La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Gli strumenti di misurazione Le unità di misura IL TEMPO NELLA SCIENZA Curiosità

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Gli strumenti di misurazione Le unità di misura IL TEMPO NELLA SCIENZA Curiosità"— Transcript della presentazione:

1 Gli strumenti di misurazione Le unità di misura IL TEMPO NELLA SCIENZA Curiosità

2 Gli strumenti di misurazione del tempo La meridiana L orologio al quarzo Il pendolo Lorologio atomico

3 LA MERIDIANA La meridiana è uno strumento di misurazione che sfrutta la posizione del sole per segnalare lora questo è permesso dall ago della meridiana che segna l ora sul quadrante Le meridiane erano già conosciute dagli EGIZI e in seguito dai ROMANI e dai GRECI.

4 IL PENDOLO Il pendolo semplice o matematico è un sistema fisico costituito da un filo inestensibile e da una massa puntiforme. Questo sistema è stato reso celebre da Galileo Galilei che lo ha descritto definendolo isocrono.

5 OROLOGIO AL QUARZO L orologio al quarzo è un tipo di orologio in cui la misura dello scorrere del tempo è determinata dalle oscillazioni di un cristallo di quarzo. Oggi gli oscillatori sono in ceramica per risparmiare economicamente.

6 Storia dell orologio al quarzo Il primo orologio al quarzo apparve nel 1928 negli Stati uniti; la prima sperimentazione importante ci fu a Greenwich nel I primi orologi erano ingombranti e costosi solo nell 1971 entrò in commercio.

7 OROLOGIO ATOMICO Nell orologio atomico la base del tempo è determinata dalla frequenza di risonanza di un atomo (vedi Orologio di Giove B)vedi Orologio di Giove B

8 Le unità di misura del tempo Secondo Giorno Anno Operazioni con le unità di misura del tempo

9 Il secondo astronomico corrisponde a 1/86400 del giorno. La determinazione del valore del secondo con metodi astronomici presenta però alcuni inconvenienti, per una misurazione precisa si richiedono almeno tre anni. Dal 1972 si adotta per la misura del secondo un campione standard di riferimento su scala atomica. Il secondo astronomico

10 Il secondo nel Sistema Internazionale Il secondo è definito come la durata di periodi della radiazione emessa da un atomo di cesio 133 radioattivo. Questa ha un valore molto simile a quella del secondo astronomico, ma ha una precisione superiore. Ha anche il vantaggio di poter essere usata per rilevare le piccolissime variazioni del moto terrestre, confrontando la posizione della Terra con il tempo atomico. Il campione primario del secondo è costituito da un orologio al cesio.

11 Il giorno Il metodo più antico per valutare il trascorrere del tempo è rappresentato dallalternanza del giorno e della notte. Il moto apparente del Sole attorno alla Terra è in realtà determinato dalla rotazione della Terra attorno al proprio asse e fissa una delle principali unità di misura del tempo: il giorno.

12 Diversi tipi di giorno: il giorno solare è il tempo impiegato dal Sole a tornare quotidianamente alla stessa altezza nel cielo. il giorno sidereo è il tempo di rotazione della Terra riferito alle stelle. Il giorno solare medio si ottiene facendo la media di tutti i giorni solari dellanno.

13 Giorno solare Il giorno solare è il tempo che il Sole impiega, con il suo moto apparente, a tornare quotidianamente alla stessa altezza nel cielo, cioè il tempo che intercorre tra due successive culminazioni del Sole su una certa località.

14 La velocità della Terra intorno al Sole, infatti, non è costante essendo l'orbita ellittica (II legge di Keplero): la Terra si muove sullorbita attorno al Sole con velocità variabile quindi langolo compiuto con il moto di rivoluzione non è sempre lo stesso e di conseguenza la durata del giorno solare cambia durante lanno. Il giorno solare ha una durata irregolare nel corso dellanno.

15 Quando la Terra si trova presso il perielio la sua velocità è massima, lo spostamento sullorbita è massimo ed essa deve compiere un piccolo supplemento di rotazione perché si riveda il Sole nella stessa posizione. Presso lafelio la velocità della Terra sullorbita si riduce e il giorno solare ha una durata di poco minore.

16 Giorno sidereo Il giorno sidereo rappresenta la durata della rotazione terrestre rispetto ad una stella che ci invia un fascio di raggi praticamente paralleli tra loro poiché la stella si trova ad enorme distanza dalla Terra. Il giorno sidereo dura esattamente 23 ore, 56 minuti e 4 secondi, circa 4 minuti meno del giorno solare. Luso del giorno sidereo comporterebbe differenze con la posizione del Sole, poiché questo sfasamento aumenterebbe nel corso dellanno.

