La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Lelaborazione dei dati Laboratorio di informatica Informatica Applicata Prof. Giovanni Raho 10 maggio 2010Informatica Prof. Giovanni Raho.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Lelaborazione dei dati Laboratorio di informatica Informatica Applicata Prof. Giovanni Raho 10 maggio 2010Informatica Prof. Giovanni Raho."— Transcript della presentazione:

1 Lelaborazione dei dati Laboratorio di informatica Informatica Applicata Prof. Giovanni Raho 10 maggio 2010Informatica Prof. Giovanni Raho

2 Linformazione ed il dato Linformazione può dar luogo a DATI NUMERICI DATI ALFANUMERICI 10 maggio 2010Informatica Prof. Giovanni Raho

3 Trattamento dei dati I dati NUMERICI esprimono quantità e si basano su una scala di misura in cui esiste una unità di misura. La loro struttura permette lesecuzione di operazioni algebriche. I dati ALFANUNERICI esprimono soprattutto qualità e sono contraddistinti da un nome che li identifica. 10 maggio 2010Informatica Prof. Giovanni Raho

4 I programmi informatici DATI NUMERICI Foglio elettronico Per esigenze particolari Data Base S. P. S. S. DATI ALFANUMERICI Data Base Con alcune procedure particolari Foglio elettronico S. P. S. S. 10 maggio 2010Informatica Prof. Giovanni Raho

5 S. P. S. S. Pacchetto di statistiche per le scienze sociali Permette elaborazioni complesse da dati … riuniti in tabelle (record) Ogni tabella … … contiene un solo tipo di dati 10 maggio 2010Informatica Prof. Giovanni Raho

6 S. P. S. S. È possibile stabilire relazioni ottenendo 1. Tabelle di frequenze dei valori di ciascuna tabella. 2. Tabelle di contingenza che contano il numero di valori di ciascun dato in corrispondenza ai valori di un altro dato. 10 maggio 2010Informatica Prof. Giovanni Raho

7 Tabelle di frequenza 10 maggio 2010Informatica Prof. Giovanni Raho

8 Tabelle di contingenza 10 maggio 2010Informatica Prof. Giovanni Raho

9 La griglia per linserimento delle variabili 10 maggio 2010Informatica Prof. Giovanni Raho La forma dei dati di S. P. S. S.

10 S. P. S. S. È possibile anche 4. Valutare statisticamente la significatività delle tabelle di contingenza (chi quadrato). 5. Costruire grafici Var. 1 Var. 2 Valore A Valore M Totali riga Valore X Valore Y Totali colonna maggio 2010Informatica Prof. Giovanni Raho

11 S. P. S. S. È possibile.. 6. Raggruppare i dati … per costruire nuove variabili … o sintesi particolari Cluster analisys Factor analisys. 10 maggio 2010Informatica Prof. Giovanni Raho

12 Foglio elettronico Il trattamento dei dati numerici ha nel foglio elettronico il suo programma preferenziale. Tuttavia anche i dati alfanumerici possono essere trattati dal foglio elettronico. La limitazione principale sta nellunicità del supporto che fa riferimento ad una sola variabile (cella) per volta. 10 maggio 2010Informatica Prof. Giovanni Raho

13 S. P. S. S. – Analisi Fattoriale Attraverso le relazioni matematiche esistenti tra più variabili … Si raggruppano le variabili … … costruendo dei fattori … … cui il ricercatore da nomi che ne definiscono le caratteristiche. 10 maggio 2010Informatica Prof. Giovanni Raho

14 Con dati numerici.- È possibile eseguire calcoli con il foglio elettronico. Costruire grafici. Sostituire ai dati grezzi linee di tendenza. 10 maggio 2010Informatica Prof. Giovanni Raho

15 Foglio elettronico In genere il dati sono in una sola tabella e con opportuni riferimenti (celle), si possono elaborare i dati (numerici) eseguendo operazioni su di essi che compaiono in celle scelte dallutente. 10 maggio 2010Informatica Prof. Giovanni Raho

16 Foglio elettronico I moderni fogli elettronici permettono il collegamento con riferimenti opportuni tra fogli elettronici diversi le cui sintesi possono essere richiamate in fogli diversi 10 maggio 2010Informatica Prof. Giovanni Raho

17 Foglio elettronico Procedure particolari: Filtri Previsioni Risolutore Ricerca obiettivo Modelli Grafici Funzioni logiche 10 maggio 2010Informatica Prof. Giovanni Raho

18 Foglio elettronico Permette il trattamento di dati alfanumerici Il trattamento di eventi probabilistici. Linee di tendenza Modelli 10 maggio 2010Informatica Prof. Giovanni Raho

19 Database Raccolta di informazioni alfanumeriche Numeri Tabelle Testo Immagini 10 maggio 2010Informatica Prof. Giovanni Raho

20 Database Le informazioni sono riunite in tabelle diverse. In genere ogni database è formato da più tabelle. 10 maggio 2010Informatica Prof. Giovanni Raho

21 Database In ogni tabella sono presentate variabili con valori diversi Le variabili sono associate a campi nella tabella Dalla cella (Foglio elettronico), si passa alla variabile (campo) del database che può assumere diversi valori 10 maggio 2010Informatica Prof. Giovanni Raho

