La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Codice Codifica Decodifica C E E C Codici secondari 1. cRe 2.eRc Tipi di codici e proprietà E: Semplici/articolati; Posizionali; Con stand By/senzaSB;

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Codice Codifica Decodifica C E E C Codici secondari 1. cRe 2.eRc Tipi di codici e proprietà E: Semplici/articolati; Posizionali; Con stand By/senzaSB;"— Transcript della presentazione:

1 Codice Codifica Decodifica C E E C Codici secondari 1. cRe 2.eRc Tipi di codici e proprietà E: Semplici/articolati; Posizionali; Con stand By/senzaSB; Sincronizzazione; ErC: Iconici/Arbitrari; Aperti/Chiusi; Sinonimici/No sinonimici; Vaghezza C: Digitali/Analogici; Pertinenza; Simultanei/Sequenziali;

2 La struttura dei segni linguistici VS I problemi filosofici del segno (rapporto pensiero ) Segni distinti per la fonte (Sebeok: zoosemiotica vs pensiero animale sì/no) Segni distinti per specificità della loro funzione (Baudrillard primaria della casa > abitativa; secondaria ostentazione potere; vs gerarchie bisogni) Segni distinti per canale (Buyssens semìe e antropolinguistica vs gerarchia dei sensi) Segni distinti per la replicabilità del Snte (Pierce: qualisegni, sinsegni e legisegni: tono, token e type; vs replicabilità dellopera darte) Segni distinti in rapporto al significato (univoci, equivoci, plurivoci, vaghi vs lessici scientifici/ sorite/ quantificabilità ) Segni distinti in rapporto al presunto legame con il referente (Pierce: indice, icona e simbolo vs capacità cognitive) Su criteri comportamentistici e in base al comportamento che generano nel destinatario (Morris: identificatori, prescrittori ecc. vs manipolazione, performatività) Su criteri funzionali ( Jakobson piano discorsivo vs modelli comunicativi e gnoseologici)

3 Assiomi studio linguaggio p. 68: 1.Livelli di analisi 2.Gerarchia di livelli 3.Segmentazione 4.Unità minime 5.Economia e ricorrenza

4 A LINGUISTICA che si occupa dei codici verbali, dei segni verbali è: ASTRATTA(lavora per astrazioni e non per astrattezza), cioè : su modelli, astrae regolarità dalla varietà; suppone una serie di meccanismi funzionali FINZIONE lavora per approssimazione e semplificazioni

5 Last but not least Doppia articolazione Due livelli strutturali delle lingue Primo livello : unità dotate di significato Secondo livello: unità prive di significato Il direttore mangia un panino Il / dirett/ore mangi/a /un / panino I/l d/i/r/e/t/t/o/r/e/ m/a/n/g/i/a/ u/n/ p/a/n/i/n/o/ Proprietà dei codici verbali: Andrè Martinet (Saint-Alban-des- Villards, 12 aprile 1908 – Châtenay-Malabry, 16 luglio 1999) Proprietà dei codici verbali: Andrè Martinet (Saint-Alban-des- Villards, 12 aprile 1908 – Châtenay-Malabry, 16 luglio 1999)

6 I suoni delle lingue 1.Definizioni > fonetica /fonologia; parti dell apparato di fonazione 2.Classificazioni > fonemi / allofoni; (IPA) 3.Suoni in movimento cioè i fenomeni e i contesti verbali in cui compaiono (sillaba)

7 Fonetica e Fonologia Fonetica > studio sistematico del suono Può essere articolatoria, acustica, uditiva e sperimentale Fonologia > studio dei fonemi, cioè della valenza distintiva che i suoni assumono allinterno dei sistemi linguistici

8 Fonetica articolatoria La fonetica articolatoria studia i suoni di una lingua e i meccanismi che accompagnano la loro produzione attraverso l'apparato fonatorio. Descrive gli organi che sono coinvolti nella emissione dei suoni e come bocca, naso o gola producano i differenti foni... Un simbolo fonetico è un segno convenzionale usato per significare la descrizione articolatoria di un suono, nonché una sua approssimata collocazione in determinate classi detti foni, dal momento che nessuno è in grado di riprodurre due volte lo stesso identico suono. I simboli più utilizzati sono quelli dell'AFI, l'Associazione fonetica internazionale, conosciuta anche come IPA (International Phonetic Association, it AFI)

9 Fonetica acustica La fonetica acustica si occupa della trasmissione dei suoni nello spazio attraverso le onde sonore. Per rilevarne le caratteristiche si utilizzano il sonografo, o spettografo spettrogrammi con esso prodotti: con questi strumenti si possono identificare determinate bande chiamate formanti. Inoltre si sono analizzate le onde sonore per capire quali siano le frequenze che contengono i dati fondamentali, necessari e sufficienti per identificare i suoni delle varie lingue.

