La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Esercitazione n°1 Jose FranchinoIstituzioni di economia 2002/2003 corso C 1 Modalità esercitazioni Esercitazioni in aula: Giovedì ore 8,15 / 10,15 Ricevimento:

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Esercitazione n°1 Jose FranchinoIstituzioni di economia 2002/2003 corso C 1 Modalità esercitazioni Esercitazioni in aula: Giovedì ore 8,15 / 10,15 Ricevimento:"— Transcript della presentazione:

1 Esercitazione n°1 Jose FranchinoIstituzioni di economia 2002/2003 corso C 1 Modalità esercitazioni Esercitazioni in aula: Giovedì ore 8,15 / 10,15 Ricevimento: Giovedì ore 10,15 / 11,15 PdL Sito: web.econ.unito.it/vannoni/teaching.html Diapositive delle esercitazioni svolte in aula Un esercizio o test (domande brevi) da svolgere Soluzioni dellesercizio o test da svolgere

2 Esercitazione n°1 Jose FranchinoIstituzioni di economia 2002/2003 corso C 2 Questo file può essere scaricato da web.econ.unito.it/vannoni/teaching.html il nome del file è Esercitazione n°1

3 Esercitazione n°1 Jose FranchinoIstituzioni di economia 2002/2003 corso C 3 Capitoli trattati: 3 - Interdipendenza e vantaggi del commercio 4 – Le forze di mercato della domanda e dellofferta 5 - Lelasticità e le sue applicazioni Esercitazione n° 1

4 Jose FranchinoIstituzioni di economia 2002/2003 corso C Interdipendenza e vantaggi del commercio La specializzazione produttiva e lo scambio portano vantaggi a tutti gli individui coinvolti. Sono i costi opportunità e i vantaggi comparati a determinare le scelte di specializzazione e gli scambi.

5 Esercitazione n°1 Jose FranchinoIstituzioni di economia 2002/2003 corso C 5 Caso Pratico n.1 Angela è una studentessa universitaria molto impegnata e può dedicare soltanto 5 ore alla settimana al suo hobby. In questo tempo si dedica alla lavorazione della terra cotta, in un ora può modellare 2 vasi o in alternativa 4 tazzine da caffè. 1) Disegnare la frontiera delle possibilità produttive di Angela per vasi e tazzine. Vasi Tazzine 10 A 20 B Punto A: Angela dedica 5 ore ai vasi e ne produce 10 Punto B: Angela dedica 5 ore alle tazzine e ne produce 20 Punto C: Angela dedica 2,5 ore ai vasi e ne produce 5, e 2,5 ore alle tazzine e ne produce 10 C 10 5

6 Esercitazione n°1 Jose FranchinoIstituzioni di economia 2002/2003 corso C 6 2) Qual è il costo opportunità di Angela per un vaso? E per 10 vasi? Costo opportunità: ciò a cui si deve rinunciare per ottenere un determinato bene. Anna per produrre un vaso impiega 30 minuti, tempo che sottrae alla produzione di tazzine. In 30 minuti Anna potrebbe in alternativa al vaso produrre 2 tazzine, dunque il costo opportunità del vaso in termini di tazzine è 2. Il costo opportunità per 10 vasi sarà 20 tazzine. 3) Qual è il costo opportunità di Angela per una tazzina? E per 10? Anna per produrre una tazzina impiega 15 minuti, se impiegasse questo tempo nella produzione di vasi potrebbe realizzare metà vaso, quindi il costo opportunità di una tazzina in termini di vasi è ½, il reciproco del costo opportunità dei vasi in termini di tazzine. Il costo opportunità per 10 tazzine sarà 5 vasi

7 Esercitazione n°1 Jose FranchinoIstituzioni di economia 2002/2003 corso C 7 Caso Pratico n.2 In Germania un lavoratore può produrre 15 computers o, in alternativa, 5 tonnellate di grano al mese. In Polonia un lavoratore può produrre 4 computers o, in alternativa, 4 tonnellate di grano. 1) Calcolare i costi di produzione e i costi opportunità di un computer e di una tonnellata di grano per la Germania e per la Polonia. 2) Quale paese gode di vantaggi assoluti e di vantaggi comparati nella produzione di computers e grano? 3) In quale produzione si specializzerà ciascun paese? 4) Quale sarà lintervallo di prezzo di computers e grano per cui lo scambio risulta vantaggioso per entrambe i paesi?

