La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Paolo Ielo- Procura di Roma - gruppo reati contro l'economia 1 Intercettazioni, attività di polizia giudiziaria, utilizzazione processuale degli atti assunti.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Paolo Ielo- Procura di Roma - gruppo reati contro l'economia 1 Intercettazioni, attività di polizia giudiziaria, utilizzazione processuale degli atti assunti."— Transcript della presentazione:

1 Paolo Ielo- Procura di Roma - gruppo reati contro l'economia 1 Intercettazioni, attività di polizia giudiziaria, utilizzazione processuale degli atti assunti con rogatoria ROMA 11 febbraio 2010

2 Le indagini transnazionali: perché? Globalizzazione economica e globalizzazione criminale In ambito europeo, allampliarsi di uno spazio comune di libertà corrisponde il rischio di maggiori spazi criminali, che esige uno spazio comune di giustizia, le cui linee direttrici sono fissate dal §2 dellart. 29 del trattato UE: - + stretta cooperazione tra AA.GG. e altre aut. comp. Stati membri; - Ravvicinamento normative penali Stati membri Paolo Ielo- gruppo reati contro l'economia Procura di Roma - 2

3 Paolo Ielo- Procura di Roma - gruppo reati contro l'economia 3 Flusso finanziario illecito: esempio Frode fiscale 2621 cc corruzione 646 c.p. 648 bis 648 ter Area di legalità

4 I rischi Una visione - investigativa e organizzativa - unimpostazione normativa e interpretativa che non colgono la complessità che al contrario è sfruttata dalle realtà criminali Paolo Ielo- Procura di Roma - gruppo reati contro l'economia 4

5 Da Aristotele a Eisenstein Paolo Ielo- Procura di Roma - gruppo reati contro l'economia 5

6 Le fonti Un macrosistema complesso, produttivo di effetti giuridici a geometria variabile Convenzioni internazionali, protocolli addizionali, riserve unilaterali Paolo Ielo- Procura di Roma - gruppo reati contro l'economia 6

7 I soggetti § organi inquirenti nazionali § Olaf § Europol § Eurojust e poi § magistrati di collegamento § rete giudiziaria europea Paolo Ielo- Procura di Roma - gruppo reati contro l'economia 7

8 Europol Organo di intelligence in ambito criminale, nato con il Trattato di Maastricht Ha iniziato ad operare nel 1994, nel suo attuale assetto è composto da funzionari di polizia dei vari paesi membri, ha la funzione di analizzare e diffondere informazioni a carattere operativo a beneficio degli uffici nazionali nella prevenzione delle più gravi forme di criminalità organizzata, nel settore degli stupefacenti, nel riciclaggio, terrorismo 2 filosofie: organo di intelligence; organo operativo ( art. 30 trattato di Amsterdam: coordinare indagini; partecipazione a squadre miste in funzione di supporto; assistenza in indagini di crimine organizzato; accordi di collegamento) Paolo Ielo- Procura di Roma - gruppo reati contro l'economia 8

9 Olaf Ufficio per la lotta antifrode, nato dalle ceneri dellUclaf, titolare di compiti di indagine amministrativa, interna ed esterna, da svolgere in indipendenza, per la prevenzione e individuazione delle frodi comunitarie Non titolare di poteri coercitivi La relazione conclusiva dà conto dei ftti accertati,ne valuta la rilevanza, formula raccomandazioni in ordine allesercizio dellazione penale alle competenti autorità degli Stati membri Linidoneità a modificare ex se posizioni soggettive, per lassenza di obblighi in capo allautorità richiesta, ne impedisce un ricorso per lannullamento della relazione medesima( (Trib I°CE, ,T-309/03) Paolo Ielo- Procura di Roma - gruppo reati contro l'economia 9

10 Eurojust Organo avente la funzione di svolgere attività di coordinamento e impulso investigativo Competenze: quelle di europol, frode e corruzione che colpiscano gli interessi finanziari della comunità,riciclaggio, reati ambientali, partecipazione ad associazioni criminali punibili nel territorio dellunione, reati correlati ad uno di quelli elencati, mentre per altri tipi di reati può prestare assistenza conformemente ai suoi fini Composto da pm o funzionari di polizia - la legge Italiana prevede la nomina tra giudici o magistrati del pm, con almeno 20 anni di anzianità, ch può essere coadiuvato da un assistente-in caso di necessità possono essere tre-, e che può ricevere direttive dal Ministro della giustizia Ha natura ibrida: organo di coordinamento e organo di stimolo allesercizio dellazione penale Svolge le sue funzioni in forma monocratica e in forma collegiale Paolo Ielo- Procura di Roma - gruppo reati contro l'economia 10

