripetevano le frasi Restauravano la parola sbagliata. zCondizioni:prima sillaba intatta e contesto congruente con la parola restaurata.

15 Comprensione senza sintassi? zQuanta elaborazione sintattica è necessaria per comprendere un testo? zMolti dati della ricerca psicolinguistica, inducono a concludere che il materiale linguistico in entrata, sia esso presentato uditivamente che nella forma di un testo scritto, viene sempre sottoposto ad analisi sintattica. Anche quando il soggetto non ne fa un uso esplicito ai fini della comprensione.

16 Principi di analisi sintattica zMeccanismo responsabile dellanalisi sintattica è il Parser o analizzatore sintattico. Parser zUn Parser può funzionare in modo algoritmico, usando in modo sistematico ed esplicito il sistema di regole di una certa lingua, oppure può lavorare sulla base di euristiche. zStrategie: es bambino di 4 anni e interpretazione di frasi attive e passive: zla mucca carezza il cavallo e zil cavallo è accarezzato dalla mucca zper il bambino gli attori non cambiano. Il bambino ha usato la strategia di attribuire al primo nome il ruolo di agente e al secondo il ruolo di ricevente lazione specificata dal verbo

17 Analisi sintattica da sinistra a destra zDi particolare interesse per la psicolinguistica, sono i tentativi di produrre parsers, il cui funzionamento dovrebbe avvicinarsi a quello del sistema di comprensione umano, con molte delle caratteristiche del sistema stesso: limitata memoria di lavoro, facilità di essere ingannato da una frase ambigua. zDue di questi modelli sono particolarmente interessanti: zil modello di Kimball (1973) e la Sausage Machine di Frazier e Fodor (1978.) zKimball : questo modello comprende sette strategie percettive. I sette principi guidano il primo livello di analisi nella scelte delle attri buzioni sintattiche

18 zConsideriamo per esempio, il principio di associazione a destra: Quando è possibile, le unità lessicali in entrata, debbono essere attaccate al livello più basso, ancora aperto, dellindicatore sintagmatico a disposizione. PAOLO CERCAVA LE CHIAVI PERSE DA MARIA. Due possibili interpretazioni: Paolo cercava le chiavi che Maria aveva perso Paolo aveva perso le chiavi e le cercava in casa di Maria. Il principio favorisce la prima interpretazione che è anche quella preferita dal parlante

19 Sausage machine zPrincipi simili a quelli visti per il Parser di Kimball costituiscono le unità funzionali anche del sistema di Frazier e Fodor. zAnche la Sausage machine rappresenta un tentativo interessante di di costruire un sistema di analisi psicologicamente plausibile zmodello a due stadi: zPPP Preliminary Phrase Package (PPP), che mette insieme unità lessicali in strutture che consistono in alcune parole. In questa fase il PPP prende in considerazione i vari indicatori di una possibile struttura sintattica: articoli preposizioni ecc zLintegrazione di queste unità a un livello più elevato e il controllo del risultato raggiunto è opera del Sentence Structures Supervisor

20 Principi di analisi sintattica della Sausage Machine zMinimal Attachment e Late Closure zMinimal Attachment: il materiale in entrata viene attribuito al nodo più basso che è in costruzione in quel momento anche se il risultato deve consistere in una frase grammaticale del linguaggio. zThe girl Knew the answer by heart zla ragazza sapeva la risposta a memoria zThe girl Knew the answer was wrong zla ragazza sapeva che la risposta era sbagliata

21 zLate closure: secondo il principio del late closure, il sistema di analisi, attribuisce ogni nuovo elemento lessicale in entrata al sintagma che è in elaborazione in quel momento. Preferendo in ogni caso unattribuzione allultimo elemento precedente rispetto a quello seguente: zSince John always jogs a mile this seems like a short distance to him. z(Siccome John corre sempre un miglio, questo gli sembra una distanza breve zSince John always jogs a mile seems like a short distance to him. z(Siccome John corre sempre, un miglio questo gli sembra una distanza breve

22 zI due principi MA LC, sono in effetti forme specifiche di un principio generale di analisi sintattica, secondo il quale il Parser tenderebbe a operare da sinistra a destra attribuendo ad ogni elemento in entrata, la prima soluzione possibile. zI vantaggi di questo modo di agire sono: Risparmio di capacità di memoria e velocità di elaborazione. zEvidenze: registrazione movimenti e fissazioni oculari durante la lettura

23 Per Riassumere zLanalisi del materiale in entrata viene comunque sempre sottoposto ad analisi sintattica zNella sua prima fase lanalisi sintattica del materiale linguistico avviene in modo indipendente da altri livelli di analisi zLe informazioni di tipo semantico sintattico entrerebbero nel processo di comprensione,immediatamente dopo la prima analisi sintattica


Scaricare ppt "Linguaggio e Comunicazione3. Il riconoscimento di parole zParola : considerata come unità fondamentale del sistema linguistico zMolti studi, si sono concentrati,"

Presentazioni simili


Annunci Google