La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

P RINCIPI DI I NFORMATICA C ORSO DI L AUREA IN S CIENZE B IOLOGICHE Gennaro Cordasco e Rosario De Chiara Laboratorio ISISLab.

Copie: 1
P RINCIPI DI I NFORMATICA C ORSO DI L AUREA IN S CIENZE B IOLOGICHE Gennaro Cordasco e Rosario De Chiara {cordasco, Laboratorio.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "P RINCIPI DI I NFORMATICA C ORSO DI L AUREA IN S CIENZE B IOLOGICHE Gennaro Cordasco e Rosario De Chiara Laboratorio ISISLab."— Transcript della presentazione:

1 P RINCIPI DI I NFORMATICA C ORSO DI L AUREA IN S CIENZE B IOLOGICHE Gennaro Cordasco e Rosario De Chiara Laboratorio ISISLab 2

2 L ABORATORIO 2 Lezioni sui Fogli Elettronici (Excel) a cura di Gennaro Cordasco 2 Lezioni su Basi di Dati (Access) a cura di Rosario De Chiara Ogni lezione consiste in 2 ore di lezioni frontali + 1 ora di esercitazioni

3 O UTLINE Fogli di Calcolo I dati e la loro rappresentazione Lelaborazione dei dati (informazioni) Excel Elementi di base Formule Formule predefinite Esempi di formule (SOMMA (SUM) E SE (IF)) Copiare le formule (riferimenti assoluti o relativi) I database su Excel I grafici

4 L EZIONE 1: F OGLI E LETTRONICI EXCEL Un Foglio Elettronico è un software che permette limmissione e lelaborazione di dati in una griglia bidimensionale di celle. Un dato è una descrizione elementare, spesso codificata, di una realtà (es. un avvenimento, una transazione o altro). L'elaborazione dei dati può portare alla conoscenza di una informazione. Esempio Mario Rossi ha guadagnato nellanno 2007.

5 R APPRESENTAZIONE DEI D ATI Un dato ha una sua rappresentazione Esempio Mario Rossi ha guadagnato nellanno Mario Rossi è un dato alfanumerico, rappresentato da una successione (stringa) finita di caratteri; e 2007 sono dati numerici rappresentati nel sistema di numerazione decimale.

6 S IGNIFICATO DEI D ATI Un dato ha un significato, dipendente dal contesto è il reddito di Mario Rossi (ma potrebbe essere il codice del suo bancomat)

7 E LABORAZIONE DEI D ATI Lelaborazione dei dati è un procedimento che converte dei dati in informazioni, dove l'informazione è una risposta, dotata di significato, ad una determinata domanda. Lelaborazione non riguarda un singolo dato; di solito si lavora con singoli dati collegati tra loro. Esempio Reddito dei dipendenti della Bianchi SpA Rossi Gialli Verdi … … Una possibile informazione potrebbe essere: chi ha guadagnato di più?

8 E LABORAZIONE DEI D ATI Un Foglio Elettronico è un software che permette limmissione e lelaborazione di dati in una griglia bidimensionale di celle. Immissione e aggiornamento dei dati Estrazione delle informazioni Lestrazione delle informazioni è la motivazione principale La rappresentazione dei dati e la loro organizzazione sono determinate principalmente in base alla natura dei dati e alle operazioni di estrazione desiderate.

9 R IASSUMENDO Linserimento e laggiornamento dei dati: dipendono dallorganizzazione dei dati e sono necessarie per creare e mantenere i dati aggiornati. La rappresentazione e lorganizzazione dei dati: sono principalmente determinate dalla natura dei dati e dalle informazioni che si vogliono estrarre.

10 F OGLI E LETTRONICI (E XCEL ) Un foglio elettronico è un tool a carattere generale: I dati sono organizzati in tabelle e si possono estrarre informazioni di varia natura: da risultati numerici, quali medie, massimi, minimi,… a grafici quali diagrammi a barre o a torta ecc.

11 E XCEL : E LEMENTI DI BASE Un documento excel (cartella di lavoro, ovvero file con estensione.xls o.xlsx) si divide in fogli di calcolo che a loro volta sono composti da Colonne Righe Lintersezione fra una riga e una colonna viene chiamata cella

12 F OGLIO DI CALCOLO Ognuno è costituito da una tabella bidimensionale di al più x = 2 34 elementi. (nelle versioni precedenti di Excel era 256 x = 2 24 elementi) E comunque possibile accedere ai dati contenuti su fogli diversi. Allinizio abbiamo tre fogli a disposizione ma possiamo creare altri. E possibile anche rinominare i fogli.

