La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Facciamo il punto! Welfare in azienda: tra conciliazione, benessere e produttività Conciliazione dei tempi di vita: a che punto siamo? Linda Laura Sabbadini.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Facciamo il punto! Welfare in azienda: tra conciliazione, benessere e produttività Conciliazione dei tempi di vita: a che punto siamo? Linda Laura Sabbadini."— Transcript della presentazione:

1 Facciamo il punto! Welfare in azienda: tra conciliazione, benessere e produttività Conciliazione dei tempi di vita: a che punto siamo? Linda Laura Sabbadini Direttore Dipartimento Statistiche sociali e ambienali ISTAT

2 ___________________________________________________________________ E questo un primo dato che emerge dalle analisi dellIstat Il percorso lavorativo: le donne partono meglio e finiscono peggio. UN VERO PERCORSO A OSTACOLI. Investono negli studi, ma più difficoltà di ingresso, permanenza e carriera. Scarse sono state le politiche di conciliazione E soprattutto sono arrivate con molto ritardo Nei Paesi Nordici fin dagli anni 50 la crescita del lavoro femminile era stata affiancata da politiche di sviluppo dei servizi e di conciliazione I traguardi raggiunti a oggi sono più frutto delle strategie individuali di cui si sono dotate le donne che delle politiche adottate Le donne hanno dato molto al Paese ma hanno ricevuto poco

3 Una forte barriera nei percorsi di carriera Durante tutto il percorso della vita lavorativa le donne più sottoutilizzate, specialmente se laureate (40% vs. 31% dei maschi) Poche donne nei luoghi decisionali, nonostante il merito Imprenditrici (19%) Dirigenti (27%) Libere professioniste (29%) Dirigenti medici di strutture complesse (13,2%) Prefetti (20,7%) Professori ordinari (18,4%) Direttori enti di ricerca (12%) Ambasciatrici (3,8%) Nessuna donna a vertici della magistratura La situazione migliora ma molto lentamente Difficoltà nei percorsi di carriera ___________________________________________________________________

4 La difficile situazione nel mercato del lavoro va di pari passo con il sovraccarico di lavoro familiare delle donne. ___________________________________________________________________ Il lavoro di cura informale: risorsa per il paese, carico per le donne LItalia è un Paese che negli ultimi decenni ha costruito un sistema di welfare che vede nel lavoro non retribuito delle donne un pilastro fondamentale. Questo è un elemento cruciale per garantire il benessere delle persone. Man mano che le donne sono entrate nel mercato del lavoro questo modello è diventato sempre più insostenibile e ha reso difficile garantire la conciliazione dei tempi di vita se non a caro prezzo per le donne I flussi di aiuto informale raggiungono i segmenti di popolazione piu bisognosi, ma cè il rischio che non possano più essere adeguati ai bisogni, perché le donne sono sempre più sovraccariche e stanno tagliando sul lavoro di cura erogato. PER QUESTO E NECESSARIA UNA RIFLESSIONE SERIA SULLE POLITICHE

5 Lasimmetria nel lavoro di cura ___________________________________________________________________ il sovraccarico di lavoro delle donne LItalia è un Paese che presenta una forte asimmetria di genere nella divisione dei ruoli nella coppia e nellorganizzazione dei tempi delle persone. Tale asimmetria permane in tutte le fasi del ciclo di vita Per le donne avere un lavoro e dei figli vivendo in coppia si traduce in un tale sovraccarico di lavoro totale (tempo dedicato al lavoro retribuito e al lavoro familiare), che le ha spinte, negli anni, a far fronte alla difficoltà di conciliare il lavoro e la famiglia comprimendo il tempo dedicato al lavoro familiare Per gli uomini, invece, la partecipazione al lavoro familiare continua a essere marginale, sebbene si registri qualche segnale di maggiore coinvolgimento rispetto al passato.