11 Rete giudiziaria europea- RGE/EJN/RJE Istituita con unazione comune del , assume forme organizzative proprie degli Stati membri, con competenze in tema di cooperazione, massimamente con riguardo a crimine organizzato, terrorismo, corruzione, stupefacenti In Italia : punti di contatto presso il Ministero, ciascuna procura generale, la DNA. Essi sono a disposizione delle autorità del paese e si interfacciano con i punti di contatto di altri paesi e hanno la funzione fondamentale di fornire informazioni giuridiche e pratiche per la cooperazione, soprattutto in funzione di coordinamento Paolo Ielo- Procura di Roma - gruppo reati contro l'economia 11

12 Magistrati di collegamento Istituto sorto su iniziativa dei ministri della giustizia Italiano e Francese dopo la morte di Falcone e progressivamente esteso anche in paesi non membri Modulo organizzativo che agevola la cooperazione giudiziaria, attraverso la conoscenza degli stati richiedenti e degli Stati richiesti, che aiuta ad evitare richieste non conformi Paolo Ielo- Procura di Roma - gruppo reati contro l'economia 12

13 Loggetto i reati che ai fini probatori richiedono unindagine che si svolga oltre i confini nazionali Le tipologie sono le più diverse § le fattispecie di reato che caratterizzano un flusso finanziario illecito; §il terrorismo internazionale, le organizzazioni mafiose, quelle finalizzate alla tratta di esseri umani e quelle finalizzate allimportazione di stupefacenti; § il reato transnazionale, definizione tipizzata normativamente ( L. 146/06, art. 3) sussistente quando 1- sia punito con pena non inferiore a 4 anni, sia coinvolto un gruppo criminale e sussista, alternativamente, una delle condizioni che seguono: -commesso in più di uno Stato; -commesso in uno stato, ma con preparazione, pianificazione direzione o controllo che avvenga in un altro Stato; -commesso in uno stato da parte di gruppi criminali operanti in più Stati; -commesso in uno Stato, ma con effetti sostanziali in un altro; § reati comuni Paolo Ielo- Procura di Roma – gruppo reati contro l'economia

14 Le forme Rogatorie e sequestri---- rinvio Intercettazioni, squadre investigative comuni, consegne controllate, l inseguimento transfontaliero, trasmissione d informazioni, undercover Paolo Ielo- Procura di Roma – gruppo reati contro l'economia

15 Intercettazioni Le criticità: §levoluzione della tecnologia e la fissità delle categorie giuridiche §la limitatezza del territorio nazionale e la tendenziale assenza di limiti alla rete di telecomunicazioni § operatori di accesso ( forniscono numero telefonico, scheda sim, providers) e operatori di trasporto ( portano la chiamata a destinazione) § le due categorie possono anche non coincidere; vi possono essere più operatori di trasporto per singole chiamate; il trasporto della chiamata segue percorsi non ovvi ( una chiatama che parte dallItalia per giungere in italia può anche transitare per lestero, per ragioni tecniche o di convenienza delloperatore di trasporto) § non sempre loperatore di trasporto è tecnicamente in grado di accompagnare la chiamata con il numero identificativo di partenza ( CLI: calling line identifier) Paolo Ielo- Procura di Roma - gruppo reati contro l'economia 15

16 Intercettazioni Linstradamento Si tratta di una tecnica caratterizzata da un collegamento fisico con il territorio Italiano, poichè si individuano, sul territorio Italiano, i flussi di comunicazione diretti: -verso una utenza italiana; -verso lutenza straniera; -anche quando vengano solo usati ponti telefonici esistenti in Italia In Giurisprudenza: -di legittimità oramai consolidato l'orientamento che non richiede rogatorie internazionali (Cass., sez. IV, 28 febbraio 2008, Volante, in C.E.D. Cass., n ; Cass., sez. VI, 2 novembre 2004, Commisso, ivi, n ) -di merito, idem - unici casi contrari editi, v. Trib. Roma, 20 ottobre 2000, Barbaro, in Giust. pen., 2001, III, p. 120, Trib. Bologna, 23 giugno 1998, Bossert, in Cass. pen., 6, 2000 Paolo Ielo- Procura di Roma - gruppo reati contro l'economia 16

