La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Economia Scelte Pubbliche - 20051 Democrazia e maggioranza semplice Lezione 3.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Economia Scelte Pubbliche - 20051 Democrazia e maggioranza semplice Lezione 3."— Transcript della presentazione:

1 Economia Scelte Pubbliche Democrazia e maggioranza semplice Lezione 3

2 Economia Scelte Pubbliche Maggioranza e redistribuzione Se decisione presa a meno che unanimità alcuni stanno peggio e altri stanno meglio redistribuzione dai primi ai secondi Maggioranza rende distinzione tra scelte allocative (efficienza) e scelte redistributive meno chiara

3 Economia Scelte Pubbliche Da unanimità a redistribuzione Figura 3.1: utilità ricchi (UR) e poveri (UP) sugli assi; tutti i membri dei 2 gruppi con stesse preferenze; AEC frontiera delle possibilità Pareto-efficienti con solo bp; E dotazione di status quo Con BP incrementa utilità membri XYZW è la nuova frontiera YZ equivale a curva dei contratti la porzione della frontiera che i 2 gruppi sceglierebbero allunanimità

4 Economia Scelte Pubbliche Da unanimità a redistribuzione A maggioranza, YZ non è necessariamente equilibrio Se in maggioranza, i ricchi sceglieranno il segmento XY (es. BP finanziato con imposta regressiva); i poveri allo stesso modo sceglierebbero un punto sul segmento ZW Davis (1970): maggioranza porta a ridefinire anche offerta di BP in modo da massimizzare lutilità della maggioranza

5 Economia Scelte Pubbliche Minimum winning coalitions Riker (1962): grandi coalizioni (unanimità) decadono in MWC 2 ipotesi: Politica è gioco a somma zero Redistribuzione è decisa a maggioranza In un gioco redistributivo, per massimizzare utilità, bisogna prendere dai perdenti maggiore è il pool dei perdenti, maggiore il guadagno di utilità dei vincenti in equilibrio emergeranno maggioranze appena sufficienti (MWC)

6 Economia Scelte Pubbliche BP o solo redistribuzione? Figura 3.1. illustra un caso con BP (allocazione) e redistribuzione MWC solo redistribuzione In tutti i casi maggioranza semplice crea incentivi a formare coalizioni e a ridefinire le decisioni in modo da assicurarsi guadagni redistributivi Se lo stato nasce per offrire BP, quando inizia a decidere a maggioranza diventa uno stato redistributivo (la realtà degli stati moderni)

7 Economia Scelte Pubbliche Maggioranze cicliche - 1 Gioco redistributivo: 3 elettori e divisione di un pool di risorse =100 V1 e V2 possono accordarsi su 60/40 V3 può proporre a V2 di dividere 50/50 per non essere escluso V1 può allora proporre a V3 45/55, e così via

8 Economia Scelte Pubbliche Maggioranze cicliche - 2 La redistribuzione di risorse crea incentivi per membri di coalizioni perdenti a diventare membri di coalizioni vincenti, a costo di accettare parti ineguali Grande coalizione 33/33/33 soccombe Von Neumann e Morgestern trovano soluzione per questo tipo di gioco in un accordo 50/50 tra 2 giocatori non è possibile prevedere quali ciclo di maggioranze

9 Economia Scelte Pubbliche Cicli di Condorcet Condorcet (1785) scoprì che la maggioranza semplice può produrre cicli Ciclo di Condorcet è una decisione che dipende da sequenza con cui alternative sono messe in votazione risultato è arbitrario Figura 3.2 illustra un caso di ciclo

10 Economia Scelte Pubbliche Tabella delle preferenze VotantePreferenza 1 Preferenza 2 Preferenza 3 1XYZ 2ZXY 3YZX

11 Economia Scelte Pubbliche Illustrazione del ciclo Tra X e Y prevale X; tra X e Z prevale Z; ma tra Z e Y prevale Y ciclo Z emerge se si inizia da X e Y X emerge se si inizia da Z e Y Y emerge se si inizia da X e Z Maggioranza non può scegliere un vincitore di Condorcet in maniera non arbitraria Vincitore dipende da chi sceglie sequenza di votazioni agenda setter una regola dittatoriale Teorema di McKelvey (1976) Potere di agenda setter notevole Maggioranze cicliche creano incentivo per assicurarsi potere di agenda

