La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Osservatorio WiMAX Milano, 11 Febbraio 2009 L sviluppo delle Reti WiMAX in Italia e le future opportunità derivanti dall assegnazione delle frequenze a.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Osservatorio WiMAX Milano, 11 Febbraio 2009 L sviluppo delle Reti WiMAX in Italia e le future opportunità derivanti dall assegnazione delle frequenze a."— Transcript della presentazione:

1 Osservatorio WiMAX Milano, 11 Febbraio 2009 L sviluppo delle Reti WiMAX in Italia e le future opportunità derivanti dall assegnazione delle frequenze a 2.6 GHz Stefano Festa Resp. Osservatorio WiMAX ANFoV

2 Ultimi eventi a livello internazionale Nokia ha sospeso la produzione del suo unico modello N810 Alcatel/Lucent sta lavorando per accelerare la convergenza tra WiMAX e LTE TDD su frequenze a 2.6GHz ma ha ridotto gli investimenti nellarea WiMAX orientandoli verso LTE La crescita degli utenti BWA/WiMAX registra un rallentamento nellultimo trimestre 2008 (causa anche la crisi economica) ed è sostenuta principalmente da utenti sulla frequenza a 2.6 GHz Limpressione generale è che il WiMAX stia cedendo il passo allLTE quale tecnologia dominante verso le successive generazioni di reti mobili a larga banda (4G)

3 Lo sviluppo delle reti in Italia

4 …in Italia (1/2) Ariadsl ha avviato Lunedì 2 Febbraio la commercializzazione del proprio servizio in 21 Comuni dellUmbria Linkem ha sviluppato la copertura in alcune aree di Lombardia e Puglia e prevede di attivarlo nel 2009 in Veneto, Lazio e Calabria Retelit oltre alla copertura di alcuni comuni in provincia di Parma ha avviato la propria attività di fornitura wholesale della rete WiMAX consentendo la nascita del primo WVO (Wimax Virtual Operator) FREEMAX

5 Lofferta, in termini di canone mensile, varia dai 20 ai 30 qualora sia compreso il servizio di fonia fissa nazionale Di conseguenza un target low cost in diretta competizione con le offerte ADSL Con margini ridotti e tempi lunghi per il ritorno degli investimenti …in Italia (2/2)

6 La situazione,come fotogratata al 4° trim mostra ad oggi segnali di avanzamento molto graduale * stime …interessante comunque, nel quadro generale, lattività della Mandarin che in Sicilia ha coperto circa il 10% (41 comuni) dellarea in digital divide

7 Le frequenze a 2.6 GHz : unopportunità o una minaccia per le nascenti reti WiMAX Analisi della recente consultazione pubblica sullutilizzo della banda MHz

8 Elementi di premessa (1/2) La banda frequenza MHz era stata inizialmente dedicata dallITU per limpiego da arte dei sistemi della famiglia IMT2000 (di cui fa parte lUMTS) A livello nazionale invece gran parte di questa banda è gestita dal Ministero della Difesa e, pertanto, il suo utilizzo sulla base della domanda di mercato può avvenire solo previa idonea compensazione al sopra citato Ministero La CEPT a livello europeo attraverso due decisioni rispettivamente di Designazione e di Armonizzazione ha integrato la banda a 2.6GHz definitivamente nella famiglia IMT-2000/UMTS

9 A fine 2007 lITU, anche per la spinta operata dal consorzio WiMAX, ha esteso la famiglia delle interfacce radio IMT-2000 (3G) includendo anche la tecnologia OFDMA La IMT (2000) rinominata semplicemente IMT ha quindi incluso sia i sistemi 3G (IMT-2000) che 4G (IMT Advanced) ricompredendo anche le tecnologie di derivazione IEEE come il WiMAX in particolare linterfaccia OFDMA TDD WMAN Allo stesso tempo in ambito 3GPP è proseguita lattività di miglioramento delle specifiche tecniche con particolare attenzione allevoluzioni dellHSPA e LTE che vedono anchesse la banda a 2.6GHz come obiettivo di sviluppo La Commisione europea con decisione entrata in vigore a Giugno 2008 ha reso vincolante per gli stati membri, entro 6 mesi, la disponibilità della banda a 2.6GHz per lofferta di servizi di comunicazione elettronica. Elementi di premessa (2/2)

10 Canalizzazione prevista Canalizzazione a blocchi da 5MHz 8 70 MHz in uplink (blocchi 1-14) e 70 in downlink (blocchi 25-38) accoppaiti per lutilizzo in modalità FDD con passo di duplice pari a 120 MHz 50 MHz (blocchi 15-24) da utilizzare in modalità TDD o come downlink FDD da accoppiare ad altra banda esterna allintervallo MHz

11 Spunti di discussione (1/2) Al momento, pertanto, sono due le tecnologie che concorrono per luso della banda a 2.6GHz Le tecnologie WiMAX ottimizzate per la trasmissione di servizi dati con utilizzo in modalità TDD Le tecnologie a standard LTE anchesse orientate alla trasmissione di servizi dati e realizzate in modo prevalente per un utilizzo dello spettro in modalità FDD Lassegnazione della banda in oggetto prevede il concetto di NEUTRALITA TECNOLOGICA. In tale ottica e in funzione di un utilizzo più flessibile della banda e della tipologia di apparati potrebbe essere opportuno far crescere la porzione di spettro utilizzabile in modalità TDD. La tabella che segue mostra infatti lestensione della banda TDD a 90 MHz (70+20)

12 Spunti di discussione (2/2) Evitando di entrare in questa prima fase di analisi nei dettagli della procedura di assegnazione le linee guida della procedura di consultazione indicano che : –I diritti duso saranno rilasciati attraverso una procedura dAsta simile a quella utilizzata per il WiMAX a 3.5 GHz –Il valore a base dasta per un blocco a validità nazionale dovrebbe partire dai 10M.ni (50% del blocco A della gara BWA a 3.5 GHz) ma con modifiche in aumento in funzione della diversa capacità di propagazione rispetto alla frequenza 3.5 –La necessità di recepire la direttiva emessa dalla Commissione Europea dovrebbe portare alla procedura di rilascio dei diritti duso entro il 4° trim o 1° trim –La tipologia di licenza sarà tendenzialmente per diritti duso validi sul territorio nazionale e non più per soluzioni regionali o macro regionali –Saranno rilasciati blocchi FDD e TDD con un vincolo duso in tali modalità ma con la possibilità di competere per entrambi

13 Le prime reazioni degli operatori WiMAX Il rilascio delle licenze a 2.6 GHz è visto negativamente dagli operatori WiMAX : –Minaccia allo sviluppo del business –Freno per gli investimenti –Necessità di riformulare i business plan e, eventualmente, di acquisire nuovi fondi Gli operatori WiMAX, pertanto, hanno reagito alla notizia con le seguenti richieste : –Diritto di prelazione allacquisto –Riserva delle frequenze ai soli operatori WiMAX o sostituzione dei blocchi a 3.5GHz con blocchi a 2.6 –Misure asimmetriche che garantiscano un vantaggio competitivo


Scaricare ppt "Osservatorio WiMAX Milano, 11 Febbraio 2009 L sviluppo delle Reti WiMAX in Italia e le future opportunità derivanti dall assegnazione delle frequenze a."

Presentazioni simili


Annunci Google