La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il nuovo welfare in transizione Dalla protezione pubblica al mercato sociale 1 Carla Collicelli Fondazione CENSIS.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il nuovo welfare in transizione Dalla protezione pubblica al mercato sociale 1 Carla Collicelli Fondazione CENSIS."— Transcript della presentazione:

1 Il nuovo welfare in transizione Dalla protezione pubblica al mercato sociale 1 Carla Collicelli Fondazione CENSIS

2 Tre grandi temi al momento attuale Crisi Crisi di senso più che economica Metamorfosi Nuovo sociale: qualità, personalizzazione Spazi di innovazione Tecnologie, meccanismi finanziari nuovi, terzo settore Carla Collicelli Fondazione CENSIS 2

3 Metamorfosi sociale in atto NUOVI ITALIANI INVECCHIAMENTO MEGACITIES 3 Per il welfare Dalla acuzie alla cronicità Consumismo e consumerismo Sofisticazione delle esigenze Conflittualità crescenti Divide culturale Carla Collicelli Fondazione CENSIS 3

4 La storia del welfare Lo stato sociale in Italia ha molte anime: La tradizione della beneficenza cattolica (laizzez – faire liberale e delega al mondo cattolico) La tradizione della beneficenza cattolica (laizzez – faire liberale e delega al mondo cattolico) Quella della mutualità operaia Quella della mutualità operaia Il centralismo burocratico della parte centrale del secolo scorso (Fascismo e 1ª Repubblica) Il centralismo burocratico della parte centrale del secolo scorso (Fascismo e 1ª Repubblica) Il decentramento dagli anni 70 in poi Il decentramento dagli anni 70 in poi Carla Collicelli Fondazione CENSIS 4

5 Oggi un ibirido con squilibri con alcuni punti fermi centralità del lavoro dipendente centralità del lavoro dipendente culto dei grandi apparati culto dei grandi apparati delega alla famiglia delega alla famiglia e molti squilibri riparativo sanitarizzante riparativo sanitarizzanteiniquo categoriale e previdenziale 5 Carla Collicelli Fondazione CENSIS

6 Carla Collicelli Fondazione Censis CENSIS 6 I risultati della ricerca sociale LItalia ha raggiunto un buon livello di protezione sociale Permangono molte disparità territoriali e sociali SI pone il problema di come mantenere i livelli raggiunti Si pone il problema di come estendere i benefici ai non protettiì

7 Il punto di vista accademico e di Banca dItalia Modello conservatore-corporativo (Esping-Andersen) o sud europeo (Ferrera e Gough) Modello conservatore-corporativo (Esping-Andersen) o sud europeo (Ferrera e Gough) … sistema di garanzia di impronta bismarckiana, altamente frammentato lungo demarcazioni occupazionali e con formule di prestazione molto generose (ad esempio in campo pensionistico) … sistema di garanzia di impronta bismarckiana, altamente frammentato lungo demarcazioni occupazionali e con formule di prestazione molto generose (ad esempio in campo pensionistico) sostanziale assenza di unarticolata rete di protezione minima di base sostanziale assenza di unarticolata rete di protezione minima di base Fonte: Andrea Brandolini, SS Banca dItalia Carla Collicelli Fondazione CENSIS 7

8 Prestazioni di protezione sociale 2007 Fonte: Eurostat. Prestazioni complessive nella media europea Composizione sbilanciata verso spesa pensionistica Carla Collicelli Fondazione CENSIS 8

9 La politica: una crisi a più valenze e da tutti i punti di vista Opposizione azzurra Opposizione rossa Opposizione verde Statalismo, spesa (riduzione degli impegni) Iniquità, economicismo (neo-solidarismo) Assistenzialismo, inquinamento (priorità ambientali ed economiche) Carla Collicelli Fondazione CENSIS 9

10 La sanità salvata dalle famiglie La spesa annua di tasca propria Il 44% delle famiglie con spese odontoiatriche ha speso di tasca propria 10 Fonte: Pensare al futuro del Welfare italiano. Summit Unipol Censis, 2011 Carla Collicelli Fondazione CENSIS

11 I bisogni assistenziali Famiglie con minori, anziani o disabili (val.%) 11 Fonte: Pensare al futuro del Welfare italiano. Summit Unipol Censis, 2011 Carla Collicelli Fondazione CENSIS