17 Intercettazioni Lutenza mobile, con sim-card italiana, allestero - apparecchi soggetti alla regolamentazione tecnica e giuridica dello Stato cui appartiene l'ente gestore del servizio - non è necessario esperire una rogatoria internazionale, se le operazioni di intercettazione possono essere svolte interamente nel territorio dello Stato (così Cass., sez. IV, 7 giugno 2005, Mercado Vasquez, in C.E.D. Cass., n ; Cass., sez. I, 16 ottobre 2002, Strangio, in Cass. pen., 2003, p. 755; Cass., sez. V., 19 settembre 2002, Dushi, in Guida dir., 2003, n. 3, p. 78). Paolo Ielo- Procura di Roma - gruppo reati contro l'economia 17

18 Intercettazioni Microspia installata in territorio nazionale, su autovettura che si sposti allestero - non è richiesta rogatoria, per la edaem ratio dellorientamento enunciato in punto di cellulari. - nellenunciare tale principio, peraltro, si è osservato che, diversamente vi sarebbe una impossibilit à tecnica di procedere alle intercettazioni, ben potendo l autorit à giudiziaria che le ha disposte ignorare il luogo dove si trova il veicolo, ed essendo quindi impossibilitata a chiedere la rogatoria, neppure con l urgenza e con i modi previsti dall art. 727, comma 3, c.p.p. (Cass., sez. IV, 6 novembre 2007, Assisi, in C.E.D. Cass., n ). Paolo Ielo- Procura di Roma - gruppo reati contro l'economia 18

19 Intercettazioni Intercettazioni eseguite dalla polizia straniera -si tratta di ipotesi che rientrano nel genus scambio di informazioni -In sede di legittimità si è statuito che le intercettazioni telefoniche ritualmente svolte dagli ufficiali di p.g. transfontalieri e da questi trasmesse di propria iniziativa alle autorità italiane interessate alle informazioni, in base all'art. 3 c. 1 C.E.AG. e all'art. 46 dell'Accordo di Schengen, possono essere validamente acquisite ai sensi dell' art. 78 c. 2 disp. att. e coord., trattandosi di atti non ripetibili [ C I , Moio, CED ]. Paolo Ielo- Procura di Roma - gruppo reati contro l'economia 19

20 Intercettazioni Le intercettazioni allestero -esecuzione di intercettazioni telefoniche sul territorio di uno stato estero -riguardano solo utenze straniere o comunicazioni non transitanti su nodi telefonici italiani -è necessario attivare una procedura rogatoria, disciplinata dalla convenzione bilaterale o plurilaterale ratificata dallItalia e dal Paese estero interessato, e, in mancanza, dalle norme codicistiche dettate dagli artt. 727 e segg. c.p.p. -Fonte generale è la CEAG, firmata a Strasburgo il 20 aprile Essa non menziona le intercettazioni, sicchè deve essere azionato lart. 3, secondo cui la Parte richiesta farà eseguire, nelle forme previste dalla propria legislazione, le rogatorie relative ad un procedimento penale che verranno a lei dirette dalle autorità giudiziarie della Parte richiedente e che hanno per oggetto il compimento di atti istruttori… -Occorre tener presente evenutali limiti di utilizzabilità posti dalla A.G. straniera Paolo Ielo- Procura di Roma - gruppo reati contro l'economia 20

21 Intercettazioni Le intercettazioni allestero- segue Principi elaborati in sede di legittimità - la richiesta può essere formulata direttamente dal pubblico ministero italiano (Cass., sez. I, 25 settembre 1997, Dentice, in C.E.D. Cass., n ); - il principio generale è la lex loci, sicchè è irrilevante che allestero le operazioni di intercettazione siano state eseguite senza il rispetto delle prescrizioni dettate dagli artt. 267 e 268 c.p.p., salvo che la violazione non abbia inciso su principi fondamentali del nostro ordinamento: non è necessaria, dunque, la trasmissione dei brogliacci di ascolto redatti dagli ufficiali di polizia straniera, né occorre che la trascrizione delle conversazioni intercettate allestero sia stata effettuata con perizia (Cass., sez. I, 10 settembre 1998, Bonelli, ivi, n ; conf., in seguito, Cass., sez. I, 30 gennaio 2002, Arben, ivi, n ; Cass., sez. II, 13 dicembre 2001, Borgia, ivi, n ); - Paolo Ielo- Procura di Roma - gruppo reati contro l'economia 21