13 C OLONNA La posizione di ogni colonna è designata da una lettera (A,B,…,Z,AA,AB,…,XFD) Il numero massimo di colonne è 2 14 =16384 Esempio Colonna D

14 R IGA La posizione di ogni colonna è designata da una numero (1,2,…, ) Il numero massimo di righe è 2 20 = Esempio: riga 4

15 B LOCCARE UNA RIGA O UNA COLONNA E possibile bloccare una riga o una colonna in modo che quando si scorre la tabella le righe, colonne bloccate rimangono sempre visualizzate. Per bloccare una riga colonna basta selezionare luna riga e poi utilizzare il menù visualizza blocca riquadri.

16 C ELLA La posizione di ogni cella è specifica da un nome costituito dalla concatenazione della lettera che rappresenta la colonna e il numero che rappresenta la riga Esempio: Cella F5

17 C ELLA : F ORMATO Ad ogni cella è associato un formato che determina: tipo di dato contenuto nella cella allineamento tipo di carattere bordi riempimento protezione È possibile definire quanti decimali si vogliono vedere (verrà mostrato un arrotondamento corrispondente al valore reale della cella)

18 C ELLA : C OME SI INSERISCE UN DATO Per inserire un dato occorre: selezionare una cella tramite il puntatore del mouse scrivere il dato (testo, numero o formula) attraverso la tastiera battere il tasto INVIO (o ENTER).

19 C REARE UN TITOLO SU PIÙ CELLE Fare clic sulla prima cella del gruppo da unire sulla sinistra. Premere il tasto sinistro del mouse e tenerlo abbassato. Con la tecnica del drag and drop spostare il mouse in orizzontale verso destra, in modo che il puntatore raggiunga l'ultima cella da unire. Lasciare il tasto sinistro del mouse e la zona di celle apparirà selezionata.

20 C REARE UN TITOLO SU PIÙ CELLE Fare clic con il tasto destro quando il puntatore è sulla zona selezionata e apparirà il menu contestuale. Fare clic sulla voce Formato Celle Fare clic sulla linguetta Allineamento Fare clic sulla casella di selezione Unione Celle Confermare l'operazione, facendo clic sul pulsante OK

21 C REARE UN TITOLO SU PIÙ CELLE Fare clic con il tasto destro quando il puntatore è sulla zona selezionata e apparirà il menu contestuale. Fare clic sulla voce Formato Celle Fare clic sulla linguetta Allineamento Fare clic sulla casella di selezione Unione Celle Confermare l'operazione, facendo clic sul pulsante OK

22 A GGIUNGERE B ORDI A C ELLE Si selezionano le celle (analogamente alla procedura precedente) Si entra nel menù Formato cella Si seleziona la linguetta Bordo E possibile scegliere il tipo e lo stile dei bordi è inoltre possibile personalizzare la configurazione.

23 E SEMPIO : INSERIMENTO DATI Realizzare una tabella Excel contenente la capienza delle aule F. La tabella deve essere formattata nel seguente modo: in ogni riga deve essere scritto: prima colonna: nome delle aule seconda colonna: capienza posti nella prima riga deve comparire lintestazione della tabella.

24 C ELLA : C ONTENUTO In una cella si possono inserire tre tipi di dati fondamentali: Testo Costanti numeriche Formule Testo Il testo viene di solito utilizzato come commento o promemoria per lutente del foglio elettronico. Può essere comunque usato per creare query o filtri più o meno complessi. Il termine query viene utilizzato per indicare la procedura che permette di estrarre lInformazione contenuta nei dati.

25 C ELLA : C ONTENUTO In una cella si possono inserire tre tipi di dati fondamentali: Testo Costanti numeriche Formule Costanti numeriche Le costanti numeriche sono dei dati che hanno un valore numerico fissato. Il formato secondo il quale vengono visualizzate le costanti dipende da come abbiamo specificato il tipo di costante numerica, e dal formato che abbiamo stabilito per quel tipo di costante. La costante rappresentata con tre formati diversi

26 C ELLA : C ONTENUTO In una cella si possono inserire tre tipi di dati fondamentali: Testo Costanti numeriche Formule Le formula sono elementi che corrispondono ad una espressione da calcolare. I valori delle celle che contengono formule vengono automaticamente aggiornati quando vengono apportate modifiche alle celle a cui la formula fa riferimento.