22 Database Le informazioni (…dati) sono riunite uno o più campi presenti nelle tabelle. Le tabelle contengono campi diversi. 10 maggio 2010Informatica Prof. Giovanni Raho

23 Database È opportuno limitare il numero dei campi di ciascuna tabella. Tra le tabelle si possono stabilire relazioni Che collegano campi (variabili) aventi elementi (dati codificati) confrontabili. 10 maggio 2010Informatica Prof. Giovanni Raho

24 Database Le informazioni vanno ricercate nelle tabelle attraverso Interrogazioni (query) sulle tabelle del Database. Le interrogazioni assumono la forma di relazioni. 10 maggio 2010Informatica Prof. Giovanni Raho

25 Data base …..relazionale Il database assume le caratteristiche di un database relazionale …è possibile infatti stabilire relazioni tra variabili. … allinterno di ciascuna tabella. 10 maggio 2010Informatica Prof. Giovanni Raho

26 Database relazionale. Il risultato di uninterrogazione è una tabella che… Seleziona i dati comuni (uguali) …tra quelli presenti in due tabelle 10 maggio 2010Informatica Prof. Giovanni Raho

27 Database relazionale I campi individuano le variabili I valori delle variabili sono i contenuti dei campi. È utile stabilire la relazione tra campi di tabelle che abbiano elementi confrontabili. 10 maggio 2010Informatica Prof. Giovanni Raho

28 TABELLE, CAMPI E RELAZIONI Quali sono, a rigor di logica, le RELAZIONI da effettuare tra le due tabelle? TABELLA ATABELLA B CAMPO ACAMPO BCAMPO CCAMPO DCAMPO E RomaTEL RobertoOPERAIO MilanoTEL RiccardoIMPIEGATO ParigiTEL GiovanniDIRIGENTE BolognaTEL MariaARTIGIANO TABELLA CTABELLA D CAMPO FCAMPO GCAMPO HCAMPO LCAMPO M IMPIEGATOAlbertoTEL Roma26 DIRIGENTERiccardoTEL 0564Bologna32 OPERAIOGiuseppeTEL Parma35 ARTIGIANORobertoTEL 2345Piacenza45 Prof. Giovanni RAHO e Andrea LEOTARDI 10 maggio 2010Informatica Prof. Giovanni Raho

29 Relazioni con Access UtenteTelefono A00001 B00002 C00003 UtenteAccessori AABC ACDE AFGH BCDE BFGH C CCDE AccessoriDescrizione ABCAcqua CDELuce FGHGas UtenteAccessoriDescrizione AABCAcqua ACDELuce AFGHGas BCDELuce BFGHGas CFGHGas CCDELuce 10 maggio 2010Informatica Prof. Giovanni Raho Prof. Giovanni RAHO e Andrea LEOTARDI

30 Database relazionale I risultati delle elaborazioni richieste… …sono presentati in tabelle Che possono assumere diversi nomi: Tabelle di query Schede Report. 10 maggio 2010Informatica Prof. Giovanni Raho

31 Database relazionale … per facilitare il compito allutente finale. Limmissione dei dati può avvenire attraverso maschere dimmissione. Le relazioni possono esser già predisposte per ottenere le tabelle dei risultati. 10 maggio 2010Informatica Prof. Giovanni Raho

32 Database relazionale … per facilitare il compito allutente finale. Si possono predisporre opportune interrogazioni cui lutente può dare una risposta scegliendola da un menu con voci opportunamente predisposte. Le relazioni possono esser già predisposte per ottenere le tabelle dei risultati. 10 maggio 2010Informatica Prof. Giovanni Raho

33 Banche dati e database. Il database relazionale presentato mette in evidenza la possibilità di: 1.Costruire tabelle 2.Costruire interrogazioni 3.Ottenere tabelle dalla unione dei punti 1 e 2 10 maggio 2010Informatica Prof. Giovanni Raho

34 Banche dati e database. Struttura di un database e di una banca dati. 10 maggio 2010Informatica Prof. Giovanni Raho

35 Tipi di Banche dati. Tipi di Banche dati. Gerarchica 10 maggio 2010Informatica Prof. Giovanni Raho 1° livello 2° livello 3° livello 4° livello

36 Tipi di Banche dati. reticolare 10 maggio 2010Informatica Prof. Giovanni Raho Livello 1 livello2 Livello 3

37 Tipi di Banche dati. Relazionale: nessuna tabella è prevalente. 10 maggio 2010Informatica Prof. Giovanni Raho

38 Gestione dei progetti È possibile gestire un progetto individuando la sequenza temporale delle attività necessarie per raggiungere on obiettivo. Per ottenere una visione completa del progetto possiamo usare il diagramma di Gannt o il diagramma PERT 10 maggio 2010Informatica Prof. Giovanni Raho Progetto esame: Frequenz-a – Studio – Ripasso – esame il 02/06

39 Gestione dei progetti Diagramma PERT 10 maggio 2010Informatica Prof. Giovanni Raho


Scaricare ppt "Lelaborazione dei dati Laboratorio di informatica Informatica Applicata Prof. Giovanni Raho 10 maggio 2010Informatica Prof. Giovanni Raho."

Presentazioni simili


Annunci Google