6 Nelle coppie di occupati con donna tra 25 e 44 anni, in un giorno medio settimanale la donna lavora in totale (tra lavoro retribuito e lavoro familiare) 53 in più del suo partner (9h08 delle donne contro le 8h15 degli uomini). ___________________________________________________________________ Il lavoro totale è maggiore per le donne – (25-44 anni) A farne le spese è il tempo libero delle occupate, che si attesta a 2h35 contro le 3h29 dei loro partner (-54) Asimmetria dei ruoli elevata 71,9% Fonte: Istat, Indagine Uso del tempo (dati provvisori)

7 Negli ultimi 20 anni lasimmetria dei ruoli è diminuita soprattutto nelle coppie di occupati con figli (-12 punti percentuali) passando dall80,6% del al 72,1% del , questo perché: le madri hanno tagliato 37 di lavoro familiare (da 5h48 a 5h11), i padri lo hanno incrementato di 26 (da 1h34 a 2h00). ___________________________________________________________________ I cambiamenti nei tempi del lavoro familiare si sono concentrati nelle coppie di occupati con figli, ovvero nelle situazioni in cui lonerosità del carico di lavoro complessivo che ricade sulle donne impone una riorganizzazione dei tempi di vita. Ma nel tempo lasimmetria nelle ore di lavoro familiare è diminuita Ma anche in queste situazioni più gravose i mutamenti restano lenti e limitati e lasimmetria nei carichi di lavoro familiare resta molto elevata. (25-44 anni). Lasimmetria è diminuita più perché le donne hanno tagliato sul lavoro di cura che perché gli uomini sono stati coinvolti di più

8 La disparità tra uomini e donne nei tempi di lavoro totale (retribuito + familiare) cresce con laumentare delletà. Nelle coppie di occupati con donna tra 45 e 64 anni la donna lavora 1h33 più del suo partner (9h10 contro 7h37). ___________________________________________________________________ Il sovraccarico di lavoro delle donne nelle coppie anni Fonte: Istat, Indagine Uso del tempo (dati provvisori) Sempre più disparità anche nel tempo libero, che si attesta a 2h58 per le donne adulte contro le 4h08 dei loro partner (-1h10)

9 ___________________________________________________________________ Una conferma dellasimmetria dei ruoli ancora più accentuata nelle coppie adulte è testimoniata dal fatto che il 75,3% delle ore dedicate al lavoro familiare (lavoro domestico, di cura e di acquisti di beni e servizi) dalle coppie di occupati è ancora a carico delle donne. Come per le coppie più giovani negli ultimi 20 anni lasimmetria dei ruoli è diminuita soprattutto nelle coppie di occupati con figli (-10,4 punti percentuali) passando dall86,2% del al 75,8% del , questo perché: le madri hanno tagliato 42 di lavoro familiare (da 5h23 a 4h41), i padri lo hanno incrementato di 26 (da 1h04 a 1h30). Ma anche in questa fascia detà i mutamenti restano lenti e limitati, sono dovuti più alle donne che agli uomini e lasimmetria nei carichi di lavoro familiare resta sempre troppo elevata. Lasimmetria nelle ore di lavoro familiare nelle coppie adulte

10 Ma anche quando i due partner non lavorano più, le donne dedicano al lavoro familiare ben 3h36 in più rispetto ai loro partner (6h04 contro 2h28). Mentre il tempo liberato dal lavoro per gli uomini si trasforma quasi totalmente in tempo libero. Solo gli uomini vanno in pensione, le donne no. I__________________________________________________________________ T Le coppie anziane: le donne non vanno mai in pensione Entrando nelle età anziane si creano i presupposti per una maggiore condivisione del lavoro familiare per effetto delluscita dal mercato del lavoro di entrambi i partner

11 Lasimmetria dei ruoli si conferma elevata a prescindere dalla posizione occupazionale: dal 70,9% delle impiegate al 72,0% dirigenti, imprenditrici e libere professioniste I__________________________________________________________________ T Anche le dirigenti imprenditrici e libere professioniste sono sovraccariche La donna lavora in totale (tra lavoro retribuito e lavoro familiare) 1h09 in più del suo partner (9h13 delle donne contro le 8h04 degli uomini) Il divario cresce in presenza di figli (+1h15): le madri lavorano più dei loro partner occupati: 9h32 a fronte di 8h17 dei padri

12 Il 22,4% delle donne con meno di 65 anni che lavorano o hanno lavorato in passato ha interrotto lattività lavorativa per motivi familiari (matrimonio, gravidanza o altri motivi familiari), contro il 2,9% degli uomini. Tra le madri la quota sale al 30% e nel 15,1% dei casi linterruzione è dovuta alla nascita di un figlio. La difficile conciliazione dei tempi di vita delle lavoratrici ___________________________________________________________________ Fonte: Istat, Famiglie e soggetti sociali (dati provvisori)

