La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Proprietà di un Gas Può essere compresso facilmente Esercita una pressione sul recipiente Occupa tutto il volume disponibile Non ha forma propria nè volume.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Proprietà di un Gas Può essere compresso facilmente Esercita una pressione sul recipiente Occupa tutto il volume disponibile Non ha forma propria nè volume."— Transcript della presentazione:

1 Proprietà di un Gas Può essere compresso facilmente Esercita una pressione sul recipiente Occupa tutto il volume disponibile Non ha forma propria nè volume proprio Due gas diffondono facilmente uno nellaltro Tutti i gas hanno basse densità aria g/ml acqua1.00 g/ml ferro7.9 g/ml

2 Prende il nome di gas quello stato di aggregazione della materia nel quale essa non ha né forma né volume propri, ma assume la forma del recipiente che la contiene, e ne occupa tutto il volume. In generale è lo stato in cui tutte le sostanze si trovano quando vengono portate a temperatura sufficientemente elevata. Il gas perfetto è un gas composto da entità elementari che non interagiscono uno con laltro ed è quindi molto rarefatto, inoltre un gas si avvicina ad un gas perfetto quando la sua temperatura è lontana dalla temperatura di liquefazione (passaggio dallo stato aeriforme a quello liquido. Il gas perfetto, detto anche gas ideale, in natura non esiste, però alcuni gas come lidrogeno o lelio, si approssimano bene al comportamento del gas perfetto; questi gas ideali ubbidiscono a leggi molto semplici, per cui è possibile studiarne facilmente il comportamento, dopodichè, facendo riferimento ai gas reali, sarà opportuno adattare i risultati che si otterrebbero con un gas perfetto, introducendo le opportune varianti.

3 Un gas può essere studiato sia dal punto di vista microscopico che dal punto di vista macroscopico. Secondo il primo tipo di studio, il gas viene considerato come un insieme di singole particelle ognuna dotata delle sue proprie caratteristiche e quindi è necessario conoscere massa, posizione e velocità di ognuna di esse; ma visto che un piccolo campione di gas contiene un numero elevatissimo di particelle risulterebbe estremamente complesso gestire tutti questi dati. Scegliendo il secondo tipo di studio, si ignorano le molecole e si cerca di descrivere il gas nella sua globalità mediante grandezze chiamate coordinate termodinamiche. Le coordinate termodinamiche sono grandezze fisiche in grado di fornirci informazioni riguardo lo stato interno del sistema, in maniera tale da poterne descrivere il comportamento. La parte di spazio o di materia che viene studiata attraverso le coordinate termodinamiche, invece viene detta sistema termodinamico.

4 Le Leggi dei Gas Gli Esperimenti mostrano che 4 variabili (di cui solo 3 indipendenti) sono sufficienti a descrivere completamente il comportamento allequilibrio di un gas. –Pressione (P) –Volume (V) –Temperatura (T) –Numero di particelle (n)

5

6 Le molecole di un gas sono in continuo movimento e possiedono ad un tempo t una certa energia cinetica, che non può essere determinata a causa dei continui urti tra le molecole, che producono continui scambi di energia. Quindi, ad un certo istante e ad una certa temperatura, non è possibile associare alle molecole un determinato valore di energia cinetica e di velocità, e bisogna ricorrere ad una valutazione di tipo statistico. E possibile rappresentare graficamente la distribuzione delle velocità di un gas ad una certa temperatura. Larea sottesa alla curva rappresenta la totalità delle molecole, mentre larea tratteggiata rappresenta la frazione di molecole che hanno energia cinetica compresa nellintervallo tra E1 e E2; lascissa corrispondente al massimo della curva corrisponde al valore di energia (e quindi di velocità) più probabile: si può notare un appiattimento della curva al crescere della temperatura, con un massimo in corrispondenza di unenergia più elevata, mentre larea totale sottesa alla curva resta costante.

