La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1. 2 Il progetto intende arricchire e innovare la cultura scolastica, incentivando da una parte la creatività del corpo docente e discente.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1. 2 Il progetto intende arricchire e innovare la cultura scolastica, incentivando da una parte la creatività del corpo docente e discente."— Transcript della presentazione:

1 1

2 2 Il progetto intende arricchire e innovare la cultura scolastica, incentivando da una parte la creatività del corpo docente e discente e dallaltra riorganizzando i supporti infrastrutturali e tecnologici. Liniziativa è il risultato della collaborazione tra il Ministero delle Comunicazioni e il Ministero dellIstruzione, dellUniversità e della Ricerca.

3 3 Il progetto fa uso estensivo di mezzi informatici; per il cablaggio dei complessi scolastici e per la connessione tra scuola e casa dello studente, nei casi specifici, si serve delle più moderne tecnologie di telecomunicazioni, quali le reti WLAN, operanti con architetture innovative.

4 4 Il progetto ha avuto origine da alcune proposte della Fondazione Ugo Bordoni, in collaborazione con MediaLab Europa, supportata da consulenti di fama mondiale, tra i quali il prof. N. Negroponte, e si avvale della esperienza maturata in altri settori e trasferita opportunamente nel mondo della scuola. Il contributo scientifico dei centri di ricerca

5 5 Tra le novità del progetto, lincentivazione a creare prodotti didattici, culturali e/o semplicemente nuovi contenitori di informazione, è considerata prioritaria rispetto allacquisizione passiva della cultura. A tal proposito, è stato individuato un sistema economico di scambio nel mondo scolastico, basato su moneta virtuale (Mercor), che permette di premiare le scuole che realizzano i prodotti migliori, che vengono scambiati fra le scuole o venduti sul mercato.

6 6 Vantaggi per il mondo della scuola Lapplicazione delle nuove tecnologie telematiche contribuirà a: Allargare fortemente la base informativa a fini didattici Valorizzare e diffondere i prodotti didattici Migliorare i processi di apprendimento Favorire la socializzazione tra studenti, tra studenti e docenti, tra comunità scolastiche nel territorio nazionale e oltre confine Stimolare la creatività degli studenti Sviluppare la libertà di svolgimento delle attività didattiche e promuovere le iniziative autonomamente organizzate dagli studenti Eliminare barriere e discriminazioni dovute a caratteristiche geografiche, condizioni economiche, problemi di salute, handicap

7 7 Vantaggi per il settore dell ICT (Information and Communication Technology) Lintroduzione dello strumento telematico nellambiente scolastico è fondamentale per diffondere la cultura dellICT nel Paese e per creare lattitudine allo scambio informatico, determinando, in prospettiva, un aumento della domanda di nuovi servizi di telecomunicazione con conseguenti benefici per gli operatori del settore.

8 8 La valenza strategica dellICT nelle scuole In alcuni Paesi sono stati direttamente i Governi a prendere liniziativa, promuovendo alcuni progetti pilota. E il caso, ad esempio della Svezia con il progetto e dellIrlanda con il progetto Empowering Minds.

9 9 Il Governo italiano il 17 luglio 2002 dà inizio ad una iniziativa concreta: il progetto pilota che coinvolgerà inizialmente 50 scuole, dislocate sul territorio nazionale. In una prima fase queste verranno dotate di una rete intranet; in una seconda fase sarà possibile accedere alla rete internet. Con il progetto anche dalla casa degli studenti più disagiati ci si potrà connettere alla scuola.

10 10 Una convenzione siglata tra il Ministero delle Comunicazioni e il Ministero dellIstruzione, dellUniversità e della Ricerca stabilisce il finanziamento necessario per il progetto e i diversi ruoli dei due Dicasteri.

11 11 Le bande di frequenza per Verrà valutata la possibilità che il Ministero delle Comunicazioni attribuisca bande di frequenza utilizzabili per il progetto in via esclusiva al Ministero dellIstruzione, dellUniversità e della Ricerca, in coerenza con quanto stabilito anche a livello comunitario in materia di armonizzazione nell'assegnazione delle frequenze.

12 12 Il progetto didattico Collegamento scuola-casa Questo collegamento sarà attivato soprattutto nelle scuole dei piccoli centri e nelle scuole di periferia, dove è più frequente il caso di ragazzi che non vengono aiutati dalla famiglia nello svolgimento dei compiti e non hanno altri strumenti di sostegno didattico. I ragazzi potranno interagire il pomeriggio da casa con gli insegnanti per lo svolgimento dei compiti, non solo tramite e forum ma anche con webcam e voce e tramite una lavagna condivisa.

