La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LANTIBIOTICO-TERAPIA NELLE INFEZIONI URO-GENITALI MASCHILI Prof. Enzo Vicari Prof Associato Med Interna Univ CT UOC Andrologia- Ospedale Garibaldi Centro,

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LANTIBIOTICO-TERAPIA NELLE INFEZIONI URO-GENITALI MASCHILI Prof. Enzo Vicari Prof Associato Med Interna Univ CT UOC Andrologia- Ospedale Garibaldi Centro,"— Transcript della presentazione:

1 LANTIBIOTICO-TERAPIA NELLE INFEZIONI URO-GENITALI MASCHILI Prof. Enzo Vicari Prof Associato Med Interna Univ CT UOC Andrologia- Ospedale Garibaldi Centro, Catania Coordinatore Sezione Regione Sicilia- SIA

2 LANTIBIOTICO-TERAPIA NELLE INFEZIONI URO- GENITALI MASCHILI Scopo Aggiornare il MMG su valutazione, classificazione e trattamento delle infezioni uro-genitali maschili Obiettivi dellapprendimento Fornire al MMG elementi formativi utili per classificare i diversi tipi di prostatite classificare i diversi tipi di prostatite identificare categorie diagnostiche suscettibili di antibiotico-terapia identificare categorie diagnostiche suscettibili di antibiotico-terapia Precisare il ruolo del MMG nella gestione delle prostatiti

3 Quale interesse trova il MMG,nella sua pratica clinica, trattando di infezioni uro-genitali maschili? Nellambito delle visite ambulatoriali, le infezioni delle vie urinarie (UTI) sono seconde, in campo infettivo, solo alle infezioni respiratorie. Le UTI rappresentano le più frequenti infezioni in assoluto sia in ospedale che in case di riposo costituendo da sole oltre un terzo di tutte le infezioni contratte in questi due ambienti. Visite ambulatoriali annue per UTI: Nel maschio, le UTI richiedono quasi sempre unattenzione clinica maggiore in quanto fattori di rischio e comorbidità prolungano il necessario trattamento o aumentano le probabilità di fallimento terapeutico (di breve durata). Pertanto, nel maschio, le UTI sono considerate quasi sempre complicate. Chronic bacterial prostatitis is the most frequent cause for recurrent urinary tract infection in young and middle-aged men Wagenlehner FMWagenlehner FM, Naber KG. Curr Urol Rep. 2004, 5(4):309-16Naber KG

4 IL PAZIENTE CON INFEZIONE VIE URINARIE (UTI): il MMG deve ricordarsi della classificazione clinica oltre che della diagnosi di sede CLASSIFICAZIONE IN BASE ALLA SEDE U.T.I. BASSE Uretriti Cistiti Prostatiti U.T.I. ALTE Pielonefriti Ascessi renali Ascessi pararenali CLASSIFICAZIONE CLINICA (più utile nella pratica clinica) U.T.I. COMPLICATE U.T.I. NON COMPLICATE Sobel, Best Practice Med 2002

5 INFEZIONI DELLE VIE URINARIE(urinary tract infections = UTI): classificazione clinica Colpiscono soggetti sani (per lo più donne; rare nel maschio) (sotto forma di batteriuria asintomatica) con: meccanismi anatomo-funzionali minzionali intatti; assenza di fattori di rischio assenza di comorbilità sottostanti Colpiscono soggetti di entrambi i sessi. Sono associate con fattori di rischio, riconducibili a: a)Alterazioni anatomo-funzionali del meccanismo della minzione (che determinano ostruzione al flusso!) b)Mezzi / Agenti patogeni infettanti Aumentano il rischio di infezioni acquisite o di fallimenti terapeutici A. INFEZIONI NON COMPLICATEB. INFEZIONI COMPLICATE Sobel, Best Practice Med 2002 Nel maschio, le UTI sono considerate quasi sempre complicate. Hooton, J Antimicrob Chemother 2000