10 Andrè Tomatis: Ascolto/Appren dimento lingue straniere

11 Fonetica uditiva La fonetica uditiva è probabilmente il settore della fonetica a tutt'oggi meno esplorato e tratta di come i suoni linguistici vengano recepiti dallapparto uditivo umano: per questo studia in particolare come funziona il canale uditivo. Un altro campo d'investigazione riguarda le possibili interferenze acustiche che si possono determinare nell'ascolto dei suoni linguistici. Esame dei Potenziali Evento-Correlati (ERP, event-related potential o ERP) tramite lelettroencefalogramma o la Risonanza Magnetica e il cfr. tra precisi fenomeni e cambiamenti neuroanatomici La fonetica strumentale studia i suoni prodotti dall'apparato fonatorio secondo un approccio fisico, sia usando strumenti particolari per determinare con precisione la posizione dei vari organi articolatori sia prestando attenzione al risultato del processo fonatorio.

12 Ray Jackenfoff: la situazione comunicativa Enrico parla a Sandro di un albero (Patterns in the mind 1993) Pensiero>>>>Istruzioni>>>Tratto Orecchio>>>Schemi>>>Pensiero motorie vocale uditivi

13 Tipi di suoni Con i polmoni> pneumonici egressivi »Vocalici o consonantici Senza i polmoni> avulsivi ingressivi, (simili a schiocco del bacio o imitazione trotto del cavallo) eiettivi, implosivi

14 Fonetica: lapparato fonatorio

15 VI vertebra sotto la lingua con funziona protettiva Fonetica: lapparato fonatorio e la posizione della laringe anni fa : - La laringe si è abbassata - La respirazione si è modificata - Lencefalo è aumentato

16 La fonazione : vantaggi 1. Simultaneità ( con i gesti) 2. Facilità di trasmissione 3. Molteplicità dei destinatari 4. Larga modulabilità 5. Continuità e velocità 6. Portatilità Principi Ergonomici

17 Livelli di analisi: Elementi di fonetica e fonologia. Le vocali cardinali : presenti in tutte l lingue e più stabili ( ragioni semiotiche) i a u C + H I U S U R A _ _ POSTERIORITA +

18 Vocali Suoni provocati con la vibrazione delle sole corde vocali Si distinguono fra: -aperte/chiuse --anteriori/posteriori (palatali/ velari) -- arrotondate/non arrotondate (procheile/aprocheile) Livelli di analisi: Elementi di fonetica e fonologia palatali velari né palatali/né velari

19 Livelli di analisi: Elementi di fonetica e fonologia Consonanti (< lat. Consonans Dal punto di vista del modo di articolazione si distinguono diverse categorie di consonanti: 1.occlusive 2. fricative 3. affricate 4.nasali 5. laterali 6. vibranti 7. approssimanti Dal punto di vista del luogo di articolazione si distinguono principalmente: 1. Bilabiali 2. labiodentali 3. dentali 4. alveolari e postalveolari 5. retroflesse o cacuminali 5. palatali 6. velari 7.uvulari 8. faringali 9. glottidali Dal punto di vista delle corde vocali : sonore o sorde Sia vocali che consonanti si possono distinguere in base alla LUNGHEZZA: It solo consonantica: fato/ fat:o ; rito/rit:to Ingl. Ted. soprattutto vocalica : du bist tu sei vs du bi:st tu bestia Lat. pōpulus pioppo vs pŏpulus popolo Estone sada cento sa:da mandate! sa::da essere permesso Le vocali sono in genere di numero minore rispetto alle consonanti: eccezione Hawaiano 10 voc. e 8 cons.

20

21 Livelli di analisi. Elementi di fonologia: Fonemi della lingua italiana

22

23 dz affricata, alveolare, sonora zero azzimo t Ϛ affricata, palatale-alveolare sorda cenare, acido accento d affricata, palato alveolare sonora gente, agire, aggiornare J semiconsonante palatale ieri, piede W semiconsonante velare uovo, duomo

24 Livelli di analisi. Elementi di fonologia:come si trovano i fonemi Livelli di analisi. Elementi di fonologia:come si trovano i fonemi Prova di commutazione e individuazione di coppie minime distintive o serie distintive. Quali sono i fonemi e quali gli allofoni (varianti fonetiche che non incidono sul significato: es. R uvulare vs r alveolare) Cane CaraCara LaneGara[k] [a] [R] [a] Pane Rane/a/ Sane Tane Vane Diagramma di Venn( un modo di rappresentare graficamente un insieme.) -Ogni fonema si realizza in un numero più o meno consistente di allofoni o varianti -Ogni lingua ha un numero di restrizioni fonotattiche relative alle possibilità combinatorie dei fonemi [a] [a:] [æ]

