La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Munch: un urlo che annuncia la crisi La Crisi del Positivismo: Nietzsche e Bergson La nascita della Psicoanalisi: Freud Le influenze di Freud sulla letteratura:

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Munch: un urlo che annuncia la crisi La Crisi del Positivismo: Nietzsche e Bergson La nascita della Psicoanalisi: Freud Le influenze di Freud sulla letteratura:"— Transcript della presentazione:

1

2 Munch: un urlo che annuncia la crisi La Crisi del Positivismo: Nietzsche e Bergson La nascita della Psicoanalisi: Freud Le influenze di Freud sulla letteratura: Schnitzler e la secessione viennese Schnitzler e la secessione viennese (Klimt) Joyce Joyce e BeckettBeckett SvevoSvevo e PirandelloPirandello La teoria della relatività: Einstein Einstein CRISTINI LIA V. lege

3 CRISI DELLIO E DEL POSITIVISMO LA CRISI DELLA FISICA CLASSICA Nietzsche Nascita della Psicoanalisi: Freud Precursori: Letteratura English Deutsche Italiana Literature Literatur Italiana Literature Literatur SchnitzlerJoyceSvevo Beckett PirandelloEinstein Bergson

4 Camminavo lungo la strada con due amici- quando il sole tramontò- il cielo si tinse allimprovviso di rosso sangue- mi fermai, mi appoggiai stanco morto a un recinto- sul fiordo neroazzurro e sulla città cerano sangue e lingue di fuoco- i miei amici continuavano a camminare e io tremavo ancora di paura- e sentivo che un grande urlo infinito pervadeva la natura Edward Munch

5 NIETZSCHE Il pensiero di Nietzsche risulta caratterizzato da una radicale messa in discussione della civiltà e della filosofia dellOccidente, che si traduce in una distruzione programmatica delle certezze del passato. MORTE DI DIO AVVENTO DEL SUPERUOMO La più grande menzogna dellumanità Simbolo di ogni prospettiva oltre- mondana e anti-vitale Personificazione delle certezze ultime dellumanità DIO Dalì, Cristo di San Giovanni della croce Fedeltà alla terra Libertà dalla morale Sì alla vita Eterno ritorno Volontà di potenza

6 BERGSON TEMPO DELLA SCIENZA TEMPO TEMPO DELLA VITA Quantitativo e omogeneo Reversibile discontinuo Qualitativo ed eterogeneo Irreversibile continuo Coincide con il fluire autocreativo della coscienza Non vede più la realtà sotto le leggi meccaniche e sotto le coordinate spazio-temporali della fisica, ma intende il reale come una proiezione del s ss soggetto e della sua c cc coscienza. La realtà perde così il suo carattere di elemento o oo oggettivo sottoponibile ad ununica interpretazione ma si lega alla percezione soggettiva del singolo. Dalì, la disgregazione della persistenza della memoria

7 I. SVEVO: La coscienza di Zeno La realtà è concepita in rapporto alla coscienza coscienza del soggetto alla sua malattianevrosi malattia e nevrosi inattendibile tempo della narrazione Il tempo della narrazione diviene il tempo interiore della coscienza Rimozione Magritte, Doppio segreto Vicinanza Joyce stilistica a Joyce: Monologo interiore Discorso diretto libero Gli avvenimenti, presentati secondo accostamenti analogici della coscienza, gli accostamenti analogici della coscienza, sono alterati dal desiderio del narratore

