La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Università di Torino - Facoltà di Economia A.A. 2009/2010 MICROECONOMIA Corso C Prof. Davide Vannoni Prof. Massimiliano Piacenza.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Università di Torino - Facoltà di Economia A.A. 2009/2010 MICROECONOMIA Corso C Prof. Davide Vannoni Prof. Massimiliano Piacenza."— Transcript della presentazione:

1 Università di Torino - Facoltà di Economia A.A. 2009/2010 MICROECONOMIA Corso C Prof. Davide Vannoni Prof. Massimiliano Piacenza

2 Lezione 2 I fondamenti di domanda e offerta (cap. 2 Pindyck-Rubinfeld)

3 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 2 3 Argomenti da analizzare Offerta e domanda Il meccanismo del mercato Le modificazioni dellequilibrio di mercato Elasticità dellofferta e della domanda Elasticità di breve e di lungo periodo Capire e prevedere gli effetti di cambiamenti nelle condizioni di mercato Effetti di interventi pubblici (es. controllo dei prezzi)

4 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 2 4 Introduzione Applicazioni dellanalisi dellofferta e della domanda: comprendere e prevedere come le variazioni delle condizioni economiche mondiali influenzano il prezzo di mercato e la produzione valutare gli effetti della regolamentazione pubblica dei prezzi, dei salari minimi, del sostegno ai prezzi e degli incentivi alla produzione determinare come lintroduzione di imposte, sussidi, dazi doganali e contingentamenti delle importazioni influenzino il comportamento di produttori e consumatori

5 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 2 5 Domanda e offerta La curva di offerta –rappresenta la quantità di un bene che i produttori sono disposti a vendere ad un dato prezzo, fermi restando tutti gli altri fattori che potrebbero influenzare la quantità offerta

6 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 2 6 Domanda e offerta La curva di offerta –la relazione prezzo-quantità può essere rappresentata dallequazione:

7 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 2 7 Domanda e offerta Lasse orizzontale misura la quantità (Q) offerta in numero di unità (per un dato periodo di tempo) Lasse verticale misura il prezzo (P) ricevuto per unità in euro La curva di offerta graficamente La curva di offerta graficamente Prezzo ( per unità) Quantità

8 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 2 8 Domanda e offerta La curva di offerta graficamente La curva di offerta graficamente Quantità P1P1 Q1Q1 P2P2 Q2Q2 Prezzo ( per unità) O curva di offerta La curva di offerta è inclinata positivamente inclinata positivamente in quanto a prezzi più alti le imprese aumentano la produzione

9 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 2 9 Domanda e offerta Altre variabili che influenzano lofferta –costi di produzione lavoro capitale materie prime

10 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 2 10 Domanda e offerta Se il costo delle materie prime diminuisce –a P 1 si produce Q 2 –a P 2 si produce Q 1 –La curva di offerta si sposta a destra, da O a O –La produzione su O è maggiore di quella su O per qualsiasi livello di prezzo Cambiamenti della curva di offerta

11 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 2 11 Domanda e offerta Offerta – riepilogo –la curva di offerta è determinata da variabili diverse dal prezzo, come il costo del lavoro, del capitale, delle materie prime spostamenti –cambiamenti dellofferta (della curva di offerta) corrispondono a spostamenti della stessa lungo una stessa curva di offerta –cambiamenti della quantità offerta per effetto di cambiamenti di prezzo corrispondono a spostamenti lungo una stessa curva di offerta

12 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 2 12 Domanda e offerta La curva di domanda –rappresenta la quantità di un bene che i consumatori sono disposti a comprare a seconda del prezzo, fermi restando tutti gli altri fattori che potrebbero influenzare la quantità domandata

13 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 2 13 Domanda e offerta La curva di domanda –la relazione prezzo-quantità può essere rappresentata dallequazione:

14 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 2 14 Domanda e offerta Lasse orizzontale misura la quantità (Q) domandata in numero di unità (per un dato periodo di tempo) Lasse verticale misura il prezzo (P) pagato per unità in euro La curva di domanda graficamente La curva di domanda graficamente Prezzo ( per unità) Quantità

