La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Le informazioni sulla sicurezza chimica di sostanze e miscele Incontro Associazioni consumatori 3 ottobre 2011 L. Scimonelli ISS - Ministero della salute.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Le informazioni sulla sicurezza chimica di sostanze e miscele Incontro Associazioni consumatori 3 ottobre 2011 L. Scimonelli ISS - Ministero della salute."— Transcript della presentazione:

1 Le informazioni sulla sicurezza chimica di sostanze e miscele Incontro Associazioni consumatori 3 ottobre 2011 L. Scimonelli ISS - Ministero della salute

2 Confronto fra la valutazione del pericolo e la stima dellesposizione obbligo del fabbricante o importatore di sostanze chimiche in quanto tali o contenute in miscele o articoli (>10 ton/anno ) La valutazione del rischio prende in considerazione le popolazioni umane esposte come lavoratori o consumatori o indirettamente attraverso l'ambiente e i settori ambientali di cui è nota o si può ragionevolmente prevedere l'esposizione alla sostanza La valutazione dei rischi è effettuata per ogni scenario d'esposizione ed è presentata nella relazione sulla sicurezza chimica. La valutazione della sicurezza chimica – la valutazione del rischio. stima dei livelli d'esposizione per tutte le popolazioni umane. Si considerano le attività dei consumatori e la durata e la frequenza della loro esposizione alla sostanza, REACH

3 La comunicazione della gestione dei rischi delle sostanze i fabbricanti o gli importatori di sostanze comunicano le informazioni per la gestione dei rischi agli utilizzatori a valle o i distributori. La comunicazione della gestione dei rischi tutta la catena di approvvigionamento garantire l'uso sicuro delle sostanze I produttori o gli importatori di articoli devono fornire informazioni sull'uso sicuro di articoli agli utilizzatori industriali e professionali e ai consumatori su richiesta. REACH mira a garantire un uso sicuro

4 Comunicazione lungo la catena di approvvigionamento (fabbricante, utilizzatore a valle, distributore) Strumento: Schede dati di sicurezza (SDS) (Allegato 2 REACH) Il fornitore che non è tenuto a fornire una SDS deve fornire comunque delle informazioni, disponibili e rilevanti per la gestione del rischio, al destinatario. Inoltre, deve comunque dare informazioni sulle sostanze soggette ad autorizzazione o restrizione DOWN REACH UP Destinatario SDS: comunica nuove informazioni sulle proprietà pericolose Altre informazioni sullappropriatessa delle misure di gestione del rischio identificate in SDS

5 restrizioni Il reg. REACH continua a introdurre restrizioni in materia di fabbricazione, immissione sul mercato e uso di sostanze, miscele e articoli pericolosi. Valutazione di aspetti socioeconomici i vantaggi netti che la restrizione proposta comporta per la salute umana e l'ambiente sono confrontati con i costi netti che da essa derivano per i fabbricanti, gli importatori, gli utilizzatori a valle, i distributori, i consumatori e la società nel suo insieme. REACH

6 ….e al consumatore ? La consapevolezza che il suo scenario di esposizione è stato valutato nella valutazione del rischio della sostanza (reg. REACH) Può chiedere se presente nellarticolo che acquista una sostanza identificata dallECHA come sostanza di alta preoccupazione (SVHC substance very high concern) (reg. REACH) Riceve la comunicazione del pericolo attraverso letichetta (reg. CLP)

7 La normativa in materia di classificazione ed etichettatura di sostanze e miscele Considera la valutazione dei pericoli delle sostanze o delle miscele e stabilisce criteri di classificazione La modalità di comunicazione dei pericolo avviene per mezzo delletichetta Le regole di classificazione ed etichettatura dei pericoli sono in fase di cambiamento: il reg. CLP 1272/2008 sostituirà al 2015 la dir. 67/548/CEE (sostanze) e la direttiva 99/45/CE(preparati) obblighi del reg. CLP per le imprese: Classificare, imballare ed etichettare per limmissione in commercio Notificare la C&L delle sostanze allInventario dellECHA

8 Quando si etichetta? Sostanze e miscele classificate pericolose ma anche : Miscele non classificate contenenti sostanze pericolose superiori a determinate concentrazioni, per le quali sono previste frasi aggiuntive speciali se contengono piombo, cianoacrilati, cementi, isocianati, composti epossidici, cloro attivo, cadmio, sensibilizzanti, idrocarburi alogenati. Miscele non classificate, non destinate alla vendita al pubblico, contenenti più di 0.1% di: sensibilizzante per la pelle e vie respiratorie cat. 1, cancerogeni cat2, tossici per la riproduzione cat 1A,1B,2 Tossici per la riproduzione con effetti durante allattamento. Articoli esplosivi. …dalla classificazione alla comunicazione in etichetta… CLP

