La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Congresso Regionale Fimp Sardegna Centro Congressi Quarté Sayàl Via Garibaldi, 87 - Alghero (SS) 27-28 Maggio 2011 2 LE SORDITA' TARDIVE Dr.Giovanni Lenzi.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Congresso Regionale Fimp Sardegna Centro Congressi Quarté Sayàl Via Garibaldi, 87 - Alghero (SS) 27-28 Maggio 2011 2 LE SORDITA' TARDIVE Dr.Giovanni Lenzi."— Transcript della presentazione:

1 Congresso Regionale Fimp Sardegna Centro Congressi Quarté Sayàl Via Garibaldi, 87 - Alghero (SS) Maggio LE SORDITA' TARDIVE Dr.Giovanni Lenzi Pediatra di famiglia Rete audiologica FIMP nazionale

2

3 DELIBERE REGIONALI OPPURE INIZIATIVE ASL\PUNTI NASCITA? Campania Toscana Marche Basilicata ( mai applicata) Friuli ( in scrittura )

4 ASLCittàOspedaleMetodica BGBergamoSeriateSI BSDesenzano del Garda si COMOComoS.Annaotoemissioni dopo la dimissione COMOComoValduceotoemissioni dopo la dimissione CRCremona SI LC MerateABR LCLeccoLecco 2si LCLeccoPrivato 2si LCLeccoLecco 1ABR LCLeccoPrivato 1si LOLodi NO MBVimercateotoemissioni prima e dopo la dimissione MBCodogno otoemissioni dopo la dimissione MBMonza otoemissioni dopo la dimissione MBCarate otoemissioni dopo la dimissione MBDesio si MIMilanoBuzziSI MIMilanoSan PaoloSI MILegnano si

5 MIMilanoNiguardaSI MIMilanoClinica MangiagalliSI MIMilanoSaccoSI MISesto San Giovanni SI Milano 1Magenta otoemissioni Milano 1MILANORhootoemissioni MNMantova si PVVigevano SI SOSondrio otoemissioni VAGallarate no VACittiglio NO VABusto Arsizio dopo la dimissione VAVarese NO VATradate dopo la dimissione VASaronno si

6 MECCANISMO DELLO SCREENING Estremamente complesso STRUTTURA A 3 LIVELLI 1 Punti nascita e TIN 2 Secondo livello ( Reparti ORL e Audiologie) 3 Centri di riferimento Regionali

7 TEAOE otoemissioni acustiche evocate transitorie Test di esecuzione rapida Bambini che non passano il test (REFER)sono circa il 5% Entro la III' settimana di vita va ripetuto il test La percentuale si abbatte al 2% Questa percentuale va al 2'livello per ABR (auditory brainstem responces)

8 REPARTI DI T.I.N. La situazione e' piu' complessa Il rischio di sordita' aumenta del 50 % TEOAE non piu' sufficienti e bisogna eseguire ABR di scelta

9 VALIDITA' DI UNO SCREENING Garantire la tracciabilita' dei dati nel tempo Necessita' di un doppio canale:informatico e cartaceo Deve tornare il conto tra i nati e gli esaminati Ma se questi dati non quadrano.... COSA SARA' SUCCESSO?.

10 DROP OUT Genitori che non si presentano al test Bambini che fanno TEOAE una volta sola e poi passano all'ABR direttamente Bambini trasferiti in 1'-3' giornata presso altra struttura Nati fuori provincia che rientrano

11 DROP OUT Tutte queste situazioni possono essere fonte di perdita di casi Una perdita puo' essere accettata in letteratura fino ad un massimo del 10 % Oltre questo limite lo screeening ben venga ma e' mancante di qualcosa di importante

12 QUALITA' DI UN PROGETTO DI SCREENING Il dato che meglio indica nel tempo la qualita' di un progetto di screening audiologico neonatale e' la : COPERTURA TERRITORIALE il cui valore minimo accettabile e' il 90%

