La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Come cambiano gli stili di vita: il ruolo della comunicazione preventiva Carla Collicelli - Fondazione Censis XXIX Seminario dei Laghi 11-13 ottobre 2007.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Come cambiano gli stili di vita: il ruolo della comunicazione preventiva Carla Collicelli - Fondazione Censis XXIX Seminario dei Laghi 11-13 ottobre 2007."— Transcript della presentazione:

1 Come cambiano gli stili di vita: il ruolo della comunicazione preventiva Carla Collicelli - Fondazione Censis XXIX Seminario dei Laghi ottobre 2007 Gardone Riviera

2 © Censis 2007 Salute e sanità a dura prova 1. Il peso dei fondamentali - demografici - economici - esclusione sociale 2. Le sfide della modernità - rendimento e risposte del sistema (OMS) - sostenibilità, accesso, qualità (UE) 3. La fine della grande coesione- economicismo - devolution - conflittualità crescente

3 © Censis 2007 Le performance dellItalia a livello mondiale

4 © Censis 2007 Modificazione epocale della cultura della salute Sistema psico-somato-ambientale Sanità dei pezzi di ricambio ScienzaNatura

5 © Censis 2007 I cambiamenti nella cultura della salute dei pazienti 1.Dalla salute come assenza di malattia alla salute come equilibrio psico-fisico e come benessere e longevit à 2.Dalla concezione organicista del corpo al corpo come unit à psico- fisica perfettibile attraverso i comportamenti e le pratiche preventive e curative 3.Da una concezione miracolistica della medicina ad una concezione pi ù razionale e di arbitraggio 4.Dal paziente passivo al paziente attivo nei confronti del medico (Challenging patient) 5.Dalla cura del sintomo alla promozione della salute 6.Dalla dipendenza terapeutica alla autonomia: la self-care e la medicina alternativa Fonte: Censis

6 © Censis 2007 Gli stili di vita Adesione ampia allopzione salutista Responsabilizzazione individuale Comportamenti a rischio (27,7% fumatori, 50% e più bevitori abituali) Eclettismo fai da te

7 © Censis 2007 I localismi della cultura della salute Cura del corpo (Verona, Città di Milano, Asl 14 Piemonte) Prodotti tipici (Spoleto, Bolzano) Il fuori casa (Roma, Milano, Napoli) Regimi spuri (Verbania, Olbia, Brindisi) Rischio Alcol (Bolzano, Verona, Roma) Rischio Fumo (Verona, Napoli, Roma, Bolzano)

8 © Censis 2007 Reazione di fronte ai piccoli disturbi (val. %) Fonte: indagine Censis, 2005

9 © Censis 2007 Opinioni sullautocura in caso di piccoli disturbi, per titolo di studio (val. %) Fonte: indagine Censis, 2005

10 © Censis 2007 Il ricorso al medico di base per tipo di patologia: confronto (val. %) Su 10 persone che vanno dal medico quante ci vanno: Per malattie molto gravi 2,72,4 Per malattie di una certa gravità ma curabili 3,02,6 Per malattie poco gravi ma fastidiose 2,53,0 Per malesseri derivanti da piccole paure ed insicurezze o sensazioni di disagio 1,82,0 Totale 10,0

11 © Censis 2007 (Censis, 2006) Consumo farmaceutico Il farmaco ammortizzatore sanitario Indici di vecchiaia Compartecipazione Friuli Venezia Giulia -6% 185,3Si Liguria -3% 240,1Alta Campania +9% 81,9Bassa Sicilia +13% 104,5Si Lazio +21% 134,1Si

12 © Censis 2007 Matrice dei criteri di scelta del farmaco Fonte: indagine Censis, 2007

13 © Censis 2007 Linformazione diffusa Fonte: indagine FBM-Censis, 2006

14 © Censis 2007 Quanto gli italiani si sentono informati… …Su salute e malattia

15 © Censis 2007 Quanto gli italiani si sentono informati… …Sui servizi

16 © Censis 2007 Linformazione prima di tutto Fonte: indagine FBM-Censis, 2006

17 © Censis 2007 Fonte: indagine FBM-Censis, 2006 Il giudizio sullinformazione

18 © Censis 2007 Iniquità in sanità: un divide squisitamente culturale Stili di vita Carico allostatico (A. Stefanini) Informazione e capacità comunicative Le carenze di feed-back La mancata integrazione

19 © Censis 2007 Questo processo mette in difficoltà gli operatori, che non hanno più di fronte unpaziente obbediente, ma neanche un interlocutore veramente esperto Operatori: la difficoltà ad interagire con il nuovo paziente Il paziente non viene percepito come ricettore passivo di indicazioni e prescrizioni, ma come soggetto che si pone in modo interlocutorio, e che richiede un ascolto che riguardi anche le loro opinioni e conoscenze

20 © Censis 2007 La crisi del ruolo sanitario Il sapere medico, tradizionalmente esclusivo Viene travolto dalla moltiplicazione delle fonti e dalla diffusione delle conoscenze La centralità del medico non esiste e non esisterà più. Nessuno è più al centro di nulla! In uno scambio di informazioni come quello attuale chi può essere al centro? Non è che non è più il referente centrale, non è lunico referente… Ne risulta un atteggiamento generalmente difensivo e rivendicativo

21 © Censis 2007 Salute e comunicazione Passato - Conflitto - Silenzio - Inflazione Priorità delloggi - Riequilibrio dellofferta - enfasi sullautoregolazione