8 Esercitazione n°1 Jose FranchinoIstituzioni di economia 2002/2003 corso C 8 Curva (frontiera) delle possibilità di produzione dei due paesi Computers Grano Polonia Computers Grano Germania N.B. In assenza di scambi la frontiera delle possibilità di produzione è anche la frontiera delle possibilità di consumo

9 Esercitazione n°1 Jose FranchinoIstituzioni di economia 2002/2003 corso C 9 Costo di produzione Per unità di prodotto in termini di fattori produttivi impiegati. (fattore lavoro come porzione di mese) 1 computer1 ton grano Germania1/15 di mese1/5 di mese Polonia1/4 di mese Costo opportunità Rappresenta la quantità a cui devo rinunciare di un bene per produrre una unità dellaltro bene 1 computer1 ton grano Germania1/3 di ton di grano3 computers Polonia1 ton di grano1 computer

10 Esercitazione n°1 Jose FranchinoIstituzioni di economia 2002/2003 corso C 10 Vantaggi assoluti Vantaggio in termini di produttività: minori costi di produzione Confronto costi produzione Germania Polonia 1 Computer: 1/15 di mese < 1/4 di mese Vantaggio Germania 1 ton Grano: 1/5 di mese < 1/4 di mese Vantaggio Germania Confronto costi opportunità Germania Polonia 1 Computer: 1/3 di ton di grano < 1 ton di grano Vantaggio Germania 1 ton Grano: 3 computers > 1 computer Vantaggio Polonia Vantaggi comparati Vantaggio in termini di costi opportunità: minori costi opportunità

11 Esercitazione n°1 Jose FranchinoIstituzioni di economia 2002/2003 corso C 11 Specializzazione La Germania dovrebbe produrre computers mentre la Polonia dovrebbe produrre grano. Questo perché i costi opportunità dei computers sono più bassi in Germania e i costi opportunità del grano sono più bassi in Polonia. Ogni paese gode di un vantaggio comparato rispetto ad uno dei due beni.

12 Esercitazione n°1 Jose FranchinoIstituzioni di economia 2002/2003 corso C 12 Prezzo di scambio vantaggioso per entrambe Confronto con costi opportunità La Germania acquisterà grano dalla Polonia se potrà averlo ad un costo inferiore al suo costo opportunità, ovvero per meno di 3 computers per ogni tonnellata di grano (così la Polonia venderà grano se otterrà un prezzo superiore ai suoi costi opportunità ovvero per più di 1 computer per tonnellata di grano). 1 computer < Prezzo 1 ton di grano < 3 computers La Polonia acquisterà computers dalla Germania se potrà averli ad un costo inferiore al suo costo opportunità, ovvero a meno di una tonnellata di grano per ogni computer (così la Germania venderà computers se otterrà un prezzo superiore ai suoi costi opportunità ovvero per più di 1/3 di tonnellata di grano per ogni computer). 1/3 di ton di grano < Prezzo 1 computer < 1 ton di grano

13 Esercitazione n°1 Jose FranchinoIstituzioni di economia 2002/2003 corso C 13 Effetti dello scambio I due paesi hanno scelto la specializzazione, la Germania produce solo computers la Polonia solo grano, e decidono di scambiare la propria produzione con quella dellaltro paese. Supponete che Germania e Polonia stabiliscano un prezzo di 2 computers per una tonnellata di grano ( ovvero ½ tonnellata di grano per ogni computer). La Germania vende 4 computers alla Polonia e la Polonia vende 2 tonnellate di grano alla Germania. Indicare il punto che rappresenta la combinazione di consumo dopo lo scambio e dire se si trova al di sopra della frontiera delle possibilità di produzione in entrambe i paesi.