6 Fattori di rischio per UTI complicata 1.Sesso maschile 2.Senescenza 3.Gravidanza 4.Catetere urinario a permanenza 5.Infezione nosocomiale 6.Recente, pregresso intervento chirurgico tratto urinario 7.Alterazioni anatomo-funzionali del meccanismo della minzione - calcoli (renali, vescicali,prostatici) - stenosi (uretra o uretere) -ostruzione prostatica (IPB, K) -reflusso vescico-ureterale -vescica neurologica (diabetici,portatori di lesioni del midolo spinale, sclerosi a placche) -malattia renale policistica 8.Recente uso di antibiotici 9.Sintomatologia insorta da oltre 7 gg 10.Diabete mellito 11.AIDS; immunosoppressione farmacologica /nefro-trapianto Johnson & Stamm, 1987; Eur Ass Urol 2002 Sobel, Best Practice Med 2002

7 INFEZIONI DELLE VIE URINARIE (urinary tract infections = UTI): fattori predisponenti Nelluomo I fattori predisponenti di UTI sono in comune con i determinanti di Male Accessory Gland Infections (MAGI) MAGI sessualmente trasmissibili età < 35 aa (19-34 aa) molteplici partners sessuali abitudini sessuali (non uso di condom) a rischio per STD partner con anamnesi positiva per STD anamnesi di gonorrea o altra STD MAGI non sessualmente trasmissibili età >45 aa. o UTI ricorrenti o MAGI ricorrenti o persistenti o anomalie congenite del tratto genito-urinario o Iperplasia prostatica benigna (IPB) o pregressi atti chirurgici o uso di strumentario chirurgico a livello genito-urinario; o necessità di cateterismo cronico (Foley) età <35 aa o Parotite (inadeguata immunizzazione) o Tbc (forma nodosa, a decorso subacuto) o Patogeni derivati da infezioni sistemiche WHO manual for the standardized investigation and diagnos of the infertile couples (Rowe et al., 1993) ….pag 11 Urinary tract infection The subject should be questioned about any history of disuria, urethral discharge, pyuria, haematuria, frequency of micturition, etc. The number of occurrences and the treatment should be recorded. Inadequate treatment or recurrent episodes may be associated with accessoy gland infection. Ruolo del MMG Cominciare a sospettare una MAGI, se sono presenti alcuni fattori predisponenti (in comune con UTI).

8 In un paziente con sospetta UTI complicata delle basse vie urinarie, lapproccio metodologico tradizionale risulta è stato completo?..... Limiti dellapproccio metodologico tradizionale LIMITI DELLES. OBIETTIVO LIMITI DELLANAMNESI Interroga poco su igiene ed abitudini sessuali La sintomatologia spesso non correla bene con la localizzazione dellinfezione. Forme criptiche di UTI possono presentarsi clinicamente semplicemente come febbre di origine inspiegata Sintomi/segni di UTI possono nascondere Una patologia di origine prostatica Nellanziano, la batteriuria è spesso asintomatica LIMITI DELLITER DIAGNOSTICO Urinocoltura poco standardizzata: Frazione del mitto da esaminare, Patogeni da ricercare Carica batterica non sempre richiesta/specificata Iter diagnostico incompleto (se e quando esclude Infezioni di origine uro-genitale) sul paziente e/o sul partner Routinariamente focalizzato alladdome, trascura/omette app. uro-genitale (inclusa esplorazione ano-digito-rettale) Nel maschio, con presentazione clinica di UTI complicata delle b.v.u. non classificabile, sulla base di una serie di limiti dellapproccio metodologico tradizionale di I livello, si deve porre il sospetto diagnostico per unaltra entità nosografica: Male Accessory Gland Infection (MAGI)

9 UTI COMPLICATE MALE ACCESSORY GLAND INFECTIONS (MAGI) La prostatite rappresenta di per sé una forma di UTI complicata. Non sapere riconoscere una prostatite (importanza della diagnosi precoce di prostatite) al momento della diagnostica differenziale tra le forme di UTI complicata, procura al paziente una serie di sequele: Organiche: MAGI estese a più ghiandole (MAGI complicate); Funzionali: infertilità maschile da cause escretorie; possibili disturbi sessuali della eiaculazione. MALE ACCESSORY GLAND INFECTIONS (MAGI) PROSTATITIPROSTATO- VESCICULITI PROSTATO- VESCICULO- EPIDIDIMITI (prostato- vesciculo)- EPIDIDIMO- ORCHITI