13 Un esempio di copertura territoriale provinciale deve comprendere Tutti i nati Tutti i residenti Vanno coperte entrambi le opzioni

14 Il ruolo del pediatra di libera scelta Il pediatra di famiglia non è solo un fondamentale ingranaggio nel meccanismo dello screening ma un insostituibile CUSTODE della sua efficacia

15 Progetto screening sordità infantile

16 MA C'E' DI PIU' Lo screening audiologico neonatale non e' in grado di identificare una perdita uditiva acquisita o progressiva che intervenga successivamente nei primi mesi o anni di vita

17 Questi casi che rappresentano una percentuale non trascurabile ( 20 – 30 % ) di tutti i casi di deficit uditivo in eta' infantile, possono essere identificati solo con programmi di osservazione. La chiameremo:

18 SORVEGLIANZA AUDIOLOGICA DEL PEDIATRA DI FAMIGLIA Le procedure di sorveglianza audiologica prevedono la sensibilizzazione e l'informazione dei pediatri di famiglia in modo da garantire una individuazione sufficientemente precoce dei bambini che sfuggono allo screening.

19 Ogni figura professionale Ogni giorno Su ogni bambino TENERE A MENTE TENERE A MENTE POSITION STATEMENT DELLA JCIH 2007

20 JCIH 2007 Qualsiasi bambino che mostri ritardo nello sviluppo dell'abilita' comunicativa,anche se risulta Pass allo screening dovrebbe essere sottoposto a valutazione uditiva per scartare l'ipotesi di perdita uditiva acquisita successivamente

21 Il pediatra di famiglia entra in campo

22 E' lui che deve prendersi cura di inviare al 2' livello: Refer che non si presentano alla chiamata Trasferiti da altra sede o ad altra sede Pass con dubbio insorto successivamente Sordita' tardive progressive

23 Sordità tardive progressive FORME RITARDATE – PROGRESSIVE FORME MALFORMATIVE ORECCHIO INTERNO FORME INFETTIVE (CMV, Rosolia, Meningite) FORME GENETICHE DOMINANTI NON SINDROMICHE FORME IATROGENE FORME PERINATALI DALLA TERAPIA INTENSIVA FORME GENETICHE NEUROPATIA UDITIVA ( bambini pass esattamente come i sani) Sordità infantili acquisite

24 PROGETTO SALUTE INFANZIA ACN PEDIATRIA Strumento principe dell'attivita' del pediatra di famiglia Visite filtro (bilanci di salute ) a mesi: e ad anni : Danno la possibilita' di seguire il bambino nei momenti cardini del suo sviluppo Possibilita' di raccolta dati su larghissima scala

25 SORVEGLIANZA AUDIOLOGICA Anamnesi mirata alla storia audiologica della famiglia e personale Somministrazione ai genitori di questionari che li sensibilizzino all'osservazione del bambino Ispezione alla ricerca di segni appartenenti a Sindromi genetiche che coinvolgono l'udito Valutazione delle tappe della produzione dei suoni vocalizzi e lallazione nei primi 2 anni e linguaggio a 3 anni. Uso di strumenti sotto l'anno ( clap test -Boel test)

26 Questionari da somministrare ai genitori ISTITUTO GIANNINA GASLINI Pep per la cura, difesa ed assistenza dellinfanzia e della fanciullezza largo Largo Gerolamo Gaslini, Genova-Quarto centralino (interni ) QUESTIONARIO PER LE NEO MAMME Il mio bambino ci sente? Questo questionario vi aiuterà a capire se il vostro bambino può aver dei problemi uditivi. Vi ricordiamo che: 1. I genitori sono sempre i primi ad accorgersi che il loro bambino ha problemi di udito e le loro impressioni corrispondono quasi sempre a verità. 2. Circa il 50% delle sordità compaiono dopo la nascita ed è quindi indispensabile controllare frequentemente le capacità uditive anche se il bimbo è stato controllato da specialisti 3. Tutti i test effettuati in ospedale non sono mai definitivi e sono sempre da ridiscutere al minimo dubbio dei genitori. 4. Non fate voi le prove di controllo delludito (battere le mani, sbattere le porte, rumori con le pentole…) poiché sono spesso ingannatrici

