La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LE INVASIONI NAZISTE Noi siamo la razza dei signorigli slavi sono tenuti a lavorare per noi.Listruzione e pericolosa,ogni persona istruita e un nostro.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LE INVASIONI NAZISTE Noi siamo la razza dei signorigli slavi sono tenuti a lavorare per noi.Listruzione e pericolosa,ogni persona istruita e un nostro."— Transcript della presentazione:

1 LE INVASIONI NAZISTE Noi siamo la razza dei signorigli slavi sono tenuti a lavorare per noi.Listruzione e pericolosa,ogni persona istruita e un nostro futuro nemico. (parole di Martin Blormann segretario del partito nazista

2 Il percorso storico Questo breve percorso storico piu che basarsi sul racconto degli avvenimenti,pone lattenzione su alcune delle tante situazioni, che vennero a determinarsi come tragiche conseguenze delle annessioni hitleriane e delloccupazione nazista.

3 I SUBUMANI La guerra combattuta dai nazisti tra il 1939 e il 1945 in Europa,ebbe unandamento ancora piu crudo ad oriente; qui si fusero i tre principali obiettivi hitleriani,ossia la conquista dello spazio vitale,la soluzione finale e lannientamento del pericolo bolscevico.La politica dello sterminio investi diversi gruppi etnici ritenuti indesiderabili.Laccanimento di violenza esercitata nei confronti di ebrei e slavi(i subumani) di ogni Paese occupato segnò unesempio di crudelta immane.

4 LE ANNESSIONI TERRITORIALI DEL GRANDE REICH Marzo Nuova militarizzazione della Renania Marzo Annessione dellAustria Ottobre Annessione del territorio dei Sudeti Marzo Annessione di Boemia e Moravia e annessione di Danzica 1° settembre Invasione della Polonia Aprile Occupazione di Danimarca,Norvegia,Olanda e Belgio 14 Agosto i Tedeschi entrano a Parigi 6 Aprile Invasione della Jugoslavia e della Grecia 22 Giugno La Germania invade lUnione sovietica

5 LE MISURE ANTIEBRAICHE:LA DEFINIZIONE DEGLI EBREI Nel settembre del 1941,nel territorio dellormai smembrata Cecoslovacchia,venne varato in 300 articoli il codice degli Ebrei,suddiviso in 2 sezioni,una dedicata alla negazione dei diritti civili e una allespulsione dalla vita economica e sociale degli Ebrei.Si stabilirono spregevoli misure,tristemente note:obbligo di portare la stella gialla,abolizione della riservatezza della posta e del domicilio,che in alcuni punti,riprendeva in modo ancora più duro le leggi di Norimberga.

6 ARIANIZZAZIONE DELLECONOMIA Una volta definiti gli Ebrei,si procedette alla arianizzazione delleconomia: confisca di case,appartamenti,macchine da scrivere,pellicce ecc..;seguirono i licenziamenti e, quando la maggior parte degli ebrei perse il lavoro,comparvero i campi di lavoro coatto:a Sered, Novakj, dove furono assoggettati allamministrazione di una centrale ebraica.Nel 1942 ben Ebrei di Bratislava vennero deportati verso i campi della morte.

7 LA PULIZIA ETNICA IN POLONIA Dal 1°al 30 settembre 1939 la Polonia venne conquistata dai nazisti e dalle truppe russe.Sin dai primi giorni le violenze naziste sugli ebrei furono sanguinose,la rapidità dei provvedimenti rapidissima e la crudeltà impiegata senza precedenti.Il 21 settembre la Centrale di sicurezza del Reich,decise di cacciare gli Ebrei dalle zone germanofone e dare lavvio alla creazione di ghetti chiusi.

8 LA VITA NEI GHETTI I ghetti vennero creati nellinverno 1939/40.Il 1° fu quello di Lodz.Per chiuderli venne eretto un muro (come per il ghetto di Varsavia) o si costruirono palizzate di legno e reticolati.Il 1° problema nei ghetti era lalimentazione.Gli Ebrei,chiusi nei ghetti non avevano modo di arrangiarsi e dipendevano da ciò che i tedeschi passavano loro che era poco e di qualità infima.Tutto ciò determinò una disperata lotta per la sopravvivenza.

9 IL SISTEMA DEL RAZIONAMENTO E da tenere presente, che il cibo non veniva distribuito gratuitamente ma razionato e a pagamento. Chi non aveva un lavoro era destinato a morire.La razione ufficiale di pane per un mese a Varsavia nel 1942 era di appena 2 kg,al di sotto del livello minimo di sopravvivenza.Il mercato nero, le disuguaglianze,la corruzione allordine del giorno.