10 Prostatitis and fertility Enzo Vicari Sezione di Endocrinologia, Andrologia e Medicina Interna, Dipartimento di Scienze Biomediche, Università di Catania Enzo Vicari Sezione di Endocrinologia, Andrologia e Medicina Interna, Dipartimento di Scienze Biomediche, Università di Catania University of Florence, EAA-ESAU Male Accessory Gland Infections Disorders of Gender Identify Florence, December 15-17, 2005

11 Sperm parameters and local inflammatory response found in infertile patients in presence (MAGI US+) or absence (MAGI US-) of multiple ultrasound abnormal signs (US+) suggestive of different extension of microbial MAGI PVE = prostato-vesiculo-epididymitis *p<0.01 vs. P or PV patient groups; °p<0.01 vs. matched-groups MAGI US- or controls

12 Problem definition Prostato-vesiculo-epididymitis PROSTATITIS = INFERTILITYDoubt negative influence PROSTATIS = MAGI=INFERTILITYDoubt negative influence If we assume that PROSTATITIS is not equal to MAGI MAGI = umbrella term which includes ProstatitisProstato-vesiculitis Negative influence on fertility Low IntermediateHigh

13 Prevalenza delle infezioni delle ghiandole accessorie maschili nei pazienti con eiaculazione precoce Vicari (CT), Calogero (CT), Battiato (CT), Carosa (AQ), Lenzi (Roma), Jannini (AQ). Tutti e 3 i gruppi furono sottoposti alle stesse indagini diagnostiche(anamnesi, classificazione EP, es.obiettivo con DRE, TRUS, spermiogramma con conta leucocitaria, spermiocoltura, test Stamey). La prevalenza di EP nei pzt con MAGI era più elevata che nella popolazione generale (5-20%). Lelevata prevalenza di MAGI in pzt con EP(28.6%) e di EP in 2 gruppi differenti di pzt con MAGI (18- 27%) suggeriscono un link.

14

15 Ref. Classificazione Krieger et al., JAMA 1999 Frequenza* Brunner et al., 1983; McNaughton Collins et al., 2000; * * Roberts et al., 1998; Prostatite (NIDDK/NIH, class. proposta 1995, pubblicata 1999) Definizione Sindrome che comprende LUTS ed infiammazione prostatica Infiammazione prostatica con/senza sintomi Sintomi riferiti alla prostata con/senza infiammazione

16 ASPETTI ULTRASONOGRAFICI DI FLOGOSI CRONICIZZATE DELLE GHIANDOLE ACCESSORIE MASCHILI PROSTATITE (P) Essa è sospettata in presenza di > 2 dei seguenti segni ecostrutturali (US): 1) Asimmetria di volume ghiandolare; 2) Zone di ipoecogenicità (segno di edema); 3) Zone di iperecogenicità (segno di aree di calcificazione) 4) Ectasia del plesso venoso periprostatico PROSTATO-VESCICULITE (PV) Essa è sospettata, in presenza di >2 segni US di P + >2 dei seguenti segni US: 1a) Aumento (>14 mm) di diametro antero-posteriore (DAP) mono- bilaterale; 1b) asimmetria >2,5 mm (pur con DAP normale 7-14 mm) rispetto alla vescicola controlaterale); 1c) Ridotto (<7 mm) DAP mono- bilaterale 2) Epitelio ghiandolare ispessito e/o calcificato; 3) Aree policicliche separate da setti iperecogeni, in una o entrambe le vescicole PROSTATO-VESCICULO-EPIDIDIMITE (PVE) Ai suddetti segni US di PV, si devono aggiungere >2 dei seguenti segni US: 1) Aumento di volume della testa (diametro cranio-caudale > 12 mm) (reperto mono- o bilaterale); e/o della coda (diametro cranio-caudale > 6 mm) (reperto mono- o bilaterale); 2) Presenza di microcisti multiple nella testa e/o nella coda epididimaria (reperto mono o bilaterale); 3) Ipoecogenicità o iperecogenicità (segni di edema) epididimaria mono o bilaterale; 4) Cospicuo idrocele mono- o bilaterale Vicari, Hum Reprod, 1999; Vicari, Hum Reprod, 2000