22 Intercettazioni Le intercettazioni allestero- segue -la trasmissione diretta allautorità giudiziaria italiana della documentazione relativa allattività di indagine compiuta allestero, è conforme alle prassi invalse nellapplicazione delle convenzioni internazionali e non comporta alcuna inutilizzabilità ex art. 729, comma 1, c.p.p. (Cass., sez. I, 20 settembre 2002, Monnier, ivi, n ); in questi casi, salvo che lautorità rogante non abbia espressamente domandato gli originali, è possibile anche la trasmissione di mere fotocopie della documentazione, dato che latto formale di trasmissione è idoneo a garantire lautenticità e la conformità degli atti trasmessi (Cass., sez. IV, 19 febbraio 2004, Montanari, ivi, n ; e Cass., sez. I, 16 ottobre 2002, Strangio, ivi, n ); Paolo Ielo- Procura di Roma - gruppo reati contro l'economia 22

23 Intercettazioni La CEAG in materia penale, Bruxelles non ancora sottoscritta dallItalia il titolo III (artt.17/22) della Convenzione :intercettazione delle telecomunicazioni Sono previste 4 ipotesi: 1 - (art.18. secondo comma, lett.a): lo Stato per poter intercettare nel proprio territorio deve chiedere lassistenza tecnica di altro Stato membro; lipotesi si verifica nel caso di intercettazioni di telecomunicazioni satellitari. lart.18 dispone che lo Stato richiesto può dare corso alla rogatoria senza particolari formalità; 2- (art.18 secondo comma lett.b): lo Stato membro per intercettare nel territorio di altro Stato deve chiedere lassistenza di questultimo. La rogatoria può essere esaudita solo se compatibile col diritto interno dello Stato richiesto · Paolo Ielo- Procura di Roma - gruppo reati contro l'economia 23

24 Intercettazioni 3- (art.18, secondo comma lett.c): lo Stato deve intercettare nel territorio di altro Stato, ma per poterlo fare ha bisogno dell assistenza tecnica di un terzo Stato ( avviene in caso di intercettazioni satellitari quando oltre allo Stato che vuole intercettare ed allo Stato dove si trova il bersaglio, entra in giuoco un terzo Stato, quello ove si trova la stazioneterrestre d ingresso). La convenzione prevede che la rogatoria si instauri tra Stato richiedente e Stato terzo, mentre quello ove si trova il bersaglio viene solo informato e deve dare il consenso entro 96 ore 4- (art.20): Stato che puo intercettare nel proprio ed altrui territorio senza assistenza tecnica di altro Stato ove si trova il bersaglio ; in tale caso scatta il meccanismo della informazione allo Stato ove si trova il bersaglio Paolo Ielo- Procura di Roma - gruppo reati contro l'economia 24

25 Trasmissione spontanea dinformazioni -si prevede la possibilità che le autorità inquirenti procedano allo scambio dinformazioni investigativamente utili - senza tuttavia disporre in ordine al regime di utilizzabilità, rimesso alla legislazione degli stati contraenti Paolo Ielo- Procura di Roma - gruppo reati contro l'economia 25

26 Trasmissione spontanea dinformazioni- Fonti convenzionali ratificate -Trattato Schengen, artt. 39 ( richieste) e 46 (spontanee)- ratificato in Italia con legge 388/1993 -Accordo Italo-Svizzero art. XXVIII – ratificato in Italia con L. 367/2001 -Convenzione cyberspazio Budapest 2001, art. 26, ratificata L. 48/08 Paolo Ielo- Procura di Roma - gruppo reati contro l'economia 26

27 Trasmissione spontanea dinformazioni- Fonti convenzionali non ratificate Art. 7 Convenzione di Bruxelles sulla mutua assistenza Art. 11 II protocollo addizionale alla CEAG Paolo Ielo- Procura di Roma - gruppo reati contro l'economia 27