13 Oltre la metà delle interruzioni del lavoro per la nascita di un figlio non è il risultato di una libera scelta. Sono circa 800 mila (pari all8,7% delle donne che lavorano o hanno lavorato) le madri che hanno dichiarato di essere state licenziate o messe in condizione di doversi dimettere, nel corso della loro vita lavorativa, a causa di una gravidanza. I ___________________________________________________________________ T Interrompere il lavoro per la nascita di figli Fonte: Istat, (a) Indagini multiscopo "Uso del tempo" (dati provvisori) e (b) "Famiglie e soggetti sociali (dati provvisori)

14 Aumentano i care giver ,8% ,8% __________________________________________________________ Le reti informali di aiuto sulle spalle delle donne Diminuiscono le famiglie aiutate ,3% ,9% Diminuiscono soprattutto le famiglie anziane aiutate dal 28,9% al 16,7% Le donne diminuiscono le ore di aiuto erogate da 37,3 in un mese a 31,1 in 11 anni

15 Aumenta letà media dei care giver , ,1 __________________________________________________________ Le reti informali di aiuto invecchiano Crescono i care giver della classe ( dal 20,2 al 32,7) E anche quelli ultrasettantacinquenni (dal 9,3% al 16,3%) Meno famiglie vengono aiutate al Sud, pure in presenza di bisogni maggiori: maggiore povertà, più anziani in cattiva salute e più disabili

16 Le famiglie con bambini fino a 13 anni e la madre che lavora passano dal 5 posto della graduatoria delle famiglie aiutate al 1 posto, quelle di ultraottantenni sono scese al terzo __________________________________________________________ Cambiano le direttrici di aiuto Modificata anche la distribuzione delle ore tra adulti e bambini Nel 98 era sostanzialmente uguale, nel 2009 adulti -4%, bambini+50% per 1 miliardo 322 milioni di ore di lavoro di cura Nel caso delle persone anziane con limitazioni gravi è cresciuto aiuto informale, pubblico e privato specie nel Nord est

17 Più care giver tra le dirigenti, imprenditrici e libere professioniste (47,5%) rispetto al 32,5% delle donne in media per un numero medio di ore più basso (18h contro 29h al mese). Come le altre donne fanno compagnia o accompagnano (28%), ma più delle altre danno aiuti economici (24% vs 16%), in cibo e vestiario (24% vs 17%) e prestazioni sanitarie (21% vs 12%) Famiglie con capofamiglia dirigente, imprenditrice e libero professionista ricevono più aiuti (39,7% vs 20,9% dei casi delle operaie): aiuti informali (24% vs 16%), aiuti privati (22% vs 1%), aiuti pubblici (4% vs 8%) Le dirigenti, imprenditrici e libere professioniste più attive nella rete ___________________________________________________________________

18 Le donne sono il pilastro della rete informale di aiuti tra le famiglie Ma il sistema è entrato in una crisi strutturale ormai non recuperabile…….. Vediamo perchè La donna nata nel 1940 a 40 anni può dividere il carico delle cure agli anziani e ai bambini con altri 9 adulti – ha almeno un anziano per 12 anni nella rete di parentela La donna nata nel 1960 a 40 anni può dividere il lavoro di cura con altri 5 adulti – ha almeno un anziano per 18 anni nella rete di parentela La donna nata nel 1970 a 40 anni può dividere il lavoro di cura con altri 5 adulti – ha almeno un genitore anziano per 22 anni nella rete di parentela La terza ha dunque più carichi, per un periodo più lungo ma meno tempo da dedicare alla cura perché lavora

19 Le nonne sandwich Dal punto di vista delle madri delle donne (nate nel 1913, 1934 e 1945) La donna del 1913 diventa nonna a 53 anni vive col coniuge, i 3 figli avuti sono usciti dalla famiglia e le daranno 6 nipoti, non ha più genitori anziani, e non ha grandi carichi per i nipoti perché 2 figlie/nuore su 3 sono casalinghe La donna del 1934 diventa nonna a 55 anni vive col coniuge, ha ancora un genitore anziano di cui occuparsi, ma le figlie e le nuore impegnate una su due col lavoro hanno maggior bisogno di aiuto più carico anche se meno figli e nipoti della precedente La donna del 1945 diventa nonna a 55 anni dei due figli avuti uno è ancora in casa, ha un madre 80enne nel 50% dei casi e un padre 83enne nel 17%. Presta aiuto per la cura dei nipoti. A questa età ancora il 23% è occupata Sulle nonne tende a concentrarsi un sovraccarico di lavoro di cura: benché con un minore numero di figli e nipoti rispetto alle donne nate nel 1934 e nel 1913 sono più spesso chiamate a sostenere figlie/nuore impegnate nel mondo del lavoro e ad assistere genitori molto anziani, gestendo al contempo, le esigenze dei familiari conviventi, e il loro lavoro