17 Figure 1. Representative photographs of patients with ultrasound aspects of prostate abscess (group A). The presence of hypo-anechoic areas (arrow) surrounded by hyperechoic area are suggestive of a micro- emphysematous abscess (lower panel). Aim: To identify and define prostate and seminal vesicle abnormalities in patients with chronic male accessory gland infection (MAGI) who failed to respond to antibacterial treatment. Methods: We selected 67 consecutive patients with MAGI and persistently elevated bacteriospermia (CFU/ml >10 6 ) after 3 antibiotic courses. Fourteen infertile patients with initial chronic microbial (CFU/ml >10 6 ) MAGI who responded to antibacterial treatment (CFU/ml <10 3 ) served as a control group. All patients and controls underwent transrectal ultrasonography (TRUS) scans and semen analysis. Patients with low seminal plasma volume (<1.5 ml) underwent both pre- and post-ejaculatory TRUS examination. Results: TRUS revealed multiple abnormalities indicative of: a) bilaterally extended prostate-vesiculitis (group A, 52 cases, 77.6%). Nine of these patients also had micro-emphysematous prostate abscess; and b) prostate-vesiculitis with unilateral or bilateral sub-obstruction of the ejaculatory ducts (group B, 15 cases, 22.4%). Transrectal ultrasonography in infertile patients with persistently elevated bacteriospermia Asian Journal of Andrology, in press 2008 S. La Vignera, AE. Calogero, A. Arancio, R. Castiglione, G. De Grande, E. Vicari

18 ………. Results: TRUS revealed multiple abnormalities indicative of: …...a) bilaterally extended prostate-vesiculitis (group A, 52 cases, 77.6%). Nine of these patients also had micro-emphysematous prostate abscess; and b) prostate-vesiculitis with unilateral or bilateral sub-obstruction of the ejaculatory ducts (group B, 15 cases, 22.4%). Mean sperm concentration, total sperm number, ejaculate volume and pH value were significantly higher in group A than in group B. In addition, sperm forward motility and the percentage of normal forms were significantly worst than in controls, whereas leukocyte concentration was significantly higher in group A. Group B patients had all sperm parameters, but their pH values, significantly different from that of controls. Figure 2. Representative photographs of the seminal vesicles before (middle panel) and after (lower panel) ejaculation in a patient with unilateral subostruction of the ejaculatory duct (Group B). The same patient showed the presence of multiple micro-calcifications on the prostate left lobe extending to montanum region (upper panel). No reduction of the left seminal vesicle diameter was observed after ejaculation. Conclusion: Although antibiotic therapy is conventionally considered suitable when MAGI is suspected, it is impossible to account for a poor response to antibiotics merely on the basis of conventional criteria (clinical history, physical and ejaculate signs). Thus, diagnostic imaging studies, such as TRUS, may be helpful.

19 LANTIBIOTICO-TERAPIA NELLE INFEZIONI URO-GENITALI MASCHILI Prof. Enzo Vicari Prof Associato Med Interna Univ CT UOC Andrologia- Ospedale Garibaldi Centro, Catania Coordinatore Sezione Regione Sicilia- SIA Obiettivi terapeutici

20 LANTIBIOTICO-TERAPIA NELLE INFEZIONI URO-GENITALI MASCHILI Obiettivi terapeutici primari (da Weidner et al., 1998 modificata) A breve termine Ridurre i sintomi Eradicare i germi responsabili della infezione Normalizzare i parametri di flogosi Prevenzione delle complicanze A lungo termine Prevenzione delle ricorrenze Riduzione delle reinfezioni Migliorare la qualità del liquido seminale