27 M ODIFICA DIMENSIONE CELLE E possibile modificare laltezza di uno o più righe oppure la larghezza di una o più colonne in due modi: Utilizzando il mouse si può modificare direttamente la dimensione delle righe/colonne Selezionare le righe colonne che si vuole modificare, poi con il tasto destro del mouse si accede al menu larghezza colonne (o altezza righe) e si inserisce il valore desiderato.

28 I COMANDI COPIA, INCOLLA, TAGLIA E ANNULLA Il comando copia (ctrl +c) serve a copiare il contenuto di un blocco di celle selezionato in un buffer di memoria temporaneo. Il comando taglia (ctrl + x) esegue la stessa operazione del comando copia e inoltre svuota il contenuto delle celle selezionate. Il comando incolla (ctrl + v) copia le celle contenute nel buffer di memoria temporaneo, a partire dalla cella selezionata. Il comando annulla (ctrl + z) serve ad annullare lultima operazione eseguita. Il comando canc, cancella il contenuto delle celle selezionate

29 C OPIARE IL CONTENUTO DI CELLE Per copiare il contenuto di una cella nelle celle adiacenti: Fare clic sulla cella da copiare Posizionare il puntatore del mouse sullo spigolo inferiore destro della cella da copiare. Il puntatore assumerà l'aspetto di una croce nera. Premere il tasto sinistro del mouse, e trascinare il puntatore sopra le celle adiacenti. Rilasciare il tasto sinistro del mouse.

30 S TRUMENTI DI RIEMPIMENTO AUTOMATICO Per inserire una sequenza di valori: i giorni della settimana i nomi dei mesi i numeri compresi in un determinato intervallo. Posizionare il puntatore del mouse sullo spigolo inferiore destro della cella che contiene il valore da usare come base iniziale. Il puntatore assumerà l'aspetto di una croce nera. Senza rilasciare il tasto, estendere la selezione in basso o a destra fino a raggiungere l'ultima cella con i nuovi valori.

31 S TRUMENTI DI RIEMPIMENTO AUTOMATICO Attenzione! Se viene selezionata una sola cella contenente un valore numerico, il programma duplicherà il suo valore. Per creare una sequenza di valori numerici crescente/decrescente: Digitare in più celle i valori affinché sia chiara la sequenza. Selezionarle e procedere con l'operazione di compilazione automatica dei valori delle altre.

32 O RDINARE ZONE DI D ATI Selezionare l'area che contiene i dati da ordinare. Includendo anche eventuali righe o colonne che contengono informazioni correlate. Utilizzare il menu Dati (nella Barra dei menu), e fare clic sulla voce Ordina. Nella finestra di lavoro Ordina, indicare quale riga o colonna deve essere utilizzata per ordinare i dati. Eseguire l'ordinamento facendo clic sul pulsante OK.

33 O RDINARE ZONE DI D ATI

34 F ORMULE Una formula deve iniziare con il simbolo = Nellesprimere una formula lutente può usare gli operatori aritmetici: + somma - sottrazione * moltiplicazione / divisione % percentuale RADQ radice quadrata … e può fare riferimento al valore contenuto in altre celle (anche in fogli diversi).

35 F ORMULE : M ESSAGGI DI E RRORE #div/0! - nella formula si tenta di dividere un valore per zero. #nome? - il nome della formula non è esatto, per esempio soma() al posto di somma(). ####### - il valore della cella è più lungo di quanto la colonna permetta di visualizzare.

36 F ORMULE Esercizio: Si vuole fare in modo che il valore di una cella sia pari alla somma delle celle A1 e A2. Soluzione = A1+B1 calcola la somma tra la cella A1 e la cella B1.

37 F ORMULE : E SEMPI Esempio di formula =D2+D3 Laggiornamento delle celle avviene in maniera automatica

38 O PERAZIONI PIÙ COMPLESSE E possibile compiere operazioni più complesse utilizzando le parentesi E anche possibile creare relazioni tra diversi fogli di lavoro nomefoglio!nomecella

39 F ORMULE P REDEFINITE Lutente può anche avvalersi di un insieme predefinito di funzioni che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento. Una funzione è caratterizzata da un nome e da un certo numero di argomenti. Restituisce un valore. Una funzione può essere inserita tramite il menù inserisci funzione, oppure da tastiera. Nota le funzioni cambiano nome a seconda della lingua di Excel (es. SUM diventa SOMMA)