7 La scala Celsius divide lintervallo di temperatura compreso tra le temperature di congelamento e di ebollizione dell.acqua (che corrispondono, quindi, a 0°C e 100°C, rispettivamente) in cento parti uguali (ogni parte viene detta grado e si indica con il simbolo °C). La scala assoluta, o Kelvin (indicata con il simbolo K), si basa su fondamenti di natura termodinamica ed ha inizio allo zero assoluto. Le temperature di congelamento e di ebollizione dellacqua corrispondono a 273 K e 373 K, rispettivamente. Per convertire le temperature da una scala allaltra si usano le relazioni: °C = K K = °C + 273

8 VOLUME Il volume è rappresentato dallo spazio occupato da una sostanza. Lunità di volume nel SI è il metro cubo (m 3 ); in chimica si usano il dm 3 (10 -3 m 3 ) ed il cm 3 (cc, m 3 ); le unità litro (l) e millilitro (ml), seppur meno rigorose, sono ancora ampiamente usate. PRESSIONE La pressione è definita come forza per unità di area. Lunità di pressione nel SI è il Pascal (Pa), che corrisponde ad un newton (N) per m 2 ; nella pratica, luso di questa unità è ancora limitata. Si usano più frequentemente: -latmosfera (atm) corrispondente alla pressione esercitata da una colonna di mercurio alta 760 mm - il torricelli (Torr) corrispondente ad 1/760 di atm (cioè alla pressione esercitata da 1 mm di Hg) La relazione con il Pa è 1 atm = Pa

9 In ogni caso per poter studiare un gas tramite le coordinate termodinamiche è necessario tenerne costante una per poter capire quale relazione ci sia tra le altre due. Le tre leggi più importanti che regolano il comportamento di un gas perfetto sono: Vi sono inoltre altre tre leggi che descrivono il comportamento dei gas:

10 In una trasformazione isoterma pressione e volume sono grandezze inversamente proporzionali. ISOTERMA: Trasformazione nella quale la temperatura del gas rimane costante. ISOTERMA: Trasformazione nella quale la temperatura del gas rimane costante. Se rappresentiamo sul piano cartesiano la legge di Boyle e Mariotte si otterrebbe un ramo di iperbole. p(Pa) V (m 3 )

11 La Legge di Boyle p 1 V 1 = p 2 V 2

12 in cui K è una costante, il cui valore dipende dalla temperatura. La relazione esistente fra volume e pressione è rappresentata nel grafico a lato, in cui ogni curva (un'iperbole equilatera) corrisponde ad una determinata temperatura (T1

13 Poniamo il gas in un cilindro graduato sormontato da un pistone libero di scorrere senza attrito. Sul pistone poniamo un pesetto e, quando il pistone si è fermato, determiniamo il valore del volume. Dato che la sezione S è costante, per aumentare la pressione P, essendo P=F/S, basta aumentare la forza F, cioè il numero dei pesetti. In effetti, mettendo sul pistone due e poi tre pesetti, vediamo che il volume man mano diminuisce.

14 Interpretazione Molecolare Se il volume si dimezza, nellunità di tempo, vi saranno il doppio degli urti contro la parete, e la pressione raddoppia.

15

16 In una trasformazione isobara le variazioni di temperatura e le corrispondenti variazioni di volume sono direttamente proporzionali. Il valore k/V 0 non è solo costante per il gas preso in esame, ma resta invariato per tutti i gas e si indica con α. ISOBARA: Trasformazione nella quale la pressione del gas rimane costante. ISOBARA: Trasformazione nella quale la pressione del gas rimane costante.

17 A pressione costante, il volume di un gas è proporzionale alla temperatura e aumenta di 1/273 del volume che occupa a 0°C, per ogni aumento della temperatura di 1°C. in cui V è il volume alla temperatura t°C e Vo è il volume a 0°C. La dipendenza del volume di un gas dalla temperatura centigrada è rappresentata dal grafico a lato. L'andamento è lineare.

