La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Lettura socio-economica delle regioni adriatiche > Danilo Scarponi mail: 1.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Lettura socio-economica delle regioni adriatiche > Danilo Scarponi mail: 1."— Transcript della presentazione:

1 Lettura socio-economica delle regioni adriatiche > Danilo Scarponi mail: 1

2 Lettura socio-economica delle regioni adriatiche > Danilo Scarponi mail: 2 Motivazioni HANS I bisogni della salute sono spesso collegati con il contesto socio-economico, con lo sviluppo e la modernizzazione della società.

3 Lettura socio-economica delle regioni adriatiche > Danilo Scarponi mail: 3 DETERMINANTI DEL BENESSERE SANITARIO PATRIMONIO GENETICO 20-30% SERVIZI SANITARI 10-15% CONDIZIONE SOCIO ECONOMICO CULTURALE 40-50% AMBIENTE 20%

4 Lettura socio-economica delle regioni adriatiche > Danilo Scarponi mail: 4 MA NON VIENE PERCEPITA

5 Lettura socio-economica delle regioni adriatiche > Danilo Scarponi mail: 5 SALUTE E CLASSI SOCIALI

6 Lettura socio-economica delle regioni adriatiche > Danilo Scarponi mail: 6 TITANIC I^ - 40% II^- 58% III^- 68 %

7 Lettura socio-economica delle regioni adriatiche > Danilo Scarponi mail: 7 Sistema Indicatori Sociali Regionali Contesto Inclusione Autonomia Salute e Ambiente Empowerment

8 Lettura socio-economica delle regioni adriatiche > Danilo Scarponi mail: 8 Contesto

9 Lettura socio-economica delle regioni adriatiche > Danilo Scarponi mail: 9 Inclusione

10 Lettura socio-economica delle regioni adriatiche > Danilo Scarponi mail: 10 Autonomia

11 Lettura socio-economica delle regioni adriatiche > Danilo Scarponi mail: 11 Salute e Ambiente

12 Lettura socio-economica delle regioni adriatiche > Danilo Scarponi mail: 12 Empowerment

13 Lettura socio-economica delle regioni adriatiche > Danilo Scarponi mail: 13 Sistema Indicatori HANS AREAIndicatori HANS CONTESTO Situazione Economica (c19-c20) Situazione Demografica (c1 a c14) AUTONOMIA INCLUSIONE Occupazione e mercato lavoro (c17-c18) Istruzione (c15-c16) EMPOWERME NT Non monitorati SALUTE S2-S4

14 Lettura socio-economica delle regioni adriatiche > Danilo Scarponi mail: 14 Pil pro-capite (c20)

15 Lettura socio-economica delle regioni adriatiche > Danilo Scarponi mail: 15

16 Lettura socio-economica delle regioni adriatiche > Danilo Scarponi mail: 16 DIFETTI DI CALCOLO DEL PIL 1. di carattere sociale: misura soltanto le attività economiche che implicano una transazione monetaria. 2. di carattere ambientale: contabilizza soltanto attività finalizzate alla riparazione dei danni prodotti allambiente ed alle persone (bonifica delle discariche, pulizia di un fiume ecc).

17 Lettura socio-economica delle regioni adriatiche > Danilo Scarponi mail: 17 « Non possiamo misurare lo spirito nazionale sulla base dellindice Dow Jones né i successi del Paese sulla base del Prodotto Interno Lordo. Il PIL comprende l'inquinamento dellaria, la pubblicità delle sigarette, le ambulanze per sgombrare le nostre autostrade dalle carneficine del fine settimana. Comprende programmi televisivi che valorizzano la violenza per vendere prodotti violenti ai bambini. Cresce con la produzione di napalm, missili e testate nucleari. (Robert Kennedy - Discorso tenuto il 18 marzo 1968 alla Kansas University)

18 Lettura socio-economica delle regioni adriatiche > Danilo Scarponi mail: 18 «Il PIL non tiene conto della salute delle nostre famiglie, della qualità della loro educazione e della gioia dei loro momenti di svago. Non comprende la bellezza della nostra poesia e la solidità dei valori familiari. Non tiene conto della giustizia dei nostri tribunali, né dell'equità dei rapporti fra noi. Non misura né la nostra arguzia né il nostro coraggio né la nostra saggezza né la nostra conoscenza né la nostra compassione. Misura tutto, eccetto ciò che rende la vita degna di essere vissuta » (Robert Kennedy - Discorso tenuto il 18 marzo 1968 alla Kansas University)