14 Esercitazione n°1 Jose FranchinoIstituzioni di economia 2002/2003 corso C Polonia Computers Grano Germania Computers Grano 5 Risultato: entrambe i paesi possono consumare oltre la loro frontiera delle possibilità produttive Consumi in presenza di scambi

15 Esercitazione n°1 Jose FranchinoIstituzioni di economia 2002/2003 corso C 15 Problema n. 3 pag. 46 (da risolvere) Il lavoratore americano e quello giapponese riescono entrambi a produrre 4 automobili allanno. Il lavoratore americano riesce però a produrre 10 tonnellate di frumento allanno, mentre quello giapponese riesce a produrne 5. Per semplificare lo scenario, ipotizziamo che entrambe i paesi possano contare su 100 milioni di lavoratori. a)Costruire la tabella delle possibilità di produzione. b)Tracciare il grafico della frontiera delle possibilità di produzione delleconomia americana e di quella giapponese. c)Qual è il costo opportunità di unautomobile per gli Stati Uniti? E quale quello del frumento? Qual è il costo opportunità di una automobile per il Giappone? E quale quello del frumento? d)Quale paese ha un vantaggio assoluto nella produzione di automobili? E in quella di frumento? e)Quale paese ha un vantaggio comparato nella produzione di automobili? E in quella di frumento? f)In assenza di scambi commerciali, la metà dei lavoratori di ciascun paese si dedica alla produzione di automobili. Quale quantità di frumento e di automobili riesce a produrre ciascun paese? g)Partendo dalla situazione di assenza di scambi commerciali, fate un esempio di come, grazie al commercio, la situazione di entrambe i paesi potrebbe migliorare.

16 Esercitazione n°1 Jose FranchinoIstituzioni di economia 2002/2003 corso C 16 4 – Le forze di mercato della domanda e dellofferta. Forme di mercato Domanda Offerta Interazioni domanda - offerta

17 Esercitazione n°1 Jose FranchinoIstituzioni di economia 2002/2003 corso C 17 Forme di mercato Mercato: è rappresentato da un gruppo di compratori e di venditori di un determinato bene Mercati perfettamente concorrenziali. 1) I prodotti offerti da diversi venditori sono perfettamente sostituibili gli uni agli altri 2) Compratori e venditori sono così numerosi che nessun singolo compratore o venditore può influenzare il prezzo di mercato Monopolio: 1 solo venditore e molti compratori Oligopolio: pochi venditori e molti compratori Concorrenza monopolistica: molti compratori e molti venditori ma i prodotti non sono perfettamente sostituibili

18 Esercitazione n°1 Jose FranchinoIstituzioni di economia 2002/2003 corso C 18 Domanda Si intende il comportamento dei compratori in un dato mercato Quantità domandata: è la quantità di un dato bene che i compratori vogliono e possono comperare per ogni livello di prezzo Determinanti della domanda Prezzo Reddito Prezzo di altri beni Preferenze Aspettative La relazione tra prezzo e quantità domandata è descritta dalla scheda di domanda e dalla curva di domanda Per tracciare la curva di domanda si ipotizza che queste variabili restino costanti Domanda di mercato: è la somma algebrica delle domande individuali di tutti i consumatori presenti sul mercato. (somma orizzontale delle quantità domandate per ogni livello di prezzo)

19 Esercitazione n°1 Jose FranchinoIstituzioni di economia 2002/2003 corso C 19 Curva di Domanda La curva di domanda mostra cosa accade alla quantità domandata di un bene a fronte della variazione del suo prezzo (movimento lungo la curva), mantenendo costanti le altre determinanti della quantità domandata; se il valore di una di queste determinanti cambia, la curva di domanda si sposta (movimento della curva). Legge della domanda: a parità di altre condizioni, quando il prezzo di un bene aumenta, la quantità domandata diminuisce. Prezzo Quantità Curva di Domanda