18

19 la pressione aumenta allaumentare della temperatura secondo una relazione lineare. Dove p t è la pressione alla temperatura generica t, p 0 è la pressione alla temperatura t 0 0°C, α è la costante che per tutti i gas vale 1/273°C -1 e Δt=t-t 0 è la variazione di temperatura. ISOCORA: Trasformazione nella quale il volume del gas rimane costante. ISOCORA: Trasformazione nella quale il volume del gas rimane costante. la variazione di pressione p è direttamente proporzionale alla variazione di temperatura. In una trasformazione isocora di un gas:

20 Analogamente a quanto riportato per la relazione tra temperatura e volume, per la relazione esistente fra P e V, si può dimostrare che, a volume costante: in cui P e Po indicano rispettivamente la pressione alla temperatura t°C e a 0°C.

21 P(Pa) V (m 3 ) isobara P(Pa) V (m 3 ) isocora Riportando sul piano cartesiano la legge di Gay-Lussac (relazione tra T e V) e quella di Charles (relazione tra T e P) si ottengono i seguenti andamenti: legge di Gay-Lussac legge di Charles

22

23 Volumi eguali di gas diversi, a parità di pressione e temperatura, contengono lo stesso numero di molecole. La mole (mol) è ununità di misura del SI ed è la quantità di sostanza che contiene un numero di particelle uguale al numero di atomi contenuti in 12g di carbonio-12, ossia 6,02*10 23 particelle. Nel caso delle sostanze allo stato aeriforme poi Avogadro dimostrò che una mole di gas occupa sempre lo stesso volume se temperatura e pressione restano costanti. Per convenzione i chimici si riferiscono al volume occupato da un gas alla temperatura di 0°C ed alla pressione di 1 atm (queste condizioni sono dette condizioni standard o TPS) che è sempre di 22,4l.

24 Condizioni iniziali dei gas perfetti Legge di Avogadro: in qualunque gas perfetto a NTP = condizioni normali di temperatura e pressione (p = 1 atm, t = 0°C) una mole di gas (n=1 N = N 0 = molecole) occupa sempre un volume V 0 = litri.

25 Il comportamento descritto da tre coordinate termodinamiche di una quantità stabilita di gas perfetto è caratterizzato da una regola: solo due coordinate su tre possono essere fissate a piacere, in quanto la terza viene determinata automaticamente dal gas stesso. Questa è una conseguenza delle tre leggi analizzate finora, che è possibile sintetizzare in ununica relazione valida in ogni situazione, purché non avvengano reazioni chimiche e non ci siano cambiamenti di stato. Si tratta appunto dellequazione di stato dei gas perfetti: p è la pressione in atm V è il volume in litri n è il numero di moli in mol R è la costante universale dei gas (0,0821) T è la temperatura assoluta in K La costante universale R uguale per tutti i gas dipende dal fatto che i gas, se molto rarefatti, tendono a comportarsi tutti allo stesso modo.

26 poVopoVo ToTo R = = Per n = 1 mole: 1 atm 22.4 l 273° K mole = ° K mole l atm = = 10 5 Pa –3 m 3 273° K mole = J ° K mole Costante dei gas perfetti pV = TT0T0 p0V0p0V0 = T T0T0 p0V0p0V0 R = costante dei gas perfetti Finalmente equazione di stato: pV = nRT n. moli, non molecole!

27

28 La pressione esercitata da un miscuglio gassoso è pari alla somma delle pressioni parziali che ciascun gas eserciterebbe da solo occupando lo stesso volume nel miscuglio. L'aria è composta dal 78% di azoto, dal 21% di ossigeno e da piccole quantità di altri gas come anidride carbonica, vapor acqueo e gas nobili. La pressione dell'aria è la somma delle pressioni parziali esercitata da ciascuno dei gas che la compongono. Questi si comportano come se occupassero da soli un dato volume, si ha cioè che la pressione parziale di un gas non influisce su quella di un altro. +=

