La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Le TSI nellinsegnamento della matematica e delle scienze Franco Di Cataldo (Lecce 22 novembre 2007) tecnologie della società dellinformazione (TSI) abilità

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Le TSI nellinsegnamento della matematica e delle scienze Franco Di Cataldo (Lecce 22 novembre 2007) tecnologie della società dellinformazione (TSI) abilità"— Transcript della presentazione:

1 Le TSI nellinsegnamento della matematica e delle scienze Franco Di Cataldo (Lecce 22 novembre 2007) tecnologie della società dellinformazione (TSI) abilità di base nelle TIC la competenza digitale consiste nel saper utilizzare con dimestichezza e spirito critico le tecnologie della società dellinformazione (TSI) per il lavoro, il tempo libero e la comunicazione. Essa è supportata da abilità di base nelle TIC luso del computer per reperire, valutare, conservare, produrre, presentare e scambiare informazioni nonché per comunicare e partecipare a reti collaborative tramite Internet.

2 LEuropa ha bisogno di scienziati (da D. Tucci, marzo 2006) difficoltà, di astrattezza o noia Il primo impatto con le scienze è importante: la percezione di difficoltà, di astrattezza o noia nei primi livelli scolastici determinerà grandemente latteggiamento dei ragazzi verso queste materie nei livelli successivi distruzione, ed è altrettanto vero che è proprio nella scuola primaria che comincia lallontanamento dei bambini dallo studio di materie scientifiche. (…) Guardando i contenuti dei gemellaggi a livello europeo ci accorgiamo che solo una piccola percentuale dei progetti contempla unattività riconducibile alla matematica o alle scienze (67 su 1362 – 5%) >>> (Vi è tuttavia un significativo incremento rispetto a quanto registrato nel marzo 2006 (circa 459 su ottobre %) [n.r.] Lecce, 22 novembre 2007Franco Di Cataldo2

3 Tecnologie ed insegnamento scientifico. Matematica: problema DIFFICOLTA Tecnologie ed insegnamento scientifico. Matematica: problema DIFFICOLTA Le tecnologie possono ridurre le difficoltà di apprendimento di alcuni concetti scientifico - matematici? STRUMENTI DI CALCOLO Il controllo consapevole dello strumento tecnologico richiede lo sviluppo di abilità mnemoniche e di elaborazione quale prerequisito di base. Si tratta della condizione necessaria per ottenere questa sorta di autonomia di controllo degli strumenti esterni di calcolo, che garantisce la capacità di prevedere un possibile ambito di variabilità dei risultati ottenuti da una elaborazione automatica. Un corretto passaggio ad un uso sistematico degli strumenti automatici di calcolo dovrebbe quindi far riferimento ad unattività costante di individuazione autonoma di una possibile gamma di variabilità degli esiti. Lecce, 22 novembre 2007Franco Di Cataldo3

4 Tecnologie ed insegnamento scientifico, matematica: problema ASTRATTEZZA Le tecnologie possono ridurre lastrattezza di alcuni concetti scientifico - matematici favorendone la comprensione? Ambienti di simulazione – laboratori virtuali Le tecnologie offrono ambienti dinamici di valorizzazione operativa ed empirica di apparati concettuali che spesso sono costruiti astrattamente, nella staticità vuota e chiusa della loro codificazione simbolica lapprofondimento e la piena comprensione di Ambienti dinamici dinterazione, di simulazione, di rappresentazione, possono fornire buone opportunità per lapprofondimento e la piena comprensione di concetti astratti. Lecce, 22 novembre 2007Franco Di Cataldo4

5 Tecnologie ed insegnamento scientifico. Matematica: problema NOIA Le tecnologie possono ridurre lastrattezza di alcuni concetti scientifico - matematici favorendone la comprensione? STRUMENTI DI MOTIVAZIONE Nella realtà scolastica europea è percepito in modo rilevante il problema della disaffezione dei giovani nei confronti dello studio delle discipline scientifiche. E quindi necessario trovare nuovi percorsi che consentano di dare una forte motivazione per limpegno nello studio in questi ambiti. Le nuove tecnologie stimolano gli studenti verso modalità di elaborazione dellinformazione più attivo e laboratoriale, in una dimensione di apprendimento collaborativo STUDENTE PROTAGONISTA >>> (STUDENTE PROTAGONISTA). Lecce, 22 novembre 2007Franco Di Cataldo5