20 Esercitazione n°1 Jose FranchinoIstituzioni di economia 2002/2003 corso C 20 Offerta Si intende il comportamento dei venditori in un dato mercato Quantità offerta: la quantità di un dato bene che i venditori vogliono e possono vendere per ogni livello di prezzo Determinanti dellofferta Prezzo Costo dei fattori Tecnologia Aspettative La relazione tra prezzo e quantità offerta è descritta dalla scheda di offerta e dalla curva di offerta Per tracciare la curva di offerta si ipotizza che queste variabili restino costanti Offerta di mercato: è la somma algebrica delle offerte individuali di tutti i venditori presenti sul mercato. (somma orizzontale delle quantità offerte per ogni livello di prezzo)

21 Esercitazione n°1 Jose FranchinoIstituzioni di economia 2002/2003 corso C 21 Curva di Offerta La curva di offerta illustra ciò che accade alla quantità offerta di un bene quando varia il suo prezzo (movimento lungo la curva), ipotizzando che tutte le altre variabili rimangano costanti. Quando una di tali variabili cambia, la curva di offerta si sposta (spostamento della curva). Legge dellofferta: a parità di altre condizioni, la quantità offerta di un dato bene aumenta allaumentare del prezzo Quantità Prezzo Curva di offerta

22 Esercitazione n°1 Jose FranchinoIstituzioni di economia 2002/2003 corso C 22 Interazioni domanda - offerta Linterazione tra domanda e offerta su un dato mercato definiscono: quantità scambiata e prezzo dello scambio Punto di equilibrio:Punto di incontro di domanda e offerta Prezzo di equilibrio: Il prezzo in corrispondenza del quale domanda ed offerta si equivalgono Quantità di equilibrio: Quantità offerta e domandata che nel punto di equilibrio sono uguali

23 Esercitazione n°1 Jose FranchinoIstituzioni di economia 2002/2003 corso C 23 Caso Pratico Data la tabella di domanda e la tabella di offerta di un ipotetico mercato del grano disegnare le curve di domanda e offerta Mercato del grano in milioni di quintali P Prezzo in $ Q d Qtà domandata Q s Qtà offerta 6, , , , , , ,

24 Esercitazione n°1 Jose FranchinoIstituzioni di economia 2002/2003 corso C 24 Curva di domanda

25 Esercitazione n°1 Jose FranchinoIstituzioni di economia 2002/2003 corso C 25 Curva di offerta

26 Esercitazione n°1 Jose FranchinoIstituzioni di economia 2002/2003 corso C 26 1) Individuare il punto di equilibrio 2) Individuare il prezzo di equilibrio 3) Individuare la quantità di equilibrio

27 Esercitazione n°1 Jose FranchinoIstituzioni di economia 2002/2003 corso C 27 Punto di equilibrio Quantità di equilibrio = 280 Prezzo di equilibrio = $ 4,5

28 Esercitazione n°1 Jose FranchinoIstituzioni di economia 2002/2003 corso C 28 3 ) Al prezzo di $ 3,50 al quintale troveremo un eccesso di offerta o di domanda e di quanto? 4 ) Al prezzo di $ 5,00 al quintale troveremo un eccesso di offerta o di domanda e di quanto?

29 Esercitazione n°1 Jose FranchinoIstituzioni di economia 2002/2003 corso C 29 P= $ 3,5 Q d = 320 Q s = 200 eccesso domanda = = 120 P= $ 5,00 Q d = 260 Q s = 320 eccesso offerta = = 60

30 Esercitazione n°1 Jose FranchinoIstituzioni di economia 2002/2003 corso C 30 Interviene uninnovazione tecnologica che permette di ridurre i costi di produzione, i venditori, per ogni livello di prezzo, saranno disposti ad offrire una quantità maggiore di grano pari a 60 milioni di quintali. 1) Disegnare la nuova curva di offerta. 2) La curva di domanda subisce delle variazioni? 3) Indicare il nuovo punto di equilibrio.

