La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Osservatorio DTT Milano, 26 giugno 2008 IL MERCATO DELLA MULTIMEDIALITA PER LEMITTENZA TELEVISIVA LOCALE Roberto Azzano Vice Presidente ANFoV.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Osservatorio DTT Milano, 26 giugno 2008 IL MERCATO DELLA MULTIMEDIALITA PER LEMITTENZA TELEVISIVA LOCALE Roberto Azzano Vice Presidente ANFoV."— Transcript della presentazione:

1 Osservatorio DTT Milano, 26 giugno 2008 IL MERCATO DELLA MULTIMEDIALITA PER LEMITTENZA TELEVISIVA LOCALE Roberto Azzano Vice Presidente ANFoV

2 La situazione attuale A metà 2007, Agcom e Ministero delle Comunicazioni hanno reso pubblico i dati del catasto delle frequenze censendo 629 emittenti. Il 93% circa di esse sono definibili come TV locali N. EMITTENTI LOCALI IN ITALIA Fonte: FRT N. EMITTENTI LOCALI PER AREA GEOGRAFICA N. EMITTENTI LOCALI PER AREA GEOGRAFICA N. TV locali/regionali in EU (etniche escluse) Francia: 120 UK: 28 Spagna: 900 Germania: 250 N. TV locali/regionali in EU (etniche escluse) Francia: 120 UK: 28 Spagna: 900 Germania: 250

3 La struttura delle emittenti locali Secondo lanalisi FRT lo scenario del settore televisivo locale commerciale prima del definitivo passaggio al digitale è composto da 418 società attive che amministrano 460 emittenti televisive. Il totale dei ricavi delle 398 società prese in esame nel 2005 è stato di 583,6 Mni di cui 453,3 Mni provenienti dalla pubblicità, 126,6 Mni provenienti da altre attività e contributi statali e 3,8 Mni di proventi finanziari. I relativi costi ammontano a 591 Mni Secondo lanalisi FRT lo scenario del settore televisivo locale commerciale prima del definitivo passaggio al digitale è composto da 418 società attive che amministrano 460 emittenti televisive. Il totale dei ricavi delle 398 società prese in esame nel 2005 è stato di 583,6 Mni di cui 453,3 Mni provenienti dalla pubblicità, 126,6 Mni provenienti da altre attività e contributi statali e 3,8 Mni di proventi finanziari. I relativi costi ammontano a 591 Mni Fonte: FRT – esercizio 2005 Composizione fatturato medio N. Emittenti locali per classi di ricavi pubblicitari Fatturato pubblicitario medio:

4 Il ruolo delle emittenti locali in Italia FRT: Ricavi del settore televisivo La redditività (Lombardia)

5 Laudience delle emittenti TV locali Share giorno medio (Auditel) Fonte: Auditel Laudience delle TV locali è ormai stabile Cresce laudience delle TV SAT Laudience delle TV locali è ormai stabile Cresce laudience delle TV SAT

6 Il digitale terrestre in Italia A fine marzo il numero di famiglie in possesso di almeno un decoder (esterno o integrato) per il digitale terrestre ha raggiunto il valore di 5,6 Mni Il digitale terrestre ha raddoppiato la propria quota di ascolto fra maggio 2007 e aprile I valori sono cresciuti dal 2,2% al 4,4%. La crescita è costante e riguarda tutti i trimestri Nelle aree all digital in aprile 2008: la Sardegna ha uno share di ascolto del 39,9% (+82% su 2007) i canali specifici hanno uno share del 5% In Valle DAosta lo share è del 21% (+110%) Maggio ,8% Maggio ,8%

7 Emittenti locali e Digitale Terrestre A fine 2007 sono attivi numerosi multiplex sviluppati da emittenti locali, operanti 24 ore al giorno, che diffondono sia i programmi in simulcast in analogico che contenuti specifici. Alla data sono oltre 180 i mux eserciti da emittenti locali che ospitano al loro interno più canali digitali, molti dei quali prodotti specificamente per la diffusione digitale o comunque non disponibili via etereterrestre N. TV LOCALI CON TRASMISSIONI H24 DIGITALI Di cui 37 nel Nord Di cui 37 nel Nord Fonte: DGTV Italia e UK hanno finanziato i propri broadcaster pubblici (Rai e BBC) per incentivarli allo sviluppo della TDT. In Italia il finanziamento (ad oggi di 33 Mni) è diretto alladeguamento della copertura dei mux RAI. LItalia ha anche stanziato 4 Mni per le emittenti locali in Sardegna e V. DAosta Linnovazione tecnica cè già stata e le TV locali con i contributi previsti dalla legge Gasparri hanno provveduto alla digitalizzazione degli impianti ma sostanzialmente sono attive in simulcast solo le emittenti maggiori Le altre stanno alla finestra o per occupare le frequenze trasmettono la notte

