La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Lorentz. Teoria di Maxwell sitratta di una teoria con quattro campi Spostamento elettrico Induzione magnetica Campo magneticoCampo elettrico equazioni.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Lorentz. Teoria di Maxwell sitratta di una teoria con quattro campi Spostamento elettrico Induzione magnetica Campo magneticoCampo elettrico equazioni."— Transcript della presentazione:

1 Lorentz

2 Teoria di Maxwell sitratta di una teoria con quattro campi Spostamento elettrico Induzione magnetica Campo magneticoCampo elettrico equazioni costitutive

3 Teoria di Lorentz Le equazioni costitutive sono quelle del vuoto Si tratta di una elettrodinamica con due campi microscopici. Le particelle cariche partecipano alle sorgenti del campo, ma sono dinamicamente sottomesse ad una forza F creata dal campo. Lo scopodi Lorentz e quello di ricavare le proprieta macroscopiche a partire da queste equazioni microscopiche.

4 Teorema degli stati corrispondenti 1) Trasformazione di Galileo - I campi si trasformano scalarmente - La derivata parziale rispetto al tempo diviene la derivata materiale o euleriana

5 Versuch ) Cambiamento delle variabili cinematiche

6 Versuch ) Cambiamento dello stato elettromagnetico J =

7

8 Pag Lorentz: Teorema degli stati corrispondenti

9 Pag 85

10 Dielettrico fermo rispetto alletere Onda piana che si propaga lungo x con velocita I campi E ed H dellonda dipendono da x e t secondo la combinazione: che determina la fase dellonda Nello stato corrispondente in un sistema in moto attraverso letere con velocita v lungo x, le componenti dei campi ausiliari dipendono dalla coordinata x e dal tempo locale t: Lorentz: Deduzione cinematica del coefficiente di trascinamento di Fresnel

11 Questo significa che dipendono da x e dal tempo ordinario t, tramite la combinazione: Da questa espressione si legge direttamente che la velocita dellonda rispetto al mezzo in movimento e: La velocita dellonda rispetto alletere equindi: Si noti che questa derivazione del coefficiente di trascinamento di Fresnel non dipende affatto dalla teoria elettromagnetica. Cio che conta e il teorema degli stati corrispondenti e lespressione per il tempo locale. Si puo dire che e una derivazione di tipo cinematico. Profuma gia di Relativita alla Einstein

12 Pag 95

13

14 Per Lorentz si tratta di una correzione douta ad effetto Doppler. Lorentz: Correzione del coefficiente di trascinamento per tenere conto della dispersione: Per Fresnel questa correzione e inconcepibile; si dovrebbe immaginare che per ogni frequenza la densita delletere nel mezzo debba essere diversa. In effetti la frequenza percepita dallosservatore 0 differisce per effetto Doppler dalla frequenza di emissione nel corpo in movimento 1

15

16 Pag

17 La propagazione della luce in un dielettrico e descritta dalle equazioni di Maxwell (senza cariche ne correnti) Le relazioni costitutive sono: (permeabilita magnetica = 1) (costante dielettria = n 2 ). [Forza che si esercita sullunita di carica] Lorentz considera la relazione costitutiva per D, nella maniera seguente: Lorentz: Deduzione dinamica del coefficiente di trascinamento di Fresnel

18 Se il dielettrico e in movimento, la forza che si esercita sullunita di carica e la forza di Lorentz: La polarizzazione e data quindi da: Consideriamo ora undielettrico che si muove rispetto alletere con velocita v lungo lasse z, e studiamo unonda piana che si propaga dentro questo dielettrico lungo la medesima direzione z. Sostituendo questo ansatz nelle eq. di Maxwell, si calcola facilmente la velocita dellonda:

19 Se il dielettrico e a riposo nelletere ed n=1 (cioe non vi e polarizzazine del mezzo) si ha: V=+-c Se n>1 si ha: V=+-c/n Se n>1 ed il dielettrico si muove con velocita v rispetto alletere, si ha: Secondo Lorentz: Secondo Maxwell:

20

21

22

23

24

25

26

27 Lesperienza di Michelson Morley 1887 Ipotesi della contrazione

28 Ether-Drift Interferometer, as used by Morley and Miller in The experiments made with this instrument, in Cleveland, gave negative results: no ether drift was found.

29 Pag 119 […….]

30

31

32

33

34 Teorema degli stati corrispondenti bis 1) Trasformazione di Galileo - I campi si trasformano scalarmente - La derivata parziale rispetto al tempo diviene la derivata materiale o euleriana

35 Versuch 1895Lavoro del ) Cambiamento delle variabili cinematiche f 1

36 Versuch 1895 f 1 Lavoro del ) Cambiamento dello stato elettromagnetico J =

37

38

39

40

41

42

43

44

45 Laue: Deduzione cinematica relativistica del coefficiente di trascinamento di Fresnel (1907) Il coefficiente di Fresnel risulta da una semplice applicazione della regola relativistica di addizione delle velocita (quella della luce c/n, equella del dielttrico in movimento v).