31 Esercitazione n°1 Jose FranchinoIstituzioni di economia 2002/2003 corso C 31 1) Nuova curva offerta 2) La curva di domanda non subisce variazioni 3) Il nuovo punto di equilibrio si stabilirà ad un livello di prezzo più basso e ad una quantità maggiore ( p = 4 q = 300 )

32 Esercitazione n°1 Jose FranchinoIstituzioni di economia 2002/2003 corso C 32 Problema n.3 pag. 70 (da risolvere) Prendete in esame il mercato delle automobili monovolume. Per ognuno degli elementi indicati di seguito, identificate le determinanti della domanda e dellofferta che vengono influenzate e indicate anche se lofferta o la domanda aumentano o diminuiscono. 1.Le famiglie decidono di avere più figli. 2.Uno sciopero delle acciaierie fa aumentare il prezzo dellacciaio. 3.Vengono progettati nuovi impianti automatizzati per la produzione automobilistica. 4.Il prezzo delle station wagon aumenta. 5.Un crollo del mercato azionario fa diminuire la ricchezza delle famiglie.

33 Esercitazione n°1 Jose FranchinoIstituzioni di economia 2002/2003 corso C 33 5 – Lelasticità e le sue applicazioni Lelasticità è una misura della modificazione di una grandezza effetto al variare di una grandezza causa... CAUSEEFFETTI Variazioni PrezzoVariazioni Domanda Variazioni PrezzoVariazioni Offerta Variazioni RedditoVariazioni Domanda

34 Esercitazione n°1 Jose FranchinoIstituzioni di economia 2002/2003 corso C 34 Variazione % delleffetto Variazione % della causa = Variazione % della quantità domandata Variazione % del prezzo = Variazione % della quantità offerta Variazione % del prezzo = Variazione % della quantità domandata Variazione % del reddito = Variazione % della quantità domandata del bene 1 Variazione % del prezzo del bene 2 = Elasticità della domanda Elasticità dell offerta

35 Esercitazione n°1 Jose FranchinoIstituzioni di economia 2002/2003 corso C 35 Calcolo elasticità q 0 :quantità iniziale (prima della variazione di prezzo) q 1 : quantità finale (dopo la variazione di prezzo) p 0 :prezzo iniziale p 1 :prezzo dopo la variazione q = q 1 - q 0 p = p 1 – p 0 Prezzo Quantità p1p1 p0p0 q1q1 q0q0 0 0

36 Esercitazione n°1 Jose FranchinoIstituzioni di economia 2002/2003 corso C 36 Elasticità della domanda rispetto al prezzo = 0 : domanda perfettamente anelastica, qualsiasi variazione del prezzo non fa cambiare la quantità domandata < 1 : domanda anelastica, una variazione del prezzo provoca una variazione della quantità domandata meno che proporzionale. = 1 : domanda con elasticità unitaria, una variazione del prezzo provoca una variazione della quantità domandata esattamente proporzionale. > 1 : domanda elastica, una variazione del prezzo provoca una variazione della quantità domandata più che proporzionale. Se < 1 un aumento del prezzo fa aumentare il ricavo totale Ricavo totale = QxP Se > 1 un aumento del prezzo fa diminuire il ricavo totale Se = 1 un aumento del prezzo non fa variare il ricavo totale

37 Esercitazione n°1 Jose FranchinoIstituzioni di economia 2002/2003 corso C 37 Curve di domanda ed elasticità Prezzo Quantità La domanda di cibo è anelastica rispetto al prezzo (vero/falso ) Vero Esempio di domanda anelastica Var % prezzo > Var % domanda (5-4) (4+5)/2 x 100 = 22% (90-100) (100+90)/2 x 100 = 11% = 11% 22% = 0,5

38 Esercitazione n°1 Jose FranchinoIstituzioni di economia 2002/2003 corso C 38 Un venditore che desidera aumentare il suo ricavo totale aumenta il prezzo quando la domanda è anelastica. (vero/falso) a b Vero RT a =15X7=105 RT b =10X15=150 Punto a P=7 q=15 Punto b p=15 q=10

