La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

CLASSE 3°B Scuola Secondaria di I grado «G.A.BOSSI» Busto Arsizio.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "CLASSE 3°B Scuola Secondaria di I grado «G.A.BOSSI» Busto Arsizio."— Transcript della presentazione:

1 CLASSE 3°B Scuola Secondaria di I grado «G.A.BOSSI» Busto Arsizio

2

3 Grazie allincontro tenuto nel nostro Istituto dalla farmacista dellOrdine della provincia di Varese, abbiamo potuto approfondire le nostre conoscenze sulla droga. Le droghe, in farmacologia, sono un prodotto dorigine naturale composto da sostanze chimiche, che assunte in quantità elevate possono diventare un veleno.

4

5 Un primo contatto con queste sostanze può avvenire già in età preadolescenziale, per pura curiosità o per seguire il gruppo di amicizie. Luso di queste sostanze provoca a livello del Sistema Nervoso Centrale dipendenza, assuefazione che di conseguenza porta allabuso.

6

7 Lassuefazione è labitudine e ladattamento alluso di sostanze, quali le droghe, che porta a dover aumentare continuamente le dosi per ottenere gli stessi effetti. La dipendenza è uno stato di bisogno costante di droga, sia fisico che psichico.

8

9 La crisi dastinenza è una situazione di forte malessere psicofisico dovuto alla mancanza di assunzione della droga abituale. Il doping è luso (o abuso) di sostanze o medicinali che hanno leffetto di migliorare le prestazioni psicofisiche in ambito agonistico.

10

11 COSA NE PENSIAMO?

12

13 Pensi che si debba fare di più per sensibilizzare i giovani al problema della droga, cosa in particolare? Pensiamo che, sia le istituzioni che gli adulti, abbiano l'obbligo di impegnarsi a sensibilizzare i giovani sul problema della droga. Devono essere in prima linea nella lotta alla droga e nella promozione di stili di vita positivi fra i ragazzi.

14 La famiglia grazie alla sua presenza affettiva, dovrebbe responsabilizzare i figli e stimolarli ai valori morali. La scuola e i centri di aggregazione giovanile (società sportive, oratorio…) dovrebbero presentare ai giovani i danni derivanti dall'assunzione di sostanze stupefacenti e promuovere la diffusione di stili di vita positivi fra i giovani, come strumento di prevenzione e sana alternativa alla droga. Le istituzioni dovrebbero promuovere attività aggreganti che allontanino i preadolescenti da ambienti e/o situazioni devianti.

15

16 Per quale ragione secondo voi i giovani fanno uso di droghe, con quali argomenti vengono convinti? Le motivazioni sono diverse: - alcuni fanno uso di droga perché entrano in depressione: si sentono soli e ignorati dalla famiglia o non hanno un bel rapporto con i genitori; - alcuni hanno un amico che lo fa e non vogliono essere gli unici a non farlo, si drogano per provare una nuova esperienza;

17 - altri provano per curiosità e dopo pian piano cominciano a drogarsi e non riescono più a smettere; - alcuni giovani si drogano perché, non essendo contenti della loro vita, credono che la droga li tiri su di morale, ma anche se dopo si sentono peggio, continuano.

18 In conclusione pensiamo che i giovani, soprattutto i più fragili, si rifugiano nella DROGA per sfuggire ad una realtà che non corrisponde alle loro attese, vanno alla ricerca di un mondo migliore, di un paradiso artificiale dove non ci sia sofferenza. In questa illusione sono favoriti da uomini senza scrupoli.

19

20 Perché secondo voi la droga è così diffusa? Negli ultimi anni la droga si è diffusa sempre di più perché è una fonte di guadagno inesauribile per le organizzazioni malavitose e di stampo mafioso che approfittano della debolezza ed ingenuità di molti giovani per vendere loro droghe assassine e così arricchirsi. In conclusione…

21


Scaricare ppt "CLASSE 3°B Scuola Secondaria di I grado «G.A.BOSSI» Busto Arsizio."

Presentazioni simili


Annunci Google