La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il Servizio Civile presso lUniversità di Padova e i suoi Enti partner

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il Servizio Civile presso lUniversità di Padova e i suoi Enti partner"— Transcript della presentazione:

1 Il Servizio Civile presso lUniversità di Padova e i suoi Enti partner Mimma De Gasperi Valentino Callegari

2 Nel 2001 viene promulgata la L. 64 e, contemporaneamente, iniziano a diminuire i giovani obiettori. In Ateneo sono presenti circa 450 studenti disabili iscritti, ai quali vengono garantiti svariati servizi di assistenza (accompagnamento a lezione, in mensa, in aula studio, in biblioteca ecc.). Tali servizi sono erogati quasi esclusivamente dagli obiettori, quindi diventa prioritario trovare altre figure da attivare. Sarebbe stato più facile convenzionarsi con una cooperativa di servizi di assistenza, ma il valore aggiunto dellavere gli obiettori prima e i volontari poi, sta nella comunanza di età, interessi e aspirazioni degli studenti da un lato e degli assistenti dallaltro. Un po di storia

3 Dopo il 2001: il 2002 Nel 2002 lufficio disabilità, da solo, presenta il primo progetto di Servizio Civile Nazionale, prevedendo solo 5 volontarie (perché ci sono ancora OdC in servizio). Le attività previste sono: accompagnamento degli studenti disabili con mezzi attrezzati da casa o dalle fermate dei mezzi pubblici presso tutte le strutture universitarie (aule, biblioteche, aule studio ecc. ecc.) e viceversa; accompagnamento degli studenti disabili in mensa; accompagnamento ad attività sportive e/o ricreative; assistenza nel disbrigo di pratiche burocratiche in segreteria; assistenza in aula durante le lezioni, eventualmente per prendere appunti; assistenza durante lo studio; assistenza nellutilizzo di ausili informatici specifici.

4 Vista lesperienza positiva, lufficio disabilità, ancora da solo, presenta un secondo progetto di Servizio Civile Nazionale, relativo a 15 volontari, che svolgeranno ancora attività di assistenza agli studenti con disabilità. Il 10 novembre 2003 esce la circolare con le Norme di accreditamento degli Enti di Servizio Civile LAteneo decide di ampliare gli ambiti operativi degli aspiranti volontari (perché molti giovani sono andati presso il Centro di Ateneo per le Biblioteche e presso il Centro Musei a chiedere di poter fare i volontari come quelli dellufficio disabilità) e chiede laccreditamento in seconda classe nazionale, soprattutto relativamente al numero di sedi possibili, considerando la definizione di sede Dopo il 2001: il 2003

5 I progetti del 2004 Numero totale volontari: 110 Ambiti: sociale, culturale, ambientale Partner esterni: Accademia Galileiana di Scienze, Lettere ed Arti Comune di Casalserugo Comune di Due Carrare Comune di Camposampiero

6 I progetti del ) Titolo: Padova studentesca, Padova solidale Ambito territoriale: allargato ai Comuni di Camposampiero, Casalserugo, Due Carrare Area di intervento: assistenza Obiettivi principali: incrementare e/o mantenere le attività di assistenza a disabili, bambini e anziani; attivare servizi nuovi, integrati sul territorio; sviluppare una consapevolezza sociale nella cittadinanza, per contribuire a cambiare gli stereotipi relativi alle persone con disabilità e agli anziani _____________________________________________ 2) Titolo: La biblioteca aperta: dallUniversità al suo territorio Ambito territoriale: allargato ai Comuni di Camposampiero, Casalserugo, Due Carrare e allAccademia Galileiana di Scienze, Lettere ed Arti. Area: Patrimonio artistico e culturale, Cura e conservazione delle biblioteche Obiettivi principali: iniziare una nuova sinergia territoriale grazie alla presenza di due importanti realtà del territorio padovano quali lantica e prestigiosa Accademia Galileiana e la Biblioteca Comunale di Camposampiero.

7 3) Titolo: LUniversità apre alla città e al territorio i suoi Beni Culturali Ambito territoriale: solo Università Area: Patrimonio artistico e culturale, Valorizzazione sistema museale pubblico e privato Obiettivi principali: aumentare la conoscenza sulle realtà culturali descritte, sia nella cittadinanza sia nei volontarie che parteciperanno al progetto stesso; offrire la possibilità ai giovani di accostarsi praticamente a situazioni quasi sempre legate allo studio teorico, con possibilità di inserirsi nel mondo del lavoro. ________________________________________________________ 4) Titolo: Università aperta: i volontari dentro i servizi agli studenti Ambito territoriale: solo Università Area: educazione e promozione culturale, altro Obiettivi principali: aprire lUniversità ai giovani, partendo dalla consapevolezza che lUniversità sia sempre troppo poco aperta alla realtà dei giovani stessi, soprattutto non-universitari. _________________________________________________________ 5) Titolo: Benessere animale e protezione dellambiente: il ruolo della Medicina Veterinaria Ambito territoriale: solo Università Area: Ambiente Obiettivi principali: acquisire conoscenze e capacità per garantire il benessere degli animali e degli umani. I progetti del 2004

8 Distribuzione per sessoDistribuzione per titolo di studio Questionario di fine servizio

9 Come giudichi i rapporti con il personale? Come giudichi i rapporti con i responsabili operativi del servizio in cui eri? Questionario di fine servizio

10 QUANTO TI RITIENI SODDISFATTO DELL'ESPERIENZA CHE HAI CONDOTTO? Questionario di fine servizio PENSI CHE IL SERVIZIO CIVILE TI ABBIA CAMBIATO LA VITA?

