La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Relazione finale gruppo verticale sullenergia Blanchet Daniela Sorbilli Maria Elena Moriondo Giulio Vercellin Pier Paolo.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Relazione finale gruppo verticale sullenergia Blanchet Daniela Sorbilli Maria Elena Moriondo Giulio Vercellin Pier Paolo."— Transcript della presentazione:

1 Relazione finale gruppo verticale sullenergia Blanchet Daniela Sorbilli Maria Elena Moriondo Giulio Vercellin Pier Paolo

2 Osservo il sole come scalda (scuola primaria)

3 Il percorso è stato sperimentato in classe 5ª FASE 1 Questionario per sondare le preconoscenze iniziali Le cose che emergono: I bambini non sono in grado di dare una definizione di energia, ma ne riconoscono lutilità: (parlano di forza(4) di motore che fa muovere tutte le cose(1) di cosadi cui riconoscono lutilità (5) -verbi usati:aiuta-fa funzionare-permette di muoversi- serve-è indispensabile; Confondono formae fonti

4 Fase 2: progettazione dellesperimento Si danno alla classe 3 parole chiave: ILLUMINA SOLE SCALDA si predispone del materiale senza commentarlo: barattoli – termometri – dosatore Si invitano i bambini, divisi in gruppo, ad inventare un esperimento che metta in luce una delle caratteristiche del sole.

5 FASE 3 :Realizzazione di un esperimento partendo da uno di quelli suggeriti dai bambini opportunamente strutturato ed ampliato. FASI raccolta delle ipotesi e delle considerazioni realizzazione dellesperimento a partire dalle rilevazioni fatte, completamento di una tabella e costruzione di un grafico discussione per validare oppure no le ipotesi fatte

6 Considerazioni Dal lavoro fatto Non è emersa una definizione di energia,ma si è evidenziato che il sole è una fonte di energia, di cui abbiamo misurato uno degli effetti; Per analogia si è pensato che: anche il nostro corpo ha unenergia ci sono altre possibilità per scaldare lacqua o lambiente(gas, elettricità, stufa) questi elementi sono da tenere presenti per la realizzazione di un percorso che voglia toccare tante forme di energia per la costruzione del concetto.

7 Il lavoro in fisica (scuola secondaria di primo grado) Prima Fase: recupero dei prerequisiti; Seconda Fase: raccogliere i saperi generali sul concetto di lavoro. Questionario; emerge luso comune del termine lavoro,oppure lavoro- spostamento, lavoro-forza,lavoro-azione, ( mai insieme); Terza fase: F=Fxs; esperienza senza spiegazioni; difficoltà a focalizzare lo scopo e ad interpretare quanto visto. Disorientati, risposte di tutti i tipi. Compilazione scheda operativa prima da soli poi correzione insieme. Quarta Fase:relazione tra intensità della F e spostamento subito dal corpo. Esperienze: più attivi e oculati nelle risposte. Concetto di proporzionalità diretta che emerge direttamente da loro. Compilazione scheda operativa prima da soli poi correzione insieme. Verifica: momento positivo. Commenti positivi sul tipo di approccio sperimentale; meno noioso rispetto alla lezione tradizionale (noiosa); più pregnante rispetto alla lezione tradizionale.

8 Aspetti positivi: Possibilità di confronto con altri ordini di scuola; Possibilità di lavorare in modo diverso dal solito; Stimolo a trattare un argomento complesso sin dalla scuola primaria; Possibilità di avere un riscontro oggettivo relativamente allattività svolta; Apertura allinterdisciplinarietà tra le varie materie scientifiche,

9 Aspetti negativi: Complessità dellargomento trattato. Difficoltà a circoscrivere e semplificare largomento trattato nei diversi ordini di scuola. Difficoltà a trovare un filo conduttore dalla primaria allultimo anno della scuola secondaria.

10 Relazione del percorso formativo Competenze sviluppate: Potenziamento della capacità di lavorare in gruppo per la progettazione di ununità didattica. Importanza della raccolta dei saperi diffusi per avere una base di partenza ed eliminare le eventuali misconoscenze. Importanza dellattività sperimentale per trattare anche piccoli argomenti. Ricorrere per quanto possibile allesperienza quotidiana degli alunni utilizzando anche materiale povero e facilmente reperibile. Importanza del confronto fra i vari ordini di scuola per creare una continuità tra gli argomenti.

11 Elementi del percorso formativo che ho trovato particolarmente utili Sperimentazione del lavoro progettato dal gruppo e confronto dei risultati ottenuti nelle diverse classi. Necessità di affrontare piccole parti di programma in modo approfondito (poco ma bene) Utilità delle esperienze e degli esperimenti. Utilità dellerrore nellapprendimento. Utilità del lavoro di gruppo come metodo di confronto con gli altri colleghi

12 Indicazioni che potrei offrire per migliorare ulteriormente lefficacia del percorso formativo Utilizzazione del bilinguismo nella didattica delle scienze (luso di termini non comunemente utilizzati può evitare linsorgere di misconoscenze). Diluire maggiormente gli incontri per poter sperimentare le attività con maggiore tranquillità lasciando più spazio alla riflessione personale e al confronto.

13 Elementi di raccordo fra lattività sperimentale formativa e lattività istituzionale Scuola primaria: è stato uno stimolo a trattare largomento che è comunque previsto nei programmi ministeriali. Scuola secondaria di primo grado: non avrei trattato largomento a causa delle numerose implicazioni concettuali che largomento richiede. Ciò è consentito in quanto i programmi ministeriali lasciano ampia libertà di scelta degli argomenti da trattare. Scuola secondaria di secondo grado: questo argomento viene normalmente trattato nel programma di fisica.


Scaricare ppt "Relazione finale gruppo verticale sullenergia Blanchet Daniela Sorbilli Maria Elena Moriondo Giulio Vercellin Pier Paolo."

Presentazioni simili


Annunci Google