46

47

48

49

50

51 Quanti di luce?

52

53

54

55 Critica della deduzione di Planck La derivazione di Planck della sua legge di distribuzione consiste di due parti separate: a)la formula che connette la densità spettrale di energia nella cavità con lenergia media degli oscillatori, cui si perviene utilizzando lelettrodinamica classica di Maxwell e Lorentz; b)la formula per lenergia media degli oscillatori in funzione della frequenza, che viene stabilita col metodo statistico; Queste formule, una volta connesse, forniscono appunto la legge della radiazione di corpo nero di Planck. Zur Theorie der Lichterzeugung und Lichtabsorption, Annalen der Physick 20, (1906)

56 Se lenergia di un risonatore può cambiare solo in modo discontinuo, lusuale teoria dellelettricità non può essere applicata al calcolo dellenergia media di un tale risonatore in un campo di radiazione. La teoria di Planck deve quindi assumere che, benché la teoria di Maxwell dei risonatori elementari non sia applicabile, lenergia media di un tale risonatore, circondato dalla radiazione, sia uguale a quella che risulterebbe dal calcolo eseguito sulla base della teoria di Maxwell dellelettricità. Una tale assunzione sarebbe plausibile se e = hn fosse piccolo lungo tutto lo spettro osservabile, rispetto allenergia media del risonatore; ma questo non è il caso. Zur Theorie der Lichterzeugung und Lichtabsorption, Annalen der Physick 20, (1906)

57 Einstein 1909 Zum gegenwärtigen Stand des Strahlungsproblems, Physikalische Zeitschrift 10, 185 – 193 (1909); Verhandlungen der Deutschen Physikalischen Gesellschaft 11, 482 – 500 (1909)

58 Evidenzia il conflitto tra teoria della radiazione basata sulla teoria ondulatoria classica e il punto di vista della teoria newtoniana dellemissione: Ho già cercato in precedenza di mostrare che le basi attuali della teoria della radiazione vanno abbandonate... È mia convinzione che la prossima fase di sviluppo della fisica teorica ci condurrà a una concezione della luce che potrà essere interpretata come una sorta di fusione della teoria ondulatoria e di quella dellemissione... La struttura ondulatoria e quella quantistica non vanno considerate mutuamente incompatibili.

59 EmEnEmEn Einstein deriva la legge di radiazione di Planck assumendo che le transizioni fra gli stati quantici siano governate da leggi di probabilità simili a quelle postulate nella teoria della radioattività. Einstein 1916 – 1917 Quantentheorie der Strahlung, Physicalische Zeitschrift 18, (1917) probabilità di transizione Definendo le probabilità di transizione come in figura e supponendo che le probabilità degli stati siano determinate dal principio di Boltzmann, allequilibrio si ha: Assumendo che r aumenti indefinitamente con T, si ottiene B n m = B m n e di conseguenza: Considerando il limite per le alte frequenze (legge di Wien) e per le basse frequenze (legge di Rayleigh-Jeans) si ottiene: che insieme al postulato di Bohr fornisce la legge di Planck: laser

60

61

62

63 Il nome fotone viene introdotto da Gilbert Lewis, chimico di Berkeley, nel 1926, in un lavoro in cui proponeva, sbagliando, la conservazione del numero dei fotoni stessi ed entra subito in uso: il quinto Congresso Solvay del1927 ad es. ha per tema elettroni e fotoni. I contributi di Einstein: a) La storia inizia con due lavori di Einstein del 1905 e 1906 in cui si propone per la prima volta il quanto di luce. b) Nel 1909 pubblica due ulteriori articoli. Evidenzia il conflitto tra teoria della radiazione basata sulla teoria ondulatoria classica e il punto di vista della teoria newtoniana dellemissione: Ho già cercato in precedenza di mostrare che le basi attuali della teoria della radiazione vanno abbandonate... È mia convinzione che la prossima fase di sviluppo della fisica teorica ci condurrà a una concezione della luce che potrà essere interpretata come una sorta di fusione della teoria ondulatoria e di quella dellemissione... La struttura ondulatoria e quella quantistica non vanno considerate mutuamente incompatibili. c) Nel 1916 riprende il problema della radiazione con un articolo nel quale tratta delle interazioni tra un gas di molecole e la radiazione elettromagnetica (assorbimento e emissione indotte + emissioni spontanee), costruendo le basi per una futura relazione tra radiazione di corpo nero e teoria spettrale di Bohr. E necessario introdurre per i fotoni la quantità di moto h /c [già ipotizzata da Stark nel 1909]. Essendo ormai dotato di energia e quantità di moto il fotone può essere considerato a tutti gli effetti una nuova particella. d) Nel 1924 e1925 conclude il processo di chiarimento delle proprietà della nuova particella con lintroduzione della statistica di Bose-Einstein Einstein e il fotone

64

65 John Bell

66

67

68 T/T =

69

70

71

72

73

74

75 […………]

76 [……..]

77

78

79

80 Lorentz: Spiegazione delleffetto Zeeman Determinazione di e/m un anno prima di Thomson (1897)

81

82

83

84 Il tempo pneumatico

85 Il tempo elettrico

86

87 Woldemar Voigt


Scaricare ppt "Lorentz. Teoria di Maxwell sitratta di una teoria con quattro campi Spostamento elettrico Induzione magnetica Campo magneticoCampo elettrico equazioni."

Presentazioni simili


Annunci Google