15 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 2 15 Domanda e offerta D curva di domanda La curva di domanda è inclinata negativamente inclinata negativamente in quanto i consumatori di solito sono disposti ad acquistare di più di un certo bene se il prezzo è più basso Quantità Prezzo ( per unità) La curva di domanda graficamente La curva di domanda graficamente

16 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 2 16 Domanda e offerta Variabili diverse dal prezzo che determinano la domanda: –reddito –gusti (preferenze) dei consumatori –prezzi di beni collegati: beni sostitutivi beni complementari

17 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 2 17 Domanda e offerta Se il reddito aumenta –a P 1 si acquista Q 2 –a P 2 si acquista Q 1 –La curva di domanda si sposta a destra, da D a D –Gli acquisti su D sono maggiori di quelli su D per qualsiasi livello di prezzo Cambiamenti della curva di domanda

18 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 2 18 Domanda e offerta Domanda – riepilogo –la curva di domanda è determinata da variabili diverse dal prezzo, come il reddito, il prezzo dei beni collegati, i gusti spostamenti –cambiamenti della domanda (della curva di domanda) corrispondono a spostamenti della stessa lungo una stessa curva di domanda –cambiamenti della quantità domandata per effetto di cambiamenti di prezzo corrispondono a spostamenti lungo una stessa curva di domanda

19 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 2 19 Il meccanismo di mercato Quantità D O P0P0 Q0Q0 Prezzo ( per unità) prezzo di equilibriomarket-clearing Le curve si intersecano in corrispondenza del prezzo di equilibrio (o market-clearing). Al prezzo P0 la quantità offerta (Q 0 ) è uguale alla quantità domandata (Q 0 )

20 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 2 20 Il meccanismo di mercato equilibrioCaratteristiche dellequilibrio –Q D = Q O –nessuna carenza –nessuna eccedenza –nessuna pressione che induca il prezzo a cambiare

21 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 2 21 Il meccanismo di mercato Quantità D O P0P0 Q0Q0 Se il prezzo è al di sopra del livello di equilibrio: 1. il prezzo è maggiore del market-clearing price 2. Q o > Q d 3. il prezzo scende al livello del market-clearing price P1P1 Eccedenza Prezzo ( per unità)

22 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 2 22 Il meccanismo di mercato Eccedenza (surplus) –il prezzo di mercato è al di sopra dellequilibrio cè eccesso di offerta i produttori diminuiscono il prezzo la quantità domandata aumenta e quella offerta diminuisce il mercato continua ad adeguarsi sino a che si raggiunge il prezzo di equilibrio

23 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 2 23 Il meccanismo di mercato D O Q1Q1 Se il prezzo è P 1, allora: 1. Q o = Q 2 > Q d = Q 1 ; 2. leccedenza è Q 2 - Q 1 ; 3. i produttori diminuiscono il prezzo; 4. la quantità offerta diminuisce e quella domandata aumenta; 5. lequilibrio è a P 2, Q 3. P1P1 Eccedenza Q2Q2 Quantità P2P2 Q3Q3 Prezzo ( per unità)

24 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 2 24 Il meccanismo di mercato Carenza –il prezzo di mercato è al di sotto dellequilibrio cè eccesso di domanda i produttori aumentano il prezzo la quantità offerta aumenta e quella domandata diminuisce il mercato continua ad adeguarsi sino a che si raggiunge il prezzo di equilibrio

25 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 2 25 Il meccanismo di mercato D O Q1Q1 Q2Q2 P2P2 Carenza Quantità Prezzo ( per unità) Se il prezzo è P 2, allora: 1. Q d = Q 2 > Q o = Q 1 ; 2. la carenza è Q 2 - Q 1 ; 3. i produttori aumentano il prezzo; 4. la quantità offerta aumenta e quella domandata diminuisce; 5. lequilibrio è a P 3,Q 3. Q3Q3 P3P3

26 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 2 26 Variazioni dellequilibrio di mercato Il prezzi di equilibrio sono determinati dalle curve di offerta e di domanda (livelli di D. e O. per ogni prezzo) Livelli a loro volta dipendenti dai valori delle variabili che determinano le due curve Cambiamenti in una o più di quelle variabili determinano cambiamenti del prezzo e della quantità di equilibrio