17 Il giorno solare ha una durata maggiore rispetto al giorno sidereo, infatti, mentre compie una rotazione, la Terra si muove anche lungo lorbita attorno al Sole. Per poter rivedere il Sole nella stessa direzione, dopo una rotazione completa, occorre quindi che la Terra ruoti ancora di un certo angolo (pari a quello compiuto con il moto di rivoluzione). Il giorno solare comprende anche quel piccolo intervallo di tempo in più rispetto alla rotazione terrestre.

18 Il giorno solare medio Per eliminare linconveniente della sua diversa durata nei vari periodi dellanno, si è convenuto di adottare come riferimento il giorno solare medio, che si ottiene facendo la media di tutti i giorni solari dellanno. Il giorno solare medio é stato poi suddiviso nelle 24 ore di uso comune.

19 Lanno Lanno è unimportante unità di misura del tempo, essa è determinata dal moto di rivoluzione della Terra attorno al Sole. I diversi tipi di anno: Anno sidereo Anno solare Anno civile

20 Anno sidereo Lanno sidereo corrisponde allintervallo di tempo che passa tra due congiunzioni successive del Sole con la medesima stella. Tale intervallo di tempo è di 365 giorni, 6 ore, 9 minuti e 10 secondi.

21 Lanno solare Lanno solare è il tempo che intercorre tra due passaggi successivi del Sole allo Zenit dello stesso tropico, cioè tra due solstizi con lo stesso nome (o tra due equinozi dello stesso nome). La durata dellanno solare è influenzata dal fenomeno della precessione lunisolare.

22 A causa della precessione lunisolare, gli equinozi e i solstizi si verificano ogni anno un po prima che la Terra abbia completato la sua rivoluzione attorno al Sole. Per questa ragione lanno solare è un po più breve di quello sidereo: dura 365 giorni, 5 ore, 48 minuti e 46 secondi.

23 Precessione degli equinozi La precessione degli equinozi consiste nella variazione dellorientazione dellasse terrestre rispetto ad un sistema di riferimento solidale con le stelle fisse. Un moto simile a quello di una trottola.

24 La durata di un ciclo completo di precessione, ovvero il tempo che lasse di rotazione impiega per compiere un giro intorno alla perpendicolare al piano delleclittica, per il nostro pianeta è di circa anni. Il moto di precessione dellasse terrestre ha diverse conseguenze: lo spostamento dei poli celesti, lo spostamento dei punti equinoziali lungo leclittica: ogni anno gli equinozi anticipano di circa 20 min. (ecco il perché del nome di precessione degli equinozi).

25 Lanno civile Lanno civile è di 365 giorni esatti e su di esso si basano i calendari. Per tenere conto delle 6 ore scarse in più non contate rispetto allanno solare, ogni 4 anni è necessario aggiungere un giorno. Per convenzione questo giorno è il 29 febbraio e lanno in cui è presente questo giorno viene chiamato anno bisestile.

26 Le operazioni con le unita di misura del tempo Lesecuzione delle operazioni con le unità misura del tempo richiede particolari accorgimenti, gli stessi che si utilizzano per le operazioni con le unità di misura usate per lampiezza degli angoli.

27 Disponiamo gli addendi luno sotto laltro in modo che le unità dello stesso ordine risultino in colonna; calcoliamo poi le somme parziali. Infine, se il risultato ottenuto non è in forma normale, lo riduciamo in tale forma. Laddizione Laddizione

28 La sottrazione Disponiamo il sottraendo sotto il minuendo, in modo che unità dello stesso ordine risultino in colonna; calcoliamo quindi le differenze parziali.

29 La moltiplicazione Moltiplichiamo il numero delle unità di ciascun ordine separatamente; quindi, se il risultato non è in forma normale, lo riduciamo in tale forma.

30 La divisione Dividiamo per lintero il numero delle unità di ordine maggiore; il quoziente ottenuto è il primo termine del quoziente cercato. Trasformiamo leventuale resto in unità dellordine immediata- mente inferiore e sommiamo queste unità a quelle del medesimo ordine del dividendo. Dividiamo per lintero le unità di questo ordine. Procediamo così di seguito per le unità di ogni ordine.

