La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Evoluzione dellOrientamento Fase psicoattitudinale Accentuazione della dimensione informativa Orientamento diacronico formativo Crescita della consapevolezza.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Evoluzione dellOrientamento Fase psicoattitudinale Accentuazione della dimensione informativa Orientamento diacronico formativo Crescita della consapevolezza."— Transcript della presentazione:

1 Evoluzione dellOrientamento Fase psicoattitudinale Accentuazione della dimensione informativa Orientamento diacronico formativo Crescita della consapevolezza del soggetto

2 Fase diagnostico- attitudinale ricerca del rapporto tra attitudini individuali e requisiti di una professione attitudine è definita come disposizione naturale, ereditaria, diversa da individuo a individuo misurabile sttraverso appositi reattivi (psicotecnica) ogni individuo possiede abilità e capacità che lo rendono idoneo a specifici lavori i test rilevano queste attitudini

3 Fase caratterologico- affettiva Il precedente modello psico- attitudinale viene gradualmente messo in crisi dallimportanza che, nella scelta e nello svolgimento di un lavoro, risultano rivestire gli interessi per interesse si intende un costrutto che incide in modo determinante sulladattamento e sul rendimento di un individuo questa fase si caratterizza per una maggior attenzione al soggetto e alle dinamiche di personalità conseguentemente lazione orientativa si configura come un intervento maggiormente attento alla componente interiore della vita psichica dellindividuo dalla rilevazione psicotecnica delle attitudini si passa a considerare le disponibilità affettive ed emozionali nei confronti del lavoro si é, infatti, rilevato che prendendo in esame due individui con le stesse attitudini, la riuscita è migliore in colui che mostra maggior interesse.

4 Dal Memorandum sullIstruzione e la formazione permanente Messaggio chiave n. 5: Ripensare lorientamento Obiettivo: garantire a tutti un facile accesso ad informazioni e ad un orientamento di qualità sulle opportunità distruzione e formazione in tutta lEuropa e durante tutta la vita

5 La svolta Raccomandazione conclusiva del Congresso dellUnesco (Bratislava 1970): Orientare significa porre lindividuo in grado di prendere coscienza di sé e di progredire, con i suoi studi e la professione, in relazione alle mutevoli esigenze della vita, con il duplice scopo di contribuire al progresso della società e di raggiungere il pieno sviluppo della persona umana.

6 Sempre dal memorandum è necessario adottare un nuovo metodo che preveda lorientamento come un servizio accessibile a tutti in permanenza…

7 e ancora Vivere e lavorare nella società della conoscenza richiedono cittadini attivi che vogliono gestire autonomamente il loro percorso personale e professionale. Ciò significa che tali servizi devono essere non più incentrati sullofferta, bensì sulla domanda, focalizzando linteresse sui bisogni e le esigenze degli utenti.

8 Orientamento diacronico formativo Elementi costitutivi del modello: Una condizione di insegnamento e apprendimento che garantisca a ciascuno e a tutti gli allievi un accostamento reale a tutti gli ambiti disciplinari Una rilevazione periodica, lungo tutto larco della formazione …, dellandamento tendenziale dei rapporti reciproci tra sviluppo delle conoscenze (sfera cognitiva) e … sfera emozionale e motivazionale Una conoscenza complessiva del contesto storico- ambientale, culturale, sociale, economico, politico, ecc., del mondo in cui oggi viviamo Da G. Domenici, Manuale dellorientamento e della didattica modulare

9 segue: La promozione di condizioni favorevoli di sviluppo in ciascun allievo di un proprio e autonomo progetto di vita Lofferta di pacchetti informativi su … opportunità formative e di lavoro… oltre che sviluppo di competenze per laccesso alle fonti informative Conoscenza diretta ed esperienze con il mondo del lavoro Una riflessione sui processi di strutturazione delle decisioni..(in contesti simulati e non)

10 Orientamento formativo e scuola Il modello formativo di orientamento implica un profondo ripensamento nella organizzazione didattica della scuola Metodologie di insegnamento e apprendimento, valutazione, rapporti con lesterno….

11 Scuola e mondo del lavoro Attività astratte, decontestualizzate, individuali nella scuola In contrasto con quanto richiesto dal mondo del lavoro Si apre ?

12 ? A chi serve la scuola? A cosa serve la scuola? Una prospettiva di separazione fare – sapere Una prospettiva di integrazione Competenze (c. trasversali)

13 Competenze …..le competenze non coincidono con le abilità, le conoscenze, i saperi che pure devono essere padroneggiati, ma rappresentano essenzialmente le modalità di impiego di quelle abilità, di quelle conoscenze di quei saperi in contesti nuovi - rispetto a quelli che probabilmente caratterizzeranno il processo di formazione -, contesti che possono altrettanto univocamente venir definiti e simulati nelle prove di verifica. da G. DOMENICI, da Progettare e governare l'autonomia scolastica, Tecnodid, 1999, pag. 133