27 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 2 27 Variazioni dellequilibrio di mercato In pratica, occorre: – rispondere ai seguenti quesiti quale o quali curve si spostano per effetto dei cambiamenti avvenuti? in quale direzione? – infine, disegnare il nuovo grafico

28 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 2 28 Variazioni dellequilibrio di mercato I prezzi delle materie prime diminuiscono –O si sposta in O –Surplus con P 1, pari a Q 2 - Q 1 –Equilibrio con P 3, Q 3 O Q2Q2 P Q OD P3P3 Q3Q3 Q1Q1 P1P1

29 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 2 29 Variazioni dellequilibrio di mercato Aumenta il reddito –D si sposta in D –Carenza con P 1, pari a Q 2 - Q 1 –Equilibrio con P 3, Q 3 D OD Q3Q3 P3P3 Q2Q2 P Q Q1Q1 P1P1

30 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 2 30 Variazioni dellequilibrio di mercato Aumenta il reddito e diminuiscono i prezzi delle materie prime –Lincremento di D è maggiore di quello di O –Il prezzo e la quantità di equilibrio crescono a P 2, Q 2 D O P Q O P2P2 Q2Q2 D P1P1 Q1Q1

31 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 2 31 Ancora il prezzo delle uova e quello dellistruzione universitaria Il prezzo reale delle uova (USA) è diminuito del 59% dal 1970 al 1998 Lofferta è cresciuta per effetto della meccanizzazione degli allevamenti e della riduzione dei costi La domanda è diminuita per effetto della maggior attenzione alle scelte alimentari per motivi di salute (colesterolo, …)

32 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 2 32 Ancora il prezzo delle uova e quello dellistruzione universitaria Il prezzo reale dellistruzione universitaria è aumentato del 68% dal 1970 al 1995 Lofferta è diminuita per effetto dei maggiori costi (investimenti per aule, laboratori e biblioteche; stipendi dei docenti) La domanda è aumentata per effetto di una maggior percentuale di un maggior numero di diplomati che proseguono gli studi

33 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 2 33 Ancora il prezzo delle uova e quello dellistruzione universitaria

34 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 2 34 Variazioni dellequilibrio di mercato Diseguaglianza nei redditi da lavoro negli USA –Compensi al netto delle tasse in termini reali dal 1977 al 1999 aumento del 40% per il primo 20% della distribuzione dei redditi diminuzione del 10% per lultimo 20% Interpretare il fenomeno

35 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 2 35 Consumo e prezzo del rame

36 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 2 36 Il comportamento di lungo periodo dei prezzi delle risorse naturali La diminuzione dei costi di produzione della maggior parte delle risorse naturali ne ha incrementato lofferta più ancora di quanto fosse necessario per fronteggiare lenorme incremento della domanda

37 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 2 37 Variazioni dellequilibrio di mercato

38 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 2 38 Variazioni dellequilibrio di mercato Per prevedere il futuro prezzo di un prodotto è necessario considerare i potenziali cambiamenti nellofferta e nella domanda Le previsione dellinizio degli anni 70 sul petrolio e sugli altri minerali consideravano solo la domanda

39 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 2 39 Elasticità della domanda e dellofferta sensibilitàLelasticità misura il grado di sensibilità di una variabile rispetto ad unaltra E la variazione percentuale che misuriamo in una variabile per effetto della variazione dell1% di unaltra variabile (causa)

40 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 2 40 Elasticità della domanda e dellofferta sensibilità cambiamenti del prezzoMisura la sensibilità della quantità domandata rispetto ai cambiamenti del prezzo –è la variazione percentuale della domanda di una merce o di un servizio causata da un cambiamento del prezzo dell1% Elasticità della domanda rispetto al prezzo

41 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 2 41 Elasticità della domanda e dellofferta rispetto al prezzoLelasticità della domanda rispetto al prezzo è: Calcolo: la variazione percentuale di una variabile è la variazione assoluta divisa per il valore iniziale della variabile (moltiplicata per 100)

42 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 2 42 Elasticità della domanda e dellofferta La formula dellelasticità può anche essere scritta:

43 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 2 43 Elasticità della domanda e dellofferta Interpretazione dei valori dellelasticità inversa elasticità della domanda negativa valore assoluto –per effetto della relazione inversa tra P e Q, lelasticità della domanda rispetto al prezzo è negativa; di norma ne consideriamo solo il valore assoluto

44 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 2 44 Elasticità della domanda e dellofferta Interpretazione dei valori dellelasticità elastica –se E p > 1 il cambiamento percentuale della quantità è maggiore del cambiamento percentuale del prezzo; la domanda è elastica rispetto al prezzo anelasticarigida –se E p < 1 il cambiamento percentuale della quantità è minore del cambiamento percentuale del prezzo; la domanda è anelastica (o rigida) rispetto al prezzo

45 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 2 45 Elasticità della domanda e dellofferta La prima determinante dellelasticità della domanda rispetto al prezzo è la disponibilità di beni sostitutivi (succedanei) –se esistono beni strettamente succedanei, la domanda è elastica –se mancano è anelastica

46 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 2 46 Elasticità della domanda rispetto al prezzo Q P rezzo Q = 8 - 2P E p = -1 E p = 0 La parte inferiore della curva di domanda è meno elastica della parte superiore lineare Curva di domanda lineare Q = a - bP Q = 8 - 2P ricordare

47 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 2 47 Elasticità della domanda rispetto al prezzo D P*P* Quantità Prezzo elasticità Domanda a elasticità infinita (perfettamente elastica)

48 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 2 48 Elasticità della domanda rispetto al prezzo Q*Q* Quantità Prezzo rigidità Domanda a rigidità infinita (perfettamente rigida)

49 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 2 49 Elasticità della domanda e dellofferta rispetto al redditoLelasticità della domanda rispetto al reddito misura il cambiamento percentuale della quantità domandata per effetto di un 1% di cambiamento del reddito Altre elasticità della domanda

50 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 2 50 Elasticità della domanda e dellofferta incrociataLelasticità incrociata della domanda misura il cambiamento percentuale della quantità domandata di un bene per effetto di una variazione dell1% nel prezzo di un altro bene (es. burro e margarina) negativa complementaripositivasostitutiviLelasticità incrociata è negativa per i beni complementari e positiva per i beni sostitutivi Altre elasticità della domanda

51 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 2 51 Elasticità della domanda e dellofferta quantità offerta cambiamenti del prezzo di venditaMisura la sensibilità della quantità offerta rispetto ai cambiamenti del prezzo di vendita –è il cambiamento percentuale della quantità offerta di una merce o di un servizio causata da una variazione del prezzo di vendita dell1% positiva diretta –è normalmente positiva perché offerta e prezzi sono in proporzione diretta Elasticità dellofferta

52 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 2 52 Elasticità della domanda e dellofferta altre variabiliPossiamo misurare lelasticità dellofferta anche rispetto ad altre variabili, quali il tasso dinteresse, le retribuzioni, i prezzi delle materie prime o degli altri beni intermedi utilizzati nella produzione. Elasticità dellofferta

53 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 2 53 Elasticità della domanda e dellofferta offertaCurva di offerta del frumento nel 1981 negli USA (prezzo nominale in $ a staio; quantità in milioni di staia ) Q O = P domandaCurva di domanda del frumento nel 1981 negli USA Q D = P [NB bushel è stato tradotto con staio, ma un bushel corrisponde a 35,24 litri; uno staio a 18,28] Mercato del frumento

54 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 2 54 Elasticità della domanda e dellofferta Equilibrio:Q O = Q D Mercato del frumento

55 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 2 55 Mercato del frumento Elasticità della domanda e dellofferta

56 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 2 56 Elasticità della domanda e dellofferta Mercato del frumento Lelasticità (su una curva di domanda lineare) non è costante: supponiamo che il prezzo sia $4/staio

57 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 2 57 Elasticità della domanda e dellofferta Mercato del frumento P P P = P 506P = 1750 P 1981 = $3,46/staio P P P = P P 1998 = $2,65/staio NB: prezzi nominali Offerta (Q O ) Domanda (Q D ) Prezzo di equilibrio (Q O = Q D )