11 QUANTO IL SERVIZIO CIVILE HA SODDISFATTO I TUOI OBIETTIVI? Possibilità di arricchimento professionale Questionario di fine servizio Possibilità di crescita umana

12 QUANTO IL SERVIZIO CIVILE HA SODDISFATTO I TUOI OBIETTIVI? Possibilità di trovare più facilmente un lavoro Questionario di fine servizio Possibilità di avere un reddito, anche se modesto

13 Spinta all'impegno civile ed etico QUANTO IL SERVIZIO CIVILE HA SODDISFATTO I TUOI OBIETTIVI? Questionario di fine servizio

14 Questionario Operatori Locali di Progetto..come possibilità di aiutare un giovane nella sua crescita umana? Quanto il Servizio Civile ha rispettato le vostre aspettative…..come possibilità di avere un supporto nelle attività lavorative?

15 Questionario Operatori Locali di Progetto..come i nteresse al Servizio Civile come azione di cittadinanza attiva ? Quanto il Servizio Civile ha rispettato le vostre aspettative…..come p ossibilità di aiutare un giovane a vivere una esperienza nuova ?

16 In quale ambito avete operato con i volontari in Servizio Civile? Questionario Operatori Locali di Progetto

17 In che misura percepivate di essere supportati dai reponsabili del Servizio Civile? In che misura percepivate di essere supportati dal Responsabile del monitoraggio nell'affrontare le difficoltà?

18 110 volontari hanno preso regolarmente servizio; 89 hanno concluso i 12 mesi; 21 hanno interrotto prima, di cui 20 perché hanno trovato un lavoro grazie alle conoscenze, sia umane sia professionali, sviluppate durante il servizio (in particolare nellambito bibliotecario e museale); 25 hanno proseguito in Ateneo con un rapporto di lavoro (T.D. o Co.Co.Co). Risultati

19 Riflessioni Il primo anno di Servizio Civile come Ente di seconda classe si è concluso con un elevato livello di soddisfazione sia per i volontari, sia per gli operatori locali, sia per gli utenti dei diversi servizi; E stata valutata positivamente lopportunità di ampliare la rete territoriale, in considerazione delle richieste provenienti soprattutto dai Comuni di piccole dimensioni attivi in iniziative ritenute importanti per i giovani (soprattutto in zone del padovano tradizionalmente poco vivaci).

20 La situazione attuale Nel 2005 lAteneo ha richiesto e ottenuto il passaggio in prima classe di accreditamento; Ha istituito un ufficio specifico per la gestione del Servizio Civile, previsto dalla normativa; Ha 11 partner esterni, di cui 9 Comuni, un IPAB e lAccademia Galileiana, creando quindi una rete di valore aggiunto sul territorio; Ha presentato 13 progetti, per un totale di 160 volontari.

21 La rete territoriale dei partner SCV dellUniversità di Padova

22 La rete territoriale: lo scopo collegare lAteneo, gli Enti locali ed altre Strutture i cui fini istituzionali siano coerenti con la L.64/2001 è la concretizzazione del concetto di parternariato come insieme di interessi cooperativi, ciascuno dei quali riferito ad una specifica realtà; formalizzare la partnership di progetti di servizio civile come processo di sviluppo territoriale condiviso a favore di attività di qualificazione di politiche giovanili e, come conseguenza, di politiche sociali; fondere il concetto di social network con quello di social support, attraverso un agente comune rappresentato da unUniversità (che tradizionalmente non è promotore di tali azioni); configurare uno strumento relazionale efficace e duraturo.

23 La qualità di una rete territoriale non può mai essere individuata a priori, ma viene definita dal risultato della volontà di creare legami significativi finalizzati alla risoluzione di specifici bisogni. Per valutare la qualità si deve disporre di indicatori oggettivi da poter utilizzare in diversi momenti di attuazione del progetto. I percorsi comuni di attuazione delle azioni riguardano sia la valorizzazione delle potenzialità e delle risorse presenti, sia un concreto aiuto alla formazione dei giovani. La rete territoriale: la qualità

24

25

26

27

28

29

30 La piattaforma per la FAD Dopo aver effettuato le 80 ore previste dalla normativa, cui si sommano le ore dei corsi che sono a scelta del volontario, abbiamo pensato di rendere fruibile il materiale didattico in qualsiasi momento, grazie alla realizzazione di una piattaforma per la didattica a distanza dedicata esclusivamente al Servizio Civile, e quindi ai volontari, agli operatori locali di progetto, ai tutor. Si sottolinea il fatto che in nessun caso la FAD si sostituisce alla didattica in presenza.

31 La piattaforma per la FAD

32

33 Conclusioni La sfida che lUniversità di Padova ha lanciato a se stessa è ambiziosa perché intende portare i giovani, soprattutto quelli che non sono suoi studenti, dentro le strutture universitarie e dentro gli Enti partner per far crescere la consapevolezza delle situazioni difficili negli ambiti sociali da un lato e negli ambiti culturali dallaltro. Difficili per questioni intrinseche nei primi e per questioni estrinseche legate alla sempre più esigua consistenza di finanziamenti, nei secondi, difficili perché la conoscenza appartiene a pochi, difficili perché le richieste aumentano sempre e le risposte diminuiscono. La vittoria più grande sarebbe far nascere nei giovani il desiderio di proseguire il lavoro che imparano durante il Servizio Civile e, se fosse necessaria una laurea, far nascere in coloro che avevano abbandonato lidea, la voglia di ricominciare a studiare.


Scaricare ppt "Il Servizio Civile presso lUniversità di Padova e i suoi Enti partner"

Presentazioni simili


Annunci Google