31 CURIOSITA Anno bisestile La teoria della relatività L orologio di Giove B La storia della Terra in un anno

32 Annobisestile Anno bisestile Lanno solare dura 365 giorni, 5 ore, 48 minuti e 46 secondi, qualcosa di più dei 365 giorni corrispondenti allanno civile. Questa differenza comporterebbe una sfasatura tra la data del calendario e leffettiva posizione della Terra rispetto al Sole. Per tenere conto delle quasi 6 ore in più non contate, ogni 4 anni è necessario aggiungere un giorno – per convenzione, il 29 febbraio – e si ha un anno detto bisestile.

33 Aggiungere un giorno ogni quattro anni è come dire 6 ore ogni anno; e si è visto che in realtà lanno solare dura solo 5 ore, 48 minuti e 46 secondi in più, ci sono cioè circa 11 minuti in meno delle 6 ore. Come ulteriore bilanciamento, allora, si convenne che gli anni secolari non siano bisestili, a meno che la cifra che precede gli ultimi due zeri non sia divisibile per 4: il 1700, il 1800 e il 1900 non sono stati bisestili perché 17, 18 e19 non sono divisibili per 4; il 2000 è stato bisestile perché 20 è divisibile per 4.

34 La vita di Einstein Albert Einstein, luomo che avrebbe lavorato alla teoria della relatività, nacque a Ulm, in Germania, nel Si diplomò a Zurigo nel 1900 in un prestigioso istituto tecnico. Due anni dopo riuscì a procurarsi un modesto impiego presso l ufficio brevetti di Berna. Mentre svolgeva il suo lavoro, scrisse tre articoli che cambiarono la concezione del tempo, dello spazio e dell intera realtà nei quali era anche scritta e spiegata la teoria della relatività...

35 La teoria della relatività Con la teoria della relatività si dovette abbandonare l idea che vi fosse una grandezza universale chiamata tempo, misurata da tutti gli orologi. Ciascuno aveva il suo tempo personale. I tempi di due individui erano gli stessi se i due stavano fermi l uno rispetto allaltro, ma non se erano in movimento. La teoria è stata confermata da diversi esperimenti. Per esempio due orologi di grande precisione furono collocati su due aerei (un orologio per aereo) che volavano intorno alla Terra in direzioni opposte e, al ritorno si riscontrò che segnalavano un ora leggermente diversa rispetto all altra. Volendo vivere più a lungo, dunque, si potrebbe continuare a volare verso est, in modo che la velocità dell aereo si aggiungesse alla velocità della rotazione della terra.

36 Una conseguenza assai importante della relatività è il rapporto fra massa ed energia... … dal postulato di Einstein secondo cui la velocità della luce è identica per tutti gli osservatori discende che niente si muove più rapido della luce. Quando si usa energia per accelerare un corpo, sia questo una particella o unastronave, la massa del corpo aumenta, rendendo più difficile accelerarlo ancora. È impossibile accelerare una particella fino alla velocità della luce, perché occorrerebbe una quantità infinita di energia. La massa e l energia sono equivalenti, come dice la famosa equazione Einsteiniana E=mc²

37 Il paradosso dei gemelli Nella teoria della relatività, ciascun osservatore ha il proprio tempo personale, il che conduce al cosiddetto paradosso dei gemelli. Un gemello (a) parte per un viaggio spaziale durante il quale procede a una velocità vicina a quella della luce (non pari o oltre perché come abbiamo già spiegato è impossibile accelerare un qualsiasi corpo a tale velocità), mentre suo fratello resta sulla terra. A causa del moto di (a), il tempo scorre più lentamente sull astronave com è vista da (b) rimasto sulla terra, sicché, al suo ritorno, lastronauta (a) troverà che il gemello (b) è invecchiato più di lui.

38 Lorologio di Giove B Il 27 Aprile scorso è stato lanciato, dalla base di Baikonour in Kazhakstan, il satellite Giove B, il secondo satellite per la convalida in orbita di Galileo che è il sistema di navigazione satellitare che la commissione Europea e lEsa (Agenzia Spaziale Europea) stanno sviluppando. Se i tempi saranno rispettati nel 2013, dopo il lancio di molti altri satelliti, lEuropa entrerà in possesso di un sistema autonomo e indipendente per la navigazione da satellite, Galileo è appunto il suo nome, che potrà contare su 30 satelliti in tre orbite diverse. Galileo è il più sofisticato sistema di navigazione satellitare mai realizzato e utilizzerà orologi atomici prodotti in Italia.

