La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

INDICAZIONI DI METODO PER LA RICERCA STORICA IN ARCHITETTURA Paola Zampa.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "INDICAZIONI DI METODO PER LA RICERCA STORICA IN ARCHITETTURA Paola Zampa."— Transcript della presentazione:

1 INDICAZIONI DI METODO PER LA RICERCA STORICA IN ARCHITETTURA Paola Zampa

2 PREMESSA: consapevolezza dei problemi della storia in generale, della storia dellarchitettura, della storia della cultura conoscenze storiche generali ] ] riferibili alloggetto conoscenze della storia dellarchitettura ] 1) ACQUISIZIONE DATI NOTI: ricerca compilativa 2) RICERCA DI NUOVI DATI: integrazione con nuovi dati dei dati noti, verificati e criticati

3 RICERCA COMPILATIVA ACQUISIZIONE DEI DATI NOTI 1) BIBLIOGRAFIA: La ricerca bilbiografica, con attenzione alla cronologia degli studi, è finalizzata a conoscere lo STATO DELLE CONOSCENZE Se ne deducono i dati ogettivi (dedotti da fonti) REGESTO i dati critici (ipotesi e considerazioni critiche formulate dai diversi autori) SELEZIONE DELLA CRITICA raccolta e verifica delle fonti documentarie e iconografiche edite Compilazione di SCHEDE bibliografiche e documentarie

4 se la notizia è tramandata dalle fonti si può considerare certa (la fonte può essere inedita o edita) se la notizia è derivata solo dalla bibliografia, senza conforto di fonti, non può essere considerata certa. Ne va tenuto conto in attesa di eventuali verifiche DATANOTIZIAFONTE ARCHIVISTICA FONTE BIBLIOGRAFIA FONTE DIRETTA secolo giorno/mese/anno anno (ca. o ?) dal... al ante... post... PRIMO IMPIANTO DEL SOMMARIO DEI DATI: REGESTO: quadro sintetico dei fatti in ordine cronologico: - distinzione tra dati certi e ipotesi formulate - discussione critica delle interpretazioni dei dati - controllo e verifica.

5 Il regesto prevede l INSERIMENTO delloggetto di studio nel più generalecontesto storico-architettonico e verrà integrato con i dati nuovi acquisiti nel corso della ricerca Nel regesto vanno inseriti anche i dati desumibili dalledificio stesso. A parte può essere redatto un INDICE dei personaggi implicati: committenti, architetti, maestranze ecc. anche questo da integrare con i nuovi dati eventualmente acquisiti

6 Il controllo e la verifica dei dati la distinzione tra dati certi e ipotesi la discussione critica delle interpretazioni lindividuazione dei problemi sono elementi che consentono di orientare la successiva ricerca Questa prima indagine consente di conoscere lo stato degli studi e di procedere alla individuazione dei dati certi individuazione delle contraddizioni nei dati individuazione delle interpretazioni contrastanti individuazione delle lacune nelle notizie individuazione dei problemi aperti

7 rilevamento dei DATI FISICI: materiali, tecniche, murature, elementi e sistemi costruttivi, pavimentazioni, coperture, presenza di anomalie, apertura e/o chiusura di porte e finestre, tracce di interruzioni e discontinuità murarie ANALISI DELLE MURATURE ANALISI METROLOGICA: individuazione delle unità di misura impiegate originariamente nella costruzione (uno o più di una); possibile individuazione di sistemi proporzionali ANALISI TIPOLOGICA: destinazione, organizzazione funzionale, percorsi orizzontali e verticali, distribuzione ecc. in relazione alle diverse funzioni assunte nei diversi momenti e con riferimento alle pratiche del tempo. ANALISI DEI CODICI LINGUISTICI E DEGLI ELEMENTI STLISTICI caratteristici allo scopo di individuare i caratteri specifici nellambito di una o più particolari culture architettoniche che caratterizzano le fasi delledificio CONFRONTI allo scopo di identificare elementi di omogeneità ma anche di individuare possibili particolarità e singolarità rispetto a opere contigue nel tempo e nello spazio (eventualmente già studiate e datate) ANALISI DIRETTA finalizzata alla raccolta di nuovi dati osservazione, appunti grafici e scritti, campagna fotografica RILIEVO RICERCA DI NUOVE FONTI Fonti scritte e iconografiche (di qualunque genere: stime, atti notarili, testamenti, descrizioni, progetti, rilievi, vedute, dipinti, fotografie…) conservate in raccolte e archivi pubblici e privati

8 Fonti dirette osservazione del monumento e catalogazione di stemmi, epigrafi, affreschi, elementi scultorei e ornamentali significativi osservazione dei materiali, delle tecniche e degli apparecchi murari rilievo finalizzato a individuare tutti gli elementi apparentemente anomali e incongruenti Roma, complesso dei SS. Apostoli, stemma congiunto Colonna-Orsini (1552, matrimonio) Soriano al Cimino, S. Giorgio, bifora e figure scolpite Per ogni elemento viene redatta una scheda: le schede, comunque organizzate, contengono: collocazione descrizione osservazioni eventuale datazione e attribuzione commenti bibliografia

9 Redazione del regesto definitivo: Distinzione tra elementi certi e ipotesi Identificazione dei problemi ELENCO DELLE DOMANDE INTEGRAZIONE DEL REGESTO CON I NUOVI DATI TAVOLE DI RICOSTRUZIONE CRONOLOGICA Rilievo: organizzato coerentemente e colorato (colore pieno o tratteggiato) a seconda del periodo storico preso in esame: ogni elemento colorato in un certo modo deve essere giustificato attraverso la documentazione e/o il confronto critico con altre opere Documentazione: tutti quanto fornisca elementi utili alla datazione Ipotesi di ricostruzione: restituzione delledificio o del progetto allepoca considerata


Scaricare ppt "INDICAZIONI DI METODO PER LA RICERCA STORICA IN ARCHITETTURA Paola Zampa."

Presentazioni simili


Annunci Google