La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Copyright © 2009 Zanichelli editore Unità 3 La teoria microscopica della materia.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Copyright © 2009 Zanichelli editore Unità 3 La teoria microscopica della materia."— Transcript della presentazione:

1 Copyright © 2009 Zanichelli editore Unità 3 La teoria microscopica della materia

2 Copyright © 2009 Zanichelli editore 1. Il moto browniano Nel 1827 R. Brown osservò il moto irregolare di un granello di polline nell'acqua. Il moto del granello di polvere (visibile al microscopio) indica che l'acqua è composta da grani invisibili, in continuo moto: le molecole.

3 Copyright © 2009 Zanichelli editore Il moto browniano Il moto browniano è dovuto agli urti con le molecole d'acqua, che sono in continua agitazione. Esempi di moto browniano:

4 Copyright © 2009 Zanichelli editore 2. La pressione del gas perfetto Il moto browniano permette di costruire un modello del gas perfetto, in cui: le forze di attrazione molecolare sono praticamente nulle (il gas deve essere rarefatto); le molecole si muovono continuamente e disordinatamente (agitazione termica); le molecole urtano in modo elastico contro le pareti del recipiente che le contiene.

5 Copyright © 2009 Zanichelli editore La pressione del gas perfetto In condizioni normali, l'aria si comporta da gas perfetto (78% azoto e 22% ossigeno)

6 Copyright © 2009 Zanichelli editore La pressione del gas perfetto Poiché le molecole sono tantissime (10 22 in 1 g di aria) per descrivere il loro moto si usano le grandezze macroscopiche: p, V, T. Il modello del gas perfetto consente di: calcolare le grandezze macroscopiche come valori medi di grandezze microscopiche relative alle singole molecole; interpretare in termini microscopici le proprietà macroscopiche dei gas.

7 Copyright © 2009 Zanichelli editore L'energia cinetica media L'energia cinetica media è la media aritmetica di tutte le energie cinetiche delle singole molecole. Ricordiamo che l'energia cinetica di una particella di massa m e velocità v è K = ½ m v 2.

8 Copyright © 2009 Zanichelli editore Interpretazione microscopica della pressione del gas perfetto La pressione è dovuta agli urti delle singole molecole del gas sulle pareti del recipiente. Con un procedimento statistico si ricava la formula per la pressione, che lega due grandezze macroscopiche (p, V) a due microscopiche (N, K):

9 Copyright © 2009 Zanichelli editore 3. La temperatura dal punto di vista microscopico Moltiplicando per V i due membri dell'equazione per la pressione si ha:. Per l'equazione di stato:, si ottiene: dove

10 Copyright © 2009 Zanichelli editore La temperatura dal punto di vista microscopico Quindi l'energia cinetica media delle molecole e la temperatura assoluta del gas perfetto sono direttamente proporzionali.

11 Copyright © 2009 Zanichelli editore La temperatura dal punto di vista microscopico La temperatura assoluta è una misura dell'energia cinetica media dei grani microscopici della materia (per esempio atomi o molecole). Una conseguenza di ciò si manifesta nel Radiometro di Crookes.

12 Copyright © 2009 Zanichelli editore La temperatura dal punto di vista microscopico Il radiometro di Crookes è una girandola, posta in un gas, le cui pale hanno una faccia nera e una argentata.

13 Copyright © 2009 Zanichelli editore L'energia cinetica delle molecole complesse Il modello di molecola puntiforme descrive correttamente i gas monoatomici (elio, neon...); per gli altri gas la formula contiene solo l'energia cinetica di traslazione.

14 Copyright © 2009 Zanichelli editore Lo zero assoluto La formula vale per l'energia cinetica media di traslazione di tutte le sostanze allo stato solido, liquido, gassoso. Poiché K media > 0, necessariamente deve essere T > 0. La temperatura di un corpo non può assumere valori negativi. Il suo valore minimo possibile è T = 0 K, per il quale K media = 0 J. Allo zero assoluto tutte le molecole sono ferme.