21 LANTIBIOTICO-TERAPIA NELLE INFEZIONI URO-GENITALI MASCHILI Obiettivi terapeutici secondari Compliance (os; mono-somministrazione) Sicurezza Livelli di resistenza Tollerabilità Costo

22 PRESUPPOSTO PROCEDIMENTO TAPPA Prostatite: percorso metodologico suggerito dagli obiettivi terapeutici Eradicare germi responsabili di infezione Ridurre i sintomi Cercare (stadiare) sintomi specifici Anamnesi attiva (symptom severity index: NIH-CPSI) Esame obiettivo, inclusa DRE Normalizzare i Parametri di flogosi I livello Accertare segni di flogosi uro-genitale II livello Accertare segni di flogosi Morfostrutturale ghiandolare (PSA) I livello Spermiogramma (WBC elevati) (ctg IIIa) Test Stamey (WBC elevati) (ctg IIIa) Secreto prostatico (WBC elevati) (ctg IIIa) II livello TRUS PSA Migliorare la qualità del liquido seminale Ricercare dispermia quantitativa Verficare presenza di criteri di MAGI (sec. WHO) Spermiogramma standardizzato comprendente analisi completa di parametri: Spermatici: Citologici (WBC) chimico-fisici Caratterizzare la prostatite Test Stamey (o test di Nickel) Urinocoltura (ctg. I, II) Spermiocoltura (ctg II) Tampone uretrale per Clamydia o Ureaplasma urealyticum (ctg II)

23 Criteri (sec. Meares & Stamey) per porre diagnosi di prostatite batterica cronica Conta colonie di un patogeno 10 volte maggiore in VB3 vs VB1 e/o VB2 Conta colonie di un patogeno 10 volte maggiore in EPS vs VB1 e/o VB2 Esame citologico significativo = leucociti >10 pcm (40x) Test Meares & Stamey (1968)

24 Council for Appropriate and Rational Antibiotic Therapy (CARAT) criteria Thomas G et al, CARAT, Am J Med., 2005 Un trattamento antibiotico deve 1)Essere sostenuto da evidenze cliniche 2)Fornire benefici terapeutici documentati 3)Essere sicuro 4)Essere il miglior farmaco per la durata ottimale 5)Avere un buon bilancio costo/beneficio LANTIBIOTICO-TERAPIA NELLE INFEZIONI URO-GENITALI MASCHILI

25 CRITERI CLINICI BASATI SU EVIDENZE +++++Review sulle basi di più studi randomizzati, prospettici Studio Randomizzato, prospettico +++Studio su coorti, approcci caso-controllo ++Altri studi (purchè in alto numero) +Parere di esperti, studi descrittivi I II III IV V Sackett et al., Evidence-based medicine, NY 1997; Scales et al, Evidence based clinical practice:a primer for urologists, J Urol 2007 Livello evidenza EVIDENCE BASED MEDICINE (EBM)

26 PROSTATITI : TRATTAMENTI SUGGERITI (1) ANTIBIOTICI α-BLOCCANTI ANTI-INFIAMMATORI NON STEROIDEI (FANS) MISURE ANALGESICHE: analgesici, aminotriptilina MASSAGGI PROSTATICI CATEGORIE DI TRATTAMENTOPRIORITA ALTA

27 PROSTATITI : TRATTAMENTI SUGGERITI (2) ++ BIOFEED-BACK FITO-TERAPIA INIBITORI ALFA-REDUTTASI (finasteride) PROSTATE DEVICES (TUNA, TUNT, ipertermia) PSICOTERAPIA TERAPIA ALTERNATIVA (meditazione, agopuntura) CATEGORIE DI TRATTAMENTOPRIORITA MEDIA EPARINOIDI CAPSAICINA ALLOPURINOLO MISURE CHIRURGICHE (TUR-, TURP, Prostatectomia radicale) CATEGORIE DI TRATTAMENTOPRIORITA BASSA INTERVENTI GENERALI (con efficacia non quantificata) DIETOTERAPIA CORREZIONE ABITUDINI (ridurre:alcool, spezie;lassativi; bici-moto) CORREZIONE ALTERAZIONI ALVO ATTENZIONARE: COLOPATIE INFIAMMATORIE, FUNZIONALI; CONGESTIONE EMORROIDARIA; FISTOLE ANO-RETTALI