6 RISORSE in dimensione europea per insegnamenti scientifici e tecnologici GRID (GRowing Interest in the Development of teaching science) Il progetto GRID si propone di identificare il maggior numero possibile di iniziative nel campo dellinsegnamento delle scienze, confidando su persone direttamente coinvolte nei progetti e nella loro volontà di fornire informazioni sul proprio lavoro. GRID un riferimento utile per individuare risorse disponibili per linsegnamento scientifico in diverse lingue europee (Associazioni, Istituzioni, risorse varie) Lecce, 22 novembre 2007Franco Di Cataldo6

7 Risorse online: il portale Xplora Lecce, 22 novembre 2007Franco Di Cataldo7

8 Servizi di Xplora Library Ricerca risorse, download software con tutorial, informazioni sulle attività Megalab Informa su esperimenti disponibili in web, database di progetti, progetti collaborativi Practice Best practices, esempi Events Confronti con esperti on line, calendari News Contribuire e ricevere notizie sulleducazione scientifica in Europa Community Costruire una propria comunità di apprendimento Lecce, 22 novembre 2007Franco Di Cataldo8

9 Dalla library del portale Xplora spunti e suggerimenti didattici >> risorse (cfr. lezioni: sole – galassie)sole galassie >> risorse software (cfr. frattali – insieme di Mandelbrot)frattali insieme di Mandelbrot >> progetti collaborativi (ad esempio si veda il progettoQuattro stagioni).Quattro stagioni Lecce, 22 novembre 2007Franco Di Cataldo9

10 Risorse da Megalab: Esempi interazione a distanza RCL - Remotely Controlled Laboratories Il filo rovente (manovrare un robot a distanza) Millikan Esperienza di Millikan in Xplora Doppler (simulazioni) Dopplersimulazioni Lo studio di un fenomeno in modo interattivo Lecce, 22 novembre 2007Franco Di Cataldo10

11 Risorse online: musei scienza, Ist. scientifiche Museo di Storia della Scienza - Firenze Museo di Storia della Scienza Astrolabio Lecce, 22 novembre 2007Franco Di Cataldo11 Alla scoperta del cielo Alla scoperta del cielo (Istituto nazionale di Astrofisica: didattica e divulgazione) Il notturnale: uno strumento molto semplice da costruire che ci aiuta a capire dove si trova la Stella Polarenotturnale

12 I kit di eTwinning: proposte per progetti di area scientifica 4.1. Voi e la statistica 4.2 Lo zucchero in Europa – Addolcisci la tua vita 4.3 Quattro stagioni Lecce, 22 novembre 2007Franco Di Cataldo12

13 4.1. Voi e la statistica Riassunto In questa attività, gli studenti di ciascuna scuola partner raccolgono dei dati su se stessi. Li collezionano in semplici analisi statistiche, che poi scambiano e valutano con la scuola partner. Materia Matematica e scienze Fascia detà dagli 11 anni Durata 2- 3 settimane Strumenti TIC proposti: , chat, fogli di calcolo, archivi di file condivisi, strumenti di presentazione URL al kit completo Progetti simili: Lecce, 22 novembre 2007Franco Di Cataldo13

14 4.2. Lo zucchero in Europa – Addolcisci la tua vita Livello Intermedio Materia Scienze Fascia detà Durata 1 mese Strumenti TIC proposti , chat, archivi di file condivisi, strumenti di presentazione URL al kit completo Riassunto: Gli studenti fanno ricerche sulle zone di coltivazione della canna o della barbabietola da zucchero, sul processo di raffinazione e sui diversi tipi di zuccheri presenti nel loro paese e/o in Europa. Scoprono la storia dello zucchero, del suo commercio e del suo uso negli altri paesi. Raccolgono e scambiano informazioni, … Lecce, 22 novembre 2007 Franco Di Cataldo14

15 4.3. Quattro stagioni Livello Avanzato Materia Scienze e interdisciplinare Fascia detà Durata Metà anno scolastico Strumenti TIC proposti , strumenti di presentazione, foto, chat, videoconferenza, archivi di file condivisi, strumento per i sondaggi, galleria URL al kit completo Riassunto: Questo kit prevede che i partner collaborino su determinati giorni festivi, che vengono celebrati in tutta Europa a causa del loro significato astronomico, come per esempio il giorno di San Giovanni (24 giugno). Gli studenti raccolgono informazioni sugli eventi, le scambiano con i partner e mettono a confronto le differenze tra paese e paese. Possono poi creare una documentazione e pubblicare i risultati sulla homepage della scuola. Collegato a Sunset projectSunset project Lecce, 22 novembre 2007Franco Di Cataldo15

