La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LATOMO E I QUANTI DI ENERGIA b Relazione di Elisa Colombo, Chiara Esposti, Chiara Ferrari, Francesca Gallina, Rosa Marchetti, Stefano Ponzoni, Laura Riva,

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LATOMO E I QUANTI DI ENERGIA b Relazione di Elisa Colombo, Chiara Esposti, Chiara Ferrari, Francesca Gallina, Rosa Marchetti, Stefano Ponzoni, Laura Riva,"— Transcript della presentazione:

1 LATOMO E I QUANTI DI ENERGIA b Relazione di Elisa Colombo, Chiara Esposti, Chiara Ferrari, Francesca Gallina, Rosa Marchetti, Stefano Ponzoni, Laura Riva, Michele Scotti, Martina Siena, Marco Travagliati. Elisa Colombo, Chiara Esposti, Chiara Ferrari, Francesca Gallina, Rosa Marchetti, Stefano Ponzoni, Laura Riva, Michele Scotti, Martina Siena, Marco Travagliati.

2 I PRIMORDI DELLATOMO b Sebbene il concetto di atomo fosse già noto anche nei secoli precedenti lottocento, tuttavia il suo studio rientrava più nelle competenze della filosofia. Ricordiamo, infatti, le teorie di Democrito e Leucippo, fondatori della scuola atomista, o successivamente quelle epicuree. Infatti la fisica classica si concentrò per lo più sullo studio della dinamica e della cinematica, utilizzando modelli macroscopici e non soffermandosi su esperimenti tesi a dimostrare lesistenza dellatomo e della sua struttura.

3 LA CRISI DELLA FISICA CLASSICA b Con laprirsi di alcune crepe nel sistema della fisica classica, che non riusciva a spiegare fenomeni come la radioattività o il secondo principio della termodinamica, si avvertì lesigenza di indirizzare la sperimentazione verso modelli microscopici, con i quali studiare lessenza particellare della natura e verificare lesistenza di unità subatomiche costituenti la materia.

4 EVOLUZIONE DEL CONCETTO DI ATOMO b La prima disputa si aprì tra i laboratori di Thomson ed Hertz : riscontrando fenomeni di luminescenza in un esperimento realizzato con un tubo sigillato contenente gas al quale è stata applicata una determinata differenza di potenziale, sono state formulate due teorie discordanti. Secondo Thomson si trattava di un flusso di particelle materiali, mentre Hertz sosteneva fossero raggi. Prevalse la prima teoria.

5 IL MODELLO DI THOMPSON b Una seconda disputa si aprì nuovamente tra la stessa teoria di Thomson e quella elaborata da Rutherford a proposito della struttura atomica per giustificarne la neutralità e la stabilità. Il modello di Thomson, noto come a panettone, prevedeva che la carica positiva si trovasse distribuita allinterno dellatomo come in una nube.

6 IL MODELLO DI RUTHERFORD b Rutherford sosteneva che la carica positiva fosse concentrata interamente nel centro dellatomo e che gli elettroni descrivessero attorno ad esso traiettorie ellittiche. Grazie alla rilevazione del fenomeno del back-scattering e, solo pochi anni più tardi, alla prima memoria di Bohr, questo modello è stato qualificato come il più attendibile.

7 IL MODELLO DI BOHR b Bohr perfeziona il modello di Rutherford il cui grande limite riguardava il movimento disordinato degli elettroni, che avrebbero dovuto progressivamente avvicinarsi al nucleo positivo, sino ad annullarsi. Secondo la nuova teoria di Bohr questi si muovevano lungo orbite stazionarie non emettendo energia.

8 Breve scheda su Thomson b b Nel 1897, J. J. Thomson dimostrò che i raggi sconosciuti presenti nel catodo erano particelle cariche negativamente - egli aveva scoperto gli elettroni. Nello stesso anno egli calcolò il rapporto tra la carica e la massa dellelettrone (e/m) determinando la prima misura di una costante fondamentale.

9 Introduzione allesperimento b Lesperimento di Thomson si inserisce nel dibattito di fine ottocento volto a determinare la natura e le proprietà della materia. Thomson determina il rapporto e/m di una particella che verrà definita elettrone aprendo la strada a successivi studi sulla materia in grado di spiegare talune contraddizioni emerse dagli studi degli scienziati della fisica classica.