25 I tratti distintivi di Jakobson Vocalico + - Consonantico + - Compatto+ - Diffuso Teso+ - Rilassato Sonoro + - Sordo Nasale + - Orale Discontinuo + - Stridulo + - Morbido (sibil. Vs velari) Brusco + - Molle (glottizzate) Grave + - Acuto (vocali post. anteriori) Bemollizzato+ - Diesizzato + - (innalzamento)

26 Fonologia e analisi dei tratti distintivi: il Sound Pattern of English di Chomsky (1968) applicato all italiano Ogni fonema è la risultante di un pacchetto di tratti co-occorrenti o simultanei, a volte ridondanti: per es. i vs u per la posizione anteriore vs posteriore ma anche non arrotondata vs arrotondata. Fonologia e analisi dei tratti distintivi: il Sound Pattern of English di Chomsky (1968) applicato all italiano Ogni fonema è la risultante di un pacchetto di tratti co-occorrenti o simultanei, a volte ridondanti: per es. i vs u per la posizione anteriore vs posteriore ma anche non arrotondata vs arrotondata.

27 Fonologia e analisi dei tratti distintivi: natura binaria dei tratti e marcatezza u chiusura massima o intermedia ǫ minima u o ǫ Chiuso+/ Aperto +/ Ostruente occl. affricate e fricative Sonorante vocali, laterali, vibranti e nasali Coronali t d – sibilante palatalizzata – vari tipi di r Marcati sono i tratti che allinterno di una opposizione distintiva si aggiungono a quelli comuni e condivisi, sono un di più /b/ è marcato da sonorità rispetto a /p/; nasale è non marcato, è basico

28 Simbolo IPA EsempioIPA zpeso/pezo/ ssei /'s ɛː i/ ðingleseinglese that/ðæt/ θingleseinglese thud /θ ʌ d/ ʒ francesefrancese jour /ʒuʀ//ʒuʀ/ ʃ pesce /'pe ʃʃ e/ nnome/'nome/ dduro/'duro/ ttema /'t ɛ ma/ ɹ ingleseinglese reef / ɹ i ː f/ lletto /'l ɛ tto/ rspagnolospagnolo perro/pero/ ɾ spagnolospagnolo pero /pe ɾ o/

29 Fonologia e analisi dei tratti distintivi: natura binaria dei tratti e marcatezza Fenomeni : -neutralizzazione (ted. rat consiglio / radruota); - assimilazione (factum > fatto; VITJUM > vizio ; sgambato; rosa; armonia turco – im -um mio in base alla vocale; -ler vs -lar plurale ); -cancellazione ( casa> cas -etta ; lo albero elisione lalbero ; Fr. liaison les amis ) -inserzione (sp. escuola, it. a/ad) -indebolimento (potere/podere) o riduzione >> sp. humar per fumare, secondo una scala di sonorità Occl. SORDO> Occl. SONORO>Fricat.>Ø -rafforzamento (dittongamento : bonus > buono) Cadute : aferesi (gr.aphairèo togliere) sincope apocope (gr. kòptein recidere) Regole : A>B/V_________ V( in posizione intervocalica,vs in contesto extralinguistico: variante sociolinguistica e contestuale ) [serado>>> serrao] spirante interdentale sorda> Ø/ V-----V Trop risches [tro risc] p > Ø/ # C

30 Fonologia e analisi dei tratti distintivi: fenomeni soprasegmentali e tratti paralinguistici Accento : è un tratto prosodico, soprasegmentale, che permette, nella realizzazione fonetica di una parola, la messa in rilievo di una delle sillabe che la compongono (prominenza uditiva, funzione culminativa ); Tipi: mobile/ fisso, primario/ secondario Parole ossitone, parossitone, proparossitone Tono: unità prosodica, aumento di acutezza e con valore Distintivo nelle lingue a toni: per es. il cinese yī abiti, yi sospettare yĭ sedia, in Europa svedese, norvegese e serbo croato TIMBRO : ingl. tone-colour e ted. Klangfarbe, corrisponde un termine ad hoc e cioè timbro, la caratteristica identitaria ed esclusiva, che ci consente di distinguere due suoni con uguale intensità e altezza Pause: anche con funzione sintattica e semantica La vecchia porta la sbarra 1. Paralinguistico>>> Interiezioni e ideofoni 2. Pause >>>Silenzio >>>Messaggio di Benedetto XVI per la quarantaseiesima Giornata mondiale delle Comunicazioni sociali