12 Economia Scelte Pubbliche Cause del ciclo Se X Y Z sono quantità di BP ordinate su una dimensione, ciclo nasce perché V2 ha preferenze a 2 picchi (tutto o niente) Se preferenze di V2 fossero a 1 picco niente ciclo La frequenza di preferenze tutto o niente non è trascurabile Es. Guerra in Irak: meglio o non farla, o se si inizia andare fino in fondo e stabilizzare il paese Se esistono più di 1 dimensione preferenze a 2 picchi diventano la regola 2 dimensioni sono: 1) quanta spesa pubblica avere e 2) come finanziarla

13 Economia Scelte Pubbliche Teorema dellelettore mediano Black (1948): maggioranza semplice produce una scelta di equilibrio se Preferenze a picco unico (massimo globale) Decisioni ordinabili su 1 dimensione Figura 3.3 illustra MV con 5 elettori V3, V4 e V5 preferiscono m su ogni altra proposta di offrire meno V1, V2, V3 preferiscono m su ogni altra proposta di offrire di più m – il bliss point di V3, lelettore mediano – prevale in equilibrio MV non può perdere divide una distribuzione di frequenza in 2 parti uguali il suo schieramento fa diventare una di queste due parti la maggioranza

14 Economia Scelte Pubbliche Restrizione di Plott Se la scelta ha 2 dimensioni restrizione di Plott (1967) Equilibrio di maggioranza semplice esiste se è un massimo per 1 individuo e tutti gli altri possono essere divisi in coppie rispetto alle quali lindividuo si trova sempre in posizione mediana Figure illustrano la logica della restrizione di Plott

15 Economia Scelte Pubbliche Illustrazione della restrizione di Plott - 1 Figura 3.4; scelta bidimensionale (x1-x2); A è il bliss point di curve di indifferenza euclidee Ua A non può perdere rispetto a qualunque altra alternativa Figura 3.5 comitato a 2 (A e B) AB è la curva dei contratti qualunque punto su AB domina qualunque punto al di fuori Dominanza e Pareto efficienza sono concetti analoghi non esiste un solo punto dominante, come previsto dalle proprietà della curva dei contratti

16 Economia Scelte Pubbliche Illustrazione della restrizione di Plott - 2 Figura 3.6 comitato di 3 (A, B e C) 3 insiemi di Pareto: AB, BC e AC Nessun punto è comune ai 3 insiemi non esiste un equilibrio a maggioranza non si sa quale dei 3 insiemi prevale Area ABC (e perimetro) sono insieme di Pareto se regola è unanimità quale punto in ABC è indeterminato, ma se se ne raggiunge uno, è lequilibrio (tirannia dello status quo)

17 Economia Scelte Pubbliche Illustrazione della restrizione di Plott - 3 Figura 3.7 bliss point del 3° membro cade su AB la scelta tra x1 e x2 diventa ad una dimensione (segmento AB) si può applicare il MV (punto E) Interessi di A e B diametricalmente opposti rispetto a quello di MV

18 Economia Scelte Pubbliche Illustrazione della restrizione di Plott - 4 Se punti ideali di altri 2 individui (comitato di 5) non sono su AB ma lo intersecano in E equilibrio di maggioranza esiste in E (figura 3.8) 6 insiemi di Pareto Triangoli AEG, AEF, FEB, BEG; Linee AEB e GEF 6 insiemi hanno un punto in comune E E è equilibrio perché gli interessi di ciascuna coppia di membri sono contrapposti e E è mediano Lequilibrio rimane in E fino a che si aggiungono coppie rispetto alle quali E è mediano Applicazione di una concezione più generale di MV: qualunque linea che passi per E (es. ww; zz) divide il piano in modo da lasciare 2 individui sopra e 2 sotto E mediano (figura 3.9)

19 Economia Scelte Pubbliche Logrolling MWC predice che 51% ridistribuisce risorse del 49% a proprio favore Gran parte delle decisioni parlamentari hanno profili ridistribuivi + spinti: leggi ad personam, redistribuzioni 1/n passano a maggioranza Inoltre il voto non registra intensità delle preferenze sistema inefficiente di rivelazione delle preferenze Logrolling (scambio di voti) spiega redistribuzioni spinte come risultato di uno scambio di voti motivato dalla diversità delle intensità delle preferenze circa i progetti sottoposti a votazione Tendenza allo scambio di mercato si manifesta anche in politica conferma dellimpostazione di fondo della public choice