39 Esercitazione n°1 Jose FranchinoIstituzioni di economia 2002/2003 corso C 39 Lelasticità tende a rimanere costante lungo una curva di domanda lineare. (vero/falso) = 1 > 1 <1 Quantità domandata Elasticità Falso

40 Esercitazione n°1 Jose FranchinoIstituzioni di economia 2002/2003 corso C 40 Caso Pratico: Il direttore dello Zoo rileva che il ricavato della vendita di biglietti non è sufficiente a coprire le spese, ogni giorno si ha una perdita di 600,00. Attualmente il prezzo del biglietto è di 4,00 a persona, ogni giorno lo Zoo è visitato da 600 persone. Il direttore chiede sovvenzioni al comune, ma il Sindaco risponde che sarà sufficiente aumentare di 1,00 il prezzo del biglietto per ottenere i 600,00 necessari a coprire le perdite giornaliere. Supponete di essere incaricati dal direttore dello Zoo di valutare gli effetti dellaumento del prezzo del biglietto e di proporre la miglior soluzione di prezzo. (calcolare: le variazioni percentuali di prezzo e quantità, lelasticità e il ricavo totale. Commentare i risultati.)

41 Esercitazione n°1 Jose FranchinoIstituzioni di economia 2002/2003 corso C 41 Dati disponibili: curva di domanda dei biglietti (numero di biglietti domandati al giorno per i diversi prezzi)

42 Esercitazione n°1 Jose FranchinoIstituzioni di economia 2002/2003 corso C 42 Calcolo dellelasticità con il metodo del punto medio Esempio di calcolo dellelasticità della domanda per un aumento di prezzo da 2,00 3,00.

43 Esercitazione n°1 Jose FranchinoIstituzioni di economia 2002/2003 corso C 43 prezzoquantità ricavo totale % var prezzo % var quantità elasticità 0, %13%0,07 1, %15%0,22 2, %18%0,45 3, %22%0,76 4, %29%1,32 5, %40%2,22 6, %67%4,47 7, %200%15,38 8,0000 < 1 domanda anelastica > 1 domanda elastica

44 Esercitazione n°1 Jose FranchinoIstituzioni di economia 2002/2003 corso C 44 Commento La domanda si mantiene anelastica, per aumenti progressivi di prezzo, fino al passaggio da 3 a 4, andando oltre la domanda diventa elastica. Fino a 4 laumento del prezzo è proporzionalmente superiore alla diminuzione della domanda e si avrà un incremento del ricavo totale. Oltre i 4 ulteriori aumenti del prezzo provocherebbero un diminuzione della domanda proporzionalmente maggiore, portando ad un risultato netto negativo con diminuzione del ricavo totale. Un aumento del prezzo del biglietto non può portare a maggiori incassi per lo Zoo, anzi provocherebbe ulteriori perdite.

45 Esercitazione n°1 Jose FranchinoIstituzioni di economia 2002/2003 corso C 45 Problema n. 3 pag. 90 (da risolvere) Supponiamo che la vostra scheda di domanda di compact disc sia la seguente: Prezzo ()Qtà domanda (reddito=10000) Qtà domanda (reddito=12000 ) 8, , , , ,00812 a)Ricorrete al metodo del punto medio per calcolare lelasticità della vostra domanda a fronte di un aumento di prezzo da 8 a 10 nel caso in cui: i) il vostro reddito è di ; ii) è di b)Calcolate la vostra elasticità al reddito a fronte di un aumento di reddito da a se: i) il prezzo è di 12 ; ii) è di 16.


Scaricare ppt "Esercitazione n°1 Jose FranchinoIstituzioni di economia 2002/2003 corso C 1 Modalità esercitazioni Esercitazioni in aula: Giovedì ore 8,15 / 10,15 Ricevimento:"

Presentazioni simili


Annunci Google