14 ..le competenze si esprimono nella capacità di adottare strutture, piani, schemi di azione capaci di integrare a livello interdisciplinare le conoscenze, formali e informali, teoriche, esperienziali e procedurali possedute per risolvere un problema in un contesto specifico; di adottare, inoltre, un sistema di monitoraggio della validità del programma nel contesto (meta-cognizione) quindi di riadattarlo (meta-valutazione- decisione), costruttivamente, per porre in atto comportamenti adatti al raggiungimento degli scopi… (G.Domenici, 2000)

15 Competenze trasversali Si distinguono dalle competenze di base e quelle tecnico professionali e riguardano: Saper porre e risolvere problemi, lavorare in gruppo, apprendere ad apprendere in generale sono caratterizzate da elementi di riflessività e trasferibilità in ambiti diversi Dimensione metacognitiva…..

16 Prospettive costruttiviste Funzione attiva ed intenzionale del soggetto nei processi di costruzione-elaborazione della conoscenza in contesti dapprendimento ricchi e multiformi, formali ed informali, in prospettiva sociale e collaborativa

17 Le quattro C Costruzione Contesto Collaborazione Complessità

18 Ambienti costruttivisti Dare enfasi alla costruzione della conoscenza e non alla sua riproduzione Evitare eccessive semplificazioni rappresentando la naturale complessità del reale, offrire rappresentazioni multiple Presentare compiti autentici (contestualizzare piuttosto che astrarre) Alimentare pratiche riflessive (metacognitive) Favorire la costruzione cooperativa della conoscenza attraverso la negoziazione sociale Ad esempio Community of learners Apprendistato cognitivo

19 Organizzazione modulare della didattica È una vera e propria strategia formativa che richiede unanalisi approfondita e una rilettura della struttura delle discipline della definizione degli obiettivi delle caratteristiche degli allievi della composizione del gruppo classe dellorganizzazione spazio-temporale delle funzioni e degli strumenti valutativi

20 Modularità e competenze Il modulo rappresenta una unità formativa autosufficiente in grado di promuovere saperi molari e competenze che, per la loro alta rappresentatività culturale, e perciò anche tecnico pratica, nel settore specifico di riferimento, siano capaci di modificare significativamente la mappa cognitiva e la rete delle conoscenze precedentemente possedute… G.Domenici, 2002

21 Simulazione e nuove tecnologie Le tecniche della gaming simulation per lapprendimento Assunzione di ruolo, vincoli ed insieme di regole, gioco La simulazione nei processi di decisione Simulazione al computer per il recupero dellapprendimento percettivo motorio

22 Informazione e orientamento Informazione carente ed eccessiva Una definizione dinformazione per ridurre il rumore: cura del messaggio e caratteristiche del destinatario Il difficile incontro tra domanda e offerta dinformazione

23 Esigenza, domanda, offerta

24 Fonti di informazione Informazione primaria Informazione secondaria Informazione elaborata Affidabilità o leggibilità?

25 Accedere alle fonti Adeguata alfabetizzazione funzionale Il ruolo delle tecnologie La tecnologia come supporto

26 Quali fonti La scuola come Centro di documentazione Raccolta, indicizzazione, archiviazione dei documenti – Accordi di rete Le altre strutture: Informagiovani Centri per limpiego Sistemi informativi formazione, lavoro Scoprire o riscoprire lIstat

27 Certificazioni e portfolio Strumenti per lautovalutazione e per il confronto e trasferimento di crediti e competenze

28 Con laiuto di programmi comunitari in materia di educazione, formazione e gioventù, sono stati messi a punto strumenti comuni di valutazione e di riconoscimento delle competenze. Tra questi figurano lECTS (European Credit Transfer Scheme, Sistema europeo di trasferimento di unità di corsi capitalizzabili), il Supplemento europeo al diploma (European Diploma Supplement) nellistruzione superiore, lEUROPASSFormazione (riconoscimento della formazione professionale in alternanza), la patente informatica europea (ECDL European Computer Driving Licence)

29 Certificazioni e Portfolio certificazioni e portfoli integrano o sostituiscono le forme tradizionali di valutazione, caratterizzate da un giudizio sintetico espresso in codici diversi per lo più numerici la certificazione e/o l'autocertificazione consiste sostanzialmente in una descrizione (spesso organizzata su livelli) e da una documentazione esplicitata dei contenuti di apprendimento e delle abilità acquisite da parte di un soggetto

30 inoltre la certificazione è caratterizzata dallessere sotto la responsabilità della scuola, riguardare essenzialmente gli aspetti cognitivi e comportamentali ed ha come finalità la dichiarazione esplicitata dei livelli raggiunti il portfolio è caratterizzato dall'essere tendenzialmente autogestito, sia pure con un forte tutorato, dal contenere prodotti, e dall'avere come finalità la valorizzazione dei soggetti e lo sviluppo delle loro capacità di autoanalisi e di orientamento