20 Economia Scelte Pubbliche Logrolling welfare enhancing votantiXYSaldo votante A-2 -4 B5-23 C 53 Saldo collettività 11

21 Economia Scelte Pubbliche Funzionamento dello scambio Se votati separatamente (es. referendum) né X né Y passerebbero a maggioranza Diversa intensità di preferenze (saggi marginali di sostituzione diversi) creano guadagni dallo scambio B vota per Y in cambio di voto di C per X Scambio di voto tra B e C motivato da diversità di intensità di preferenze se i 5 sono sostituititi da 2 non ci sono incentivi a scambiare Logrolling vietato, ma sempre esistito in chiave informale (baratto) Logrolling sembra incrementare benessere netto collettività

22 Economia Scelte Pubbliche Logrolling non welfare enhancing votantiXYSaldo votante A-2 -4 B3-21 C 31 Saldo collettività

23 Economia Scelte Pubbliche Logrolling come fluidificante Nel precedente esempio benessere netto della collettività negativo Logrolling fa passare X e Y lo stesso gli scambi dipendono dalle intensità di preferenza relative dei votanti Logrolling fluidifica processo decisionale a maggioranza meccanismo di rivelazione delle preferenze in presenza di BP Logrolling non seleziona le decisioni in base alle loro proprieta di benessere

24 Economia Scelte Pubbliche Valutazione del logrolling Tullock (1959): maggioranza con logrolling produce eccesso di spesa pubblica rispetto al livello efficiente (crescita del governo) Incentivi a sfruttare i guadagni dallo scambio modifica istituzioni e natura delle scelte democratiche Istituzioni sessioni di bilancio, bicameralismo perfetto Natura delle scelte commistione tra BP e bp nei pacchetti di scelte sottoposte a votazione; BP ricevono approvazione della maggioranza, bp generalmente no Stratmann (1992) fornisce evidenza empirica di logrolling in Congresso USA; Elvik (1995) in parlamento norvegese vedi Mueller (2003)

25 Economia Scelte Pubbliche Perché tanta stabilità? Tullock (1981) pone il quesito Possibili spiegazioni Agenda setter (già visto) Regole decisionali escludono la prova del 9 dopo X-Y e Y-Z non si vota su X-Z (Roberts Rules of Order) Questioni unidimensionali Si vota una dimensione alla volta Logrolling

26 Economia Scelte Pubbliche Questioni unidimensionali Diversità di questioni discusse in un comitato rende la possibilità di cicli virtualmente infinita Molte questioni sono però correlate ideologia le raggruppa in pacchetti destra- sinistra o Progressista-conservatore pacchetti ideologici sono unidimensionali Poole e Rosenthal (1985, 1991) usano analisi fattoriale per verificare se decisioni rientrano in pacchetti ideologici 80% sono correlati in maniera prevedibile MV applicabile 20% restante basta a non escludere cicli

27 Economia Scelte Pubbliche Si vota una dimensione alla volta Se in uno spazio bidimensionale si decide una dimensione alla volta MV applicabile Figura 3.10: X1 quanto BP e X2 come finanziarlo ciclo Se X2 fissato inizialmente a X2° A è il MV rispetto a X1 si sceglie X1m Fissato X1m, B è il MV rispetto a X2 si sceglie X2m In questo modo niente ciclo, MV applicabile, ma lequilibrio potrebbe non essere Pareto ottimale i Pareto sets di X1 e X2 non coincidono si potrebbe avere una soluzione esterna al Pareto set di X1 o X2

28 Economia Scelte Pubbliche Equilibiri di logrolling Logrolling può limitare cicli Se una coppia ha avuto uno scambio di voti con succeso nasce fiducia più probabile che faccia un altro scambio piuttosto che cambiare coppia logrolling crea stabilità nelle decisioni

29 Economia Scelte Pubbliche Analisi empirica di stabilità Stabilità o cicli? In ultima analisi è una questione empirica Data la natura della questione, la verifica empirica è difficile Molte decisioni redistributive accontentano sequenzialmente tutti universalismo partiti preferiscono accontentare tutti piuttosto che trovarsi fuori da MWC o vivere lincertezza dei cicli In questo modo il numero di decisioni è molto elevato e la pressione fiscale pure


Scaricare ppt "Economia Scelte Pubbliche - 20051 Democrazia e maggioranza semplice Lezione 3."

Presentazioni simili


Annunci Google