15 Copyright © 2009 Zanichelli editore 4. La velocità quadratica media Date N molecole di massa m e velocità v 1,v 2..v N, l'energia cinetica media di traslazione è, dove. La velocità quadratica media è definita come:

16 Copyright © 2009 Zanichelli editore La velocità quadratica media Confronto tra velocità media e velocità quadratica media: La velocità quadratica media dipende dalla temperatura del gas. Infatti si ha e perciò

17 Copyright © 2009 Zanichelli editore La velocità quadratica media Applicazione della formula ad una molecola di azoto ( ):

18 Copyright © 2009 Zanichelli editore 5. L'energia interna L'energia interna U di un sistema è l'energia complessiva di tutte le sue componenti microscopiche. L'energia interna del gas perfetto è data dalla somma delle energie cinetiche delle sue molecole, perché esse non possiedono altri tipi di energia. Nel gas reale non si può trascurare l'energia potenziale, dovuta alla forza di coesione molecolare.

19 Copyright © 2009 Zanichelli editore L'energia interna di un gas reale L'energia cinetica delle molecole di un gas reale è uguale a quella del gas perfetto nelle stesse condizioni di n, p, V, T; l'energia potenziale E pot è pari al lavoro compiuto dalle forze intermolecolari quando si disgrega il sistema, portando tutte le molecole lontane una dall'altra.

20 Copyright © 2009 Zanichelli editore L'energia interna di un gas reale poiché il lavoro delle forze intermolecolari è negativo, anche E pot < 0 ; quindi l'energia interna U di un gas reale è data dalla formula (K>0, E pot <0): questa definizione vale anche per i liquidi e i solidi.

21 Copyright © 2009 Zanichelli editore 6. Gas, liquidi e solidi Nella formula U = K + E pot : il termine K (energia cinetica) è sempre positivo e tende a disgregare il sistema; il termine E pot, di segno negativo, indica l'efficacia delle forze di attrazione che tendono a legare e ordinare il sistema. Confrontiamo le entità dei due contributi nei tre stati di aggregazione della materia: gas, liquidi e solidi.

22 Copyright © 2009 Zanichelli editore I gas Nei gas il valore assoluto di K è sempre minore di quello di E pot : L'energia interna U di un gas è sempre positiva. Le molecole sono quasi libere di muoversi: per questo motivo il gas non ha un volume proprio e tende sempre a espandersi.

23 Copyright © 2009 Zanichelli editore I liquidi Nei liquidi si ha equivalenza tra gli effetti di disordine (K) e quelli di ordine (E pot ): L'energia interna U di un liquido è circa uguale a zero. Le molecole possono scorrere le une sulle altre ma non sono libere di allontanarsi: il liquido ha un volume proprio e si adatta alla forma del recipiente.

24 Copyright © 2009 Zanichelli editore I solidi Nei solidi le forze di attrazione molecolare (E pot ) prevalgono sugli effetti di disordine (K): L'energia interna U di un solido è sempre negativa. Le molecole e gli atomi non sono liberi di muoversi, ma si legano tra loro a formare il reticolo cristallino.

25 Copyright © 2009 Zanichelli editore Il moto di agitazione termica Confronto tra le energie interne dei tre stati di aggregazione: L'energia cinetica media di traslazione (direttamente proporzionale alla temperatura assoluta) determina il moto di agitazione termica degli atomi e molecole di tutte le sostanze.

26 Copyright © 2009 Zanichelli editore Il moto di agitazione termica Le molecole dei gas e dei liquidi si muovono ad alta velocità: ciò spiega il moto browniano; quelle dei solidi oscillano continuamente attorno alla posizione d'equilibrio nel reticolo cristallino. Il passaggio da uno stato più aggregato ad uno meno aggregato richiede un aumento della velocità media delle molecole, ovvero della temperatura della sostanza.


Scaricare ppt "Copyright © 2009 Zanichelli editore Unità 3 La teoria microscopica della materia."

Presentazioni simili


Annunci Google