28 LANTIBIOTICO-TERAPIA NELLE INFEZIONI URO-GENITALI MASCHILI Prof. Enzo Vicari Prof Associato Med Interna Univ CT UOC Andrologia- Ospedale Garibaldi Centro, Catania Coordinatore Sezione Regione Sicilia- SIA A chi? Quando? INDICAZIONI

29 LANTIBIOTICO-TERAPIA NELLE INFEZIONI URO-GENITALI MASCHILI Giudizio essenziale della EAU sullantibiotico-terapia

30

31 Cicli intermittenti di 2 settimane/mese x almeno 3 mesi (Vicari, Hum Reprod 2000)

32 LANTIBIOTICO-TERAPIA NELLE INFEZIONI URO-GENITALI MASCHILI Prof. Enzo Vicari Prof Associato Med Interna Univ CT UOC Andrologia- Ospedale Garibaldi Centro, Catania Coordinatore Sezione Regione Sicilia- SIA Cosa? Scelta dellantibiotico

33 I chinoloni sono suggeriti come trattamento iniziale nelle regioni in cui la resistenza ai patogeni urinari a Tmp-Smx è >10-20% (Gilbert et al. The Sandford Guide to Antimicrobial Therapy, 2004) In Italia, la resistenza degli uropatogeni al Tmp-Smx è >20% (Fadda G et al, J Chemother 2003), e pertanto luso di Tmp-Smx è poco proponibile (specie nelle UTI complicate)

34

35 TRATTAMENTO DELLA PROSTATITE CRONICA BATTERICA(=classe II, sec.NIH) Microorganismi coinvolti°° Naber & Weidner, J Antimicrob Chemoth, 46, 157 (2000) patogeni probabili Gram+ Enterococcus sp, Staphylococcus aureus *patogeni prostatici certi Gram- Enterobacteriaceae: Escherichia coli, Klebsiella sp., Proteus, Serratia, Pseudomonas sp, etc.) (category II, NIH classification). patogeni possibili germi coagulasi-negativi (Staphylococcus); Chlamydia, Ureaplasma, Anaerobi °°riscontrati ad elevata carica batterica mediante spermiocoltura quantitativa previa diluizione 1:2 del plasma seminale(Comhaire et al., 1980) (>10 3 germi patogeni Gram negativi; >10 4 Germi patogeni possibili), e/ dopo tampone uretrale ottenuto dopo massaggio prostatico: test dei 4 (Meares and Stamey, 1968) e/o dei 2 bicchieri (Nickel, 1997). *Essi hanno una stretta correlazione con una chiara storia clinica pregressa e/o ricorrente di UTI, STD; con alcune alterazioni congenite uro-genitali (quali fimosi, ipospadia, criptorchidismo) attenzionabili allesame obiettivo;

36 Concentrations of levofloxacin in the prostate as determined by high-performance liquid chromatography.Times are after the end of the actual administration of the intravenous infusion are shown., concentration of drug in prostate. A Population Pharmacokinetic Analysis of the Penetration of the Prostate by Levofloxacin Drusano et al, Antimicrob Agents Chemother August; 44(8): 2046– patients (aged range, 47 to 94 years) selected in 3 medical centers were studied. Patients who were undergoing prostatic surgery for benign prostatic hypertrophy were administered 500 mg of levofloxacin orally every 24 h for 2 days prior to surgery, and then on the day of surgery, 500 mg was administered as an hour-long, constant-rate intravenous (i.v.) infusion. Penetration was determined as the ratio of the area under the concentration-time curve (AUC) of levofloxacin in the prostate to the plasma levofloxacin AUC.

