La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Risposta fisiologica allesercizio acuto nellanziano Facoltà di scienze motorie Università degli studi di verona Corso di laurea speciclistica in scienze.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Risposta fisiologica allesercizio acuto nellanziano Facoltà di scienze motorie Università degli studi di verona Corso di laurea speciclistica in scienze."— Transcript della presentazione:

1 Risposta fisiologica allesercizio acuto nellanziano Facoltà di scienze motorie Università degli studi di verona Corso di laurea speciclistica in scienze dellattività motoria preventiva ed adattata

2 Funzionalità massimale Risposta alla transizione metabolica (cinetica)

3 CONSUMO DI OSSIGENO determinanti fisiologici VO 2 = Q * (CaO 2 - CvO 2 ) Q = FC * GpQ = FC * Gp CaO 2 = [Hb] * 1,34 * SaO 2CaO 2 = [Hb] * 1,34 * SaO 2 CvO 2 = [Hb] * 1,34 * SvO 2CvO 2 = [Hb] * 1,34 * SvO 2... _ __ Funzionalità massimale

4 Funzionalità massimale VO2 = Q * (CaO2 - CvO2)

5 riserva funzionale Funzionalità massimale VO2 = Q * (CaO2 - CvO2)

6 Gp = P / R Precarico contrattilità postcarico Funzionalità massimale VO2 = Q * (CaO2 - CvO2)

7 massimale Funzionalità massimale VO2 = Q * (CaO2 - CvO2)

8

9 atmosfera mitocondri capillari alveoli aria arterie tessuti ventilazione - Diffusione - VA/Q shunt Funzionalità massimale VO2 = Q * (CaO2 - CvO2)

10 HbO 2 Hb Lunghezza donda (nm) Assorbanza (unità arbitrarie) Spetroscopia nel quasi-infrarosso, NIRS

11

12 luce Percorso della luce rilevata rilevatoreemettitore Sensore NIRS cute e sottocute muscolo

13

14

15

16 Ampiezza ischemia

17

18 massimale

19 Andamento della deossigenazione muscolare in funzione dellintensità dello sforzo in giovani sedentari sani ed in pazienti affetti da miopatia mitocondriale (in alto) e malattia di McArdle (in basso).

20 ATP ADP + P 1 + Energia 1) meccanismo anaerobico alattacido 2) meccanismo anaerobico lattacido 3) meccanismo aerobico Risposta alla transizione metabolica (cinetica)

21

22

23

24

25 TD TD 3 Risposta alla transizione metabolica (cinetica)

26

27

28

29

30

31

32

33 Nota la relazione individuale FC/VO 2 è possibile: stimare VO 2 max con dati sottomassimali calcolare la FC per carichi non testati calcolare costo energetico nota la FC

34

35 FC (b/min) VO 2 (l/min) composizione dellaria ora del giorno idratazione composizione della dieta distanza dal pasto temperatura ambiente umidità relativa tipo di esercizio sonno pressione barometrica costante relazione individuale FC/VO 2

36 TD p p p TD s

37

38 Risposta adattativa allesercizio fisico cronico nellanziano Facoltà di scienze motorie Università degli studi di verona Corso di laurea speciclistica in scienze dellattività motoria preventiva ed adattata

39 Linvecchiamento comporta un aumento di incidenza di malattie cronico-degenerative: obesità diabete ipertensione arteriosa cardiopatia ischemica arteriosclerosi

40 sedentari allenati

41 Mediante: aumento del VO 2max diminuzione della FC fitness metabolica fitness aerobica Lesercizio aerobico è in grado di: prevenire la comparsa della malattia (prevenzione primaria) ridurre i danni da malattia (prevenzione secondaria) contenimento del peso corporeo contenimento della % di grasso corporeo miglioramento del profilo lipidico ematico miglioramento del controllo glicemico diminuzione della pressione arteriosa

42 Quale e quanta attività fisica? per migliorare la fitness aerobica per promuovere la salute nei soggetti di età avanzata

43 Quale esercizio? tale da consentire una sufficiente intensità (attenzione a sport tecnici) a basso impatto articolare (infortuni acuti e sovraccarico) da svolgere in compagnia (riduce abbandono e migliora continuità) non strutturate, da inserire in routine quotidiana

44 dose benefici dose giovanianziani Quanto esercizio?

45 dose benefici dose giovanianziani danni Quanto esercizio?