31 Sono utili per: permettere la mobilità dei soggetti nel sistema sulla base di adeguate informazioni sulle loro reali competenze garantire il sistema della formazione (Istituti di istruzione superiore o Centri di Formazione Professionale cui passare, Università in cui entrare) ed il sistema produttivo sui risultati raggiunti dai singoli, dandone una descrizione efficace che ne permetta un utile orientamento

32 Portfolio delle competenze Commissione Bertagna Dai 3 ai 18 anni, ogni allievo che frequenta il sistema educativo di istruzione e di formazione è accompagnato da un apposito portfolio delle competenze. Esso comprende la scheda di valutazione e la scheda di orientamento. La prima è redatta sulla base delle indicazioni fornite dal Ministero ….. La seconda è costruita dalle scuole e dai responsabili del processo educativo seguito dagli allievi, ……

33 Nel portfolio, gli operatori scolastici, insieme alle famiglie e ai ragazzi stessi, aggiornano indicazioni e dati, raccolti in ordine ai seguenti aspetti: prove scolastiche significative, capaci di descrivere le più spiccate capacità e competenze dellallievo, specie su logico-scientifico-matematico, linguistico espressivo, storico-sociale osservazioni dei docenti sui metodi di apprendimento del ragazzo, …caratteristiche originali….disciplinari e interdisciplinari….

34 commenti su lavori personali ed elaborati significativi, scelti dal ragazzo in collaborazione con il docente, ritenuti esemplificativi di attitudini e di risorse personali; indicazioni che emergono da un questionario attitudinale compilato da ciascun studente; qualità e attitudini del ragazzo, individuate negli incontri insegnanti-genitori, anche grazie allaiuto di appositi questionari; indicazioni che emergono da un progetto personale di vita, elaborato dallo studente e consegnato al docente, relativo alla sua futura collocazione nella società e in una o più attività professionali.

35 La scheda per lorientamento assume un particolare significato nei due anni terminali della scuola media. Occorre mettere in condizione il ragazzo di effettuare una scelta tra istruzione e formazione secondarie sulla base non solo delle competenze acquisite, ma soprattutto delle capacità rimaste impregiudicate o sottoutilizzate durante tutto il periodo della scolarizzazione precedente (nelle attività scolastiche e di laboratorio).

36 Le indicazioni che la scuola offre in ordine alla prosecuzione degli studi non possono, perciò, limitarsi ad indicare la tipologia degli indirizzi dellistruzione o della formazione secondarie più adatti allo studente, ma dovranno soprattutto argomentare precise indicazioni di percorso, coerenti con quanto rilevato nelle varie voci del portfolio e compatibili con gli interessi, le attitudini e le capacità del ragazzo.

37 In tale modo, lorientamento verso gli istituti dellistruzione e della formazione secondarie si configura come una precisa assunzione di responsabilità da parte della scuola. Essa dovrà monitorare, negli anni successivi, seguendola diacronicamente, in collaborazione con le scuole successive, la carriera dellallievo e verificare se e fino a che punto il consiglio orientativo espresso sia stato pertinente. Ogni scuola secondaria di I grado potrà così migliorare il proprio complessivo know how orientativo

38 Lo stesso discorso, con gli adattamenti del caso, si deve riproporre per i due anni terminali dellistruzione e della formazione secondarie, sia per i corsi di Qualifica, al 3° anno, sia per quelli di Diploma, a tempo pieno o in alternanza. Viste le caratteristiche di serietà e di rigore degli accessi allistruzione e alla formazione superiori, è importante che i Licei e gli Istituti abbiano acquisito, durante il percorso, credibilità orientativa agli occhi dei giovani, cosicché il loro consiglio orientativo finale non sia tanto percepito come un atto burocratico, ma come la migliore corrispondenza possibile tra attese e capacità personali e vincoli di realtà.

39 Sezione orientamento del Portfolio – materiali prodotti dallallievo individualmente o in gruppo, capaci di descrivere paradigmaticamente le più spiccate competenze del soggetto; – prove scolastiche significative; – osservazioni dei docenti e della famiglia sui metodi di apprendimento dellallievo, con la rilevazione delle sue caratteristiche originali nelle diverse esperienze formative affrontate; – commenti su lavori personali ed elaborati significativi, sia scelti dallallievo (è importante questo coinvolgimento diretto) sia indicati dalla famiglia e dalla scuola, ritenuti esemplificativi delle sue capacità e aspirazioni personali; – indicazioni di sintesi che emergono dallosservazione sistematica, dai colloqui insegnanti-genitori, da colloqui con lo studente e anche da questionari o test in ordine alle personali attitudini e agli interessi più manifesti.

40 Le prove per laccesso allUniversità È compito specifico dellUniversità identificare i prerequisiti orientativi che meglio corrispondono alle esigenze e alle caratteristiche dei corsi universitari. È opportuno che lelaborazione metodologica e tecnica delle prove coinvolga i docenti dellistruzione e della formazione secondaria.


Scaricare ppt "Evoluzione dellOrientamento Fase psicoattitudinale Accentuazione della dimensione informativa Orientamento diacronico formativo Crescita della consapevolezza."

Presentazioni simili


Annunci Google