9 Contenuto delletichetta nome, indirizzo e numero di telefono del fornitore quantità nominale della sostanza o miscela contenuta nel contenitore se non è indicata altrove sullimballaggio; nome della sostanza/miscela avvertenze di pericolo (due parole: attenzione o pericolo) pittogrammi di pericolo (nuovi) indicazioni di pericolo (ex frasi R) consigli di prudenza (ex frasi S) informazioni supplementari Deve essere aggiornata o immediatamente o al più entro 18 mesi CLP

10 Pittogrammi Infiammabile Cornice Colore Simbolo Pittogramma Nuovo aspetto grafico Nuovi pittogrammi ! Effetti più lievi per la salute Gravi effetti per la salute Esplosivo InfiammabileOssidante GAS sotto pressione Tossico acutoCorrosivo Pericoloso per lambiente

11 Frasi H: indicazioni di pericolo (hazard statements) Frasi H H2 H3 H Pericolo fisico Pericolo per la salute Pericolo per lambiente Frasi P: consigli di prudenza (precautionary statements) P1 P2 P3 P4 P Generale Prevenzione Risposta Immagazzinamento Eliminazione Frasi P sostituiscono le frasi R sostituiscono frasi S

12 Alcune caratteristiche dellEtichetta Letichetta può essere stampata direttamente sullimballaggio o apposta solidamente su di esso (se limballaggio non lo consente sono permesse anche etichette pieghevoli o cartellini pendenti ) Dimensioni stabilite I pittogrammi sono almeno 1/15 delletichetta minima CLP In Italiano I fornitori possono utilizzare nell'etichetta più lingue oltre lItaliano, purché in tutte le lingue utilizzate siano riportate le stesse informazioni e purchè sia leggibile Può contenere informazioni relative ad altre norme (biocidi, fitosanitari, detergenti etc.) CLP

13 Dimensione dellEtichetta CLP

14 Come deve apparire letichetta? Pittogrammi, avvertenze, frasi H e P devono stare insieme e le frasi raggruppate per lingua per consentire al lettore di trovare riunite le informazioni rilevanti CLP

15 pittogrammiavvertenze Frasi H (indicazioni di pericolo ) e frasi P (consigli di prudenza) Esempio

16 Esenzione dai requisiti di etichettatura e imballaggio Ridotte dimensioni dellimballaggio : < 125 ml omettere le indicazioni di pericolo (frasi H) e/o i consigli di prudenza per determinate classi o categorie di pericoli 25 ml (monouso) lintero contenuto delletichetta può essere omesso per le sostanze e miscele in contenitori solubili monouso per determinate classi o categorie di pericolo, purchè limballaggio solubile sia contenuto in un imballaggio esterno etichettato secondo CLP In assenza di imballaggio, si deve fornire una copia degli elementi dell'etichetta per cemento e calce allo stato umido CLP

17 Smaltimento Se la sostanza o miscela è fornita al pubblico, sull'etichetta figura un consiglio di prudenza riguardante lo smaltimento della sostanza o miscela nonché lo smaltimento dell'imballaggio. CLP

18 Caratteristiche dellImballaggio Gli imballaggi contenenti una sostanza o miscela pericolosa fornita al pubblico non devono avere una forma o un disegno che attiri o risvegli la curiosità attiva dei bambini o sia tale da indurre i consumatori in errore, né avere una presentazione o un disegno simili a quelli utilizzati per prodotti alimentari, mangimi, medicinali o cosmetici, atti a indurre i consumatori in errore. Per determinate classi/categorie di pericolo l'imballaggio è munito di una chiusura di sicurezza per i bambini Per determinate classi/categorie di pericolo l'imballaggio è munito di un'indicazione di pericolo riconoscibile al tatto CLP

19 E gestito dallAgenzia europea (ECHA) Nome e indirizzo del notificante Identità della sostanza, la sua classificazione ed etichettatura (pittogrammi di pericolo, indicazioni di pericolo, di prudenza e indicazioni supplementari di pericolo) Motivi per NON classificare La notifica va fatta dal fabbricante/importatore entro un mese dallimmissione in commercio Inventario delle classificazioni e delle etichettature delle sostanze CLP

20 Pubblicità la pubblicità per sostanze/miscele corrispondenti ai criteri di classificazione deve indicare i pericoli (classi e categorie di pericolo) che esse presentano, in modo da proteggere i loro utilizzatori, compresi i consumatori. CLP

21 Scimonelli Luigia


Scaricare ppt "Le informazioni sulla sicurezza chimica di sostanze e miscele Incontro Associazioni consumatori 3 ottobre 2011 L. Scimonelli ISS - Ministero della salute."

Presentazioni simili


Annunci Google