37 Dotted line = drug concentration in prostate; Solid line = drug concentration in plasma. A Population Pharmacokinetic Analysis of the Penetration of the Prostate by Levofloxacin Drusano et al, Antimicrob Agents Chemother August; 44(8): 2046–2051 When we calculate the penetration drug ratio, either from the mean parameters (2.96 [Fig. 2A]) or from the mean of a 1,000 subject Monte Carlo simulation (4.14), it is clear that much higher levofloxacin concentrations are present in the prostate, on average, than are present in the plasma.2 This seems to be an impossible finding. The answer is provided in Fig. 2B. The amount of drug present in the plasma always exceeds that present in the prostate. It is only because the volume of prostate distribution is much smaller that the concentrations become so great.2

38 Management terapeutico Nuove strategie (evidenza-basate) *= uropatogeni tradizionali; ° = uropatogeni non tradizionali

39 TRATTAMENTO DELLA PROSTATITE CRONICA BATTERICA(=classe II, sec.NIH) Giessen Study COMPENDIO TERAPEUTICO CON FLUOROCHINOLONI Weidner et al, Drugs 58 (Suppl 2) 103, 1999 Naber et al, Int J Antimicrob 14, 143, 2000 Vicari, Hum Reprod, 15, ,2000 Fino al 92% dopo 3 mesi 70-80% dopo 12 e 24 mesi Bacteriological cure Naber /German Study Group 89% dopo 1 mese di follow up Ciprofloxacina Ofloxacina Vicari 75.0% dopo 1 ciclo di 14 gg 92.5% dopo 3 cicli di 14 gg 87.5% dopo 3 mesi di wash-out

40 Effects of different antimicrobials (ofloxacin or doxycycline, pooled) treatment during the trial in prostatitis, prostato-vesiculitis (PV) and prostato-vesiculo-epididymitis (PVE) subsets. Vicari, Hum Reprod, 2000 mod.

41 Meccanismi patogenetici responsabili di infertilità maschile da cause escretorie (MAGI- correlata) 1)disfunzione secretoria di 1 o più ghiandola accessoria affetta; 2) deterioramento della spermatogenesi; 3) subostruzione (mono-bilaterale) organica o functionale del tratto seminale che collega le varie ghiandole tra loro. Il paziente con prostatite è spesso un soggetto giovane con problemi di infertilità

42 Schlegel et al., 1991; Vicari, 2000; Abd-Allah et al, 2000; Wong et al, 2003.

43 Studio di non superiorità

44 Terapia antibiotica può essere utilizzata inizialmente nelle prostatiti croniche abatteriche infiammatorie (NIH IIIa) e continuata in caso di regressione dei sintomi (infezione criptica non rilevata? – Naber 1993); in alcune forme di IPB con PSA elevato e DRE negativa (nel sospetto di prostatite asintomatica istologica (NIH IV) (frequenza di infezione batterica fino al 24.2%, Li et al 2004) non trova consenso nelle forme croniche abatteriche non infiammatorie (NIH IIIb) (Wagenlehner & Naber, 2003)

45 NIH III

46 Xu et al, 2007; Guo et al., 2008

47 RUOLO DEL MMG Ricordare che nel maschio, una UTI delle basse vie urinarie è per lo più complicata. Identificare i fattori di rischio di UTI complicata (d.d.) Escludendo una cistite o uretrite, nel sospetto di una prostatite usare altri mezzi diagnostici di I livello anamnesi attiva: CPSI-NIH Spermiocoltura Test Stamey spermiogramma Consigliare al paziente lutilità di una consulenza andrologica Importanza della compliance per il regime terapeutico suggerito e per il programma di follow-up. RUOLO DELLANDROLOGO Acquisizione atti diagnostici di I livello (richiesti dal MMG). Approfondimento diagnostico Informare il MMG su 1.caratterizzazione clinica del paziente 2.Razionale dellintervento farmacologico e dei presidi 3.Programma del follow-up (monitoraggio degli end-points, potenziali effetti avversi). Paziente con UTI complicata delle bvu: network assistenziale MMG-andrologo


Scaricare ppt "LANTIBIOTICO-TERAPIA NELLE INFEZIONI URO-GENITALI MASCHILI Prof. Enzo Vicari Prof Associato Med Interna Univ CT UOC Andrologia- Ospedale Garibaldi Centro,"

Presentazioni simili


Annunci Google