8 Riflessioni La digitalizzazione ha creato o reso disponibile uno spazio enorme (in termini canali potenziali) che le emìttente locali non riempono poiché non hanno i contenuti né hanno modo di comprarli Fanno eccezione le TV comunitarie che riescono per la disponibilità dei contenuti messi a disposizione dalle community stesse a riempire i palinsesti Anche le City television evidenziano una certa vitalità Le frequenze non utilizzate, se gestite con un progetto comune, potrebbero essere utilizzate per T-government che ha però evidenziato nelle sperimentazioni i suoi limiti nel gestire la interattività con il canale di ritorno Il rischio (destino inevitabile ?) è quindi che le TV maggiori (incluse le TV locali) o i Telcos facciano shopping di frequenze

9 Gli effetti della multicanalità La disponibilità di nuovi media e la frammentazione dellaudience sta producendo una forte diversificazione e focalizzazione delle TV minori: La disponibilità di nuovi media e la frammentazione dellaudience sta producendo una forte diversificazione e focalizzazione delle TV minori: Localizzazione TematizzazioneTele-shopping E larea che attualmente assorbe la maggior parte delle risorse delle TV locali e che le lega al territorio News/Info Il modello di business della piattaforma SKY (pay) dimostra lesistenza di un mercato ancora in parte inesplorato ma con forti vincoli di business E uno dei terreni storici delle TV locali ora sempre più inseguito anche dalle grandi reti commerciali WEB Un numero crescente di TV locali è ormai presente sul Web Il Web appare sinergico Analogico/DTT SAT/DTT Analogico/DTT Portali UGC TV Web TV Ruolo di pubblica utilità LADV di tipo locale stà incrementando Ruolo di pubblica utilità LADV di tipo locale stà incrementando La partnership con grandi piattaforme free/pay appare essenziale

10 Fonte: dati GFK Fonte: Screen Digest N. Canali TV Eu27 La segmentazione dellofferta (soprattutto pay) ha moltiplicato per 7 il numero dei canali nazionali in Europa La long tail non nasce col web: la crescita dei canali televisivi in Europa

11 Le attuali tendenze delle TV tematiche in UE Incremento dell'offerta da servizi pan-europei, a servizi regionalizzati o con versioni locali della struttura di palinsesto (Es. Discovery Channel) Crescita dei canali a forte caratterizzazione di target etnico Moltiplicazione dei canali professionali (rivolti a medici, agricoltori ecc.) che, secondo alcuni osservatori, rappresenta forse un nuovo settore chiave in futuro Aumento dei canali di finanza personale e di informazioni sui mercati finanziari; Persistente successo delladult. Il segmento rappresenta il "battipista" nel lancio di molte nuove modalità trasmissive ed è il segmento di programmazione pan-europea più diffuso, Stabilità nel N.di canali di film e sport, ma con flessione dei primi e una spinta alla specializzazione per singole discipline sportive per i secondi. Rinnovato successo per i canali musicali, che hanno rappresentato per molti anni uno dei volani di crescita della TV SAT Un certa affermazione, con un'offerta avviata già dal 1998, dei canali religiosi in tutta UE Un aumento dei canali culturali, assieme al successo dei canali per bambini

12 La multicanalità in ambito locale LOFCOM (UK) ha analizzato quale modello economico potesse essere sostenibile per servizi TV locali ed ha concluso che, in un ambiente digitale, solo utilizzando tutte le principali piattaforme di distribuzione è possibile massimizzare impatto e audience. UGC Content UGC Content EBITDA negativo senza finanz. pubblico EBITDA negativo senza finanz. pubblico Possibile EBITDA positivo Possibile EBITDA positivo


Scaricare ppt "Osservatorio DTT Milano, 26 giugno 2008 IL MERCATO DELLA MULTIMEDIALITA PER LEMITTENZA TELEVISIVA LOCALE Roberto Azzano Vice Presidente ANFoV."

Presentazioni simili


Annunci Google