58 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 2 58 Elasticità di breve periodo ed elasticità di lungo periodo Lelasticità della domanda rispetto al prezzo varia a seconda del tempo che i consumatori hanno a disposizione per reagire ad un cambiamento di prezzo Domanda

59 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 2 59 Elasticità di breve periodo ed elasticità di lungo periodo Per la maggior parte dei beni (merci e servizi) lelasticità di breve periodo è inferiore a quella di lungo periodo Per i beni durevoli vale lopposto, con lelasticità di breve periodo superiore a quella di lungo periodo Domanda

60 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 2 60 Elasticità di breve periodo ed elasticità di lungo periodo D BP D LP Risparmio di energia nel lungo periodo con auto più piccole e più efficienti Benzina Quantità Prezzo

61 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 2 61 Elasticità di breve periodo ed elasticità di lungo periodo D LP D BP Rinvio dellacquisto, ma necessità di sostituzioni nel LP Automobili Quantità Prezzo

62 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 2 62 Elasticità di breve periodo ed elasticità di lungo periodo Lelasticità rispetto al reddito è diversa a seconda del tempo che trascorre dopo un cambiamento di reddito –Nella maggior parte dei beni e servizi lelasticità è maggiore nel lungo periodo che nel breve –Beni durevoli: situazione inversa, perché … (?) Elasticità rispetto al reddito

63 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 2 63 Elasticità di breve periodo ed elasticità di lungo periodo Risposta: nel breve periodo può esserci la rinuncia ad acquistare un bene durevole, ma nel lungo periodo sono necessarie le sostituzioni (oppure, in caso di aumento di reddito, nel breve periodo possiamo registrare molti acquisti, ma nel lungo periodo conta la sostituzione) Elasticità rispetto al reddito

64 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 2 64 Elasticità di breve periodo ed elasticità di lungo periodo Benzina e automobili sono beni complementari Elasticità: –lelasticità di lungo periodo della benzina (rispetto al reddito ed al prezzo) è maggiore di quella di breve periodo –lelasticità di lungo periodo delle automobili (rispetto al reddito ed al prezzo) è minore di quella di breve periodo Domanda di benzina e di automobili

65 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 2 65 Elasticità di breve periodo ed elasticità di lungo periodo Domanda di benzina Prezzo Reddito Anni trascorsi dopo una var. di prezzo o reddito Elasticità Stime tratte da ricerche di Pindyck (1979)

66 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 2 66 Elasticità di breve periodo ed elasticità di lungo periodo Domanda di automobili Prezzo Reddito Anni trascorsi dopo una var. di prezzo o reddito Elasticità Stime tratte da ricerche di Pindyck (1979)

67 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 2 67 Elasticità di breve periodo ed elasticità di lungo periodo I dati spiegano: –Perché il prezzo non può salire stabilmente molto al di sopra dei 30$/barile, nonostante la crescita rapidissima degli anni 70 –Perché le vendite di automobili siano così sensibili al ciclo economico Domanda di benzina e di automobili

68 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 2 68 Elasticità di breve periodo ed elasticità di lungo periodo Per la maggior parte delle merci e dei servizi: capacità produttiva –lelasticità dellofferta rispetto al prezzo è maggiore nel lungo periodo rispetto al breve periodo (in cui la capacità produttiva è data); in alcuni casi lofferta di breve è del tutto anelastica al prezzo (es. offerta di case in affitto) Per i beni durevoli riciclabili secondaria –lelasticità dellofferta rispetto al prezzo è invece maggiore nel breve rispetto al lungo periodo (es. offerta secondaria di metalli come il rame, ovvero i rottami riciclati) Offerta

69 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 2 69 Elasticità di breve periodo ed elasticità di lungo periodo Offerta (a) Offerta di rame primario; (b) Offerta di rame secondario Per rilevare lelasticità delle curve occorre valutare la variazione di quantità a parità di variazione di prezzo

70 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 2 70 Elasticità di breve periodo e di lungo periodo Caffé (a)una siccità o una gelata spostano verso sinistra la curva di offerta (perché la curva è verticale?), con forte aumento del prezzo nel breve periodo (b)vi sono degli adeguamenti nel medio periodo (cosa cambia?) (c)nel lungo periodo si torna a P 0 (perché la curva di offerta ora è orizzontale?)