28 Trasmissione spontanea dinformazioni-utilizzabilità Il problema è lambito di applicazione dellart. 729 comma 1 c.p.p., che sanziona con linutilizzabilità gli atti acquisiti in violazione delle norme di cui allart. 696 comma 1, in tema di rogatorie Paolo Ielo- Procura di Roma - gruppo reati contro l'economia 28

29 Trasmissione spontanea dinformazioni-utilizzabilità La giurisprudenza di legittimità ne ritiene lutilizzabilità, osservando come la sanzione in questione riguardi i meccanismi delle rogatorie allestero e non altri meccanismi di acquisizione di fonti di prova Paolo Ielo- Procura di Roma - gruppo reati contro l'economia 29

30 Trasmissione spontanea dinformazioni-utilizzabilità - Sez. 2, Sentenza n del 12/11/2008 Cc. (dep. 01/12/2008 ) Rv Le informazioni emerse all'interno di un procedimento penale all'estero, che spontaneamente ed autonomamente l'Autorità giudiziaria di uno Stato offre all'Autorità giudiziaria italiana, restano estranee all'area dell'inutilizzabilità speciale di cui all'art. 729, comma primo, cod. proc. pen., che attiene alle rogatorie "all'estero". - Sez. 2, Sentenza n del 20/02/2009 Ud. (dep. 13/03/2009 ) Rv L'inutilizzabilità degli atti assunti per rogatoria nei casi previsti dall'art. 729 cod. proc. pen. non si applica all'acquisizione di informazioni emerse all'interno di un procedimento penale all'estero, che spontaneamente ed autonomamente l'autorità giudiziaria estera ha offerto all'autorità giudiziaria italiana. (Nella fattispecie, la Corte ha ritenuto meri atti amministrativi di carattere informativo trasmessi spontaneamente dalla polizia straniera, e da considerarsi irripetibili ai sensi dell'art. 431 cod. proc. pen., i tabulati dei transiti alla frontiera costituiti dalla Polizia rumena relativamente ad una pluralità indistinta di soggetti e non mirati sugli attuali ricorrenti). Paolo Ielo- Procura di Roma - gruppo reati contro l'economia 30

31 Squadre investigative comuni Previste essenzialmente da strumenti non ancora attuati in Italia : -13 della Convenzione relativa all'assistenza giudiziaria in materia penale del 2000; -decisione quadro 2002/465/GAI del 13 giugno 2002 Esse si occupano – senza la necessità di rogatoria – dello svolgimento di indagini sui più gravi fenomeni criminali in materia di terrorismo, traffico illegale di stupefacenti e tratta di esseri umani che riguardano il territorio di due o più Stati membri dell'Unione europea Laccordo Italo-Svizzero, pienamente ratificato in Italia, prevede, allart. XXVI, la possibilità dindagini comuni Paolo Ielo- Procura di Roma - gruppo reati contro l'economia 31

32 Osservazione e inseguimento transfrontalieri Schengen: -art. 40- disciplina le osservazioni transfrontaliere che permettono agli agenti di polizia di uno degli Stati dellUnione, che stanno svolgendo una indagine giudiziaria, a proseguire nel territorio di altro Stato membro losservazione di una persona che si ritiene abbia commesso un reato per il quale sarebbe consentita lestradizione--- rinvio -art. 41- disciplina linseguimento transfrontaliero, che è configurabile quando gli agenti di polizia giudiziaria abbiano iniziato nel proprio paese un inseguimento finalizzato a trarre in arresto un soggetto, e lo stesso prosegua, via terra, al di là del confine di un vicino Stato dellUnione europea-- rinvio Paolo Ielo- Procura di Roma - gruppo reati contro l'economia 32

33 Consegne controllate Rinvio--- Convenzione Le consegne controllate (art.12) si dispone che ogni Stato si impegna a garantire che su richiesta di altro Stato, possano essere effettuate consegne sorvegliate nel suo territorio nellambito di indagini inerenti a reati passibili di estradizione. Tanto la decisione di effettuare le consegne controllate, quanto la loro esecuzione sono disciplinate dalla norma dello Stato richiesto. Paolo Ielo- Procura di Roma - gruppo reati contro l'economia 33

