La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Classe 4 LT A A.S. 2004/2005 Liceo Scientifico Tecnologico Statale Leonardo Da Vinci – Lanciano (CH)

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Classe 4 LT A A.S. 2004/2005 Liceo Scientifico Tecnologico Statale Leonardo Da Vinci – Lanciano (CH)"— Transcript della presentazione:

1 Classe 4 LT A A.S. 2004/2005 Liceo Scientifico Tecnologico Statale Leonardo Da Vinci – Lanciano (CH)

2 Classe 4 LT A A.S. 2004/2005 Liceo Scientifico Tecnologico Statale Leonardo Da Vinci – Lanciano (CH) Il tasso di occupazione nel mondo del lavoro può essere calcolato attraverso alcuni parametri statistici: T asso di disoccupazione (rapporto tra il numero di disoccupati e il totale della forza lavoro); T asso di occupazione (rapporto tra il numero degli occupati e la popolazione totale); T asso di attività (rapporto tra le forze di lavoro e il totale della popolazione). MERCATO DEL LAVORO Possiamo suddividere la disoccupazione in diverse forme: C ongiunturale (Ciclica): è dovuta al ciclo delleconomia depressione-boom; F rizionale (Fisiologica): è dovuta agli aggiustamenti del mercato del lavoro e ai movimenti che avvengono nello stesso; S trutturale (Tecnologica): è dovuta a cambiamenti della struttura delleconomia. Dinamica delloccupazione (miglia di persone; dati destagionalizzati) Dinamica della disoccupazione (miglia di persone; dati destagionalizzati)

3 Classe 4 LT A A.S. 2004/2005 Liceo Scientifico Tecnologico Statale Leonardo Da Vinci – Lanciano (CH) Allo stesso modo anche le cause sono diversificate: S trutturale: il settore interessato deve sopportare costi troppo alti che lo escludono dal mercato; C ongiunturale: la domanda diminuisce a causa di una recessione economica; N ormativa: la rigidità dei salari non è adeguata alle condizioni del mercato; L abour Mismatch: gli squilibri territoriali e di figure professionali portano ad una differenza tra domanda e offerta di lavoro. Germania Francia Italia Regno Unito Belgio Danimarca Grecia Irlanda Olanda Portogallo Spagna Svezia USA Canada Giappone 0,4 1,4 4,8 1,7 2,2 1,5 5,3 5,1 0,4 1,8 2,3 1,3 5,7 6,0 1,4 6,3 10,1 11,6 9,6 11,0 8,5 7,5 16,9 8,7 7,1 20,0 1,9 6,2 8,2 2,6 7,9 9,5 10,6 5,5 7,0 4,7 11,1 4,2 2,7 4,2 14,1 5,9 4,2 9,4 4,7 PaeseMedia Media Tassi di disoccupazione in diversi paesi

4 Classe 4 LT A A.S. 2004/2005 Liceo Scientifico Tecnologico Statale Leonardo Da Vinci – Lanciano (CH) I rimedi per contrastare laumento del tasso di disoccupazione sono: A umento della domanda globale: investimenti pubblici per aumentare la domanda aggregata; I ncentivi alle imprese: creazione di ambienti favorevoli (agevolazione alle imprese capital-serving, aumento della flessibilità nel lavoro, riduzione degli oneri sociali, dialogo industria-ricerca, creazione miglior quadro legislativo); F ormazione Professionale: miglioramenti nella formazione professionale, nella conoscenza delleconomia e nel sistema di formazione permanente; I nterventi nel Mercato del Lavoro: rendere efficiente il mercato favorendo lincontro tra domanda e offerta in un quadro definito di leggi; C ollocamento e Orientamento: reperimento di figure professionali (predisposizione norme sul collocamento, orientamento per i giovani, incentivi spostamento lavoratori). Diversi economisti hanno teorizzato le cause della disoccupazione: K eynesiana: la domanda del lavoro non dipende dai salari ma dalla prospettiva di vendita sul mercato; la disoccupazione è quindi involontaria, e per porvi rimedio bisogna favorire gli investimenti, attuare le agevolazioni fiscali e aumentare loccupazione attraverso la spesa pubblica; e quindi determinante lintervento dello stato; M onetarista: lincontro tra la domanda e lofferta di lavoro determina il salario; la disoccupazione quindi è dovuta solo allazione dei sindacati che mantengono i salari al disopra del livello di equilibrio, lintervento dello stato è controproducente in quanto il sistema tende spontaneamente allequilibrio.

5 Classe 4 LT A A.S. 2004/2005 Liceo Scientifico Tecnologico Statale Leonardo Da Vinci – Lanciano (CH) Diminuzione delle imposte Aumenta il risparmio Aumenta il reddito Aumenta la domanda Aumentano gli investimenti Aumenta la produzione Aumentano le entrate fiscali Aumenta loccupazione Economia dellofferta:

6 Classe 4 LT A A.S. 2004/2005 Liceo Scientifico Tecnologico Statale Leonardo Da Vinci – Lanciano (CH) Il rapporto di lavoro subordinato L 'erogazione da parte del lavoratore delle proprie energie lavorative; L 'inserimento continuativo del lavoratore nell'impresa in posizione di dipendenza; I l diritto del lavoratore subordinato di percepire la retribuzione corrispettiva della forza lavoro. L a mancanza di inserimento del lavoratore nell'impresa, quindi la sua collaborazione non è necessariamente continuativa; L a mancanza di dipendenza gerarchica ; l 'oggetto del contratto non è l'erogazione della forza lavoro, ma è il risultato finale dell'opera o del servizio. E' prestatore di lavoro subordinato chi si obbliga, in cambio di una retribuzione, a collaborare nell'impresa prestando il proprio lavoro, intellettuale o manuale, alle dipendenze e sotto la direzione dell'imprenditore. Le caratteristiche generali del contratto di lavoro subordinato sono le seguenti: Il contratto di lavoro subordinato si differenzia dal contratto di lavoro autonomo, o contratto d'opera, per le seguenti caratteristiche:

7 Classe 4 LT A A.S. 2004/2005 Liceo Scientifico Tecnologico Statale Leonardo Da Vinci – Lanciano (CH) continuità energie lavorative mezzi di produzione del datore di lavoro orario stabilito retribuzione periodica a prescindere dall'utilità del lavoro rischio economico gravante sul datore di lavoro occasionalità risvolto finale mezzi di produzione propri del prestatore orario flessibile retribuzione a raggiungimento del risultato richiesto, ed in proporzione a questo rischio economico gravante sul lavoratore Le caratteristiche generali del contratto di lavoro subordinato sono le seguenti: CONTRATTO DI LAVORO SUBORDINATOCONTRATTO DI LAVORO AUTONOMO Nel lavoro subordinato, tra datore di lavoro e lavoratore, esiste un forte squilibrio contrattuale, infatti il lavoratore rappresenta il contraente debole. Ciò ha determinato l'emanazione di una serie di norme poste a tutela dei diritti del lavoratore subordinato. Si tratta di norme speciali che prevalgono sulle condizioni contrattuali precedentemente stipulate dalle parti interessate, e che anzi devono obbligatoriamente essere rispettate dai datori di lavoro. Il diritto del lavoro sancisce i principi e le norme poste a protezione del lavoratore subordinato, e le maggiori fonti normative di esso sono: L a Costituzione; I l Codice civile e le leggi speciali; I contratti collettivi e i contratti individuali.

8 Classe 4 LT A A.S. 2004/2005 Liceo Scientifico Tecnologico Statale Leonardo Da Vinci – Lanciano (CH) PRINCIPI FONDAMENTALI PRINCIPI SPECIFICI REPUBBLICA FONDATA SUL LAVORO (art. 1) DIRITTO AL LAVORO RICONOSCIUTO AI CITTADINI (art. 4) DIRITTO ALLA RETRIBUZIONE (art. 36) Proporzionata Sufficiente A Tempo A Cottimo Mista DIRITTO DI SCIOPERO (art. 40) Astensione volontaria dal lavoro Comunque tutelando la collettività Servizi pubblici essenziali Preavviso Durata massima Prestazioni Indispensabili Precettazione Sanzioni Commissione di garanzia Codici di autoregolamentazione Legge sullo sciopero DIRITTO DI SINDACATO (art. 39) Libertà di costituire associazioni sindacali Diritto di ogni lavoratore ad associarsi Settore rappresentato e territorio Confederazione unitaria Sindacati autonomi Difendono i diritti a livello individuale Difendono i diritti a livello collettivo TUTELA DEL LAVORO FEMMINILE E MINORILE (art. 37) SISTEMA DI ASSISTENZA E PREVIDENZA SOCIALE (art. 40) DIRITTO AL LAVORO Associazioni non riconosciute I PRINCIPI COSTITUZIONALI DEL DIRITTO DEL LAVORO

9 Classe 4 LT A A.S. 2004/2005 Liceo Scientifico Tecnologico Statale Leonardo Da Vinci – Lanciano (CH) ALTRE FONTI NORMATIVE DEL DIRITTO DEL LAVORO CODICE CIVILE LEGGI SPECIALI Derogano o integrano il Codice civile Legge sullapprendistato Legge sulla tutela del lavoro domestico Legge sul contratto di lavoro determinato Legge sul lavoro dei minori Legge sul lavoro delle donne Legge sulla libertà e dignità dei lavoratori e sulla libertà di attività sindacale. Questultima legge sancisce una serie di principi fondamentali tanto da essere conosciuta come Statuto dei Lavoratori. ALTRE FONTI NORMATIVE DEL DIRITTO DEL LAVORO

10 Classe 4 LT A A.S. 2004/2005 Liceo Scientifico Tecnologico Statale Leonardo Da Vinci – Lanciano (CH) CONTRAT TI COLLETTI VI INDIVIDUA LI Accordi sottoscritti dalle organizzazioni sindacali dei lavoratori e dalle corrispondenti associazioni dei datori di lavoro Contratti stipulati direttamente dal lavoratore e dal suo datore Parte economica Parte normativa Trattamento retributivo Modalità della prestazione lavorativa Subordinati Alle condizioni stabilite dai contratti collettivi Alle leggi speciali I contratti collettivi, efficaci nei confronti di tutti gli aderenti ai sindacati, rappresentano le condizioni minime da rispettare per un accordo lavorativo. I CONTRATTI I contratti stipulabili tra datore di lavoro e lavoratore sono essenzialmente di due tipi collettivi e individuali, ne riassumiamo nel seguente schema le caratteristiche fondamentali:

11 Classe 4 LT A A.S. 2004/2005 Liceo Scientifico Tecnologico Statale Leonardo Da Vinci – Lanciano (CH) Realizzazione grafica e multimediale di: Mascitti Marco Elaborazione dei contenuti di: Di Florio Lia Caporale Francesca Con la collaborazione di: Cannone Andrea Conti Antonio Di Menno Di Bucchianico Lorena Scimia Marco Spagnuolo Alessandra Salino Chiara Di Franco Michele Scaglione Giuseppe Dalessandro Luana Celenza Martina Carozza Luigi Di Crisci Matteo Corvino Giuseppe Progetto a cura della: prof.ssa Rosamaria Di Loreto


Scaricare ppt "Classe 4 LT A A.S. 2004/2005 Liceo Scientifico Tecnologico Statale Leonardo Da Vinci – Lanciano (CH)"

Presentazioni simili


Annunci Google