19 Lettura socio-economica delle regioni adriatiche > Danilo Scarponi mail: 19 BENESSERE ECONOMICO SOSTENIBILE (ISEW) Ideato nel 1989 da Herman Daly e John Cobb, un indicatore alternativo al Pil: l'ISEW. In tale indicatore rientra non solo il valore complessivo dei beni e dei servizi finali prodotti in un paese, ma anche i costi sociali e i danni ambientali a medio e lungo termine. In pratica, il calcolo dello sviluppo di un paese non si baserebbe più soltanto sulla mera crescita economica ma anche su fattori sociali ed ambientali che considerano la soglia dello Sviluppo Sostenibile.

20 Lettura socio-economica delle regioni adriatiche > Danilo Scarponi mail: 20 RIBES > ISEW Fonte: WWF e ENI

21 Lettura socio-economica delle regioni adriatiche > Danilo Scarponi mail: 21 INDICATORE DI PROGRESSO (GPI) Proposto nel 1994 ed è frutto dello studio di un gruppo di ricercatori ed economisti, tra cui Herman Daly, John Cobb e Philip Lawn. Misura l'aumento della qualità della vita di una nazione. E calcolato distinguendo tra spese positive (che aumentano il benessere, come quelle per beni e servizi) e negative (come i costi di criminalità, inquinamento, incidenti stradali). Alcuni studi sul GPI hanno mostrato che mentre il PIL è cresciuto negli ultimi decenni, il GPI è aumentato solo fino ai primi anni 1970, dopodiché ha iniziato a decrescere.

22 Lettura socio-economica delle regioni adriatiche > Danilo Scarponi mail: 22 INDICE DI SVILUPPO UMANO (ISU) Aspettativa di vita, alfabetizzazione e pil pro-capite (1990)

23 Lettura socio-economica delle regioni adriatiche > Danilo Scarponi mail: 23 subjective well-being (SWB), vale a dire la percezione che gli individui hanno della propria vita e del grado di soddisfazione che provano per essa. Questo indicatore della felicità delle persone, per quanto sintetico, ha il vantaggio dessere stato rilevato da diversi decenni e in molti paesi del mondo. Studi empirici evidenziano che il SWB stenta a crescere nel tempo in diversi paesi, come il Giappone, o diminuisce, come negli USA, nonostante che il reddito pro-capite abbia avuto una evidente tendenza a crescere Ciò costituisce per gli economisti un paradosso, chiamato paradosso della felicità o "paradosso di Easterlin", in quanto gli economisti sono abituati a pensare al reddito come ad un buon indicatore di benessere.

24 Lettura socio-economica delle regioni adriatiche > Danilo Scarponi mail: 24 Popolazione e composizione (c1-c2-c3)

25 Lettura socio-economica delle regioni adriatiche > Danilo Scarponi mail: 25 Ricchezza e Anzianità

26 Lettura socio-economica delle regioni adriatiche > Danilo Scarponi mail: 26

27 Lettura socio-economica delle regioni adriatiche > Danilo Scarponi mail: 27 Invecchiamento (c9: over 65 / giovani)

28 Lettura socio-economica delle regioni adriatiche > Danilo Scarponi mail: 28

29 Lettura socio-economica delle regioni adriatiche > Danilo Scarponi mail: 29

30 Lettura socio-economica delle regioni adriatiche > Danilo Scarponi mail: 30 Ricchezza e over 75

31 Lettura socio-economica delle regioni adriatiche > Danilo Scarponi mail: 31 Indice di dipendenza

32 Lettura socio-economica delle regioni adriatiche > Danilo Scarponi mail: 32 Livello di istruzione di base

33 Lettura socio-economica delle regioni adriatiche > Danilo Scarponi mail: 33 Disoccupazione

34 Lettura socio-economica delle regioni adriatiche > Danilo Scarponi mail: 34 Considerazioni Le Regioni Italiane hanno: –condizioni di contesto socio-economiche privilegiate (solo la Croazia si avvicina alle regioni del Sud Italia) –tendenza allinvecchiamento –maggior livello di istruzione –minore disoccupazione

35 Lettura socio-economica delle regioni adriatiche > Danilo Scarponi mail: 35 Danilo Scarponi Partner SINT Docente Università Politecnica delle Marche Mail: Mob:


Scaricare ppt "Lettura socio-economica delle regioni adriatiche > Danilo Scarponi mail: 1."

Presentazioni simili


Annunci Google