34 Operazioni sotto copertura -attività svolta da agenti o ufficiali di polizia giudiziaria che, dissimulando la loro vera identità, si infiltrano in organizzazioni criminali per raccogliere elementi di prova a carico degli autori di vari reati, oppure per trarre in arresto gli stessi nella flagranza dei reati -Fonti: § autorizzate da speciali disposizioni di legge, contenute in numerosi atti normativi emanati tra il 1990 e il 2003: l art.97 del d.P.R. 9 ottobre 1990, n. 309, in materia di reati concernenti sostanze stupefacenti; l art.7 d.l. 15 gennaio 1991, n. 8, convertito nella l. 15 marzo1991, n. 82, in materia di sequestri di persona a scopo di estorsione; l art. 12-quater d.l. 8 giugno 1992, n. 306, conv. nella l. 7 agosto 1992, n. 356, in tema di riciclaggio, impiego di denaro, beni o utilit à di provenienza illecita, delitti concernenti armi, munizioni ed esplosivi; l art. 12, comma 3-septies,d.lg. 25 luglio 1998, n. 286, relativo alle ipotesi aggravate di favoreggiamento dell immigrazione clandestina; l art. 14 l. 3 agosto 1998, n. 269, in materia di delitti riguardanti la prostituzione e la pornografia minorile; l art. 4 d.l. 18 ottobre 2001, n. 374, conv. nella l. 15 dicembre 2001, n. 438, in tema di delitti commessi per finalit à di terrorismo; l art. 10 l. 11 agosto 2003, n. 228 Paolo Ielo- Procura di Roma - gruppo reati contro l'economia 34

35 Operazioni sotto copertura Fonti: § art. 9 l. 16 marzo 2006, n. 146 che abroga buona parte della normativa speciale, detta una articolata disciplina generale relativa alle operazioni sotto copertura relativa a delitti commessi con finalit à di terrorismo, i delitti previsti dagli artt. 648-bis e 648- ter nonch é nel libro II, titolo XII, capo III, sezione I, del codice penale, i delitti concernenti armi, munizioni, esplosivi, i delitti previsti dall art. 12, commi 3, 3-bis e 3-ter, del testo unico delle disposizioni concernenti la disciplina dell immigrazione e norme sulla condizione dello straniero, di cui al d.lg. 25 luglio 1998, n. 286, nonch é dall art. 3 l. 20 febbraio 1958, n disciplina delle operazioni sotto copertura che prescinde alla natura transnazionale o meno dei delitti - permangono ancorati alla disciplina speciale dall art. 97 d.P.R. 9 ottobre 1990, n. 309 (in materia di reati concernenti sostanze stupefacenti), dall art. 7 del d.l. 15 gennaio 1991, n. 8, conv. nella l marzo 1991, n. 82 (in materia di sequestri di persona a scopo di estorsione), e dall art. 14, commi 1, 2 e 3, l. 3 agosto 1998, n. 269 (in materiadi delitti riguardanti la prostituzione e la pornografia minorile) Paolo Ielo- Procura di Roma - gruppo reati contro l'economia 35

36 Operazioni sotto copertura Fonti non ratificate: - art. 14 della pi ù volte menzionata Convenzione di Bruxelles del 29 maggio 2000 sull assistenza giudiziaria in materia penale nell ambito dell UE, secondo cui * questa particolare forma di indagine è possibile nei procedimenti aventi ad oggetto qualsiasi reato, quindi anche non di criminalit à organizzata; * le operazioni di infiltraggio o sotto falsa identit à possono essere attuate sulla base di apposite intese tra Stati membri dell Unione, con le quali vengono definite anche la durata di quelle operazioni, e le condizione e lo status giuridico degli agenti coinvolti; * trovano applicazione le norme di diritto sostanziale e processuale dello Stato membro richiesto, nel cui territorio le operazioni vengono eseguite; * le autorit à dello Stato membro richiesto forniscono la loro collaborazione, pure per garantire la sicurezza degli agenti infiltrati o sotto falsa identit à. - art. 19 del II Protocollo addizionale, dell 8 novembre 2001, alla Convenzione europea di assistenza giudiziaria in materia penale del 1959 Paolo Ielo- Procura di Roma - gruppo reati contro l'economia 36