40 E SEMPIO : LA FUNZIONE SOMMA La funzione somma restituisce la somma dei valori dei propri argomenti. Sintassi: = SOMMA(valore1;valore2; …) Gli argomenti (valore1,valore2, ecc.) possono essere: valori costanti (es. 115) riferimenti a singole celle (es. B5) riferimenti a un blocco di celle (es. B5:B9) Celle vuote e celle contenenti testo danno un contributo pari a zero In alcuni casi le celle contenenti testo causano un errore (#VALUE!) Corrisponde a B5+B6+B7+B8+B9

41 Un blocco di celle (cella1:cella2) è definito da tutte le celle che si trovano nel rettangolo avente le due celle cella1 e cella 2 come vertici opposti. Ad esempio il blocco B1:C2 è rappresentato dalle celle B1, B2, C1,C2 B LOCCO DI CELLE (L OPERATORE : ) Esempio Blocco B2:D4

42 E SERCIZIO : S OMMA Si vuole calcolare la capienza totale di un insieme di aule specificate (nella colonna B dalla riga 3 alla riga 7). Soluzione: Occorre associare ad una cella la seguente formula = SOMMA (B3:B7) Tale formula calcola la somma dei valori contenuti nelle celle che vanno da B3 a B7.

43 E SEMPIO : LA FUNZIONE SOMMA

44 Per sommare i valori delle celle A1, A2, A3 =SOMMA(A1:A3) Per sommare i valori delle celle A1, A2, A3 e della costante 100 =SOMMA(A1:A3;100) Per sommare i valori delle celle A1 e A3 =SOMMA(A1;A3) Per sommare i valori delle celle A1, A2, A3, A5 =SOMMA(A1:A3;A5)

45 F UNZIONI PREDEFINITE SOMMA(argomenti): calcola la somma tra gli argomenti MAX(argomenti) : calcola il massimo tra gli argomenti MIN(argomenti): calcola il minimo tra gli argomenti MEDIA(argomenti): calcola la media aritmetica tra gli argomenti. INT(argomento) calcola la parte intera del numero reale specificato come argomento RADQ(argomento) calcola la radice quadrata del numero specificato come argomento POTENZA(base;esponente) calcola loperazione di potenza base esponente E tante altre …

46 LA FUNZIONE IF (SE) Permette di valutare se una condizione è verificato o meno Sintassi IF(Test, valore_se_vero, valore_se_falso) Test è una condizione (es B1< 0) valore_se_vero è il valore restituito se la condizione è vera valore_se_falso è il valore restituito se la condizione è falsa Condizione valore_se_ falsovalore_se_vero sino

47 E SEMPIO : LA FUNZIONE IF Il valore restituito dalla funzione IF (SE in italiano) può essere un numero oppure un testo (in questo caso deve essere racchiuso tra virgolette)

48 E SEMPIO : LA FUNZIONE IF Confrontare due numeri memorizzati nelle celle A1 e B1 e dire se sono uguali oppure qual è il più grande (nel caso sono diversi). =SE(A1>B1;"A1 è il maggiore";SE(A1B1 A1 e B1 sono uguali A1 è il maggiore sino si B1 è il maggiore A1

49 E SEMPIO : LA FUNZIONE IF

50 F UNZIONI : C ONTA. SE CONTA.SE(intervallo; criteri) Intervallo nel quale si intende contare le celle Sono i criteri in forma di numeri espressioni o testo che determinano quali celle verranno contate Esempio di criteri 32 >32 mele Esempio CONTA.SE(E2:E5; mele) restituisce il numero di celle contenenti la stringa mele nella colonna E righe da 2 a 5.

51 F UNZIONI : C ONTA. SE Esempio numerico CONTA.SE(E2:E5; <18) restituisce il numero di celle contenenti un valore numerico minore di 18 nella colonna E righe da 2 a 5.

52 F UNZIONI : C ONTA. SE SOMMA.SE(intervallo; criteri; int_somma) Intervallo nel quale si intende verificare i criteri Sono i criteri in forma di numeri espressioni o testo che determinano quali celle verranno sommate Sono le celle da sommare qualora i criteri sono soddisfatti ( se lintervallo int_somma non viene fornito allora si utilizza intervallo) Esempio SOMMA.SE(A2:A5;"<5") restituisce la somma delle celle minori di 5 nel blocco A2:A5

53 F UNZIONI : S OMMA. SE Esempio 2 colonne SOMMA.SE(A2:A5;"mele";B2:B5) restituisce la somma delle celle della colonna B che fanno riferimento a mele.

