La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Ufficio I.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Ufficio I."— Transcript della presentazione:

1 DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Ufficio I

2 Policy Coherence for Development (PCD)

3 Agenda Policy Coherence for Development: una definizione Perché la PCD è importante? Lapproccio OCSE: Il Ciclo della PCD Synthesis Report on Policy Coherence for Development (OCSE) PCD Work Programme dellOCSE Lapproccio UE Lapproccio UE: RWP Commitment to Development Index (CDI)

4 Policy Coherence for Development (PCD) : una definizione Realizzazione degli obiettivi di sviluppo attraverso la promozione sistematica di sinergie tra le diverse azioni di policy aid policies vs non-aid policies Impatto sullo sviluppo di altre politiche settoriali contrasti e complementarità Globalizzazione: interdipendenza ed integrazione richiedono politiche coerenti Gli aiuti da soli non sono sufficienti a ridurre la povertà: la PCD è fondamentale per la realizzazione degli MDGs

5 Obiettivo della PCD: massimizzare limpatto positivo delle non-aid policies progressiva integrazione nelle politiche di cooperazione allo sviluppo: Intra-governmental coherence + Inter-governmental coherence Dimensioni della coerenza: 1. Coerenza tra le politiche di cooperazione allo sviluppo 2. Coerenza tra le aid- e non-aid policies di un singolo donatore 3. Coerenza tra le aid- e non-aid policies di più donatori 4. Coerenza donatore-partner Policy Coherence for Development (PCD) : una definizione

6 Tutti i paesi hanno linteresse di ridurre la povertà e favorire lo sviluppo sostenibile dei paesi più poveri Politiche coerenti che favoriscano tale sviluppo sono necessarie per il rispetto degli impegni internazionali nei confronti dei PVS Lapproccio suggerito dallOCSE prevede 3 fasi distinte per la realizzazione della PCD, ciascuna delle quali si caratterizza per una specifica componente di policy Perché la PCD è importante?

7 Lapproccio OCSE: Il Ciclo della PCD 1.Fissazione obiettivi e priorità Componente di policy: impegno politico e di policy 2. Politiche di coordinamento e implementazione Componente di policy: meccanismi di coordinamento 3. Monitoraggio, analisi e reporting Componente di policy: sistemi di monitoraggio, analisi e reporting

8 Limpegno politico è sufficiente? Tutti i paesi membri dellOCSE-DAC si sono formalmente impegnati per la PCD. LUE, i Paesi Bassi e la Svezia hanno attribuito unimportanza primaria alla PCD. Sono effettivamente in funzione meccanismi di coordinamento? Differenze tra i paesi OCSE-DAC: meccanismi informali (Irlanda, nuova Zelanda), approccio tematico (Gran Bretagna, Danimarca), meccanismi formali innovativi (Germania, Svezia, Finlandia, Paesi bassi). Monitoraggio, analisi e reporting sono sufficienti? Principale debolezza: molti paesi (Belgio, Grecia, Italia, Giappone, Norvegia, Spagna) hanno mostrato scarsa capacità di analisi e non hanno sistemi di monitoraggio e reporting sistematici. Eccezioni: Gran Bretagna, Svezia, Finlandia. giugno 2008: dichiarazione ministeriale dellOCSE sulla PCD utilità della peer review per lindividuazione delle best practice Lapproccio OCSE: Il Ciclo della PCD

9 Lezioni ricavate dalle peer review Synthesis Report on Policy Coherence fo Development (OCSE) Per la fase 1: coinvolgimento del settore pubblico, della società civile, degli istituti di ricerca, dei paesi partner Per la fase 2: assicurare che i meccanismi informali garantiscano la comunicazione tra i ministeri; creare dei meccanismi formali che assicurino il coordinamento interministeriale; incoraggiare il ruolo attivo delle agenzie di sviluppo Per la fase 3: si raccomanda il monitoraggio dellimpatto reale dei progressi della PCD ed una rendicontazione trasparente ai Parlamenti e alla società civile dei passi avanti verso la PCD, quale elemento fondamentale dellattività di cooperazione

10 1°obiettivo Il DAC effettuerà PCD Work Programme dellOCSE Un rapporto su ambiente, sviluppo, cooperazione interministeriale Un rapporto su sulle cause della corruzione per tre paesi (case studies) 2° obiettivo Il Segretariato Generale cercherà di migliorare la comprensione dellimpatto delle diverse politiche dei paesi membri sui PVS e di offrire assistenza ai policy-maker per limplementazione della PCD adozione di un approccio issue-specific