12 La famiglia è ancora molto affidabile Carla Collicelli Fondazione CENSIS12 Redistribuzione della ricchezza Redistribuzione della ricchezza Famiglia lunga Famiglia lunga Welfare familiare Welfare familiare Affettività e relazionalità Affettività e relazionalità La sussidiarietà è ancora forte, ma sotto stress I bisogni legati alla disabilità e alla non autosufficienza vengono fronteggiati soprattutto da mogli e madri (36,8%), cui si aggiungono figli che ritardano luscita da casa (6,0%), e soprattutto aiuti a pagamento (28,2%) Quando la famiglia non cè resta la solitudine o la badantizzazione Carla Collicelli Fondazione CENSIS

13 Numero di famiglie % sul totale delle famiglie Anno ,7 8, ,5 9, ,7 9, ,5 10, ,1 10,1 Famiglie che ricorrono a un collaboratore domestico (v.a., val. %, var. % e diff. ass.) Fonte: elaborazione Censis su dati Istat, 2009 Carla Collicelli Fondazione CENSIS 13

14 Il paradosso post-femminista 14 Carla Collicelli Fondazione CENSIS Liberazione delle donne italiane ai costi delle straniere Figli di straniere in collegio (1.600 al censimento) Rinuncia a famiglia e figli Umiliazione: molte laureate Monetizzazione: la intermediazione di lavoro Carla Collicelli Fondazione CENSIS

15 La sicurezza cercata nellofferta tradizionale Il 28,7% degli italiani attribuisce gli accessi impropri allospedale alla ricerca di sicurezza in termini di: raggiungibilità attrezzature professionalità apertura Cultura bipolare: stili di vita ospedale Carla Collicelli Fondazione CENSIS 15 Carla Collicelli Fondazione CENSIS

16 Consumo farmaceutico Palliativi di vario genere: ad esempio il farmaco ammortizzatore sanitario Carla Collicelli Fondazione CENSIS 16 Indici di vecchiaia Compartecipazione Friuli Venezia Giulia -6% 185,3Si Liguria -3% 240,1Alta Campania +9% 81,9Bassa Sicilia +13% 104,5Si Lazio +21% 134,1Si Carla Collicelli Fondazione CENSIS

17 Il differenziale culturale Si ritengono informati tra i laureati: Il 76,3% sulla salute (vs 63,6%) Il 76,3% sulla salute (vs 63,6%) Il 68,6% sui servizi (vs 55,8%) Il 68,6% sui servizi (vs 55,8%) Il 40% dichiara di mettere in pratica ciò che apprende dai mass-media 17 Carla Collicelli Fondazione CENSIS

18 Cresce il peso di Internet 18 Più di 23 milioni gli internauti in Italia (contro 6 milioni di lettori della carta stampata) Più di 16 milioni quelli che cercano su internet notizie su salute e sanità (l80% dei giovani, il 50% dei laureati, il 20% degli anziani) Carla Collicelli Fondazione CENSIS

19 I rischi di una comunicazione tecnologica fai da te Alimentare le paure, le ansie, la ipocondria Creare confusioneComplicare e rendere difficili le scelteAlimentare il conflitto con le istituzioniStrumentalizzare la salute e la malattia Mettere a repentaglio la vita dei soggetti deboli o immaturi 19 Carla Collicelli Fondazione CENSIS

20 Le reti di aiuto informale sono in crisi Diminuiscono le famiglie aiutate (dal 23,3% nel 1983 al 16,9% nel 2009) Aumenta letà dei care giver (da 43 anni nel 1983 a circa 50 nel 2009) Aumentano i care giver ma diminuisce il numero di ore dedicato agli aiuti informali La rete di parentela è sempre più stretta e lunga. Ogni care giver ha meno persone con cui condividere gli aiuti da fornire, meno tempo da dedicare e più persone da assistere per un periodo più lungo dellesistenza Rimane contenuto lapporto del volontariato (6,6% dei care giver contro il 7,9 nel 1983 e il 5,6% del 1998) Carla Collicelli Fondazione CENSIS 20

21 E in crisi il welfare locale Nel 2008 la spesa dei Comuni per i servizi (minori, anziani, disabili o persone in condizioni di disagio) è stata di 6,7 miliardi di euro (0,42% del Pil), (media pro capite 111 euro) La spesa media pro capite varia da 30 euro in Calabria a 280 euro a Trento A fronte di una spesa media per ciascuna persona disabile di euro si passa da 658 euro nel Sud ai nel Nord-est Nel Sud ai disabili è destinato solo l8,4% per cento della spesa totale mentre al Nord la quota è pari al 58,6% Per lassistenza agli anziani la spesa media pro capite è di 117 euro con quote che vanno da 165 euro nel Nord-est a 59 euro nel Sud. Carla Collicelli Fondazione CENSIS 21