29

30 DENSITÀ GASSOSA Indicando la massa con g, il volume con V, la densità con d, allora: d = g / V V = g/d n= g / PM P(g/d) = (g/PM) RT P = (d/PM) RT d = P(PM)/RT PM = dRT/P Sostituendo nellequazione di stato PV = nRT

31 I Gas Perfetti Le particelle si muovono con un moto uniforme e casuale Le particelle di un gas perfetto hanno una massa ma non un volume Le interazioni tra le particelle e tra queste e le pareti del recipiente sono nulle Gli urti allinterno del gas sono urti perfettamente elastici

32 Gas Perfetti vs. Gas Reali Le particelle si muovono con un moto uniforme e casuale Si tratta di unassunzione assolutamente realistica: la tendenza dei gas ad occupare tutto il volume a disposizione in maniera omogenea ne è una evidente dimostrazione.

33 Gas Perfetti vs. Gas Reali Le particelle di un gas perfetto hanno una massa ma non un volume Si tratta di unastrazione in quanto la materia occupa uno spazio fisico. In realtà, data la natura atomico/molecolare delle particelle gassose, il loro volume può essere considerato trascurabile rispetto al volume complessivamente occupato. Tale approssimazione diventa meno efficace al diminuire del volume del gas.

34 Gas Perfetti vs. Gas Reali Le interazioni tra le particelle e tra queste e le pareti del recipiente sono nulle Le interazioni tra le particelle sono piccole ma non nulle come dimostra, ad esempio, la transizione alla fase liquida di tutti i gas. Gli urti delle particelle con le pareti del recipiente sono avvertiti macroscopicamente come la pressione che il gas esercita sulle pareti del contenitore

35 Un gas reale puo condensare e solidificare. Parametro importante: T c = temperatura critica Per T > T c il gas non può in alcun modo passare alla fase liquida, a causa dellagitazione termica. Gas reali Un gas e reale se non e perfetto: ha molecole non puntiformi non e trascurabile il volume proprio delle molecole le molecole subiscono anche urti non elastici dopo lurto le particelle possono non rimanere sempre le stesse

36 Un gas reale si puo approssimare con un gas perfetto quando : a) e a temperatura >> T c b) e lontano dalle condizioni di condensazione (basse pressioni e grandi volumi) N 2 – O 2 – azoto ossigeno T c ( o C) a 37 o C: perfetto Ma i gas reali sono perfetti?

37

38 Il volume delle particelle gassose Se P x V = n x R x T, per T = 0, lunica soluzione ad una qualsiasi pressione è data da V = 0. Un gas dovrebbe sparire allo zero assoluto!! Il volume ideale deve essere corretto per considerare il volume delle molecole reali Se b e il volume proprio di una mole di molecole, V i = V r – b da cui: P x (V – nb) = n x R x T

39 Interazioni tra le particelle Poiché le interazioni esistono, la pressione di un gas reale a parità di condizioni è più bassa di quella di un gas ideale in quanto le particelle hanno una minore libertà di movimento: nellunità di tempo si ha un minor numero di urti contro le pareti per unità di superficie Per una mole: P i = P r + a/V 2, in quanto le interazioni si fanno sentire maggiormente a piccoli volumi in quanto le particelle hanno mediamente a disposizione minore spazio.

40 Equazione di stato dei gas reali o Equazione di van der Waals (P + n 2 a/V 2 ) x (V - nb) = n x R x T a = costante sperimentale che dipende dal gas che misura lintesità delle forze attrattive tra le molecole 0, atm litri 2 mol -2

41 Deviazioni di Comportamento Dallequazione di van der Waals si può notare come allaumentare di V, i termini correttivi perdano di importanza. Poiché in genere il volume di un gas aumenta per bassi valori di P ed alti valori di T, in queste condizioni il comportamento reale si avvicina a quello ideale.


Scaricare ppt "Proprietà di un Gas Può essere compresso facilmente Esercita una pressione sul recipiente Occupa tutto il volume disponibile Non ha forma propria nè volume."

Presentazioni simili


Annunci Google