54 F UNZIONI : ARROTONDA ARROTONDA(1,23;1) Risultato 1,2 ARROTONDA(A3;2) Risultato è il contenuto della cella A3 arrotondato a due cifre decimali

55 F UNZIONI : H ELP IN LINEA Excel offre una guida alle funzioni, che può essere consultata direttamente dalla barra del menù standard La guida in linea delle funzioni fornisce: La sintassi della funzione Una breve descrizione della funzione e qualche esempio di utilizzo

56 D ATABASE SU E XCEL : I F ILTRI Excel permette di gestire semplici insiemi di dati(database) ed offre la possibilità di interrogare il database. Il termine database, ( base di dati ) indica un archivio di dati, riguardanti uno stesso argomento o più argomenti correlati tra loro, strutturato in modo tale da consentire la gestione dei dati stessi (l' inserimento, la ricerca, la cancellazione ed il loro aggiornamento) da parte di applicazioni software. In Excel per database si intende una griglia in cui le righe rappresentano i record e le colonne rappresentano i campi

57 D ATABASE SU E XCEL : I F ILTRI È possibile mettere in relazione i dati in base a determinati criteri di ricerca e creare un archivio di dati E necessario creare delle categorie di ordinamento in base alle quali organizzare i dati, in modo che ogni categoria costituisca letichetta di una colonna. AutoreTitoloEditoreGenere Autore1Titolo1Editore1Avventura Autore2Titolo2Editore2Narrativa

58 D ATABASE SU E XCEL : I F ILTRI Si possono ordinare i dati in ordine crescente o decrescente selezionando la voce Ordina dal menu Dati Immettere un filtro comporta la visualizzazione delle sole righe richieste. Lo strumento filtro nasconde le righe che non soddisfano i criteri di selezione. Posizionandosi sulle colonne selezionare Filtro e successivamente Filtro automatico dal menu Dati, comparirà il segno di filtro nelle etichette di colonne. Questo rende possibile visualizzare un menu con tutte le voci presenti nella colonna e scegliere la voce in base alla quale filtrare i dati

59

60

61

62 E SEMPIO Consideriamo il database Nome dei campi Record

63 E SEMPIO Sono possibile le seguenti interrogazioni: Conteggio del numero di record che soddisfano un dato criterio (es. Quanti calciatori hanno segnato almeno 20 goal ?) Somma di tutti i valori che soddisfano un dato criterio (es. Quanti goal ha segnato Batistuta ?) Valutare se una condizione e verificata o meno (Ferrante ha giocato in serie A nel 1997 ?).

64 F UNZIONE DB.CONTA.NUMERI Permette di contare il numero di record che soddisfano un dato criterio Utilizzo: DB.CONTA.NUMERI (Database, Campo, Criterio) Parametri: Database: è l'area della griglia contenente tutto il database Campo: colonna della griglia contenente i dati sui effettuare il conteggio Criterio: criterio da verificare.

65 E SEMPIO :F UNZIONE DB.CONTA.NUMERI Nel database dei calciatori si calcolino quanti calciatori hanno segnato almeno 19 goal.

66 E SEMPIO 2:F UNZIONE DB.CONTA.NUMERI Nel database dei calciatori si calcolino quanti calciatori hanno segnato almeno 19 goal nel 1997.

67 F UNZIONI : DB.SOMMA Permette di sommare tutti i valori che soddisfano un dato criterio Utilizzo: DB.SOMMA(Database, Campo, Criterio) Parametri: Database: è larea della griglia contenente tutto il database Campo: colonna della griglia contenente i dati sui effettuare la somma Criterio: criterio da verificare.

68 E SERCIZI Dato il database in figura, si calcoli il numero di calciatori che nel 1997 hanno segnato in serie A almeno 20 goal.

69 E SERCIZI Dato il database in figura, si calcoli la somma dei goal segnati da Batistuta.

70 E SERCIZI Dato il database in figura, si calcoli la somma dei goal segnati da Batistuta.

71 E SERCIZI Dati i risultati della giornata del campionato di Calcio serie A e C inseriti nella schedina del Totocalcio, individuare i 14 segni della colonna vincente. Si calcoli inoltre il numero di partite vinte (in casa e fuori casa) e pareggiate dalle squadre di Serie A e di Serie C.


Scaricare ppt "P RINCIPI DI I NFORMATICA C ORSO DI L AUREA IN S CIENZE B IOLOGICHE Gennaro Cordasco e Rosario De Chiara Laboratorio ISISLab."

Presentazioni simili


Annunci Google