La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 Osservatorio Val di Susa n° 69 Prime considerazioni per la definizione di un possibile corridoio di progetto Ambito territoriale di Susa.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 Osservatorio Val di Susa n° 69 Prime considerazioni per la definizione di un possibile corridoio di progetto Ambito territoriale di Susa."— Transcript della presentazione:

1 1 Osservatorio Val di Susa n° 69 Prime considerazioni per la definizione di un possibile corridoio di progetto Ambito territoriale di Susa

2 SS25 Linea di Susa A32 SS24 Sitaf Ipotesi di lavoro 2 1. Creazione di una stazione internazionale a Susa: accessibile con coincidenze viaggiatori dalla Linea Storica attraverso la direttrice Susa-Bussoleno; accessibile da tutta la Valle con lautostrada e le 2 statali; al servizio turistico dellAlta Valle tramite un polo intermodale passeggeri; compatibile con il Piano Regolatore di Susa. La zona più adatta è ad est di Susa, in corrispondenza dello svincolo Susa Est dellA32.

3 SS25 Linea Susa-Bussoleno A32 SS24 Sitaf Zona dello svincolo Susa Est 3 Collegamento SS24 – SS25

4 SS25 A32 SS24 Sitaf Ipotesi di lavoro 4 2. Possibili obiettivi compatibili con il territorio: evitare un nuovo corridoio infrastrutturale oltre quelli esistenti; utilizzare aree già compromesse; tener conto della situazione idraulica della Valle; rispettare le presenze insediative; limitare il più possibile gli impatti in fase di cantiere.

5 SS25 Linea di Susa A32 SS24 Sitaf Ipotesi di lavoro 5 3. Possibili interventi per la valorizzazione del territorio: Sfruttare la presenza della stazione internazionale per rivitalizzare aree oggi trascurate; Valorizzare la presenza di zone naturali di pregio nel fondovalle; Valorizzare la presenza del sistema idraulico esistente.

6 6 Ipotesi di lavoro Ambito territoriale di Susa

7 Vista generale (dal versante sud di Mompantero) 7

8 Area di studio 8

9 Le entità paesaggistiche 9

10 10 1. Dighe (A32) 2. Bacini di laminazione 3. Componenti idrauliche : Dora, rio Scaglione, canale Coldimosso 4. Polveriera (zona di esondazione) Piena 500 anni Piena 200 anni Letto minore Piene frequenti Diga Le problematiche idrauliche

11 11 Le problematiche idrauliche Piena del 29 maggio 2008: Esondazione ad est della polveriera (vista dalla SS25) Linea Susa-Bussoleno

12 La struttura vegetale Allineamenti alberati Rimboschimento di aree umide Spazi trascurati 12

13 Il Piano Regolatore di Susa 13 Larea di studio è interamente collocata in Comune di Susa. Le destinazioni principali dellaree interessate sono servizi e attività produttive.

14 Ipotesi di lavoro: schema funzionale Le funzionalità ferroviarie da garantire sono le seguenti: 1.Stazione internazionale di Susa; 2.Stazione di sicurezza; 3.Posto di Movimento; 4.Base di manutenzione; 5.Sottostazioni elettriche

15 I principi alla base dellipotesi di tracciato 1. Collocare la stazione fra la SS25 e la linea di Susa, a cavallo della linea nuova; 2. Creare ununico corridoio con lautostrada ( anche con parziale rettifica di tracciato ); 3. Sfruttare le aree produttive esistenti, già protette dalle piene; 4. Evitare le abitazioni; 5. Evitare le conoidi. 15

16 16 Lipotesi di tracciato

17 17 Stazione internazionale di Susa - Ipotesi di ubicazione Linea nuova Stazione SS25 Susa - Bussoleno A32

18 Stazione internazionale di Susa – Ipotesi di ubicazione 18 Linea Nuova A32 Linea Susa - Bussoleno SS25 Stazione Prime prospettive della stazione

19 Stazione internazionale di Susa - Prime prospettive 19 SUSA Prime prospettive della stazione

20 20 Stazione internazionale di Susa – Polo intermodale Prime prospettive del polo intermodale passeggeri Polo intermodale Stazione

21 Stazione internazionale - Ipotesi di sviluppo urbanistico 21 La stazione internazionale può essere unopportunità di sviluppo urbanistico in coerenza con il Piano Regolatore di Susa.

22 Le aree tecniche Banchine della stazione Sottostazioni elettriche Base di manutenzione Posto di movimento Stazione di sicurezza 22 Protezione alberata della SS24

23 Le aree tecniche 23 Sezione sulla zona tecnica Le aree tecniche sarebbero incluse fra lA32 e la linea nuova. In fase di costruzione della linea, questa area potrà servire da sito di cantiere. Zona tecnica LN A32 Dora SS 24 Barriera verde SS 25 Canale Pista bici Zona tecnica

24 Le aree tecniche 24 Esempio : Tipologia delle soluzioni architettoniche a Saint-Jean de Maurienne Si portebbe creare una protezione verde alberata lungo la SS24, da realizzare come primo intervento, a protezione delle aree abitate:

25 Ipotesi di valorizzazione del territorio: il parco fluviale della Dora 25 La presenza di un importante sistema idraulico (Dora, rio Scaglione, canale di Coldimosso, bacini di laminazione) potrebbe essere unopportunità per creare un « parco fluviale ». Gli obiettivi sarebbero: attività ludico-sportive collegate allambiente fluviale; monitoraggio ed educazione ambientale; promozione del territorio.

26 Il parco fluviale 26 Creare percorsi naturalistici lungo la Dora Possibili interventi: Rinforzare le continuità vegetali

27 Il parco fluviale 27 Canale di Coldimosso Integrare il canale di Coldimosso nel percorso del parco fluviale.

28 28 La ex-polveriera La prossimità della Dora offre delle opportunità per una riqualificazione ambientale, pur mantenendo il ruolo di bacino di laminazione di questarea. La vecchia polveriera è oggi un sito in disuso che è però pregiato dal punto di vista ambientale. Ipotesi di valorizzazione del territorio: la ex-polveriera

29 Leco-museo della ex-polveriera 29 il sito potrebbe essere recuperato in un ecomuseo sul tema dell acqua, con la creazione di un percorso didattico, di aree di osservazione e di piste ciclo- pedonali collegate con un ponte al parco fluviale.

30 Leco-museo della ex-polveriera 30 1.Ingresso 2.Percorso didattico 3.Ciclostazione 4.Riqualificazione sponda 5.Ponte ciclo-pedonale 6.Aree umide

31 SS25 A32 SS24 Ipotesi di valorizzazione del territorio: Il recupero di strutture esistenti 31 La cantierizzazione può essere unopportunità per il recupero di strutture esistenti. Per esempio, la ex Caserma Cascino di Susa potrebbe essere ristrutturata, utilizzata come campo base, poi restituita al Comune. La ex Caserma Cascino


Scaricare ppt "1 Osservatorio Val di Susa n° 69 Prime considerazioni per la definizione di un possibile corridoio di progetto Ambito territoriale di Susa."

Presentazioni simili


Annunci Google