39 Giove B trasporta un carico tecnologicamente fondamentale per lo sviluppo dellintero progetto e tra i vari dispositivi porta nello spazio per la prima volta un orologio atomico a Maser. Nellorologio di Giove B un maser passivo a idrogeno (Maser cioè uno strumento che amplifica e genera radiazioni elettromagnetiche nel campo delle microonde per lemissione di radiazioni da parte di nuclei di idrogeno) sfrutta il fatto che latomo di idrogeno può essere stimolato a emettere una frequenza che stimola nuovi atomi a fare altrettanto.

40 E come se si generasse un pendolo atomico molto regolare che può essere utilizzato come base di un conteggio del tempo molto preciso, con un errore di circa 10 miliardesimi di secondo in 24 ore, che corri- sponde a un errore di un secondo dopo circa 3 milioni di anni.

41 Tutta la vita sulla terra in un anno Quando si parla della vita della terra spesso si parla di miliardi di anni, perciò per facilitare la vostra concezione del tempo abbiamo condensato la vita della terra in un anno Esattamente come nella vita della terra abbiamo fatto con la vita sulla terra ossia da quando si formò il primo batterio (circa anni fa) fino alla comparsa delluomo.

42 Nasce la terra Nascono i vulcani Nasce l atmosfera

43 Nascono i fiumi Nascono gli oceani Inizia la sedimentazione Accade un fatto inatteso : nasce la vita sulla terra

44 Nascono i batteri Nascono le alghe Continua l evoluzione sulla terra e degli esseri viventi

45 Le alghe arricchiscono latmosfera di ossigeno I batteri si diffondono

46 Nascono le prime catene montuose Avviene la prima glaciazione

47 Nascono i primi organismi unicellulari Aumenta la variabilità fra le specie viventi

48 Levoluzione della terra continua lentamente

49 L evoluzione della terra continua lentamenteL evoluzione della terra continua lentamente

50

51 L aria diventa respirabile

52 Il 17 di novembre nascono i primi organismi dotati di corazzaIl 17 di novembre nascono i primi organismi dotati di corazza E solo 3 giorni dopo nacque il primo pesceE solo 3 giorni dopo nacque il primo pesce

53 Passarono 5 giorni e le sorprese non smisero proprio quel giorno nacque la prima pianta terrestrePassarono 5 giorni e le sorprese non smisero proprio quel giorno nacque la prima pianta terrestre Il 30 di questo mese nacque il primo anfibioIl 30 di questo mese nacque il primo anfibio

54 Il 30 di questo mese alle 13:00 nacquero le prime ammoniti che domineranno gli oceaniIl 30 di questo mese alle 13:00 nacquero le prime ammoniti che domineranno gli oceani

55 Il 4 Dicembre alle 8:00 compare il primo rettileIl 4 Dicembre alle 8:00 compare il primo rettile Dopo qualche giorno il 7 di Dicembre alle 4:00 si estinsero i trilobitiDopo qualche giorno il 7 di Dicembre alle 4:00 si estinsero i trilobiti

56 Alle 14:00 del 10 dicembre ecco che nasce il primo dinosauroAlle 14:00 del 10 dicembre ecco che nasce il primo dinosauro Il 13 Dicembre alle 16:00 nascono gli uccelli e i primi mammiferiIl 13 Dicembre alle 16:00 nascono gli uccelli e i primi mammiferi

57 Il 19 Dicembre compaiono i primi fioriIl 19 Dicembre compaiono i primi fiori Però il giorno di Natale alle 14:00 scompaiono i dinosauri insieme alle ammonitiPerò il giorno di Natale alle 14:00 scompaiono i dinosauri insieme alle ammoniti una foglia e un fiore fossili di 50 milioni di anni fa

58 Dopo la scomparsa dei dinosauri gli altri piccoli animaletti che sono resistiti allestinzione si evolsero e già il 26 Dicembre nacquero i roditori e i primi carnivoriDopo la scomparsa dei dinosauri gli altri piccoli animaletti che sono resistiti allestinzione si evolsero e già il 26 Dicembre nacquero i roditori e i primi carnivori Ehoippus - Il primo cavallo

59 Inoltre il giorno dopo diventarono maiali, rinoceronti e tapiriInoltre il giorno dopo diventarono maiali, rinoceronti e tapiri Il primo ominide invece nacque solo lultimo giorno dellanno alle 10:30.Il primo ominide invece nacque solo lultimo giorno dellanno alle 10:30.


Scaricare ppt "Gli strumenti di misurazione Le unità di misura IL TEMPO NELLA SCIENZA Curiosità"

Presentazioni simili


Annunci Google