16 Progetti collaborazione a distanza 'Crop circles' challenge – Collaborative maths on the net 'Crop circles' challenge – Collaborative maths on the net La rete propone luso di un metodo di apprendimento condiviso della matematica che si avvale delluso del computer e che ha come obiettivo lampliamento della collaborazione con più insegnanti europei di matematica. La creazione di una rete di scuole è inoltre finalizzata ad una migliore definizione degli aspetti didattici delluso di software matematici gratuiti in attività di collaborazione a scuola, coinvolgendo anche altre discipline scientifiche. Qui è stato usato GeoGebra, un software matematico gratuito per costruire Cerchi nel granowww.geogebra.at, Esempio uso GeoGebra >> retterette Lecce, 22 novembre 2007Franco Di Cataldo16

17 Best practice: CROP CIRCLES PROJECT Limmagine è di un cerchio di grano trovato il 27 giugno 2000 presso Bishop Cannings, Wiltshire, England. il cerchio di grano ricostruito utilizzando il software geometrico Geogebra. 1.Sint-Donatusinstituut Merchtem Belgium (Flanders) 2.Cesare Vivante Bari Italy 3.Intercultural Gymnasium of Thessaloniki Lecce, 22 novembre 2007Franco Di Cataldo17

18 Best practice di collaborazione a distanza Maths to play playing with logic Obiettivi: Learning Math using ICT and playing with logic. curiosità e linteresse Valore pedagogico Gli studenti sono spesso intimoriti dagli aspetti più tecnici della matematica soprattutto dal rigore linguistico. Mediante questo progetto la curiosità e linteresse degli studenti per la matematica è aumentato, evidenziando che è stata sempre parte essenziale della cultura e dello sviluppo delluomo. La matematica fornisce strumenti di analisi della realtà favorendo la comprensione di situazioni reali Lecce, 22 novembre 2007Franco Di Cataldo18

19 Risorse: Magazine Factory MagazineFactory a free tool for teachers and students to make their own web- magazines >>> Uno strumento gratuito per insegnanti e studenti per la creazione del proprio web-magazine Lecce, 22 novembre 2007Franco Di Cataldo19

20 Ipotesi proposte di lavoro: filone sviluppo conoscenza collettiva (wikipedia) Lecce, 22 novembre 2007Franco Di Cataldo20 L'Europa delle scoperte e delle invenzioni scientifiche – Creazione di una enciclopedia che ripercorre le grandi scoperte scientifiche europee ad opera di studenti tra 8 e 14 anni. L'Europa delle scoperte e delle invenzioni scientifiche Progetto proposto da La rete del siti Le mani in pasta (Francia), il Progetto Scuola- Territorio del Comune di Bologna (Italia) e Scienza Viva (Portogallo) in collaborazione con leun (european schoolnet) e laccademia delle scienze.

21 Ipotesi – proposte di lavoro: filone statistico Necessità di una molteplicità di proposte forti in cui il singolo docente possa riconoscere, nel lavoro didattico che svolge quotidianamente, possibili contributi per larricchimento reciproco, attuabile in una situazione di gemellaggi allargati e con il supporto delle nuove Tecnologie. Idee per lo svolgimento di attività di indagini statistiche, da svolgere completamente online su varie tematiche e quindi con notevoli possibilità interdisciplinari (esempio indagine sulluso dei telefoni cellulari e sullenergia).telefoni cellulari energia Lecce, 22 novembre 2007Franco Di Cataldo21

22 Ipotesi – proposte di lavoro: filone multidisciplinare (Arte e scienza) Unesplorazione collaborativa della Rivoluzione Scientifica dei secoli XVI e XVII, partendo dai contributi forniti dai diversi scienziati europei dellepoca (Copernico, Galilei, Keplero, Newton) un flusso informativo di ricerca che ha attraversato lEuropa in quei secoli e che si è intrecciato con diversi fattori culturali, artistici ed economici. Una sorta di paradigma della collaborazione implementata nella comunità scientifica dellepoca. >> prime lezioni sperimentali >> risorse online (moto retrogrado Marte) >> materiali spagnoli >> simulazione Universo Kepleroprime lezioni sperimentalirisorse online (moto retrogrado Marte)materiali spagnolisimulazione Universo Keplero Lecce, 22 novembre 2007Franco Di Cataldo22


Scaricare ppt "Le TSI nellinsegnamento della matematica e delle scienze Franco Di Cataldo (Lecce 22 novembre 2007) tecnologie della società dellinformazione (TSI) abilità"

Presentazioni simili


Annunci Google