10 LA FAME Il risultato inevitabile allinterno dei ghetti fu la fame continua e lacerante.Gli Ebrei,non potendo uscire da ghetti,non avevano modo di acquistare il cibo che occorreva loro per vivere. La maggior parte della popolazione aveva a disposizione 800 calorie al giorno.La sottoalimentazione provocava epidemie,quella di tifo fu la piu frequente.Le malattie condussero a morte i piudeboli:bambini e anziani.Prima della liquidazione dei ghetti a Lodz erano morte persone su

11 LO SFRUTTAMENTO DEL LAVORO NEI GHETTI Chi non aveva un lavoro era destinato a morire.Rendersi indispensabili con il lavoro per sopravvivere questa divenne lidea per tutti.Lillusione sarebbe stata distrutta dalla liquidazione dei ghetti.Gli Ebrei entrarono cosi, a far parte delleconomia di guerra tedesca.Si lavorava sette giorni su sette,senza abiti adatti e con cibo insufficiente.

12 IL LAVORO FORZATO DEI CITTADINI POLACCHI Ma,dal 1939 al 1945 anche 1,5 milioni di cittadini polacchi furono portati nel Reich per lavoro,contro la propria volontà;molti erano giovani sotto i ventanni.Nonostante la Germania usasse lavoratori dellEuropa occidentale,i polacchi,insieme ad altri Europei dellEst,visti come inferiori, furono sfruttati senza pietà.I lavoratori polacchi lavoravano per piu ore e con salario minore rispetto agli occidentali.Obbligati ad indossare una P viola,furono banditi dal trasporto pubblico.

13 LA GERMANIZZAZIONE FORZATA Nei territori annessi,lo scopo dei nazisti era di ottenere la completa germanizzazione dei popoli conquistati.In Polonia chiusero le scuole elementari che utilizzavano la lingua polacca.Ridenominarono le vie e le città,si impadronirono di decine di migliaia di imprese polacche,di piccoli negozi,senza pagare i proprietari.Allinterno di questo contesto sinserisce la drammatica vicenda del rapimento di bambini polacchi.

14 I BAMBINI POLACCHI I nazisti ebbero una particolare attenzione verso i bambini polacchi che possedevano caratteri razziali ariani. Questi venivano separati dalle famiglie e inviati a Lodz,per essere sottoposti ai test razziali delle SS,secondo il piano denominato Fontana della vita.A circa bambini venne dato un nome tedesco,vennero rieducati in istituzioni naziste,fu proibito loro di parlare polacco.Coloro che non superarono il test furono uccisi con iniezioni di fenolo.

15 NOME IN CODICE OPERAZIONE BARBAROSSA Linvasione dellUnione Sovietica (22 giugno 1941),coincise con lapice della ferocia nazista sia nei metodi di lotta che di annientamento che,tuttavia non differivano qualitativamente da quelli che erano gia stati impiegati in Polonia,Francia, Belgio ecc…Sin dallinizio il governo nazista la concepicome guerra di sterminio.Il prezzo pagato dallUnione Sovietica in termini di vite umane fu altissimo.

16 LA TECNICA DELLO STERMINIO Parallelamente alla guerra contro i Sovietici i Tedeschi lanciarono la guerra contro gli Ebrei.Lavanzata tedesca fu travolgente:6 mesi fino a Mosca.Gli Ebrei rimasti intrappolati furono le vittime delle unità mobili di massacro: le Einsatzgruppen,4 unità motorizzate delle SS designate con le prime quattro lettere dellalfabeto A,B,C,D.Delle loro azioni ci rimangono ben 195 rapporti segreti che descrivono dettagliatamente i massacri più atroci (come quello di Babj Jar effettuata dallunità mobile C).

17 LA VITA DEI SOLDATI SOVIETICI Nella prima fase della guerra quando i nazisti nutrivano la certezza della vittoria finale, il valore della vita dei soldati sovietici era di fatto pari a zero.I primi soldati a cadere furono quelli schierati in Polonia e che rappresentavano la prima linea di difesa dellArmata Rossa.Un cosi alto numero di morti tra i prigionieri russi fu dovuto essenzialmente alla fame,alla mancanza di rifugi adeguati,ai metodi usati per il trasporto e al trattamento generale.

18 LA PRESUNTA BESTIALITA DEI POPOLI SLAVI Ma la politica di sterminio investi diversi gruppi di persone ritenute indesiderabili.Dopo gli Ebrei gli Slavi;laccanimento di violenza esercitata contro gli Slavi di ogni Paese occupato fu una dimostrazione tangibile di disumanità..Allinterno di questo contesto sinserisce la vicenda dei 101prigionieri uzbeki,che per i tratti somatici asiatici vennero utilizzati dai nazisti come esempio dellinumanità dei bolscevichi.Portati in Olanda,dopo settimane di viaggio in condizioni spaventose.

19 IL COMPITO SPREGEVOLE DELLUFFICIO DI PROPAGANDA TEDESCO Lufficio di propaganda tedesco era incaricato a girare filmati per dimostrare la bestialita presunta delle razze considerate inferiori.Ecco perche nacque lidea di condurre i prigionieri uzbeki alla disperazione per fame,in modo da poterli filmare mentre lottavano per impossessarsi di un tozzo di pane gettato loro.La delusione per i nazisti fu grande,quando i poveri prigionieri lo divisero tra loro,rendendo inutile il tentativo propagandistico.Uccisi,ma registrati come inviati in altro campo.