13 13 Il progetto didattico Collegamento scuola-casa Supporti alla didattica –guida alla navigazione su Internet: utilizzo di , forum, chat, motori di ricerca e portali per il reperimento di materiali utili –software interattivo specifico per le materie da approfondire –accesso alla mediateca scolastica –laboratori virtuali, dove si può interagire con modelli simulativi dei fenomeni da apprendere/approfondire

14 14 Il progetto didattico Collegamento scuola-casa Strumentazione a scuola: Server web Video server 6 postazioni multimediali

15 15 Il progetto didattico Collegamento scuola-casa Strumentazione a casa: PC Modem Web cam Stampante a colori Scanner

16 16 Il progetto tecnologico Nella realizzazione della rete si è tenuto conto di vari aspetti: difficoltà di cablaggio esistenti nelle singole scuole risorse economiche disponibili tempi di realizzazione prestazioni ottenibili a parità di costi benefici dovuti al fatto di collegare diversi istituti scolastici con ununica rete.

17 17 Il progetto tecnologico Sono state analizzate anche diverse soluzioni per la realizzazione della rete di comunicazione tra diverse scuole, laddove necessario. La soluzione radio, incluso il satellite, è risultata la più vantaggiosa, qualora fosse disponibile una banda di frequenza, con la quale costituire una rete radio privata. Inoltre, questa soluzione comporta un vantaggio nella rapidità e nella flessibilità di realizzazione.

18 18 Il sottoprogetto Terra Alla soluzione tecnica si è potuto pervenire in tempi brevi grazie allutilizzazione dei risultati della sperimentazione effettuata dalla Fondazione Ugo Bordoni nellambito del Progetto Terra, relativo ad ambiti applicativi più generali. Le metodologie e le soluzioni adottate nel progetto Terra costituiranno il contenuto essenziale del sottoprogetto

19 19 Il cablaggio delle singole scuole E stata adottata una soluzione ibrida, rete cablata più rete radio, basata sullutilizzo della tecnologia WLAN b Wi-Fi e su una soluzione proprietaria cabled-wireless. Tale soluzione permette di ridurre i costi di implementazione e di avere una rete analoga alla LAN cablata, utilizzando le classiche interfacce PC (USB, IEEE: 802.3). Inoltre garantisce la connessione sicura di ogni utente alla rete, difficoltà questa a volte riscontrata con la sola soluzione radio.

20 20 Tre tipologie di aule Per quanto riguarda la classe informatizzata, non è stato adottato uno standard unico, ma si è deciso di calare lo strumento informatico nelle diverse realtà operative, lavorando su tre modelli: aula laboratorio, già dotata di collegamenti ISDN o satellitari; aula mobile, in cui lo strumento informatico viene spostato su carrello da aula ad aula; aula arricchita, ovvero un ibrido tra laboratorio e mobile. In questo caso si beneficia della tecnologia WLAN per estendere i servizi in più parti dei complessi scolastici.

21 21 Mercor: una moneta per Per incentivare, nellambito della rete degli istituti scolastici aderenti a sia lutilizzo dellICT sia la produzione collaborativa di nuovi prodotti software, è allo studio un sistema di pagamento, interno e virtuale, denominato Mercor.

22 22 Conversione euro-mercor IMPRESE SISTEMA SCOLASTICO euro acquistan o progetti mercor acquistano prodotti Mappa dei FLUSSI acquisti interni al sistema scolastico mercor finanziamento progetti mercoreuro Conversione mercor-euro MINISTER O P.I. SCUOLE Gruppi di STUDENTI mercor accumulati euro borse di studio decumulo mercor donor

23 23 Obiettivi di Mercor (1) Più comunità: Non disperdere i fondi, ma legarli ad un progetto di intreccio di nessi comunitari tra i diversi istituti e con le imprese. Autogoverno: Abituare gli studenti e le scuole a collaborare, ma anche alla responsabilità di un progetto comune, di una idea nella quale ci si cimenta. Premiare i più meritevoli: Assecondare il criterio del merito. A regime il sistema tende a premiare chi ha lavorato con più talento, finanziando i migliori progetti Solidarietà: La percentuale di crediti, mercor, che scade va in un fondo, che sarà suddiviso proporzionalmente tra tutti. Così da rinnovare le chances di tutti.

24 24 Nesso con lesterno: Si favorisce un autonomo nesso con ogni genere di persone, enti, o imprese esterni alla scuola. Da non trascurare la rilevanza del rapporto con le imprese Si impara facendo: Non piccolo contributo didattico in una nazione in cui lapproccio a non poche questioni è malato di ideologismo e impraticità Elevare la qualità: I gruppi di studenti che hanno accumulato più crediti mercor ne vedono convertita una parte in borse di studio, unaltra parte va alle loro scuole Obiettivi di Mercor (2)


Scaricare ppt "1. 2 Il progetto intende arricchire e innovare la cultura scolastica, incentivando da una parte la creatività del corpo docente e discente."

Presentazioni simili


Annunci Google