37 Operazioni sotto copertura Criticit à § necessit à di distinguere l undercover dall agente provocatore -L agente sotto copertura è il funzionario di Polizia che, nell esecuzione di un attivit à di indagine ufficiale, pone in essere una condotta di semplice osservazione di fenomeni criminali senza mai assumere un ruolo attivo nell esecuzione dei reati - L agente provocatore è l agente infiltrato ed animato dalle stesse finalit à, non si limita all osservazione, ma si attiva, inducendo, istigando, ideando progetti delittuosi i quali, senza il suo intervento, non si sarebbero verificati - Estrema difficolt à nel distinguere Paolo Ielo- Procura di Roma - gruppo reati contro l'economia 37

38 Operazioni sotto copertura Interventi della Crote Europea dei diritti dell uomo in materia – il problema è posto con riferimento all art. 6 della convenzione 1 - Caso Pyrgiotakis c. Grecia, sentenza, emessa il 21 febbraio lesistenza di una violazione del diritto al processo equo è stata affermata sulla base del rilievo che lintervento della polizia aveva determinato la commissione del reato e la conseguente condanna del ricorrente, provocando unattività criminale che altrimenti non sarebbe intervenuta - La violazione dellart. 6 della convenzione deriva da una evidente interazione tra profili sostanziali e processuali che si riflette sulla stessa nozione di processo equo Paolo Ielo- Procura di Roma - gruppo reati contro l'economia 38

39 Operazioni sotto copertura Interventi della Corte Europea dei diritti dell uomo in materia – il problema è posto con riferimento all art. 6 della convenzione 2- Caso Calabrò contro Italia, sentenza 21 marzo 2002, dove la Corte ha osservato: - che lazione dellagente infiltrato non aveva provocato un reato che, senza il suo intervento, non sarebbe stato commesso: - che costui si era limitato a fare conoscere la sua disponibilità a importare e vendere rilevantissime quantità di stupefacenti, e limputato a quel punto lo aveva spontaneamente contattato, gli aveva versato una somma di denaro e aveva organizzato un incontro nel corso del quale avrebbero dovuto essere consegnati 46 chilogrammi di cocaina Paolo Ielo- Procura di Roma - gruppo reati contro l'economia 39

40 Operazioni sotto copertura Criticità nel sistema Italiano: -la testimonianza della polizia infiltrata sulle dichiarazioni rese da indiziati -Secondo un orientamento inutilizzabili ex art. 63 comma 2 c.p.p. (sentenza n.2204 del 1998 –Parreca- II e n del 2003 – Ventre - VI ) ancorchè nellordito argomentativo si aprano spiragli -utilizzati da altro orientamento che valorizza, negli undercover lassenza di poteri autoritativi tipici della PG, e li qualifica come soggetti che partecipano allazione, con la conseguenza che non trova applicazione il divieto di testimonianza sulle dichiarazioni dellimputato di cui allart. 62 del codice di rito, e dunque, che le deposizioni da tali soggetti rese su quanto appreso dallimputato nel corso dellinvestigazione sotto copertura, sono utilizzabili in dibattimento ( n del 2004 – Meta- e la sentenza n del 2001 – Tomassini- della IV ) -Rilievo argomentativo dalla sentenza Torcasio Paolo Ielo- Procura di Roma - gruppo reati contro l'economia 40

41 Operazioni sotto copertura Ultimi arresti giurisprudenziali: Sez. 2, Sentenza n del 28/05/2008 Ud. (dep. 09/10/2008 ) Rv , Cuzzocoli -l'agente infiltrato non può pertanto commettere azioni illecite diverse da quelle dichiarate non punibili (art. 9 legge citata), o a esse strettamente e strumentalmente connesse -Distinzione tra undercover e provocatore -Ove lundercover esorbiti dai limiti determinando reati egli assume la figura di coimputato in procedimento connesso o collegato Paolo Ielo- Procura di Roma - gruppo reati contro l'economia 41

42 La persuasione di non trovare un palmo di terra che perdoni ai veri delitti sarebbe un mezzo efficacissimo per prevenirli… Cesare Beccaria Paolo Ielo- Procura di Roma - gruppo reati contro l'economia 42


Scaricare ppt "Paolo Ielo- Procura di Roma - gruppo reati contro l'economia 1 Intercettazioni, attività di polizia giudiziaria, utilizzazione processuale degli atti assunti."

Presentazioni simili


Annunci Google