La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

ARTICOLO 6 La Repubblica tutela con apposite norme le minoranze linguistiche.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "ARTICOLO 6 La Repubblica tutela con apposite norme le minoranze linguistiche."— Transcript della presentazione:

1 ARTICOLO 6 La Repubblica tutela con apposite norme le minoranze linguistiche

2 Perché questo articolo? Due motivazioni: culturali e linguistiche: territorio vario dal punto di vista linguistico storico-politiche: atteggiamento di dura repressione da parte del regime fascista verso le comunità di lingua diversa: francese, tedesco, sloveno -> es. ITALIANIZZAZIONE FORZATA DELLA TOPONOMASTICA E DEI COGNOMI

3 Dichiarazione Universale dei Diritti dellUomo 1948 Articolo 2 Ad ogni individuo spettano tutti i diritti e tutte le libertà enunciate dalla presente Dichiarazione, senza distinzione alcuna, per ragioni di razza, di colore, di sesso, di LINGUA, di religione, di opinione politica, di origine nazionale o sociale, di ricchezza, di nascita o di altra condizione

4 VARIETA DEL SISTEMA LINGUISTICO IN ITALIA Rispetto allITALIANO STANDARD, sviluppatosi dal DIALETTO TOSCANO, esiste una VARIETA LINGUISTICA dovuta allesistenza sul territorio nazionale di 1) DIVERSI DIALETTI REGIONALI 2) DIVERSE LINGUE MINORITARIE

5 DIFFERENZA TRA DIALETTO E LINGUA: Lingua: insieme di simboli per mezzo dei quali gli esseri umani elaborano e comunicano il loro pensiero. Dialetto: idioma di una comunità determinata, caratterizzato dallambito geografico relativamente ristretto e dalluso prevalentemente orale.

6

7 Carta linguistica troviamo rappresentati senza distinzione i dialetti regionali e le lingue minoritarie presenti sul territorio italiano

8 DIALETTI REGIONALI sono legati da origine comune tutti i dialetti neolatini dItalia sono dirette derivazioni del latino parlato e si collocano quindi in parallelo alla lingua italiana derivata da uno di essi, il dialetto fiorentino, attraverso un processo di elaborazione letteraria e di codificazione riflessa

9 DIALETTI REGIONALI GALLO ITALICO (Piemonte, Lombardia, Trentino, Emilia, Liguria, Toscana sett., Marche sett.) VENETO TOSCANO MEDIANO (Umbria, Marche, Lazio) MERIDIONALE (Campania, Abruzzo, Molise, Basilicata, Puglia centro-sett., Calabria sett.) MERIDIONALE ESTREMO (Puglia merid., Calabria merid., Sicilia)

10 CARTA DELLE MINORANZE LINGUISTICHE

11 LINGUE REGIONALI LADINO FRIULANO SARDO

12 LINGUE DELLE MINORANZE NAZIONALI FRANCESE in Valle dAosta TEDESCO in Alto Adige (=TIROLESE) SLOVENO nella Venezia Giulia orientale (Gorizia) OCCITANO (PROVENZALE): nel Piemonte occidentale / a Guardia Piemontese (Cs) CORSO: nella Sardegna settentrionale

13 COLONIE LINGUISTICHE ALLOGLOTTE GRECO (alcune località dellItalia Meridionale: Salento, Aspromonte) CATALANO (Alghero in Sardegna) DIALETTI TEDESCHI: CIMBRO (località di Trentino e Veneto), MOCHENO (località del Trentino) WALSER (Piemonte e Valle dAosta al confine con la Svizzera; alcune aree del Trentino, del Veneto e del Friuli) FRANCOPROVENZALE (=varietà di Francese e Provenzale: Valle dAosta; Piemonte; località in provincia di Foggia [Faeto] ) ALBANESE (varie località dellItalia meridionale: in Molise, Puglia, Calabria, Sicilia) CROATO (in 3 centri in provincia di Campobasso) TABARCHINO = dialetto genovese portato nel 700 nel sud della Sardegna (Carloforte, Calasetta) da una comunità ligure prima stanziata nellisola di Tabarca, a nord della Tunisia)

14 LA LEGISLAZIONE

15 LEGGE 482/1999: Norme di tutela delle minoranze linguistiche storiche Mentre nelle Regioni a statuto speciale la salvaguardia delle lingue minoritarie è in atto fin dal 1948, le altre realtà linguistiche minoritarie sono tutelate in base a una specifica legge emanata nel 1999.

16 Le lingue delle minoranze storiche possono essere utilizzate come strumento di insegnamento nelle elementari e nelle secondarie di primo grado nella documentazione amministrativa, nel servizio pubblico radiotelevisivo. toponimi tradizionali in aggiunta a quelli ufficiali ripristino di cognome o nome italianizzato

17 GRAFICO DELLA DISTRIBUZIONE DELLE LINGUE MINORITARIE

18 RAPPORTO ITALIANO E LINGUE MINORITARIE

19 LE NUOVE LINGUE Il fenomeno di immigrazione da cui lItalia è stata massicciamente interessata negli ultimi 15 anni sta sensibilmente modificando la varietà linguistica presente sul territorio

20 MULTILINGUISMO E PLURILINGUISMO Multilinguismo: varietà di lingue che co- esistono in un particolare contesto. Plurilinguismo: abilità di un individuo di usare più lingue a scopi comunicativi, avendo competenza in più lingue ed esperienza in più culture.

21 GRAFICO RAPPORTO ITALIANI- IMMIGRATI

22 LINGUE PRESENTI SUL TERRITORIO ITALIANO PER RECENTE IMMIGRAZIONE

23 LA SPAGNA Articolo 3 1.Il castigliano è la lingua ufficiale dello stato. Tutti gli spagnoli devono conoscerla ed avere il diritto di utilizzarla. 2.Le altre lingue spagnole saranno ufficiali nelle rispettive Comunità Autonome in accordo col loro statuto. 3.La ricchezza delle diverse lingue della Spagna è un patrimonio culturale che sarà oggetto di speciale rispetto e protezione.

24 Oltre allo spagnolo troviamo il catalano, il basco ed il galiziano. A queste quattro principali si potrebbero aggiungere il valenciano ed il canario che però non hanno la stessa importanza delle altre. Queste sono vere e proprie lingue e non dialetti.

25 UN NUOVO FENOMENO LINGUISTICO: LO SPANGLISH Fenomeni di interazione tra lo spagnolo e la lingua inglese. Di solito di tratta del cambio di lingua allinterno della stessa frase e quindi della mescolanza tra termini inglesi e spagnoli.


Scaricare ppt "ARTICOLO 6 La Repubblica tutela con apposite norme le minoranze linguistiche."

Presentazioni simili


Annunci Google