22 Il semi-federalismo alitaliana è i crisi Sovrapposizione dei livelli di governo Frammentazione degli interessi e della rappresentanza politica e sociale Assenza di un Finetuning regolatorio adeguato Assenza di collaborazione e solidarietà tra Regioni e Governo centrale reali e fattive Difficoltà a prendere decisioni che premino alcuni a scapito di altri Carla Collicelli Fondazione CENSIS 22

23 Opinioni a proposito del welfare nel proprio paese (val. %) Fonte: elaborazione Censis su dati Eurobarometro Carla Collicelli Fondazione CENSIS 23

24 Carente la politica del governo nei confronti della terza età Come giudica la politica dellattuale governo nei confronti della terza età? Carla Collicelli Fondazione CENSIS 24

25 Come si prevede di affrontare i futuri bisogni sanitari e assistenziali Come si prevede di affrontare i futuri bisogni sanitari e assistenziali (val.%) 25 Fonte: Pensare al futuro del Welfare italiano. Summit Unipol Censis, 2011 Carla Collicelli Fondazione CENSIS

26 Il nuovo welfare: verso un mercato sociale ad autoregolazione comunitaria Sistema e stakeholders Sistema e stakeholders Associazionismo e terzo settore Associazionismo e terzo settore Benchmarking di competenze ed efficacia Benchmarking di competenze ed efficacia Valore della differenza e della individualità Valore della differenza e della individualità Superamento dei confini tra settori, comparti e discipline Superamento dei confini tra settori, comparti e discipline Valore della reciprocità e del volontariato Valore della reciprocità e del volontariato Carla Collicelli Fondazione CENSIS 26

27 Un modello sociale da rilanciare con decisione Valorizzando la partecipazione degli utenti Sfruttando le capacità residue e le risorse spontanee Evitando gli sprechi e le duplicazioni inutili Valutando la qualità e i requisiti dei provider Valorizzando la cultura locale dei servizi Carla Collicelli Fondazione CENSIS 27Carla Collicelli Fondazione CENSIS

28 Fondi integrativi, terzo settore, welfare locale, operatori economici, sponsor, project financing, ecc. valorizzando i finanziamenti aggiuntivi e le risorse spontanee a integrazione di quelle pubbliche e istituzionali Carla Collicelli Fondazione CENSIS28 Bisogna allora: FAVORIRE GLI APPROCCI economici e sociali MULTISTAKEHOLDER FAVORIRE GLI APPROCCI economici e sociali MULTISTAKEHOLDER Carla Collicelli Fondazione CENSIS

29 29 Razionalizzare la spesa privata La spesa delle famiglie italiane è elevata e fortemente disorganizzata Bisogna utilizzare al meglio le risorse che già oggi spendono i privati, facendole convergere in un sistema organizzato che razionalizzi lofferta, induca una riduzione dei costi e ponga le condizioni per un incremento delle prestazioni ponga le condizioni per un incremento delle prestazioni Fonte: Pensare al futuro del Welfare italiano. Summit Unipol Censis, 2011 Carla Collicelli Fondazione CENSIS

30 30 Fronteggiare le cronicità e le nuove povertà Le persone bisognose di aiuti tenderanno ad aumentare nei prossimi decenni: occorre potenziare lofferta residenziale, in particolare la rete delle RSA, ma soprattutto puntare sulla domiciliarità Strutturare il ricorso alle badanti in un sistema organizzato che offra formazione e servizi Rilanciare le cure primarie e la medicina del territorio Fonte: Pensare al futuro del Welfare italiano. Summit Unipol Censis, 2011 Carla Collicelli Fondazione CENSIS

31 Applicare non solo verticalmente ma anche orizzontalmente il principio di sussidiarietà Applicare non solo verticalmente ma anche orizzontalmente il principio di sussidiarietà Una funzione non deve fare una cosa che può fare meglio unaltra funzione 31 Carla Collicelli Fondazione CENSIS

32 32 Carla Collicelli Fondazione CENSIS


Scaricare ppt "Il nuovo welfare in transizione Dalla protezione pubblica al mercato sociale 1 Carla Collicelli Fondazione CENSIS."

Presentazioni simili


Annunci Google