11 12 aree di policy rilevanti per la PCD commercio, ambiente, cambiamento climatico, sicurezza, agricoltura, pesca, dimensione sociale della globalizzazione, occupazione e condizioni dignitose di lavoro, migrazioni, ricerca ed innovazione, società dellinformazione, trasporti ed energia Rolling Work Programme (RWP) check-list per gli impegni di PCD per il Consiglio, gli Stati Membri e la Commissione europea e la messa a punto dei meccanismi organizzativi Lapproccio UE

12 Strumenti per la promozione della PCD allinterno degli Stati Membri Leggi o dichiarazioni di policy Meccanismi istituzionali o amministrativi –comitati interministeriali (Italia, CIPE?) –unità specifiche di PCD –organi consultivi: mondo accademico, istituti di ricerca, società civile.. Approccio whole-of-government Caratteristico di Paesi Bassi e Svezia, contribuisce in modo efficace alla PCD poiché tutto il Governo è responsabile per la PCD Lapproccio UE

13 Interservice Consultations discussioni informali tra i vari dipartimenti sulle proposte di policy Impact Assessment System valutazione dellimpatto delle proposte di policy Country and Regional Strategy Papers tematiche della PCD inserite nel contesto locale dei paesi beneficiari PCD Unit unità specifica allinterno della DG Development and Relations with ACP Countries Inter-Service Group on PCD Creato nel 2006, comprende membri di varie DG Lapproccio UE Strumenti per la promozione della PCD allinterno della Commissione europea

14 Lapproccio UE Strumenti per la promozione della PCD allinterno del Consiglio UE PCD Network forum informale per lo scambio di informazioni tra Commissione e Stati Membri Biennal EU PCD Report strumento di monitoraggio dei progressi in termini di PCD EU Strategy for Africa quadro regionale integrato per il miglioramento del coordinamento delle politiche UE in Africa Joint Meetings of Council Formations Incontri fra le diverse formazioni del Consiglio Eventi ad hoc

15 Valutazione generale del grado di avanzamento percepito verso la PCD (questionario UE 2007) Lapproccio UE I progressi in termini di PCD sono valutati positivamente Migliore performance a livello UE Luso di procedure e strumenti specifici per la PCD dovrà essere più sistematico

16 Lapproccio UE: RWP Scopo del RWP: identificare le priorità per lazione orizzontale (ORGANIZZATIVA) e tematica (di POLICY) Priorità organizzative: 1.Favorire lo scambio di informazioni relativo agli accordi istituzionali e a i meccanismi organizzativi 2.Fornire informazioni sullimpatto delle politiche nazionali sui PVS e favorire il dialogo tra le diverse aree di policy 3.Implementare la PCD a livello UE attraverso il COREPER e luso dellImpact Assessment 4.Potenziare il dialogo diretto con i PVS 5. Monitorare lo stato di avanzamento verso la PCD

17 Lapproccio UE: RWP Priorità tematiche: 1.Commercio completamento del Doha Development Round, EPAs 2.Ambiente SCP (Sustainable Consumption and Production), valutazioni ambientali strategiche e di impatto 3.Cambiamento climatico principio delle responsabilità comuni ma differenziate (Conferenza Copenhagen, dicembre 2009) 4.Sicurezza SSS (Security Sector Reform) 5.Agricoltura formazione GPAFS (Global Partnership for Agriculture and Food Security), riforma della FAO (Food and Agricolture Organization) 6.Pesca FPAs (Fisheries Partnership Agreements)

18 Lapproccio UE: RWP Dimensione sociale della globalizzazione, occupazione e condizioni di lavoro dignitose collaborazione con Nazioni Unite ed ILO (International Labour Organisation) 8.Migrazioni Global Approach to Migration, Building Migration Partnerships (Praga, aprile 2009) 9.Ricerca ed Innovazione Strategic Forum for International S&T Cooperation (SFIC) 10.Società dellinformazione sviluppo locale dei servizi di e- learning, e-government, e-health 11.Trasporti trasporto intermodale, Partnership UE-Africa in materia di infrastrutture 12.Energia European Strategic Energy Technology Plan (energie rinnovabili, sviluppo sostenibile)

19 Commitment to Development Index (CDI) Unica stima approssimativa della PCD fornita dal Center for Global Development Compara la PCD dei donatori in base a sette aree di policy: 1.Aiuti 2.Commercio 3.Investimenti 4.Sostegno allimmigrazione 5.Sicurezza globale 6.Salvaguardia ambientale 7.Ricerca e tecnologia


Scaricare ppt "DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Ufficio I."

Presentazioni simili


Annunci Google