22 © Censis 2007 Unofferta ampia e diversificata Trasmissioni dedicate (Medicina 33,Tg2Salute, Tuttobenessere, Sabato, Domenica e… Vivere Meglio) con ascolti medi che oscillano dai ed un milione ed 800 mila spettatori Lofferta televisiva Elisir è lunica trasmissione dedicata nella fascia del prime time, con un ascolto medio di oltre 2 milioni di telespettatori Numerosi interventi spalmati in una vasta quantità di programmi (Uno Mattina, In famiglia, Domenica In, Quark)

23 © Censis 2007 Unofferta ampia e diversificata i primi tre quotidiani per diffusione, il Corriere della Sera, La Repubblica e Il Sole 24 Ore dedicano allargomento un supplemento specifico La carta stampata: i mensili che trattano di salute e sanità, secondo Audipress, si collocano per diffusione al quinto posto (1.390 mila copie nel 2006) per i settimanali si tratta di 140mila copie da riferirsi al solo Viversani & Belli, ma i temi della salute e del benessere sono trattati anche in altri, come i femminili (2,7 milioni di copie) salute e medicina sono gli argomenti che più interessano i lettori di settimanali (26,8%) e mensili (20,7%)

24 © Censis 2007 Lavanzata dei media Fonte: indagine FBM-Censis, 2006

25 © Censis 2007 Lavanguardia degli internauti Fonte: indagine FBM-Censis, 2006

26 © Censis 2007 Linformazione sanitaria: comè… n Fonte: indagine FBM-Censis, 2006

27 © Censis 2007 Linformazione sanitaria: … e come dovrebbe essere n Fonte: indagine FBM-Censis, 2006

28 © Censis 2007 Linformazione sanitaria: … e come dovrebbe essere n Fonte: indagine FBM-Censis, 2006

29 © Censis 2007 Limpatto sui comportamenti Fonte: indagine FBM-Censis, 2006

30 © Censis 2007 Lintegrazione sistemica Sanità con politiche per: energia agricoltura occupazione economia educazione Politiche sociali (Hancoch Trevor, 1982)

31 © Censis 2007 Gli ambiti della comunicazione in sanità Comunicazione di massa Comunicazione sistemica Comunicazione interpersonale

32 © Censis 2007 Comunicazione e salute secondo lOMS Educazione alla salute Azioni preventive (screening, check up, vaccini) Lavoro di comunità Sviluppo organizzativo Politiche pubbliche sane Salute ambientale Attività economiche regolatorie

33 © Censis 2007 Comunicazione e salute in Europa Conferenza 3-4 settembre 2003 Milano – Semestre italiano Indagine sui paesi membri e candidati

34 © Censis 2007 Segue

35 © Censis 2007 Le Campagne del Ministero della Salute, biennio

36 © Censis 2007 Radio Radiouno, Radiodue, Raitre e Isoradio – 126 interventi allinterno dei principali programmi radiofonici Rai e otto giornate tematiche New media Internet – banner dedicati sul portale del ministero linkati da tutti i siti Mediaset, spazi targettizzati con pagine nelle sezioni sport, salute, donne, benessere su Virgilio. Rainews (canale satellitare RAI) – magazine settimanale (12 puntate di 12 minuti) Rai Sat (canale satellitare rai) rubrica settimanale dedicata ai ragazzi (23 puntate da 12 minuti) Televideo nazionale – spazi di approfondimento Fonte: Ministero della Salute Due esempi di Campagna istituzionale: fumo e alimentazione

37 © Censis 2007 Limpatto sui cittadini Cresce la quota di italiani che ritengono utili le campagne: dal 78,3% del 2003 all81,7% del 2006 Il 78,8% è venuto a conoscenza (ha visto o sentito) della campagna per la dissuasione dal fumo ed il 59,9% di quella sulla corretta alimentazione Il 9,2% ha dichiarato di aver ridotto il fumo ed il 5,9% di aver smesso di fumare Il 23,6% è stato indotto a controllare lalimentazione E stata realizzata una stima del risparmio complessivo in termini economici prodotto dalla Campagna contro il fumo Il risparmio complessivo stimato è stato pari a milioni di euro per quanto concerne gli individui che hanno smesso di fumare a seguito della Campagna del 2003

38 © Censis 2007 La qualità percepita Adulti Spot tradizionali Giovani Essenzialità Alimentazione relazionali ed edonistici Alimentazione relazionali ed edonistici Aspetti Fumo crudezza Fumo crudezza Provocazione e come smettere

39 © Censis 2007 Qualità intrinseca + Equilibrio Varietà Comprensibilità Emotività - Relazionalità Boomerang ansiogeno

40 © Censis 2007 Per un Piano di Comunicazione della Salute Studiare le esigenze di informazione e comunicazione dei cittadini e degli operatori (ascolto: URP, call center, portali) Valutare ed interpretare la domanda di salute (orientamento delle strategie) Mettere a fuoco le lacune nella cultura della salute (prevenzione) Coinvolgere tutti gli stakeholders (valorizzazione delle risorse) Creare un Osservatorio della qualità della comunicazione e informazione (contesto, processo e risultato)


Scaricare ppt "Come cambiano gli stili di vita: il ruolo della comunicazione preventiva Carla Collicelli - Fondazione Censis XXIX Seminario dei Laghi 11-13 ottobre 2007."

Presentazioni simili


Annunci Google