10 Strumentazione b Ampolla di vetro con elio a bassa pressione b Catodo riscaldato b Anodo forato b Bobine di Helmholtz b Indice graduato riflettente

11 Descrizione dellesperimento b Allinterno dellampolla viene immesso elio a bassa pressione quindi rarefatto b Il catodo viene riscaldato e gli elettroni della placca metallica vengono liberati e si crea un campo elettrico. Gli elettroni quindi escono dallanodo forato. b Viene fornita corrente continua alle due bobine e si crea un campo magnetico uniforme perpendicolare alla traiettoria del fascio di elettroni. b Per effetto della forza di Lorentz gli elettroni vengono deviati dal campo magnetico descrivendo una circonferenza.

12 Dati Tensione costante Intensità costante

13 Come calcolare e/m

14 ESPERIENZA DI RUTHERFORD Scopo dellesperienza Studiare la struttura interna dell'atomo: conferma del modello planetario di Rutherford. Modello di Rutherford a) la carica positiva è concentrata nel nucleo atomico di dimensioni ridotte rispetto al volume occupato dallatomo e di elevata densità b) le cariche negative ruotano su orbite esterne al nucleo Modello di Thomson a)latomo viene considerato come una nube atomica con carica positiva distribuita in modo continuo sullintero volume b)allinterno di tale regione si muovono le cariche negative

15 ESPERIENZA DI RUTHERFORD Materiale utilizzato Apparato sperimentale costituito da una camera a vuoto contenente una sorgente di particelle indirizzata contro la lamina doro. Alla superficie superiore della camera è collegato il rilevatore di particelle a semiconduttore in grado di ruotare a diverse angolazioni.

16 ESPERIENZA DI RUTHERFORD Prova n°1: risultati sperimentali

17 ESPERIENZA DI RUTHERFORD Prova n°2: risultati sperimentali

18 ESPERIENZA DI RUTHERFORD

19 Conclusioni ed osservazioni Abbiamo verificato che per angoli di ampiezza superiore a 12°30 i risultati sono compatibili con la relazione di Rutherford. n( ) = C (sen 4 /2 ) -1 Risulta inaccettabile il modello di Thomson in quanto è stato osservato il fenomeno di back-scattering.

20 SPETTRI DI EMISSIONE Strumentazione: Strumentazione: b Lampada al mercurio b Focalizzatori b Reticolo di diffrazione b Sensori

21 LESPERIMENTO Descrizione: la radiazione luminosa della lampada a mercurio produce, una volta diffratta, uno spettro di righe colorate.

22 SIMMETRIA

23 FENDITURE Confronto tra diverse fenditure: fenditura più piccola = minor intensitàfenditura più piccola = minor intensità fenditura più grande = maggior numero di picchifenditura più grande = maggior numero di picchi

24 NEON VS MERCURIO

25 MODELLO ATOMICO DI BOHR Lidea di atomo: fisica classica + 2 ipotesi POSTULATI DI BOHR Le orbite stazionarie sono caratterizzate da un momento angolare dellelettrone uguale a un multiplo intero della costante di Planck L = n h/2 La transizione di un elettrone tra orbite stazionarie è accompagnata dallemissione di radiazione la cui frequenza n è legata allenergia iniziale E 1 e a quella finale E 2 dalla relazione E 2 - E 1 = h

26 Gli spettri Se si fornisce energia ad un elettrone, questo è in grado di emettere, sotto forma di radiazione luminosa, questa stessa energia, tornando nel suo stato fondamentale. Gli spettri Già noti ma non completamente spiegabili con la fisica classica La serie di Balmer 1/ = R (1/4 - 1/n 2 ) GENERALIZZATA R (1/m 2 - 1/n 2 )


Scaricare ppt "LATOMO E I QUANTI DI ENERGIA b Relazione di Elisa Colombo, Chiara Esposti, Chiara Ferrari, Francesca Gallina, Rosa Marchetti, Stefano Ponzoni, Laura Riva,"

Presentazioni simili


Annunci Google