20 LE DEPORTAZIONI IL 7 dicembre 1941,i nazisti riconoscendo la loro impotenza a fronteggiare i movimenti di resistenza europea emanarono per ordine di Himmler il famigerato piano Notte e nebbia,che prescriveva nei territori occupati la pena di morte o la deportazione per chiunque non tedesco, commetteva resistenza verso le forze di occupazione.Le rappresaglie e gli eccidi furono la traccia del passaggio nazista.

21 IL SISTEMA DELLE DEPORTAZIONI Le finalità perseguite dai nazisti fu quello di creare subito un sistema che potesse organizzare,in maniera efficiente il rallestramento nelle aree occupate, il trasporto ai campi di concentramento e sterminio e il metodo di sterminio piu rapido.Vennero perciò create strutture centralizzate,quali la RSHA, il Ministero dei trasporti e strutture periferiche

22 I COMPITI DEL SISTEMA DELLE DEPORTAZIONI LRSHA ingoblava le SS,la SD ossia il corpo di spionaggio delle SS la GESTAPO ossia la polizia politica segreta la KRIPO ossia la polizia criminale.LRSHA era presente in maniera capillare in tutta lEuropa occupata ed era in grado di coordinare da Berlino fino al piu sperduto paesino la caccia e la deportazione di tutti i nemici di Hitler.

23 LALTRA STRUTTURA CENTRALIZZATA Laltra struttura centralizzata fu il Ministero dei Trasporti, in particolare le Ferrovie dello Stato con il compito di coordinare e realizzare i convogli diretti ai campi della morte.Il viaggio finiva sulla banchina e non aveva ritorno.Gli Ebrei dovevano pagarsi anche il biglietto.A capo dell Ufficio di coordinamento delle deportazioni vi era Adolph Eichmann

24 DOPO L8 SETTEMBRE WALTER CARDI WALTER REDER La beffa della vita uno stesso nome che accomuna tristemente due esistenze totalmente dissimili: il primo la piu piccola vittima innocente delleccidio di Marzabotto (settembre del 44);il secondo denominato il monco lo spietato carnefice.Non poteva concludersi questo percorso senza ricordare una delle 400 stragi naziste accertate nel nostro Paese, in seguito al famigerato Piano ALARICO,che sanci loccupazione del nostro Paese.

25 LINDIFFERENZA Finalmente nel 1994 è stato riaperto larmadio della vergogna che aveva seppellito 695 fascicoli riguardanti le stragi tedesche in italia.Dopo 63 anni il Tribunale Militare di La Spezia ha ricostruito nei particolari ognuno dei 113 episodi di quelleccidio di Marzabotto pianificato a tavolino,condannandone i responsabili.Fra i caduti 95 avevano meno di sedici anni,110 meno di dieci,22 meno di due,8 di un anno,15 meno di un anno e Walter Cardi appena due settimane.

26 ….E LINDISTINZIONE Quale necessità vi era di sterminare i vecchi,gli invalidi,i bambini piu piccoli?La furia nazista non opero alcuna distinzione tra le persone.Gli ordini erano:uccidere tutti e distruggere tutto.Ma fortunatamente allindistinzione si è molte volte risposto con larma della solidarietà in un confuso sentimento di reciproca amicizia,proprio tra coloro che vivevano la distinzione.

27 RICORDI dellEUROPA UNITA NELLA DISTINZIONE Ero mezzo svestito e tremavo per il freddo.mi si avvicino un compagno di prigionia,un russo appunto e mi diede una specie di giubbotto imbottito.In aprile quando la temperatura miglioro me lo richiese indietro:adesso non ti serve piu.Quel pellicciotto mi salvo la vita.Al campo cerano oltre ai russi,Ebrei Ucraini,ecc...,ma mai nessuno ha avuto una parola offensiva(eppure ero unitaliano e lItalia aveva aggredito la Russia.Esisteva unEuropa unita nel dolore e nei convincimenti.(ERIDANO BAZZARELLI).

28 E PER CONCLUDERE…LA MEMORIA Si può distogliere il volto con orrore dalle righe scritte,ma non si può ne si deve dimenticare. Tutto ciò che ciascuno ha fatto per distruggere il nazifascismo fu poco o non fu abbastanza. Assai più è cio che dobbiamo fare per far sorgere un mondo ove non sia più necessario ricordare ( Parole pronunciate da Battaglia nel libro Storia della resistenza italiana).


Scaricare ppt "LE INVASIONI NAZISTE Noi siamo la razza dei signorigli slavi sono tenuti a lavorare per noi.Listruzione e pericolosa,ogni persona istruita e un nostro."

Presentazioni simili


Annunci Google