8 FREUD: La nascita della Psicoanalisi PRECONSCIO: ricordi che, pur essendo momentaneamente inconsci, possono divenire consci, in virtù di uno sforzo dellattenzione. RIMOSSO: elementi psichici stabilmente inconsci che sono mantenuti tali da una forza specifica- la rimozione- che può venir superata solo in virtù di tecniche apposite. - ipnosi - libere associazioni - transfert Savinio, lannunciazione Conoscenza dellinconscio Inconscio La maggior parte della vita mentale si svolge fuori dalla coscienza. LInconscio costituisce la realtà abissale primaria di cui il conscio è solo la manifestazione visibile. 1° topica: I LUOGHI DELLA PSICHE 2° topica: LE TRE ISTANZE DELLA PSICHE Es: polo pulsionale della personalità Super-Io: linsieme delle proibizioni che sono instillate alluomo nei primi anni di vita e che poi lo accompagnano sempre Io: parte organizzata della personalità che si trova a dover equilibrare le pressioni e le esigenze dellEs, del Super-io e del mondo esterno NORMALITA NEVROSI I sogni come appagamento camuffato di un desiderio rimosso Lapsus, errori, dimenticanze quotidiane

9 Wien Fin de Siecle Klimt Wiener Sezession Schnitzler Krise: er ist unfähig, wirklich zu leben und lieben. Anatol belügt sich selbst. Anatol Illusion : sie ist die Selbsttäuschung des Individuums, das die Wirklichkeit absagt, um sich eine künstliche zu schaffen. Dekadenz- oder Fin de Siècle Stimmung Unsicherheit Einsamkeit Zweifel Pessimismus Weltschmerz Klimt, Il cappello nero

10 J. JOYCE: Dubliners DUBLINERS DUBLINERS : Paralysis Moral Paralysis revelation and revelation to its victims Munch Munch: characters as involucres of passions and anguishes; Failure to Escape Escape alienation Epiphany Epiphany (the sudden spiritual manifestation) Munch, Sera sul corso Karl Johann

11 S. BECKETT: Waiting for Godot THEATRE OF THE ABSURD Vladimir and Estragon as the Muses of De Chirico Incommunicability and lack of understanding Absurd as the essence of the human condition the character grope for meaning in their life: the only possible reality for them is endless waiting De Chirico, le Muse inquietanti

12 L. PIRANDELLO Impossibilità di essere se stessi MASCHERE Inconoscibilità delluomo Impossibilità di conoscere realmente gli altri umorismopazzia CONSAPEVOLEZZA RELATIVISMO Frammentazione dellIo e della personalità TEATRO luogo in cui viene messa a nudo quella mascherata che è la vita

13 LA CRISI DELLA FISICA CLASSICA: EINSTEIN E LA RELATIVITÁ RISTRETTA 1. le leggi e i principi della fisica hanno la stessa forma in tutti i sistemi di riferimenti inerziali; 2. la velocità della luce è la stessa in tutti i sistemi di riferimento inerziali, indipendentemente dal moto del sistema stesso o della sorgente da cui la luce è emessa. Assiomi di Einstein: il giudizio di simultaneità è relativo La durata di un fenomeno varia, allungandosi, passando da un sistema di riferimento inerziale a un altro in moto relativo rispetto a esso. Varia, anche, accorciandosi, la lunghezza di un segmento posto nella direzione del moto relativo dei due sistemi di riferimento Einstein dimostra che il secondo principio della dinamica [F=ma] è valido solo se si considera costante la massa di un corpo. Detta m 0 la massa a riposo di un corpo, la massa relativistica di un corpo al variare della sua velocità v è: 1-(v/c) 2 m = m 0 1 Einstein ha dimostrato che la massa è legata non soltanto allenergia cinetica, Ma anche a tutte le altre forme di energia: se lenergia di un corpo subisce una variazione ΔE, allora la massa del corpo subisce una variazione Δm che è legata alla variazione dellenergia dalla relazione ΔE = (Δm)c 2

14 A. Schnitzler J. Joyce S. Beckett L. Pirandello A. Einstein E. Munch F. Nietzsche I. Svevo H. Bergson S. Freud


Scaricare ppt "Munch: un urlo che annuncia la crisi La Crisi del Positivismo: Nietzsche e Bergson La nascita della Psicoanalisi: Freud Le influenze di Freud sulla letteratura:"

Presentazioni simili


Annunci Google