20 Le reti informali: forte crisi strutturale questa situazione si aggraverà In prospettiva: - calo della fecondità - aumento delloccupazione femminile - aumento della durata media della vita Il carico delle reti sulle donne e anche sulle nonne diventerà sempre più insostenibile Il ruolo ricoperto dalle nonne sarà sempre più difficile da sostenere In crisi un modello di welfare basato sullaiuto tra generazioni di madri e di figlie, e sul lavoro non retribuito di cura delle donne. Le nonne sempre più schiacciate tra cura dei nipoti, carico di lavoro allinterno della propria famiglia e lassistenza dei genitori anziani in molti casi non autosufficienti, carico del loro lavoro extradomestico

21 Ma le conseguenze di tutto ciò non ricadono solo sulle donne … ma anche sugli anziani, i disabili, le madri con figli piccoli e tutti coloro che sono assistiti dalle donne. Emergono situazioni critiche e bisogni non soddisfatti per quasi due milioni di persone, il 37,6 per cento delle quali risiede nel Mezzogiorno: 651 mila anziani gravemente limitati nello svolgimento delle attività quotidiane che non ricevono aiuti di nessun tipo e vivono in situazioni non adeguatamente protette allinterno della famiglia. 275 mila vivono soli, 300 mila con altre persone con limitazioni 941 mila anziani con limitazioni seppur meno gravi che in gran parte vivono soli (726 mila) oppure in famiglie dove sono presenti altre persone con limitazioni 332 mila adulti non anziani ma con gravi limitazioni, 83 mila delle quali vivono sole.

22 la spesa dei Comuni per i servizi dedicati agli anziani, i attesta a soli 117 euro per ciascun residente anziano, con una forte sperequazione territoriale: al Sud si spendono 59 euro contro i 165 del Nord-est, quando al sud gli anziani stanno peggio in salute La spesa dei Comuni per i servizi dedicati ai disabili mediamente di euro, ma oscilla tra i 658 euro del Sud a del Nord-est __________________________________________________________ La situazione dei servizi è inadeguata La spesa per assistenza alle famiglie con figli si attesta in media a 115 euro anno per componente, 47 al Sud e 165 al Nord-est Gli asili nido e i servizi integrativi per la prima infanzia squilibri territoriali rilevanti: bimbi sotto il 10% in quasi tutte le regioni del Mezzogiorno e circa il 30% in altre regioni del Centro-Nord. In totale laccesso ai nidi è pari solo al 18% del totale

23 Reti informali e servizi sociali in crisi: quale futuro? Se la rete informale non ce la fa più perché le donne sono sovraccariche Se i servizi sociali già scarsi e sperequati sul territorio non si sviluppano adeguatamente Chi si farà carico dei problemi di cura e dei bisogni dei soggetti più vulnerabili del nostro Paese? Se i servizi sociali non si svilupperanno adeguatamente perché non ci si investe o ci disinveste come si farà a valorizzare le risorse femminili schiacciate e sovraccaricate dal lavoro di cura? La situazione delle donne sul mercato del lavoro è peggiorata con la crisi partendo da una situazione già grave, i percorsi di carriera sono a ostacoli. O si redistribuisce il lavoro di cura tra i generi e nella società SVILUPPANDO UNA RETE DI SERVIZI AMPIA E FUNZIONANTE e forme di lavoro flessibili nellottica della conciliazione, facilitando anche la crescita delloccupazione femminile nel settore dei servizi. O difficilmente potrà esserci futuro per loccupazione femminile. I nodi del welfare fai da te sono venuti al pettine. E aperta la questione della necessità di rifondazione del sistema di welfare anche in questottica.


Scaricare ppt "Facciamo il punto! Welfare in azienda: tra conciliazione, benessere e produttività Conciliazione dei tempi di vita: a che punto siamo? Linda Laura Sabbadini."

Presentazioni simili


Annunci Google