71 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 2 71 Comprendere e prevedere gli effetti di cambiamenti delle condizioni di mercato In primo luogo dobbiamo imparare ad «adattare» curve di domanda e offerta (lineari) ai dati del mercato NB: non si fa qui riferimento alla regressione o ad altre tecniche di analisi statistica Possiamo così determinare numericamente come una variazione nel reddito (PNL), nel prezzo di un altro bene, nei costi di produzione, modificano la posizione delle curve di domanda o di offerta e con quali effetti su prezzi e quantità di mercato

72 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 2 72 Dati disponibili –prezzo di equilibrio, P* –quantità di equilibrio, Q* –elasticità dellofferta e della domanda rispetto al prezzo per il mercato (allequilibrio o in prossimità dellequilibrio), E O e E D Comprendere e prevedere gli effetti di cambiamenti delle condizioni di mercato

73 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 2 73 domanda: Q = a - bP a/b offerta: Q = c + dP -c/d P* Q* E D = -bP*/Q* E O = dP*/Q* Quantità Prezzo Comprendere e prevedere gli effetti di cambiamenti delle condizioni di mercato

74 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 2 74 Comprendere e prevedere gli effetti di cambiamenti delle condizioni di mercato ripasso per noi, nel punto indicato, sono noti P = P*, Q = Q*, - per la domanda e per lofferta quindi

75 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 2 75 Comprendere e prevedere gli effetti di cambiamenti delle condizioni di mercato Dati relativi al mercato del rame –prezzo di equilibrio: P* = $ 0,75 per libbra –quantità di equilibrio: Q* = 7,5 milioni tonnell./anno –elasticità dellofferta: E O = 1,6 –elasticità della domanda: E D = -0,8

76 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 2 76 Comprendere e prevedere gli effetti di cambiamenti delle condizioni di mercato E o = d(P*/Q*) 1.6 = d(0.75/7.5) = 0.1d d = 1.6/0.1 = 16 E d = -b(P*/Q*) -0.8 = -b(0.75/7.5) = -0.1b b = 0.8/0.1 = 8

77 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 2 77 Comprendere e prevedere gli effetti di cambiamenti delle condizioni di mercato Offerta = Q O * = c + dP* 7.5 = c = c + 12 c = c = -4.5 Q O = P Domanda = Q D * = a - bP* 7.5 = a = a - 6 a = a =13.5 Q D = P

78 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 2 78 Comprendere e prevedere gli effetti di cambiamenti delle condizioni di mercato Eguagliando domanda e offerta si ha: Offerta = P = P = Domanda 16P + 8P = P = 18/24 = 0.75 Q = ? Conferma della correttezza dei calcoli svolti

79 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 2 79 Comprendere e prevedere gli effetti di cambiamenti delle condizioni di mercato Offerta: Q O = P Domanda: Q D = P Mt/anno Prezzo 0.75 a/b -c/d 7.5

80 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 2 80 Comprendere e prevedere gli effetti di cambiamenti delle condizioni di mercato Sin qui abbiamo scritto domanda e offerta soltanto in funzione di una sola variabile: il prezzo RedditoLa domanda dipende anche dal Reddito La funzione dovrebbe quindi essere scritta così: in cui R è un indice del reddito aggregato o del PIL

81 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 2 81 Comprendere e prevedere gli effetti di cambiamenti delle condizioni di mercato Conosciamo le informazioni che seguono a proposito dellindustria del rame: – R = 1 (valore nellanno base) – P* = 0.75 – Q* = 7.5 – b = 8 elasticità di lungo periodo rispetto al reddito – Stima dellelasticità di lungo periodo della domanda rispetto al reddito E = 1.3

82 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 2 82 Comprendere e prevedere gli effetti di cambiamenti delle condizioni di mercato f può essere calcolato sostituendo i valori noti nella formula dellelasticità della domanda rispetto al reddito e

83 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 2 83 Comprendere e prevedere gli effetti di cambiamenti delle condizioni di mercato che, rispetto ad f, dà: 1.3 = (1/7.5) f f = (1.3 x 7.5)/1 = 9.75 rispetto ad a, con, dà: 7.5 = a - 8(0.75) (1) a = 3.75 Q D = P R