31 Fonologia e analisi dei tratti distintivi: silenzio e ideofoni

32 CONVENZIONI DI TRASCRIZIONE: Sistema Gail Jefferson (Conversation Analysis) PARLATO TESTO volume alto T ESTO volume medio-alto °testo° volume basso testo enfasi particolare >testo >testo<< molto accelerato rallentato test- troncatura di un suono te omissione di un suono o normale contrazione testo: te:::sto prolungamento di un suono; il numero di : indica il grado dallungamento pitch ascendente pitch discendente SOVRAPPOSIZIONI Sono indicate da coppie di parentesi quadre sinistre [ allineate nei turni coinvolti. Si indica in genere il punto iniziale di sovrapposizione; talvolta, anche il punto finale, con parentesi quadre destre ] PAUSE (.) pausa breve, inferiore a 0,2 secondi (0.7) pausa di n secondi DUBBI (testo) espressione dubbia ( ) espressione incomprensibile

33 A come Ancona B come Bergamo C come Como D come Domodossola E come Empoli F come Firenze G come Genova H come Hotel (non si usano città) I come Imola J come Jolly K come Kappa L come Livorno M come Milano N come Napoli O come Otranto P come Palermo Q come Quadro (non si usano città) R come Roma S come Siena T come Torino o Trieste U come Udine V come Verona o Venezia W come Washington (usa wafer o water se no) X come Xilofono o X-ray Y come Yacht o yogurt Z come Zara alpha bravo charlie delta echo foxtrot golf hotel india juliet kilo lima mike november oscar papa quebec romeo sierra tango uniform victor whiskey x-ray yankee zulu

34 Unità composita del livello fonologico Ha una struttura ATTACCO (onset) NUCLEO CODA Il nucleo porta laccento. Il it. è vocalico, in inglese può essere consonantico Può essere composta da una V da CV CCV La più frequente ( + naturale) è quella CV. In it. compare nel 57% dei casi (più raro e marcato è CCVC, 1,20%; ) Scala di sonorità > le sonoranti occupano più di frequente la coda della sillaba Tipi di sillabe chiuse/ aperte; pesanti/leggere Fonologia e analisi delle unità : La SILLABA

35 esercizi Scegliere la serie in cui compare sempre (in ciascuna parola) un suono coronale: a. barca casa pigna b. dalia sciame nome c. pacco sella mamma Scegliere la serie in cui compare sempre (in ciascuna parola) un suono sordo: a. dado gola zoo b. bello bora gelo c. piede cosa cotto Scegliere la serie in cui compaiono solo vocali velari: a. orso urto bullo b. uva sudore verde c. anta sante iato

36 Livelli di analisi. Elementi di fonologia: Fonemi della lingua italiana Leggi a voce alta e trascrivi con i grafemi in uso in italiano: tsap:a d ʒ ak:a pant ʃ a pan:a pala pala pal:a tsampo ɲ :a ʃ əl:ere ʃ olere dsulu t ʃ ilièd ʒ a dzandzara kjeza Trascrivi in IPA: 1.maglia3. pugno5. forza 7.cavallo 2.pesce4. garage 6. zero 8. cena Il fatto che si scriva un amico vs unamica indica: a.Che nel primo caso si ha elisione e nel secondo apocope b.Che nel primo caso si ha apocope e nel secondo elisione c.Nessuna delle due è vera

37 Livelli di analisi. Elementi di fonologia: Fonemi della lingua italiana Leggi a voce alta e trascrivi con i grafemi in uso in italiano: Con i grafemi in uso in inglese kin fes ʃ ip hu haw δə Scrivere la formula dei seguenti fenomeni: Lat. viridis > verde calidus >caldo bonus > buono pedem >> piede Rosso >>>russo Grosso >>>gruosso >>>>rossa >>>>>grossa

38 Es. test 1.In quali delle seguenti serie compare sempre almeno un elemento consonantico sonoro? a.basco, gioco, dente, gara b.sacco, sedia, corda, tara c.dolce, amaro, storia,cara d.in nessuna 2. Quali delle seguenti coppie è una coppia minima derivata da commutazione fonematica? a.incidere/recidere b.stella/stellare c. calla/calle d. cella/bella 3. In quali delle seguenti coppie si ha una commutazione parziale di una solo tratto fonematico e non dellintero fonema? 1.dorso/corso 2.polo/pollo 3.dito/dato 4.seccato/serrato


Scaricare ppt "Codice Codifica Decodifica C E E C Codici secondari 1. cRe 2.eRc Tipi di codici e proprietà E: Semplici/articolati; Posizionali; Con stand By/senzaSB;"

Presentazioni simili


Annunci Google