46 Definiscono il volume dellallenamento: durata della seduta frequenza settimanale durata dellallenamento intensità della seduta 30 min (continui/discontinui) 3 v (fitness aerobica), 7 v (fitness metabolica) 9-12 settimane intensa (f. a.), moderata (f. m.) Come si determina lintensità di un esercizio?

47 misurazione diretta del VO 2 stima indiretta basata sulla FC scala di autovalutazione

48 Stima indiretta basata su FC assume: misura del VO 2 o costo energetico costante costante relazione individuale FC/VO 2 stima accurata della FC max 5 50 Time (min) workload (W) Protocollo schematico del test: determinazione della FC ad equilibrio misura o stima del VO 2 (VO 2 (l/min)= *W)

49

50

51

52

53

54 misura del VO 2 o costo energetico costante VO 2 (l*min -1 )= (W) variabilità tra soggetti: 4-5%

55 soggetto 1: y=70+0.4(x) soggetto 2: y=60+0.3(x) costante relazione individuale FC/VO 2

56 FC (b/min) VO 2 (l/min) composizione dellaria ora del giorno idratazione composizione della dieta distanza dal pasto temperatura ambiente umidità relativa tipo di esercizio sonno pressione barometrica costante relazione individuale FC/VO 2

57 Conoscere la relazione individuale FC/VO 2 consente di: stimare il costo energetico di carichi intermedi stimare il costo energetico di altre attività stimare il VO 2 max

58 Stima accurata di FC max From: Age-predicted HR max revisited Tanaka et al., J Am Coll Cardiol, 37(1): 153-6, 2001

59 HR max (b/min)=220-age (yrs) HR max (b/min)=208-(0.8*age) accurate estimation of HR max

60 Scala di Borg o RPE (rate of perceived exhertion): molto, molto leggero molto leggero piuttosto leggero leggermente faticoso faticoso molto faticoso molto, molto faticoso 20 faticosissimo

61 Linee guida American College of Sports Medicine (ACSM) per la prescrizione dellattività fisica nellanziano scopo frequenza intensita durata tipo miglioramento fitness aerobica 3-5 gg/sett Intensa (14-15 RPE) 60-90% FC max min Attività aerobiche con grandi gruppi muscolari: nuoto, corsa, bici promozione salute 6-7 gg/sett Moderata (10-11 RPE) 55-70% FC max 30 min, anche discontinuo Qualunque attività di intensità pari a cammino veloce (4 MET)

62 Effect of two training modalities on exercise tolerance in the elderly Balestrieri F. 1, Pogliaghi S. 1, Terziotti P. 2, Cevese A. 2, Schena F. 1 1 CeBiSM, Università degli Studi di Trento, Italy 2 Facoltà di Scienze Motorie, Università degli Studi di Verona, Italy

63 Methods: Subjects: 24 healthy sedentaries (19 M, 5 F; 66.2±.4 yr; 72.9±8.8 kg) were randomly divided into three groups of equal number: ARM: arm cranking 12-week supervised training (30 min, 3 times/week) CYC: cycloergometry 12-week supervised training (30 min, 3 times/week) C: control groupe, continued their habitual lifestyle for 12 weeks Protocol: Before and after the observation period, all subjects performed two incremental tests to exhaustion: arm cranking ergometer (ARM test) cycle ergometer (CYC test) (5-min warm-up at 40 and 50 W, followed by 5 and 10 W/min increments for ARM and CYC tests respectively) Measures: respiratory variables were measured breath by breath and heart rate (HR) was continuosly recorded. W peak, VO 2peak, ventilation (VE peak ), oxygen pulse (O 2 P peak ) and HR peak were calculated as the average of the last 10s of exercise.

64 week training, 3 times /week

65

66 Training disign: VT identification during incremental test HR corresponding to VT using steady-state tests, translate HR VT in W VT calculate W 90%VT and W 110%VT every 2 weeks revise the HR/W relationship

67 inizio allenamento dopo 4 sett

68

69

70 * * * * § § § § § §

71

72 Conclusions: Our data suggest that a 12-week CYC (large muscle masses) and ARM (smaller muscle masses) training have a similar potential to increase hetero-ergometer exercise tolerance by 10 % (aspecific effect). Similarly, both ARM and CYC training increase homeo- ergometer exercise capacity by % (specific effect).

73


Scaricare ppt "Risposta fisiologica allesercizio acuto nellanziano Facoltà di scienze motorie Università degli studi di verona Corso di laurea speciclistica in scienze."

Presentazioni simili


Annunci Google