27 A 3 mesi __ Si spaventa oppure smette di muoversi con un rumore improvviso (una porte che sbatte, un cane che abbaia, un urlo). __ Si sveglia e piange quando qualcuno parla o cè rumore improvviso. __ Smette oppure accelera o rallenta la poppata quando cè un rumore improvviso. __ Riconosce e viene tranquillizzato dalla vostra voce. __ Lalternanza di suoni forti e deboli attira la sua attenzione (per esempio spalanca o socchiude gli occhi)

28 A 6 mesi __ Volge il capo nella direzione di un suono improvviso e forte. __ Di solito smette di piangere quando la mamma lo chiama. __ Rivolge lo sguardo nella direzione di chi parla e lo chiama. __ Suoni familiari come il tintinnio del cucchiaio nel piatto evocano una sana reazione come se avesse capito che è lora della pappa. __ Gli piacciono i giochi musicali.

29 A 9 mesi __ Capisce il significato di no, ciao, andiamo. __ Usa la voce per attirare lattenzione. __ Presta attenzione a musica e canzoni. __ Si gira se qualcuno lo chiama o se un rumore proviene da dietro (non è necessario che il rumore sia forte!). __ Riconosce il suo nome e quello dei membri della sua famiglia anche se non sono presenti. __ Capisce se la voce di una persona è amichevole. __ Rivolge lo sguardo nella direzione di un suono, di una voce o di chi lo chiama. __ Produce molti più suoni nuovi rispetto a due mesi fa.

30 A 1 anno __ Riconosce il nome dei suoi giocattoli. __ Usa la voce per attirare lattenzione dei presenti. __ Capisce il significato di domande semplici. __ Capisce il significato di comandi semplici (dammi la mano, apri la bocca..). __ Si guarda intorno quando ci sono rumori nuovi. __ Saluta a comando. __ E attratto dal campanello di casa e dallo squillo del telefono. __ Sa identificare le persone e le parti del corpo. __ Balla quando cè della musica. __ Localizza i suoni.

31 A 2 anni __ Sa indicare gli oggetti che gli vengono nominati. __ Esegue ordini semplici. __ Gli piacciono la musica, la radio, lo stereo, la televisione. __ Riconosce i suoni. __ Riconosce e sa indicare le parti del suo corpo. __ Risponde con sì o no alle domande relative ad eventi familiari. __ Ascolta volentieri le storie in gruppo. Risponde quando lo si chiama da unaltra stanza. __ Vuole comunicare per esprimere i suoi interessi, i bisogni e raccontare le sue esperienze. __ Si arrabbia se gli adulti non riescono a capirlo.

32 A 3 anni __ Pone delle domande. __ Inizia a capire il significato di dentro, fuori, sopra, sotto. Risponde a domande semplici. __ Ascolta le favole in cassetta o CD. __ Presta attenzione ai richiami verbali di pericolo. __ Parla e ascolta al telefono.

33 Prevenzione della salute dell'orecchio medio da parte del PDF Cura dell' OME Promozione dell'allattamento al seno Prevenzione del fumo passivo Promozione delle vaccinazioni contro: Haemophilus Meningococco Pneumococco MPR Influenza

34 Integrazione ospedale territorio multidisciplinare Ospedale ORL Ospedale neonatologia ORL territorio Pediatra di famiglia

35

36 GRAZIE PER L'ATTENZIONE


Scaricare ppt "Congresso Regionale Fimp Sardegna Centro Congressi Quarté Sayàl Via Garibaldi, 87 - Alghero (SS) 27-28 Maggio 2011 2 LE SORDITA' TARDIVE Dr.Giovanni Lenzi."

Presentazioni simili


Annunci Google