84 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 2 84 Contrazione della domanda e andamento del prezzo del rame Domanda di rame decrescente negli ultimi decenni a causa di due ragioni: minore produzione di macchine e attrezzature per la generazione e la distribuzione di energia elettrica negli anni 80 si sono affacciati sul mercato materiali alternativi (beni sostituti) come alluminio e fibre ottiche

85 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 2 85 Prezzo nominale e reale del rame

86 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 2 86 Prezzo nominale e reale del rame effetto sul prezzo diminuzione della domandaCerchiamo di valutare leffetto sul prezzo di mercato di una diminuzione della domanda pari al 20% Ricordiamo lequazione della domanda: Q D = P e, con la riduzione della domanda, Q D = (0.80)( P) da cui Q D = P

87 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 2 87 Ricordiamo lequazione dellofferta: Q O = P Il nuovo prezzo di equilibrio è: P* = P* -16P* + 6.4P* = P* = 15.3/22.4 P* = 0.68 $/libbra -7 centesimi, circa 10% del prezzo iniziale (0.75$) Prezzo nominale e reale del rame

88 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 2 88 Prezzo del petrolio greggio

89 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 2 89 Sovvertimenti nel mercato mondiale del petrolio Cerchiamo di prevedere leffetto di una diminuzione dellofferta di petrolio da parte dellOPEC* Nel 1997, con valori in $ del 1997: – P* = $18/barile – domanda e offerta mondiale = 23 miliardi di barili/anno (mb/a) – offerta OPEC = 10 mb/a – offerta concorrenziale (non OPEC) = 13 mb/a * DellOPEC (Organization of the Petroleum Exporting Countries) non fanno parte Russia e Cina e, ovviamente, i produttori occidentali

90 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 2 90 Elasticità Elasticità della domanda e dellofferta di petrolio BreveLungo periodoperiodo Domanda mondiale-0,05-0,40 Offerta concorrenziale 0,10 0,40 Sovvertimenti nel mercato mondiale del petrolio

91 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 2 91 breve periodo Sovvertimenti nel mercato mondiale del petrolio (analisi di breve periodo) breve periodoriduzione della produzione OPECEffetto di breve periodo (BP) di una riduzione della produzione OPEC di 3 miliardi di barili anno – Domanda di BP D = P – Offerta concorrenziale (non OPEC) di BP O C = P prima della riduzione di offerta – Offerta totale di BP prima della riduzione di offerta, con 10 mb/a da OPEC O T = P dopo la riduzione di offerta – Offerta totale di BP dopo la riduzione di offerta, con 7 mb/a da OPEC O T = P P di equilibrio = 18 $ P di equilibrio a $

92 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 2 92 Sovvertimenti nel mercato mondiale del petrolio D Quantità (mb/a) Prezzo ($ per barile) 5 18 OTOT O C breve periodo Effetti di breve periodo OTOT

93 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 2 93 lungo periodo Sovvertimenti nel mercato mondiale del petrolio (analisi di lungo periodo) lungo periodoNel lungo periodo (LP) – Domanda di LP D = P prima della crisi – Offerta totale di LP (prima della crisi) O T = P dopo la crisi – Offerta totale di LP (dopo la crisi) O T = P P* = P*; P* = (solo 3.75 $ in più del prezzo iniziale)

94 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 2 94 Sovvertimenti nel mercato mondiale del petrolio D Quantità (mb/a) Prezzo ($ per barile) 5 OTOT OCOC lungo periodo Effetti di lungo periodo OTOT

95 D. Vannoni e M. PiacenzaMicroeconomia C, A.A Lezione 2 95 Gli effetti dellintervento pubblico: la regolamentazione dei prezzi D Quantità P rezzo P0P0 Q0Q0 O P max Eccesso di domanda mercati di altri beni via elasticità incrociata NB: ci possono essere ripercussioni anche sui mercati di altri beni, complementari o sostitutivi, via elasticità incrociata


Scaricare ppt "Università di Torino - Facoltà di Economia A.A. 2009/2010 MICROECONOMIA Corso C Prof. Davide Vannoni Prof. Massimiliano Piacenza."

Presentazioni simili


Annunci Google